La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LICF PER LINCLUSIONE SCOLASTICA D.ssa Francesca Ragazzo Direttore S. C. Neuropsichiatria Infantile.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LICF PER LINCLUSIONE SCOLASTICA D.ssa Francesca Ragazzo Direttore S. C. Neuropsichiatria Infantile."— Transcript della presentazione:

1 LICF PER LINCLUSIONE SCOLASTICA D.ssa Francesca Ragazzo Direttore S. C. Neuropsichiatria Infantile

2 - Full version - Short version ICF

3 International Classification of Functioning, Disability and Health – Version for Children & Youth WHO Workgroup for development of version of ICF for Children & Youth, Geneva

4 ICF Classificazione del funzionamento della disabiltà della salute

5 LA 54ª ASSEMBLEA MONDIALE DELLA SANITÀ (22 maggio 2001) -APPROVA E PUBBLICA LICF -RACCOMANDA AGLI STATI MEMBRI DI UTILIZZARE LICF PER RICERCA, STUDI DI POPOLAZIONE E NEI REPORTS

6 PERCHÉ UNA CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO Cambiamento nella prospettiva: dalla focalizzazione della patologia alla focalizzazione delle conseguenze della patologia. Cambiamento nello scenario delle Politiche Socio Sanitarie: dalle patologie acute alla malattia cronica (transizione epidemiologica). Necessità di un «linguaggio comune» per descrivere il funzionamento da utilizzare a livello interdisciplinare e internazionale. Risposta ai bisogni della persona con disabilità e definizione di aree e parametri della disabilità per ottimizzare gli interventi.

7 LA DIAGNOSI DA SOLA NON È PREDITTIVA DI: Servizi richiesti Livello di assistenza Abilità scolastiche Capacità lavorativa Integrazione sociale

8 DIAGNOSI + FUNZIONAMENTO POSSONO PREVEDERE: Utilizzazione dei servizi sanitari Progettazione di percorsi formativi, educativi Inclusione scolastica Capacità lavorativa Integrazione sociale

9 L ICF non e uno strumento di: MISURAZIONE Operazione che consiste nel confrontare, direttamente o indirettamente, una grandezza fisica con la conveniente unità di misura, allo scopo di determinarne quantitativamente il valore. VALUTAZIONE Determinazione del valore da assegnare a cose o fatti ai fini di un giudizio, di una classifica, ecc. (Devoto – Oli)

10 È UNA CLASSIFICAZIONE LICF classifica la salute e gli stati di salute ad essa correlati.

11 DEFINIZIONE DELLO STATO DI SALUTE Salute = assenza di malattia Salute = tensione verso una piena armonia e un sano equilibrio fisico, psichico, spirituale e sociale

12 CONCETTO DI SALUTE DELLOMS Intera persona tutte le dimensioni del funzionamento umano: fisico, psicologico, personale, familiare e sociale Ambiente

13 Le componenti della salute secondo lOMS 1.la presenza di una condizione di salute (malattia, disturbo, lesione, ecc.); 2. lintegrità e/o le alterazioni della fisiologia corporea; 3. lintegrità e/o le alterazioni della anatomia; 4.quello che una persona fa (in termini sia di quello che sarebbe in grado di fare teoricamente, sia in termini di quello che uno realmente fa nel suo ambiente); 5. il contesto di vita (in termini di impatto di eventuali aiuti o ostacoli); 6. i fattori individuali (età, sesso, convinzioni personali, esperienze di vita, reddito…).

14 MODELLO MEDICO DI DISABILITÀ Modello medico La disabilità concerne anormalità fisiologiche e psicologiche (causate da malattie, disturbi o lesioni) che necessitano di trattamento medico. Legge 30 marzo 1971 n. 118 Agli effetti della presente legge, si considerano mutilati ed invalidi civili i cittadini affetti da minorazioni congenite o acquisite, anche a carattere progressivo, compresi gli irregolari psichici per oligofrenie di carattere organico o dismetabolico, insufficienze mentali derivanti da difetti sensoriali e funzionali che abbiano subito una riduzione permanente della capacità lavorativa non inferiore a un terzo o, se minori di anni 18, che abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età

