La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTRUZIONI PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI DR.SSA NICOLETTA CASTELLI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTRUZIONI PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI DR.SSA NICOLETTA CASTELLI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA."— Transcript della presentazione:

1 ISTRUZIONI PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI DR.SSA NICOLETTA CASTELLI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA – DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE – ASL PROVINCIA DI MILANO 3 MONZA

2

3 INTRODUZIONE SEBBENE ESISTANO UN GRANDE NUMERO DI PUBBLICAZIONI CHE POSSONO ESSERE RITROVATE SUI VARI ASPETTI DELLINFEZIONE PARASSITARIA DEI CAPELLI E DELLA PELLE, CI SONO POCHI DATI IN GRADO DI SODDISFARE I CRITERI DELLA MEDICINA BASATA SULLE EVIDENZE PER QUANTO RIGUARDA LEPIDEMIOLOGIA E IL TRATTAMENTO.

4 I vari gruppi di farmaci utilizzati per trattare le parassitosi superficiali sono in qualche modo cambiati negli ultimi anni, ed alcuni preparati sono stati ritirati dal commercio. Sfortunatamente cè solo una limitata evidenza da parte di studi di raffronto in doppio cieco o sistemi di sorveglianza con lunghi periodi di follow-up per valutarne linnocuità per suffragare le decisioni da prendere in campo terapeutico.

5 IL PIDOCCHIO DELLUOMO I pidocchi sono membri dellordine Phtiraptera, ectoparassiti obbligati di uccelli e mammiferi. Tre specie del sottordine Anoplura colpiscono gli uomini: - Pediculus capitis, - Pediculus humanus, - Phtirus pubis. P capitis e P humanus sono quasi identici mentre P pubis è morfologicamente distinto. I Pidocchi trascorrono lintero periodo della loro relativamente breve vita sullospite e sono ben adattati allambiente da loro scelto. P capitis si è adattato a vivere sul cuoio capelluto, P humanus sulle cuciture dei vestiti P pubis ai grossi peli dellarea pubica.

6 I PIDOCCHI DEL CAPO Sono parassiti specifici delluomo, si nutrono di sangue e non sopravvivono a lungo (2 – 3 giorni) se allontanati dal cuoio capelluto. Depongono uova (LENDINI) che si schiudono in 7 – 10 giorni (un pidocchio femmina può deporre fino a 300 uova sulla stessa persona). Le larve completano il loro sviluppo in 7 – 13 giorni. Le uova sono attaccate alla base dei capelli con una sostanza collosa molto resistente. Le dimensioni sono tali da sfuggire al pettine normale. Il sintomo più caratteristico, ma non sempre presente, è il prurito al cuoio capelluto.

7 IL PIDOCCHIO DELLUOMO La maggior parte dellinformazione sulla biologia del pidocchio delluomo risale a lavori effettuati oltre 60 anni fa. Sebbene i principi di base di queste informazioni non siano cambiati, le osservazioni possono essere aperte ad interpretazioni alternative. Emerge unimportante necessità di migliorare le conoscenze su tali insetti ed in particolare sulla resistenza ad alcuni insetticidi.

8

9

10

11 Pidocchio del capo (Pediculus capitis). Il pidocchio del capo, Pediculus capitis, ha una distribuzione diffusa in tutto il mondo e colpisce principalmente i bambini, sebbene linfezione possa essere acquisita a qualsiasi età. Si è generalmente daccordo che i pidocchi del capo siano trasmessi quasi esclusivamente attraverso il contatto tra testa e testa Sebbene puo ancora essere ritenuta una comune credenza che i pidocchi della testa siano associati ad unigiene inadeguata, non cè alcuna evidenza che sostenga tale ipotesi e nessun gruppo socio-economico appare essere libero dallinfezione.

12 Pidocchio del capo (Pediculus capitis). In Italia è stato osservato un incremento del numero di casi di pediculosi (Pediculus capitis), che colpisce innanzitutto i bambini, con focolai epidemici nelle comunità scolastiche. Il numero di casi riportati, che sottostima di molto il numero reale, è passato da nel 1990 a (in focolai) nel 1999.

13 Epidemiologia La pediculosi del capo e' un'infestazione tipica, ma non esclusiva, dell'infanzia e dell'adolescenza: l'eta' più colpita e' quella compresa tra 3 e 11 anni. Si calcola che nel mondo l'incidenza della pediculosi del capo sia nell'ordine di centinaia di milioni di casi l'anno. In Europa, l'incidenza nei bambini in eta' scolare va dal 25% in Gran Bretagna al 49% in Francia La prevalenza nella popolazione generale sembra si attesti intorno all' 1-3%. In Italia, i casi di pediculosi denunciati fino al 1991, anno in cui e' cessata l'obbligatorieta' della trasmissione delle denunce di casi sporadici, erano di poche migliaia l'anno. Tuttavia, una stima indiretta puo' essere fatta valutando il numero di confezioni di prodotti pediculocidi venduti nel 2003: sono state vendute confezioni. Questo dato porta a una stima dell'incidenza del 2,5%.

14

15 Pidocchio del capo (Pediculus capitis). Le continue epidemie di pidocchi della testa hanno dato luogo a richieste di ritornare allordinaria ispezione dei bambini, ma non cè alcuna evidenza che la sorveglianza ordinaria di questo genere abbia avuto un qualche impatto sulla prevalenza di questa condizione e, in ogni caso, non appare esserci nessuna struttura logistica o legale che potrebbe fornire tale sorveglianza. Non ci sono dati recenti pubblicati che attestino la prevalenza della pediculosi del capo in una qualsiasi nazione. Sebbene linfezione sia percepita come comune, essa è chiaramente variabile, ed una recente indagine di prevalenza trasversale in 11 scuole che riguarda circa bambini ha rivelato una prevalenza puntuale che varia tra lo 0,6 % ed il 25 %.

16

17 Presentazione clinica. Il prurito è il sintomo caratteristico fondamentale, che dà luogo a grattamento ed alcune volte ad infezione secondaria. Papule pruriginose, tipicamente si verificano sulla nuca del collo ed occasionalmente divengono diffuse. Nei casi trascurati ci puo essere una grave impetigine, mentre essudato e pus producono una finitura opaca dei capelli.

18

19 DIAGNOSI TRE METODI: Pettinatura a secco Pettinatura dei capelli umidi con asciugacapelli Ispezione mediante separazione dei capelli.

20 Tre metodi diagnostici sono comunemente impiegati -Tutti e tre i metodi sono finalizzati ad isolare e visualizzare un pidocchio vivo. -Combinare i tre metodi insieme anche se comporta un maggior dispendio di tempo è più efficiente della semplice separazione dei capelli in vari punti del cuoio capelluto. -La pettinatura a secco va portata avanti con uno speciale pettinino diagnostico, con denti stretti insieme, iniziando dal cuoio capelluto e pettinando fino allesterno.

21 Pettinatura a secco La pettinatura a secco va portata avanti con uno speciale pettinino diagnostico, con denti stretti insieme, iniziando dal cuoio capelluto e pettinando fino allesterno. Il pettine, meglio se a denti metallici fusi nellimpugnatura con denti fini aventi microtessitura nella parte inferiore con punte arrotondate per proteggere il cuoi capelluto.

22 Pettinatura dei capelli umidi con asciugacapelli. La pettinatura bagnata è effettuata allo stesso modo ed ha lausilio di un asciugacapelli che viene applicato ai capelli prima del pettine. Dopo aver lavato i capelli con un normale shampoo, un normale balsamo, in quantità abbondanti, viene applicato ai capelli umidi. I capelli vengono immediatamente pettinati dalle radici alla punta con un pettinino a denti stretti. Ogni colpo di pettine deve essere dalle radici alla punta dei capelli ed i capelli devono essere pettinati sotto una luce intensa e su una superficie colorata come una tovaglia di carta di colore bianco od un asciugamano cosi che il pidocchio vivo possa essere visto facilmente. Alcuni pidocchi possono venir intrappolati nei denti del pettine e dovrebbero venire rimossi prima di ogni ulteriore colpo di pettine. Se si riscontra un pidocchio adulto vivo la procedura dovrebbe essere ripetuta ogni tre giorni fino all eliminazione totale del pidocchio.

23 Ispezione mediante separazione dei capelli. I difensori della pettinatura ad umido suggeriscono che con questa sia più probabile isolare il pidocchio, ma non cè alcuna evidenza pubblicata che indichi che la pettinatura ad umido sia più efficiente della pettinatura a secco. Entrambi i metodi di pettinatura possono essere utilizzati La femmina del pidocchio depone circa 6 uova che sono di circa 1 mm di diametro, ed ognuna è attaccata alla base del fusto di un singolo capello entro 1 cm dal cuoio capelluto. Quando l uovo si schiude in 7 – 10 giorni il guscio dell uovo vuoto cambia colore da grigio a bianco perla ed in quel momento è molto più facile da vedere. Questo guscio di uovo vuoto è conosciuto come una lendine e rimane attaccato al fusto del capello fin quando esso cresce. Una lendine è pertanto un guscio di uovo vuoto e non è un segno di infezione attiva. Da qui non è necessario fare strenui ed estenuanti sforzi per rimuoverla. La loro continuata e persistente presenza dopo il trattamento non è un segno di fallimento terapeutico.

24

25 TERAPIA LAPPROCCIO AL TRATTAMENTO E STATO ALTERATO NEGLI ULTIMI ANNI ED ORA E CONSIDERATO APPROPRIATO IMPIEGARE UNA STRATEGIA A MOSAICO: -METODI CHIMICI -METODI FISICI.

26 METODI CHIMICI La politica adottata in passato della rotazione degli insetticidi non è piu a lungo logica, data la comparsa di ceppi di pidocchi del capo resistenti, e non dovrebbe essere seguita. Lesame dellanalisi dei dati inerenti il numero delle prescrizioni e dei costi indica che le vendite di prodotti insetticidi sono aumentate negli ultimi 10 anni E probabile che un ripetuto e non controllato utilizzo di alcuni preparati possa aver dato luogo allo sviluppo di un aumentato numero di pidocchi resistenti. Non cè nessuna evidenza definitiva che tale aumento nellutilizzo di insetticidi sia il risultato di un reale incremento nella prevalenza di pediculosi.

27 METODI CHIMICI -Si raccomanda una combinazione di metodi fisici e chimici. Tre insetticidi sono attualmente disponibili per il trattamento della pediculosi del capo: -malathion, - piretroidi (permetrina e d-phenothrin). -Il malathion ed i piretroidi sono farmaci da banco che possono essere ottenuti DIRETTAMENTE ed a proprie spese in farmacia. La differenza di efficacia è stata dimostrata in vitro ma questo fatto non si è riflesso nella pratica quotidiana. -I prodotti su base acquosa sono preferibili a quelli in soluzione alcolica poiché essi hanno minori probabilità di irritare e non sono infiammabili Gli shampoo da soli sono inadeguati dato che essi divengono troppo diluiti e non sono a contatto con i capelli per un periodo di tempo abbastanza lungo (almeno 30 minuti).

28 Permetrina crema all 1 %: un singolo trattamento ha efficacia nel 98 % dei casi, viene applicato dopo lo shampoo e viene rimosso dopo 30 minuti e da ripetere dopo una settimana. Solo la permetrina si è dimostrata superiore ad altri trattamenti. In particolare 2 studi controllati e randomizzati hanno confrontato la permetrina in crema all 1 % con il lindano all 1 % in shampoo. Si è riscontrato che la permetrina è più efficace (lindano vs permetrina, OR per non aver eliminato le uova dei pidocchi = 15,2 (I.C. 95 %: 8 – 28,8).

29 PIRETRINE IN SCHIUMA G 0,165, PIPERONIL BUTOSSIDO G1,650. 1)AGITARE PRIMA DELLUSO LA BOMBOLETTA 2)APPLICARE LA SCHIUMA SU CAPELLI E PELI ASCIUTTI 3)MASSAGGIARE LA SCHIUMA PER 2 – 3 MINUTI FINO A QUANDO I CAPELLI O I PELI SARANNO COMPLETAMENTE UMIDI; PER CAPELLI LUNGHI, DIVIDERLI IN SEGMENTI ED APPLICARE DALLA BASE VERSO LA PUNTA FINO A CHE NON SARANNO COMPLETAMENTE UMIDI 4)LASCIARE LA SCHIUMA SULLA ZONA TRATTATA PER ALMENO 30 MINUTI, QUINDI LAVARLA CON UN NORMALE SHAMPOO. 5)RIMUOVERE TUTTI I PIDOCCHI MORTI E LE LENDINI CON UN PETTINE A DENTI FINI. 6)SI CONSIGLIA DI RIPETERE IL TRATTAMENTO ENTRO 7 – 10 GIORNI. 7)CONTROLLARE TUTTI I MEMBRI DELLA FAMIGLIA PER VERIFICARE LA PRESENZA DEI PIDOCCHI E TRATTATELI SE NECESSARIO.