15 ICIDH (1980) Menomazione: …ogni perdita o anormalità di strutture o funzioni psicologiche, fisiologiche o anatomiche. Disabilità: …ogni restrizione o perdita (risultante da una menomazione) dellabilità di eseguire unattività nella maniera considerata normale per un essere umano. Handicap: …uno svantaggio derivato, per un dato individuo, risultante da una menomazione o una disabilità, che limiti o prevenga ladempimento di un ruolo che è normale (rispetto a età, sesso e fattori sociali e culturali) per lindividuo. Malattia Menomazione Disabilità Handicap

16 MODELLO SOCIALE DI DISABILITÀ Modello sociale La disabilità concerne gli svantaggi causati dallambiente fisico e sociale che crea limitazioni alla vita delle persone con problemi di funzionamento. Legge 5 febbraio 1992 n. 104 E' persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione.

17 Convenzione sui diritti della persona con disabilità (ONU-New York ) Per persone con disabilità si intendono coloro che presentano durature menomazioni fisiche, mentali, intellettuali o sensoriali che in interazione con barriere di diversa natura possono ostacolare la loro piena ed effettiva partecipazione nella società su base di uguaglianza con gli altri.

18 PRINCIPI GENERALI DELLA CONVENZIONE Il rispetto per la dignità intrinseca, lautonomia individuale, compresa la libertà di compiere le proprie scelte, e lindipendenza delle persone. La non discriminazione. La piena ed effettiva partecipazione e inclusione nella società. Il rispetto per la differenza e laccettazione delle persone con disabilità come parte della diversità umana e dellumanità stessa. La parità di opportunità. Laccessibilità. La parità tra uomini e donne. Il rispetto dello sviluppo delle capacità dei minori con disabilità e il rispetto del diritto dei minori con disabilità a preservare la propria identità.

19 ICF termini come disabilità e handicap, sono stati da sostituiti da attività e partecipazione sociale

20 ICF termini con connotazione negativa acquisiscono valenza positiva le interazioni tra i vari fattori che costituiscono la salute o la disabilità diventano più complesse, Si attribuisce il giusto peso ai fattori contestuali, sia ambientali che personali.

21 ICF riguarda TUTTI GLI INDIVIDUI ognuno può incorrere, nel corso della vita, in una situazione di limitazione delle ATTIVITAe della PARTECIPAZIONE

22 ICF: le domande sulla salute 1.Cè una condizione di salute? 2.I sistemi corporei funzionano? 3.I sistemi corporei sono integri? 4.Cosa fa la persona (cosa sarebbe in grado di fare e cosa realmente fa)? 5.Il suo ambiente influisce su quello che fa? 6.Quali sono le caratteristiche individuali significative?

23 ICF: le domande sulla salute 1.Classificazione ICD 10 2.Classificazione ICF funzioni corporee 3.Classificazione ICF strutture corporee 4.Classificazione ICF attività & partecipazione 5.Classificazione ICF fattori ambientali 6.Non classificabili 1.Cè una condizione di salute? 2.I sistemi corporei funzionano? 3.I sistemi corporei sono integri? 4.Cosa fa la persona (cosa sarebbe in grado di fare e cosa realmente fa)? 5.Il suo ambiente influisce su quello che fa? 6.Quali sono le caratteristiche individuali significative?

24 ICF come ordinatore concettuale Concepisce il funzionamento e la disabilità in relazione con lambiente di vita dellinteressato fornisce modalità per descrivere limpatto dei fattori ambientali, in termini di facilitatori o di barriere, rispetto alle attività ed alla partecipazione di quella persona con quella condizione di salute. Lutilizzo dellICF presuppone un approccio concettuale ecologico e preclude ogni modello concettuale che ignori gli effetti dellambiente nella genesi e nel mantenimento della disabilità.