30 Permetrina Crema all1%, La permetrina è efficace nella scabbia e nella pediculosi del capo. Avvertenze: Evitare il contatto con gli occhi; non usare su cute lesa o infetta; bambini sotto i 6 mesi, si richiede supervisione medica per luso di creme a risciacquo (pediculosi del capo). Effetti indesiderati: Prurito, eritema e pizzicore; di rado rash ed edema. Posologia: pediculosi del capo, applicare sui capelli puliti e sciacquare dopo 30 minuti. Ripetere il trattamento dopo 7 – 10 giorni.

31 Malathion Il malathion è indicato per scabbia, pediculosi del capo e del pube Il rischio di effetti sistemici associati a 1 o 2 applicazioni di malathion è considerato molto basso; tuttavia applicazioni ripetute a intervalli minori di una settimana o applicazioni per più di 3 settimane consecutive devono essere evitate poiché non ne viene aumentata lefficacia nelleradicazione del parassita. Avvertenze: Evitare il contatto con gli occhi; non usare su cute lesa o infetta; non usare più di 1 volta la settimana per 3 settimane consecutive; per bambini sotto i 6 mesi è richiesta la supervisione medica; le lozioni alcoliche non sono indicate per la pediculosi nelleczema grave, nellasma o nei bambini piccoli, neppure per scabbia o pediculosi del pube. Effetti indesiderati: Irritazione cutanea. Posologia: Pediculosi del capo, massaggiare in modo energico il preparato allo 0,5% sui capelli asciutti e sul cuoio capelluto, lasciare asciugare allaria, lavare dopo 12 ore o applicare lo shampoo all1% sui capelli bagnati e risciacquare dopo 5 minuti, ripetere lapplicazione, pettinare i capelli umidi, lasciare agire per 30 minuti, sciacquare; ripetere dopo 7 – 10 giorni. Il Malathion è raccomandato nella forma di gel e va frizionato nei capelli asciutti e sul cuoio capelluto, lasciato asciugare in modo naturale, e rimosso attraverso il lavaggio dopo 12 ore. Le applicazioni non dovrebbero venire ripetute ad intervalli inferiori ad una settimana o per più di tre settimane consecutive.

32 Malathion 0,5 % IN SOLUZIONE ACQUOSA. 1)APPLICARE IL GEL SU CAPELLI ASCIUTTI 2)MASSAGGIARE in modo energico il preparato allo 0,5% sui capelli asciutti e sul cuoio capelluto PER 2 – 3 MINUTI FINO A QUANDO I CAPELLI O I PELI SARANNO COMPLETAMENTE UMIDI; PER CAPELLI LUNGHI, DIVIDERLI IN SEGMENTI ED APPLICARE DALLA BASE VERSO LA PUNTA FINO A CHE NON SARANNO COMPLETAMENTE UMIDI 3)LASCIARE asciugare allaria IL GEL SULLA ZONA TRATTATA PER ALMENO 12 ORE, QUINDI LAVARLA CON UN NORMALE SHAMPOO. 4)DOPO IL LAVAGGIO DOVREBBE ESSERE APPLICATO UN BALSAMO E TUTTI I CAPELLI VANNO PETTINATI CON ATTENZIONE. RIMUOVERE TUTTI I PIDOCCHI MORTI E LE LENDINI CON UN PETTINE A DENTI FINI. 5)SI CONSIGLIA DI RIPETERE IL TRATTAMENTO ENTRO 7 – 10 GIORNI. 6)CONTROLLARE TUTTI I MEMBRI DELLA FAMIGLIA PER VERIFICARE LA PRESENZA DEI PIDOCCHI E TRATTATELI SE NECESSARIO.

33 EFFETTI COLLATERALI DEL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI DEL CAPO RIPORTATI EFFETTI COLLATERALI COMPRENDONO DISPNEA, IRRITAZIONE BRONCHIALE E LOCALE IRRITAZIONE CUTANEA. E STATO RACCOMANDATO CHE PREPARAZIONI ACQUOSE SIANO UTILIZZATE IN ASMATICI A PREFERENZA DELLE PREPARAZIONI ALCOLICHE, CHE POSSONO SCATENARE BRONCOSPASMO. NON CE ALCUNA CERTEZZA SULLA BASE DELLE EVIDENZE DISPONIBILI CHE GLI INSETTICIDI IN SE SIANO TOSSICI, SEBBENE LA RACCOMANDAZIONE PER LUSO DEL MALATHION FACCIA PRECLUDERE IL SUO ABUSO A CAUSA DI PREOCCUPAZIONI CIRCA IL SUO ASSORBIMENTO. COMUNQUE UN RECENTE STUDIO SULLASSORBIMENTO DI MALATHION SUGGERISCE CHE LASSORBIMENTO TRANSCUTANEO SIA INFERIORE AL 2,5 % DELLA DOSE APPLICATA CHE E ABBASTANZA BASSA.

34 Tutti questi metodi dovrebbero essere seguiti da una scrupolosa pettinatura dei capelli bagnati, avendo aggiunto un balsamo per capelli dopo lo shampoo iniziale. Unappropriata pettinatura dei capelli umidi può richiedere almeno 30 minuti dipendendo dalla loro lunghezza, ma dovrebbe essere fatta meticolosamente per raggiungere i migliori risultati. Infatti la pettinatura quotidiana senza lutilizzo di metodi chimici è in se stessa probabilmente in grado di essere terapeutica se condotta in modo appropriato. Comunque unappropriata pettinatura è probabile che sia soggetta ad una scarsa adesione (compliance) perché essa richede un processo estremamente lungo con notevole dispendio di tempo. Se pidocchi vivi sono osservati entro 7 giorni dallapplicazione di uno di questi agenti chimici, in seguito a pettinatura dei capelli umidi, allora dovrebbe essere utilizzato un prodotto chimico alternativo.

35 METODI FISICI CONTROLLI DELLA PEDICULOSI DEL CAPO MEDIANTE PETTINATURA AD UMIDO DUE VOLTE LA SETTIMANA. BALSAMO E PETTININO A DENTI STRETTI PER LENDINI: LA SOLUZIONE ALLA REINFEZIONE. Se tutti i bambini o gli adulti a rischio mettono un balsamo sui capelli una volta alla settimana e li pettinano con un pettinino a denti stretti, il pidocchio del capo dovrebbe rappresentare un problema minore. I bambini più grandi sono in grado di fare da soli, ma hanno bisogno dellincoraggiamento dei genitori. I bambini più piccoli hanno bisogno dei genitori per fare ciò.

36 METODI FISICI Il balsamo ed un pettine a denti stretti è un modo efficace dal punto di vista dei costi per bloccare la pediculosi del capo ristabilendo la condizione normale. Utilizzata una volta alla settimana essa può impedire una nuova infestazione da parte del pidocchio. Applicare il balsamo a capelli aciutti o anche umidi e pettinarli tutti quelli umidi perché il balsamo non è stato rimosso con un pettine a denti stretti e sottili. Osservare attentamente i risultati della pettinatura per vedere se ci sono uova o pidocchi adulti vivi mediante scuotimento del pettine su una tovaglia di carta. Se si trovano meno di 5 pidocchi, ripeti il trattamento con balsamo e pettine a denti sottili e stretti ogni giorno fino a quando tutti i pidocchi sono eliminati. Se si trovano più di 5 pidocchi, utilizza un trattamento insetticida. Ricordarsi in ogni caso di ripetere il trattamento con antiparassitari chimici dopo 7 giorni ed utilizzare il balsamo ed un pettine a denti stretti almeno due volte tra i due trattamenti.

37 TECNICA DA UTILIZZARE CON BALSAMO E PETTINE A DENTI STRETTI 1.Applicare il balsamo ai capelli asciutti con lobiettivo di ricoprire ogni capello dalla radice alla punta con uno strato di balsamo. 2.Ispezionare separando i capelli utilizzando un pettine normale 3.Immediatamente dopo pettinare i capelli con un pettine a denti stretti. Il pettinino migliore è quello con denti piccoli, stretti, metallici, non con denti morbidi. Tuttavia, i pettinini per le lendini di plastica sono molto efficaci per riconoscere e rimuovere i pidocchi adulti con laiuto del balsamo, ma sono di gran lunga meno efficaci per le uova. 4.Elimina il balsamo attaccato ai denti del pettinino utilizzando una tovaglia di carta ed osserva attentamente si vi è presenza di pidocchi ed uova. 5.Ripeti la pettinatura per ogni parte della testa almeno 5 volte. 6.Esamina ancora il pettine per pidocchi ed uova.

38 STRUMENTI NECESSARI PER IL RICONOSCIMENTO DEI PIDOCCHI 1.Balsamo - un balsamo di colore bianco è migliore dato che i pidocchi e le uova sono in tal caso più facili da vedere. 2.Un pettinino a denti stretti – per pettinare rimuovendo i pidocchi storditi dal balsamo. 3. Un pettine normale - per dividere i capelli e rendere il pettine a denti stretti più facile da usare. 4.Un asciugamano di carta – carta bianca è migliore perché rende più facilmente visibili i pidocchi e le uova non vuote.

39 PERCHE UTILIZZARE IL BALSAMO PER RICONOSCERE I PIDOCCHI ? 1.Il Balsamo stordisce i pidocchi! Leffetto di stordimento sembra che duri almeno 20 minuti. Dopo tale periodo di tempo la maggior parte dei pidocchi è di nuovo attiva. e le uova sono in tal caso più facili da vedere. 2.Utilizzare il balsamo sui capelli accresce le probabilità di riconoscere linfezione. 3.Applicare un balsamo ai capelli asciutti è meglio, ma va bene anche utilizzarlo su capelli bagnati. 4. I bambini più grandi possono anche usare il balsamo e la tecnica di rimozione delle lendini con un pettine nella doccia come parte della normale cura dei capelli. 5.Se tale pratica è condotta almeno una volta la settimana i pidocchi che di nuovo invadono il cuoio capelluto saranno riconosciuti e rimossi prima di avere il tempo di depositare molte uova. La reinfezione verrà così controllata.

40 TRATTAMENTO FISICO: I CAPELLI VANNO LAVATI CON UNO SHAMPOO ORDINARIO E POI SUCCESSIVAMENTE TRATTATI CON UN BALSAMO IN QUANTITA GENEROSA DA APPLICARE AI CAPELLI UMIDI. I CAPELLI VANNO PETTINATI DALLA RADICE ALLAPICE ESTERNO CON UN PETTINE FINE A DENTI STRETTI. I CAPELLI VANNO PETTINATI SOTTO UNA SUPERFICIE BEN ILLUMINATA A GIORNO COSI CHE I PIDOCCHI POSSANO ESSERE CHIRAMENTE VISUALIZZATI. UNA CURA PARTICOLARE DOVREBBE ESSERE POSTA PER RIMUOVERE OGNI PIDOCCHIO INTRAPPOLATO NEL PETTINE. FREQUENZA di QUESTO TRATTAMENTO Da PORTARE A TERMINE: QUATTRO RIMOZIONI DEI PIDOCCHI O DELLE UOVA TRAMITE PETTINATURA UMIDA ASSOCIATA ALLIMPIEGO DI BALSAMO PER CAPELLI IN DUE SETTIMANE E CONSIDERATA ADEGUATA NELLA MAGGIOR PARTE DEI CASI.

41 NUMEROSE ALTRE TERAPIE COMPLEMENTARI HANNO I LORO SOSTENITORI TALI TERAPIE INCLUDONO TRATTAMENTI CON ERBE E AROMATERAPIA (OLI ESSENZIALI), MA NON VI SONO DATI PUBBLICATI DA STUDI CONTROLLATI CHE NE INDICHINO LEFFICACIA. LAGENZIA DI CONTROLLO DEL FARMACO INGLESE NON NE HA PERTANTO APPROVATO LUSO PER QUESTE CLASSI DI COMPOSTI.

42 PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA PEDICULOSI La pediculosi non è segno di cattiva igiene e colpisce persone di tutti gli strati sociali. La modalità di trasmissione dellinfestazione ( contatto diretto testa a testa e uso in comune di pettine, spazzole, cuscini, cappelli ecc.) fa sì che la diffusione allinterno della famiglia e nelle comunità avvenga con molta frequenza. Linfestazione avviene indipendentemente dal livello di pulizia personale. Se si prendono i pidocchi è buona norma informare sempre il personale della scuola, i parenti e gli amici, al fine di permettere lapplicazione delle norme preventive e dei trattamenti di disinfestazione nei tempi adeguati.

43 COME SI ISPEZIONA IL CUOIO CAPELLUTO Bisogna sollevare molto lentamente i capelli facendoli scorrere contro pelo ed esaminarli accuratamente. Osservando attentamente si evidenziano le lendini, lunghe circa un millimetro, che si differenziano dalla forfora per la forma ovoidale, sono più lucidi e consistenti della forfora e sono aderenti al capello dal quale possono essere sfilate solo manualmente ad una ad una, mentre la forfora si stacca facilmente anche soffiando. I punti in cui più facilmente si annidano i pidocchi e le loro lendini sono la nuca, le tempie e dietro le orecchie. I pidocchi sono di colore grigio – bruno e si vedono con difficoltà perché solitamente si confondono con il colore dei capelli.