25 ICF e un ordinatore concettuale FISIOLOGIA FATTORI AMBIENTALI CARATTERISTICHE PERSONALI ANATOMIA COSA FA REALMANENTE (SAREBBE IN GRADO DI FARE) LA PERSONA CONDIZIONE DI SALUTE (disorder, disease, injury, trauma)

26 MODELLO BIO-PSICO-SOCIALE personalesociale problema personale & problema sociale terapia medica & integrazione sociale trattamento individuale & azione sociale aiuto professionale & responsabilità individuale e collettiva cambiamenti a livello & manipolazione ambientale personale comportamento & atteggiamento, cultura assistenza & diritti umani politiche sanitarie & politica adattamento individuale & cambiamento sociale

27 IL MODELLO BIO-PSICO-SOCIALE NELLICF Condizione di salute (malattia/disturbo) Fattori ambientali Fattori personali Funzioni & Strutture corporee (menomazione) Attività (limitazione) Partecipazione (restrizione)

28 COMPONENTI DELLICF Funzioni corporee &StruttureAttività & Partecipazione Fattori ambientali Fattori ambientali BarriereFacilitatori Integrità Funzioni Integrità Strutture CapacitàPerformance

29 CLASSIFICAZIONE Famiglia-Genere-Specie Famiglia Aceraceae Famiglia degli Aceri Famiglia Aceraceae Famiglia degli Aceri - Genere Acer Aceri e gruppo dei Sambuchi - Genere Acer Aceri e gruppo dei Sambuchi - Specie Acero Rosso - Specie Acer rubrum Acero Rosso CLASSIFICAZIONE GERARCHICA

30 STRUTTURA DELLICFICF PARTE 1: FUNZIONAMENTO E DISABILITÀ PARTE 2: FATTORI CONTESTUALI

31 STRUTTURA DELLICFICF PARTE 1: FUNZIONAMENTO E DISABILITÀ PARTE 2: FATTORI CONTESTUALI FUNZIONICORPOREE ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE FATTORIAMBIENTALI FATTORI PERSONALI STRUTTURECORPOREE Funzioni fisiologiche dei sistemi corporei (es. f.sensoriali, f. mentali,...) Parti anatomiche del corpo (es. organi, arti,...) Esecuzione di un compito, coinvolgimento in una situazione di vita (es. comunicazione, mobilità,...) Ambiente fisico e sociale in cui si vive

32 STRUTTURA DELLICFICF PARTE 1: FUNZIONAMENTO E DISABILITÀ PARTE 2: FATTORI CONTESTUALI FUNZIONICORPOREE ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE FATTORIAMBIENTALI FATTORI PERSONALI STRUTTURECORPOREE MODIFICAZIONI NELLE FUNZIONI CORPOREE MODIFICAZIONI NELLE STRUTTURE CORPOREECAPACITÀ PERFORMANCE FACILITATORI/BARRIERE

33 ICF PARTE 1: FUNZIONAMENTO E DISABILITÀ PARTE 2: FATTORI CONTESTUALI FUNZIONICORPOREE ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE FATTORIAMBIENTALI FATTORI PERSONALI STRUTTURECORPOREE MODIFICAZIONI NELLE FUNZIONI CORPOREE MODIFICAZIONI NELLE STRUTTURE CORPOREECAPACITÀ PERFORMANCE FACILITATORI/BARRIERE ITEM livelli: livelli: 1 ° 2 ° 3 ° 4 ° ITEM livelli: livelli: 1 ° 2 ° 3 ° 4 ° ITEM livelli: livelli: 1 ° 2 ° 3 ° ITEM livelli: livelli: 1 ° 2 ° 3 ° STRUTTURA DELLICF

34 FUNZIONI GENITOURINARIE E RIPRODUTTIVE Funzioni Strutture corporee CUTE E STRUTTURE CORRELATE FUNZIONI DELLA CUTE E DELLE STRUTTURE CORRELATE STRUTTURE CORRELATE AL MOVIMENTO FUNZIONI NEURO-MUSCOLOSCHELETRICHE E CORRELATE AL MOVIMENTO STRUTTURE CORRELATE AI SISTEMI GENITOURINARIO E RIPRODUTTIVO STRUTTURE CORRELATE ALLAPPARATO DIGERENTE E AI SISTEMI METABOLICO ED ENDOCRINO FUNZIONI DELLAPPARATO DIGERENTE E DEI SISTEMI METABOLICO ED ENDOCRINO STRUTTURE DEI SISTEMI CARDIOVASCOLARE, IMMUNOLOGICO, E DELLAPPARATO RESPIRATORIO FUNZIONI DEI SISTEMI CARDIOVASCOLARE, EMATOLOGICO, IMMUNOLOGICO E DELLAPPARATO RESPIRATORIO STRUTTURE COINVOLTE NELLA VOCE E NELLELOQUIO FUNZIONI DELLA VOCE E DELLELOQUIO OCCHIO, ORECCHIO E STRUTTURE CORRELATE FUNZIONI SENSORIALI E DOLORE STRUTTURE DEL SISTEMA NERVOSOFUNZIONI MENTALI