44 LA MADRE POSTMODERNA La coperta è sempre corta, perché tutti i membri della famiglia sono altamente valorizzati. Sembra che il figlio voglia sempre più mamma di quanta ne abbia e il lavoro più tempo di quanto la donna sia in grado di dare; è un supplizio e una delizia, e far quadrare il cerchio unaspirazione che non diventa realtà.

45 Nonostante ciò sarebbe un grave errore attribuire a questa madre un problema eminentemente pratico. Il tema principale è di tipo psicologico ed emozionale oltre che di elaborazione simbolica e culturale. E la prima donna nella storia che mette contestualmente in campo valori di tipo erotemico nellarea amorosa, parentale in relazione ai figli, virile o fraterno in ambito sociale e lavorativo. Tale declinazione contestuale di ruoli affettivi crea una condizione di sovraccarico mentale costante, una fatica nella definizione dellimmagine di sé che giunge a un punto di rottura quando eventi imprevisti mettono in crisi un equilibrio già precario. Una tata che si licenzia, una nonna che si ammala, una scuola che non funziona possono essere motivi di grave crisi per la madre postmoderna. E in questi momenti che le donne non vorrebbero fare le mogli quanto piuttosto averne una.

46 La madre postmoderna Comunque il figlio non è mai sacrificato dalla madre, i valori materni restano al primo posto. Quando si accorge di non farcela più, solitamente in occasione di una seconda nascita, elimina qualcosa di proprio, anche a costo di un sacrificio estremo, pagato con sentimenti di depressione e di svalorizzazione.

47 PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA PEDICULOSI E compito dei genitori contribuire al contenimento della diffusione dei pidocchi individuandoli per tempo. E sufficiente inserire fra le normali pratiche di igiene quotidiana un regolare e attento controllo dei capelli dei figli che frequentano le collettività. Ciò è la forma di prevenzione più efficace. Non è facile evidenziare uno o più pidocchi allispezione: più probabile è accorgersi della presenza delle loro uova (lendini) di solito depositate alla nuca e dietro le orecchie. In caso di infestazione la normale igiene personale non è sufficiente: è necessario trattare i capelli con apposito prodotto e rimuovere successivamente le lendini manualmente o con lutilizzo di pettini a denti fitti.

48 TRATTAMENTO Il trattamento è costituito da un prodotto apposito contro i pidocchi che uccide lanimale ma non sempre le uova. Le piretrine sinergizzate e la permetrina all 1 % sono i trattamenti che per il loro profilo di efficacia e sicurezza devono essere considerati di prima scelta, in seconda battuta possono essere utilizzati preparati a base di malathion. Le formulazioni in shampoo devono essere evitate in quanto meno efficaci. SI SOTTOLINEA LIMPORTANZA DELLA RIMOZIONE MANUALE DELLE UOVA DAL CAPELLO. Per facilitare il distacco delle uova e quindi la loro rimozione con le dita, può essere usata una miscela calda costituita da metà acqua e metà aceto. Dopo una settimana, per eliminare i pidocchi nati da eventuali uova sopravvissute, bisogna ripetere il trattamento e la sfilatura manuale delle eventuali uova. non va eseguito Il trattamento non previene linfestazione, quindi non va eseguito a scopo preventivo.

49 PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA PEDICULOSI Per facilitare il distacco delle lendini è utile lavare i capelli con una soluzione in parti uguali di acqua e aceto ( laceto facilita soltanto la rimozione delle uova). Affinché il controllo del diffondersi della pediculosi sia efficace è necessario sottoporre ad una ispezione i fratelli e gli adulti conviventi col bambino risultato infestato. I conviventi che risultano infestati dai pidocchi o lendini devono essere trattati con i prodotti specifici. Per gli oggetti da toilette si consiglia di lavarli accuratamente e di immergerli in seguito in acqua calda ( temperatura superiore a 60°C ) cui può essere aggiunto il prodotto usato per il trattamento disinfestante.

50 ULTERIORI PROVVEDIMENTI CONTROLLARE tutti i componenti della famiglia. AVVISARE del possibile contagio i parenti, gli amici ed il personale della scuola con cui il bambino è a contatto. LAVARE in lavatrice ( temperatura superiore a 60°C ) o a secco federe, lenzuola, asciugamani e gli indumenti (in particolare cappelli, sciarpe, giocattoli in stoffa, ecc.) a contatto con il capo e con il collo; passare laspirapolvere su poltrone, divani, materassini e tappeti dove i bambini giocano. Pettini e spazzole vanno immersi in acqua bollente per 10 minuti. La disinfestazione dei locali non porta vantaggi poiché il pidocchio non è in grado di sopravvivere a lungo nellambiente. Come misura preventiva e per evitare la diffusione del contagio si raccomanda alle famiglie, oltre alla normale igienre personale del bambino, un controllo frequente, almeno settimanale, dei capelli. In caso di riscontro di infestazione, nessuna restrizione alla frequenza scolastica è prevista dopo linizio del primo trattamento.

51 PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA PEDICULOSI Gli indumenti, i cappelli, le federe, le lenzuola e la biancheria da bagno devono essere sottoposti a lavaggio a 60°. Efficace è anche il lavaggio a secco. Non sono necessari interventi di disinfestazione negli ambienti domestici e scolastici: il pidocchio vive solo sulla testa e non sopravvive per più di tre giorni negli ambienti di vita. Inutile e potenzialmente nocivo, è lutilizzo nellambiente di insetticidi. Passare laspirapolvere è il modo migliore per rimuovere pidocchi o capelli con uova caduti dai mobili, peluche, tappeti, sedili dellauto ecc.. I prodotti antiparassitari non hanno alcun valore preventivo: non devono quindi essere usati in assenza di pidocchi perché non sono in grado di impedire successive infestazioni: possono solo agire sul pidocchio già presente.

52 PEDICULOSI DEL CAPO Descrizione clinica Infestazione del cuoio capelluto: Può provocare prurito intenso e lesioni da grattamento, complicate da infezioni secondarie (impetigine e foruncolosi) con linfadenite regionale. Criteri diagnostici Riscontro di esemplari adulti o larve o lendini adese al cuoio capelluto, attraverso lente di ingrandimento o microscopio. Definizione di caso Confermato: Quadro compatibile con infestazione da pidocchi, con riscontro del parassita. Agente eziologico Pediculus humanus capitis. E un ospite specifico delluomo, che si alimenta di sangue. Infesta luomo in forma di pidocchio adulto, ninfa e uova (lendini). [1] La pediculosi non è soggetta alla rete di sorveglianza europea.

53 PEDICULOSI DEL CAPO [1][1] Diffusione Diffusa in tutto il mondo. Epidemie di pediculosi del cuoio capelluto sono comuni tra i bambini in ambiente scolastico e in istituti e non sono sinonimo di scarsa igiene o di trascuratezza. Fonte di infezione Uomo. Modalità di trasmissione Contatto diretto con persona infestata o contatto indiretto attraverso veicoli. Periodo di incubazione Non esiste un periodo di incubazione vero e proprio. Il tempo che intercorre tra la deposizione delle uova ed il momento in cui queste si schiudono è di 7–10 giorni; le uova non si schiudono a temperature <22°C. Le larve completano il loro sviluppo in 7 – 13 giorni; il ciclo uovo-uovo dura in media 3 settimane. [1] La pediculosi non è soggetta alla rete di sorveglianza europea.

54 PEDICULOSI DEL CAPO [1][1] Periodo di contagiosità Presumibilmente fino a quando i pidocchi adulti, le larve e lendini sono vitali sullospite infestato o su oggetti.La vita media del pidocchio adulto è di circa un mese; lontano dallospite il pidocchio può vivere per una settimana; le uova possono restare vitali sugli abiti, ma non possono schiudersi a temperature <22°C. Segnalazione/Notifica Sistema informativo delle malattie infettive D.M : obbligatoria di classe IV; criterio di validazione: riscontro del parassita Sistema di sorveglianza malattie infettive Regione Lombardia: segnalazione differita allASL da parte del medico curante; invio notifica mensile dallASL allU.O. Prevenzione Regione Lombardia; criterio di validazione: riscontro del parassita. [1] La pediculosi non è soggetta alla rete di sorveglianza europea.

55 PEDICULOSI DEL CAPO [1][1] Provvedimenti nei confronti del malato Restrizione della frequenza di collettività fino alleffettuazione del primo trattamento, considerato che è opportuno un secondo trattamento dopo 7 – 10 giorni dalla prima applicazione del prodotto. Non è indicato lallontanamento dalla collettività. Non sono giustificate procedure sistematiche di screening per la ricerca di casi di infestazione o interventi diretti degli operatori dellASL allinterno di una comunità scolastica. [1] La pediculosi non è soggetta alla rete di sorveglianza europea.

56 PEDICULOSI DEL CAPO [1][1] Provvedimenti nei confronti di conviventi e contatti Informazione ai contatti circa la necessità di procedere allispezione del capo, per rilevare la presenza di parassiti o uova che richiedano il trattamento. LASL provvede alla distribuzione alle comunità scolastiche di adeguato materiale informativo sulla malattia (modalità di riconoscimento del parassita, modalità di trasmissione, trattamento), da utilizzare in presenza di casi di pediculosi. La terapia è specifica e si basa sullutilizzo di farmaci pediculocidi per leradicazione dei parassiti. Il lavaggio della testa non è sufficiente. Poiché i prodotti utilizzati non sono ovociticidi al 100%, è necessario rimuovere meccanicamente le singole lendini, previo lavaggio con aceto che ne favorisce il distacco. I prodotti antiparassitari non vanno utilizzati a scopo preventivo, perché sono inefficaci nel prevenire il contagio. Non è indicata la disinfestazione degli ambienti. [1] La pediculosi non è soggetta alla rete di sorveglianza europea.

57 PROTOCOLLO PEDICULOSI (aggiornato al settembre 2005) ASL 3 DI MONZA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA VIA NOVARA 3 DESIO TEL FAX PROTOCOLLO PEDICULOSI Consegna modulo occhio al pidocchio agli alunni e agli insegnanti delle scuole materne, elementari e medie attraverso i Dirigenti Scolastici Invito al genitore a recarsi, in caso di sospetta pediculosi del capo, dal proprio Medico di Medicina Generale o Pediatra di Libera Scelta Disponibilità da parte degli operatori sanitari del Dipartimento di Prevenzione, Servizio di Medicina Preventiva nelle Comunità a fornire consulenza ai genitori nel riconoscimento dei pidocchi nei propri figli presso lo sportello per il controllo della pediculosi del capo. In tale occasione può essere consegnato il modulo Prevenzione e controllo della pediculosi. Possono essere svolti, su richiesta della scuola, incontri informativi: di essi deve essere data comunicazione al Servizio Centrale di Medicina preventiva nelle Comunità utilizzando il modulo predisposto.

58 PIATTOLA O PIDOCCHIO DEL PUBE (PHTIRUS PUBIS) IL PIDOCCHIO PIATTOLA, ANCHE NOTO COME IL PIDOCCHIO DEL PUBE E ABBASTANZA DIFFERENTE IN APPARENZA DAL PIDOCCHIO DEL CAPO E DEGLI ABITI. ESSO HA UN CORPO TOZZO E DUE PAIA DELLE SUE GAMBE PORTANO ARTIGLI PODEROSI SIMILI A PINZE PER AGGRAPPARSI AI PELI. SI E ADATTATO A VIVERE NEI PELI DI UNA PARTICOLARE DENSITA E NEL CUOIO CAPELLUTO NEGLI ADULTI, TRANNE CHE AI MARGINI DEL CUOIO CAPELLUTO CHE E TROPPO DENSO PER IL PIDOCCHIO PIATTOLA. COMUNQUE, PUO SUSSISTERE NELLE CIGLIA DEGLI OCCHI, NEI PELI DELLA BARBA, PELI ASCELLARI, I PELI DEL TRONCO E DELLE COSCE, COME ANCHE I PELI DEL PUBE. SI TRASMETTE DA PERSONA A PERSONA ATTRAVERSO INTIMO CONTATTO FISICO. LA PRECISA PREVALENZA DEL PIDOCCHIO PIATTOLA E SCONOSCIUTA MA E UN COMUNE DISTURBO TRA I GIOVANI ADULTI SESSUALMENTE ATTIVI