35 FUNZIONI CORPOREE Sono le funzioni fisiologiche dei Sistemi Corporei, incluse quelle psicologiche. «CORPOREO»si riferisce allorganismo umano nella sua interezza, Quindi le Funzioni Mentali/psicologiche sono comprese nelle funzioni Corporee

36 FUNZIONI CORPOREE CAPITOLO 1 FUNZIONI MENTALI CAPITOLO 2 Funzioni sensoriali e dolore CAPITOLO 3 Funzioni della voce e delleloquio CAPITOLO 4 Funzioni dei Sistemi Cardiovascolare,Ematologico,Immunologico e dellApparato Respiratorio CAPITOLO 5 unzioni dellapparato digerentee dei Sistemi Metabolico ed Endocrino CAPITOLO 6 Funzioni Genitourinario e Riproduttive CAPITOLO 7 Funzioni Neuromuscoloscheletriche e correlate al Movimento CAPITOLO 8 Funzioni della Cute e delle Strutture Correlate

37 FUNZIONI MENTALI SPECIFICHE -dellattenzione- della memoria- psicomotorie- emozionali- percettive- del pensiero-cognitive di livello superiore- del linguaggio-di calcolo-di sequenza dei movimenti complessi- dellesperienza del sé e del tempo GLOBALI -della coscienza- dellorientamento- intellettive- psicosociali globali - del temperamento e della personalità- dellenergia e delle pulsioni- del sonno

38 STRUTTURE CORPOREE Sono le parti strutturali o anatomiche del corpo come gli organi, gli arti e le loro componenti classificate secondo i Sistemi Corporei. CAPITOLO 1 Strutture del Sistema Nervoso CAPITOLO 2 Occhio,Orecchio,e Strutture correlate CAPITOLO 3 Strutture coinvolte nella voce e nelleloquio CAPITOLO 4 Strutture dei Sistemi Cardiovascolare, Immunologico, e dellapparto Respiratorio

39 STRUTTURE CORPOREE CAPITOLO 5 Strutture correlate allapparato digerente e ai Sistemi Metabolico ed Endocrino CAPITOLO 6 Strutture correlate ai Sistemi Genitourinario e Riproduttivo CAPITOLO 7 Strutture correlate al Movimento CAPITOLO 8 Cute e Strutture correlate

40 Attività e partecipazione - Domini 1Apprendimento e applicazione delle conoscenze 2Compiti e richieste generali 3Comunicazione 4Mobilità 5Cura della propria persona 6Vita domestica 7Interazioni interpersonali 8Aree di vita principali 9Vita sociale, civile e di comunità

41 ANALISI ATTIVITÀ PERSONALI APPRENDIMENTO E APPLICAZIONE DELLE CONOSCENZE Esperienze sensoriali intenzionali Apprendimento di base Applicazione delle conoscenze COMPITI E RICHIESTE GENERALI Intraprendere un compito singolo Intraprendere compiti articolati Eseguire la routine quotidiana Gestire la tensione e altre richieste di tipo psicologico COMUNICAZIONE Comunicare-ricevere Comunicare-produrre Comunicazione e uso di strumenti e tecniche di comunicazione

42 Continua….. MOBILITACURA DELLA PROPRIA PERSONA Cambiare e mantenere una posizione corporeaTrasportare, spostare e maneggiare oggettiCamminare e spostarsiMuoversi usando un mezzo di trasportoPrendersi cura di singole parti del corpoPrendersi cura della propria salute VestirsiMangiare/Bere VITA DOMESTICA Procurarsi i beni necessariCompiti casalinghiPrendersi cura degli oggetti della casa e assistere gli altri INTERAZIONI E RELAZIONI INTERPERSONALI Interazioni interpersonali generaliRelazioni interpersonali particolari AREE DI VITA PRINCIPALI IstruzioneLavoro e impiegoVita economica VITA SOCIALE, CIVILE E DI COMUNITA Vita nella comunitàRicreazione e tempo liberoReligione e spiritualitàDiritti umaniVita politica e cittadinanza