59 PUNTI CHIAVE NON CE NESSUNA EVIDENZA CHE LORDINARIA SORVEGLIANZA DEI BAMBINI A SCUOLA ABBIA MAI SORTITO ALCUN IMPATTO SULLA PREVALENZA DELLA PEDICULOSI DEL CAPO LA PETTINATURA A SECCO O UMIDA E IL METODO PIU EFFICIENTE DI DIAGNOSI DI PEDICULOSI DEL CAPO. LE UOVA CHE SONO FACILMENTE VISIBILI, SONO I GUSCI DELLE UOVA VUOTE E BISOGNA IN OGNI CASO RIMUOVERLE. LA CONTINUATA PRESENZA DI LENDINI DOPO IL TRATTAMENTO NON E INDICATIVA DI FALLIMENTO TERAPEUTICO. UNA FORMALE POLITICA DI ROTAZIONE DEGLI INSETTICIDI NEL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI DEL CAPO NON HA NESSUNA VALENZA LOGICA. UNA COMBINAZIONE DI METODI DI TRATTAMENTO FISICI E CHIMICI E RACCOMANDATA. PRODOTTI IN BASE ACQUOSA SONO PREFERIBILI A SOLUZIONI ALCOLICHE POICHE ESSI SONO MENO IRRITANTI. GLI SHAMPOO UTILIZZATI DA SOLI SONO INADEGUATI DAL PUNTO DI VISTA TERAPEUTICO. NON CE NESSUNA EVIDENZA CERTA CHE UNO QUALSIASI DEGLI INSETTICIDI RACCOMANDATI PER IL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI DEL CAPO SIANO TOSSICI PER GLI UOMINI. UNA SCRUPOLOSA PETTINATURA GIORNALIERA DEI CAPELLI DEI BAMBINI E LA PIU UTILE MISURA PREVENTIVA. NON CE NESSUNA EVIDENZA CHE LA PEDICULOSI DEL CAPO COSTITUISCA UN RISCHIO SIGNIFICATIVO PER LA SALUTE PUBBLICA

60

61 Malathion Il malathion è indicato per scabbia, pediculosi del capo e del pube (per i dettagli sezione ). Il rischio di effetti sistemici associati a 1 o 2 applicazioni di malathion è considerato molto basso; tuttavia applicazioni ripetute a intervalli minori di una settimana o applicazioni per più di 3 settimane consecutive devono essere evitate poiché non ne viene aumentata lefficacia nelleradicazione del parassita.sezione > Malathion (carbofos) Avvertenze: Evitare il contatto con gli occhi; non usare su cute lesa o infetta; non usare più di 1 volta la settimana per 3 settimane consecutive; per bambini sotto i 6 mesi è richiesta la supervisione medica; le lozioni alcoliche non sono indicate per la pediculosi nelleczema grave, nellasma o nei bambini piccoli, neppure per scabbia o pediculosi del pube. Effetti indesiderati: Irritazione cutanea. Posologia: Pediculosi del capo, massaggiare in modo energico il preparato allo 0,5% sui capelli asciutti e sul cuoio capelluto, lasciare asciugare allaria, lavare dopo 12 ore o applicare lo shampoo all1% sui capelli bagnati e risciacquare dopo 5 minuti, ripetere lapplicazione, pettinare i capelli umidi, lasciare agire per 30 minuti, sciacquare; ripetere dopo 7 – 10 giorni. Pediculosi del pube, applicare il preparato acquoso allo 0,5% su tutto il corpo, lasciare asciugare allaria, lavare dopo 12 ore o dopo lintera notte. Scabbia, applicare la preparazione allo 0,5% sul tutto il corpo, lavare dopo 24 ore; se le mani vengono lavate col sapone prima delle 24 ore, occorre ritrattarle Nota: Per la scabbia lazienda produttrice consiglia lapplicazione sul corpo a esclusione di capo e collo. Nei bambini, tuttavia, lapplicazione può essere estesa a cuoio capelluto, collo, volto e orecchie; questa applicazione estesa può essere necessaria anche per gli anziani, per gli immunocompromessi e nei casi di fallimento del trattamento precedente. Trattamento Quando si accerta la presenza di pidocchi o uova è necessario applicare sui capelli un prodotto antiparassitario specifico, preferibilmente sotto forma di crema fluida, gel, lozione, schiuma, in libera vendita in farmacia. Come farmaci di prima scelta si consigliano la permetrina all'1% (nome commerciale NIX crema fluida) e malathion (nome commerciale AFTIR gel). Il Malathion è raccomandato nella forma di gel e va frizionato nei capelli asciutti e sul cuoio capelluto, lasciato asciugare in modo naturale, e rimosso attraverso il lavaggio dopo 12 ore. Le applicazioni non dovrebbero venire ripetute ad intervalli inferiori ad una settimana o per più di tre settimane consecutive.

62 PIATTOLA O PIDOCCHIO DEL PUBE (PHTIRUS PUBIS) IL PIDOCCHIO PIATTOLA, ANCHE NOTO COME IL PIDOCCHIO DEL PUBE E ABBASTANZA DIFFERENTE IN APPARENZA DAL PIDOCCHIO DEL CAPO E DEGLI ABITI. ESSO HA UN CORPO TOZZO E DUE PAIA DELLE SUE GAMBE PORTANO ARTIGLI PODEROSI SIMILI A PINZE PER AGGRAPPARSI AI PELI. SI E ADATTATO A VIVERE NEI PELI DI UNA PARTICOLARE DENSITA E NEL CUOIO CAPELLUTO NEGLI ADULTI, TRANNE CHE AI MARGINI DEL CUOIO CAPELLUTO CHE E TROPPO DENSO PER IL PIDOCCHIO PIATTOLA. COMUNQUE, PUO SUSSISTERE NELLE CIGLIA DEGLI OCCHI, NEI PELI DELLA BARBA, PELI ASCELLARI, I PELI DEL TRONCO E DELLE COSCE, COME ANCHE I PELI DEL PUBE. SI TRASMETTE DA PERSONA A PERSONA ATTRAVERSO INTIMO CONTATTO FISICO. LA PRECISA PREVALENZA DEL PIDOCCHIO PIATTOLA E SCONOSCIUTA MA E UN COMUNE DISTURBO TRA I GIOVANI ADULTI SESSUALMENTE ATTIVI

63 PRESENTAZIONE CLINICA E DIAGNOSI LISPEZIONE RIVELERA I PIDOCCHI CHE SI AGGRAPPANO INTIMAMENTE AI PELI VICINO ALLA SUPERFICIE CUTANEA, le uova dei pidocchi attaccate ai peli e feci di pidocchi color ruggine sulla cute e peli. Nei bambini il pidocchio piattola può colonizzare le ciglia degli occhi ed il cuoio capelluto e linfezione è abitualmente acquisita attraverso un intimo contatto fisico con un parente infetto. Come reperto isolato, linfezione da pidocchio piattola in un bambino non dovrebbe essere considerata come indicativa di abuso sessuale. LA MALATTIA SI PRESENTA CON PRURITO DELLE AREE COLPITE, PRINCIPALMENTE ALLA SERA E ALLA NOTTE. CI SONO ABITUALMENTE MOLTO POCHI SEGNI DELLA MALATTIA AL DI LA DEI PIDOCCHI STESSI.