43 PARTECIPAZIONE SOCIALE È il coinvolgimento e lintegrazione di una persona in una situazione reale di vita. Essa rappresenta la prospettiva sociale del funzionamento Le restrizioni della Partecipazione sono i problemi che un individuo può sperimentare nel coinvolgimento nelle situazioni di vita

44 FATTORI CONTESTUALI Sono i fattori che costituiscono lintero contesto di vita di un individuo Ci sono due componenti : Fattori Ambientali e Fattori Personali

45 FATTORI AMBIENTALI Si riferiscono a tutti gli aspetti del mondo esterno che formano il contesto di vita di un individuo e,come tali, hanno un impatto sul funzionamento della persona. Includono lAmbiente Fisico e le sue craratteristiche. Il Mondo Fisico creato dalluomo. Atteggiamenti e Valori,Sistemi Sociali e Servizi, Pollitiche,Regole e Leggi.

46 Fattori ambientali - Domini 1Prodotti e tecnologie 2Ambiente naturale e cambiamenti ambientali effettuati dalluomo 3Relazioni e sostegno sociale 4Atteggiamenti 5Servizi, sistemi e politiche

47 Capitolo 1 Prodotti e tecnologia … cibo, tecnologia per lassistenza, mobilia, dispositivi per la comunicazione, beni e denaro. Capitolo 2 Ambiente naturale e cambiamenti ambientali effettuati dalluomo … terra e acqua, clima, animali, qualità dellaria, suoni e vibrazioni. Capitolo 3 Relazioni e sostegno sociale … famiglia, amici, datori di lavoro, estranei, professionisti della salute. Capitolo 4 Atteggiamenti … valori sociali, atteggiamenti, convinzioni personali e di gruppo. Capitolo 5 Servizi, sistemi e politiche... leggi, regole, politiche, agenzie, programmi sociali. FATTORI AMBIENTALI

48 I fattori ambientali... … spiegano le differenze fra i livelli di capacità e performance. … spiegano come la performance possa essere più bassa/alta di come ci si aspetterebbe dal tipo di menomazione. … spiegano come la performance possa essere bassa, senza menomazioni o problemi di capacità. IMPORTANZA DEI FATTORI AMBIENTALI

49 FATTORI PERSONALI Sono fattori contestuali correlati allindividuo quali letà, il sesso, la classe sociale, le esperienze di vita ecc.che attualmente non sono classificati Sono aspetti psicologici,affettivi e comportamentali ( stili di attribuzione, autoefficacia, autostima, emotività, motivazione, comportamenti problema)

50 … tutte le caratteristiche della persona e dellesperienza individuale che non sono parte di una condizione di salute Sesso Razza Etnia Età Background sociale e istruzione Esperienze passate e attuali di eventi di vita Carattere e pattern comportamentali Qualità psicologiche … FATTORI PERSONALI

51 La codifica Ogni numero è un concetto

52 Elementi di codifica Primo qualificatore Secondo qualificatore Decimale (divisore) Terzo qualificatore _ XXXXX. _ __ Identificatore delle dimensioni b = Funzioni corporeebxxxxx._ s = Strutture corporee sxxxxx_ d = Attività e Partecipazionedxxxx._ e = Fattori Ambientali exxxx._

53 PRIMA PARTE: FUNZIONAMENTO E DISABILITA Componente Posizione Significato SECONDA PARTE: FATTORI CONTESTUALI I QUALIFICATORI ComponenteGraficaSignificato Fattori ambientaliexxx. XBarriera (Grado) exxx + XFacilitatore (Grado) Funzioni Corporeebxxx. XGrado della Menomazione Strutture Corporee sxxx. X _ _ Grado della Menomazione sxxx. _ X _ Natura della Menomazione sxxx. _ _ X Localizzazione della Menom. Attività e Partecip. dxxx. X _ _ Performance (Grado) dxxx. _ X_ Performance 1 (Grado) dxxx. _ _ X Capacità (Grado)

54 Qualificatori: Scala di gravità _xxx.0 : nessun problema (assente, trascurabile) 0-4% _xxx.1 : problema lieve (leggero, basso) 5-24% _xxx.2 : problema medio (moderato, discreto) 25-49% _xxx.3 : problema grave (elevato, estremo) 50-95% _xxx.4 : problema completo (totale) % _xxx.8 : non specificato _xxx.9 : non applicabile

55 RELAZIONE TRA GRAVITÀ DEI PROBLEMI E NUMERO DI PERSONE COINVOLTE

56 SCALA QUALIFICATORI PERCENTUALE DEL DANNO 5%5% 10 % 15 % 20 % 25 % 30 % 35 % 40 % 45 % 50 % 55 % 60 % 65 % 70 % 75 % 80 % 85 % 90 % 95 % 100 % 01234

57 SCALA QUALIFICATORI PERCENTUALE DEL DANNO

58

59 SUGGERIMENTI A.P.A. PER IL RATING DEI QUALIFICATORI < PUNTEGGI T <0,01<39 Completo (4) 0, Grave (3) 1, Medio (2) 12, Lieve (1) 85,4 85 Nessuno (0) DISTRIBUZIONE NORMALE PUNTEGGI STANDARD (QI) LIVELLO DI MENOMAZIONE, RESTRIZIONE O LIMITAZIONE (APA Manual, Introduction)

60 La perdita di funzionamento è totale, senza alcun residuo significativo. COMPLETO (4) Il funzionamento è seriamente compromesso e la persona potrebbe non essere in grado di svolgere le sue funzioni anche con assistenza esterna. GRAVE (3) Il funzionamento è significativamente menomato e la persona potrebbe necessitare di assistenza, aiuto, dispositivi o modificazioni dellambiente. MEDIO (2) Vi è una deviazione ravvisabile dalla norma attesa, e il funzionamento può essere in qualche modo meno efficiente e preciso. LIEVE (1) Il funzionamento è compreso entro la norma attesa, senza deviazioni significative. NESSUNO (0) DESCRIZIONE LIVELLO DI MENOMAZIONE RESTRIZIONE O LIMITAZIONE SUGGERIMENTI A.P.A. PER IL RATING DEI QUALIFICATORI

61 Qualificatori per Funzioni Corporee - Esempio Carlo presenta un Ritardo Mentale Medio (Scala LEITER-R Q.I. breve: 40 – media 100; ds 15.) b117.3 Funzioni intellettive, menomazione grave

62 STRUTTURE CORPOREE - Tre Qualificatori ESTENSIONE DEL PROBLEMA NATURA DEL CAMBIAMENTO COLLOCAZIONE DEL PROBLEMA xxx.0 NESSUN problema xxx.1 problema LIEVE xxx.2 problema MEDIO xxx.3 problema GRAVE xxx.4 problema COMPLETO xxx.8 non specificato xxx.9 non applicabile 0 nessun cambiamento nella struttura 1 assenza totale 2 assenza parziale 3 parte in eccesso 4 dimensioni anormali 5 discontinuità 6 posizione deviante 7 cambiamenti qualitativi nella struttura, incluso laccumulo di fluidi 8 non specificato 9 non applicabile 0 più di una regione 1 destra 2 sinistra 3 entrambi i lati 4 frontale 5 dorsale 6 prossimale 7 distale 8 non specificato 9 non applicabile 3 QUALIFICATORI

63 COSTRUTTI E QUALIFICATORI DI ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE Capacità Il più alto livello probabile di funzionamento che una persona può raggiungere in un determinato momento.Performance Descrive ciò che una persona fa nel suo ambiente attuale.

64 livello di funzionamento della persona in assenza di sostegni e interventi da parte di persone e/o di altri (adattamenti ambientali, ausili, facilitatori o barriere ambientali). E intesa come quello che il soggetto fa escludendo linfluenza di tutti i fattori ambientali riconosciuti come rilevanti per quella attività/partecipazione. Capacità

65 Performance 1 livello di funzionamento della persona in assenza di sostegni e interventi da parte di persone ma in presenza di altri (adattamenti ambientali, ausili) facilitatori o barriere ambientali. E intesa come quello che il soggetto fa con tutti i fattori ambientali escluso laiuto personale.

66 livello di funzionamento in presenza di sostegni e interventi da parte di persone e/o di altri E intesa come quello che il soggetto fa con tutti i fattori ambientali compreso laiuto personale. La performance globale può essere qualificata anche nel caso in cui per quella attività laiuto personale sostituisce il soggetto. Performance Globale

67 COSTRUTTI DI ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE Ciò che una persona fa. Risultato dei fattori ambientali sul funzionamento. Dipendente dallambiente. Descrive il livello di performance della persona nellambiente in cui vive (casa, scuola, lavoro, comunità, ecc.). CAPACITÀPERFORMANCE Ciò che una persona può fare. Caratteristica intrinseca della persona. Non dipendente dallambiente. Descrive il funzionamento della persona in un ambiente che non facilita e non ostacola.

68 L ICF e uno strumento di classificazione d9- Vita sociale, civile e di comunità d8- Aree di vita principali d7- Interazioni e relazioni interpersonali d6- Vita domestica d5- Cura della propria persona d4- Mobilità d3- Comunicazione d2- Compiti e richieste generali d1- Apprendimento e applicazione delle conoscenze CapacitàPerformanceDOMINI - CAPITOLI Secondo qualificatore Primo qualificatore ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE

69 QUALIFICATORI DI ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE d450. _ _ Capacità Qualificatore di Capacità Performance Qualificatore di Performance __

70 QUALIFICATORI DI ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE Performance Qualificatore di Performance Qualificatore di Performance 1 Capacità Qualificatore di Capacità dxxx. ___

71 d450. _ _ camminare d450.1 _ camminare con difficoltà lieve d450._ 2 moderata difficoltà nella capacità di camminare d difficoltà lieve nel camminare e moderata difficoltà nella capacità di camminare QUALIFICATORI DI ATTIVITÀ E PARTECIPAZIONE - Uso

72 Funzioni Corporee Attività Funzioni fisiologiche dei sistemi corporei La capacità dellindividuo di eseguire un compito o unazione b210 Funzioni della vista d110 Guardare b230 Funzioni uditive d115 Ascoltare b310 Funzioni della voce d330 Parlare FUNZIONI E ATTIVITÀ: Differenze

73 «I muscoli di Jim hanno forza, tono«Jim ha la capacità di sollevare e resistenza» e trasportare oggetti» La capacità dellindividuo di eseguire un compito o unazione Funzioni fisiologiche dei sistemi corporei ATTIVITÀ FUNZIONI CORPOREE b730 Forza muscolare b735 Tono muscolare b740 Resistenza D 430 sollevare e trasportare oggetti

74 FUNZIONI E ATTIVITÀ: Differenze CASO: donna di 37 anni con un moderato deficit visivo a seguito di un ictus, ha difficoltà gravi nel guardare persone o paesaggi, poiché le viene il mal di testa se guarda a lungo. b210.2 Funzioni della vista, menomazione media b Percezione visiva (funzione mentale), menomazione media d110.3 Guardare (osservare), problema grave

75 Altri esempi… FUNZIONI CORPOREE ATTIVITÀ b1611 Espressione del linguaggio d170 Scrivere scritto b140 Mantenere lattenzione d160 Focalizzare lattenzione Clinicamente: d160_1 b140.1 FUNZIONI E ATTIVITÀ: Differenze

76 FATTORI AMBIENTALI BarrieraFacilitatore exxx.0 NESSUNA barriera exxx.1 barriera LIEVE exxx.2 barriera MEDIA exxx.3 barriera GRAVE exxx.4 barriera COMPLETA exxx.8 barriera non specificato exxx.9 non applicabile QUALIFICATORE exxx.0 NESSUN facilitatore exxx+1 facilitatore LIEVE exxx+2 facilitatore MEDIO exxx+3 facilitatore SOSTANZIALE exxx+4 facilitatore COMPLETO exxx+8 facilitatore non specificato exxx.9 non applicabile


Scaricare ppt "LICF PER LINCLUSIONE SCOLASTICA D.ssa Francesca Ragazzo Direttore S. C. Neuropsichiatria Infantile."

Presentazioni simili


Annunci Google