64 TERAPIA Malathion Aftir La preparazione dovrebbe essere applicata allintero tronco e cosce, e se cè evidenza dellinteressamento del margine del cuoio capelluto, anche il cuoio capelluto dovrebbe essere trattato. In seguito allapplicazione al liquido dovrebbe essere permesso di asciugare naturalmente e dovrebbe poi essere rimosso attraverso il lavaggio 12 ore più tardi. Il trattamento dovrebbe venir ripetuto dopo un intervallo di 7 – 10 giorni per uccidere i pidocchi emergenti dalle uova sopravvissute. I contatti intimi dovrebbero anche essere trattati. Carbarile QuestO PREPARATO DOVREBBE ESSERE APPLICATO COSI COME DESCRITTO PER IL MALATHION ED UTILIZZATO SOLO IN CASO DI FALLIMENTO TERAPEUTICO CON MALATHION. Preparazioni a base di malathion e carbarile sono efficaci contro il pidocchio piattola. Preparazioni su base acquosa sono preferibili poiché la base alcolica può essere irritante, particolarmente quando applicata allo scroto.

65 LOZIONI INSETTICIDE NON SONO INDICATE PER LUTILIZZO SULLE CIGLIA DEGLI OCCHI ED IL TRATTAMENTO RACCOMANDATO PER LE INFEZIONI DELLE CIGLIA DELLE PALPEBRE E LAPPLICAZIONE DI PARAFFINA BIANCA NON SOLIDA (VASELLINA). QUESTA AGISCE BLOCCANDO IL SISTEMA RESPIRATORIO DEL PIDOCCHIO, PERTANTO SOFFOCANDO LINSETTO. DOVREBBE ESSERE STRISCIATA SOPRA LE PALPEBRE E LE CIGLIA DEGLI OCCHI TRE VOLTE AL GIORNO PER 2 – 3 SETTIMANE. TALE LUNGHEZZA DI TRATTAMENTO E NECESSARIA PER ASSICURARE CHE I PIDOCCHI CHE EMERGONO DALLE UOVA SIANO UCCISI.

66 PUNTI CHIAVE NON CE NESSUNA EVIDENZA CHE LORDINARIA SORVEGLIANZA DEI BAMBINI A SCUOLA ABBIA MAI SORTITO ALCUN IMPATTO SULLA PREVALENZA DELLA PEDICULOSI DEL CAPO LA PETTINATURA A SECCO O UMIDA E IL METODO PIU EFFICIENTE DI DIAGNOSI DI PEDICULOSI DEL CAPO. LE UOVA CHE SONO FACILMENTE VISIBILI, SONO I GUSCI DELLE UOVA VUOTE E NON E NECESSARIO RIMUOVERLE. LA CONTINUATA PRESENZA DI LENDINI DOPO IL TRATTAMENTO NON E INDICATIVA DI FALLIMENTO TERAPEUTICO. UNA FORMALE POLITICA DI ROTAZIONE DEGLI INSETTICIDI NEL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI DEL CAPO NON HA NESSUNA VALENZA LOGICA. UNA COMBINAZIONE DI METODI DI TRATTAMENTO FISICI E CHIMICI E RACCOMANDATA. PRODOTTI IN BASE ACQUOSA SONO PREFERIBILI A SOLUZIONI ALCOLICHE POICHE ESSI SONO MENO IRRITANTI. GLI SHAMPOO UTILIZZATI DA SOLI SONO INADEGUATI DAL PUNTO DI VISTA TERAPEUTICO. NON CE NESSUNA EVIDENZA CERTA CHE UNO QUALSIASI DEGLI INSETTICIDI RACCOMANDATI PER IL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI DEL CAPO SIANO TOSSICI PER GLI UOMINI. UNA SCRUPOLOSA PETTINATURA GIORNALIERA DEI CAPELLI DEI BAMBINI E LA PIU UTILE MISURA PREVENTIVA. NON CE NESSUNA EVIDENZA CHE LA PEDICULOSI DEL CORPO COSTITUISCA UN RISCHIO SIGNIFICATIVO PER LA SALUTE PUBBLICA LA PIATTOLA O PEDICULOSI DEL PUBE NON E CONFINATA ALLAREA PUBICA. ESSI POSSONO COLPIRE IL CORPO, LA BARBA, I PELI ASCELLARI COME ANCHE LE CIGLIA DEGLI OCCHI ED I MARGINI DEL CUOIO CAPELLUTO.

67 RACCOMANDAZIONI PER IL TRATTAMENTO IL GRUPPO DI LAVORO SI SENTE DI AFFERMARE CHE LE PREPARAZIONI ACQUOSE SIANO PREFERIBILI A QUELLE A BASE DI ALCOOL POICHE ESSE SONO MENO IRRITANTI. PEDICULOSI DEL CAPO MALATHION 0,5 % IN BASE ACQUA. APPLICARE A CAPELLI ASCIUTTI, PERMETTERE LORO DI ASCIUGARE ALLARIA E POI RIMUOVERLO MEDIANTE LAVAGGIO DOPO 12 ORE. DOPO AVER LAVATO UN BALSAMO DOVREBBE ESSERE APPLICATO ED I CAPELLI PETTINATI SCRUPOLOSAMENTE. SE CE ANCORA EVIDENZA DI PIDOCCHIO VIVO PRESENTE NEI CAPELLI DOPO 7 GIORNI ALLORA FENOTRINA 0,5 % IN BASE DACQUA DOVREBBE ESSERE APPLICATA AI CAPELLI ASCIUTTI E POI SCIACQUATI CON SHAMPOO. DI NUOVO UN BALSAMO DOVREBBE ESSERE APPLICATO ED I CAPELLI PETTINATI CON CURA. SE CE ANCORA EVIDENZA DI PIDOCCHI VIVI DOPO UNALTRA SETTIMANA ALLORA CARBARILE 1 % IN BASE DACQUA DOVREBBE ESSERE APPLICATA, LASCIATA PER 12 ORE E POI SCIACQUATA CON UNO SHAMPOO. DI NUOVO UN BALSAMO DOVREBBE ESSERE APPLICATO SEGUITO DA UNATTENTA PETTINATURA. PETTINATURA AD UMIDO DOPO AVER LAVATO I CAPELLI CON UNO SHAMPOO NORMALE, BALSAMO, IN QUANTITà ABBONDANTI, VA APPLICATO AI CAPELLI UMIDI. I CAPELLI VANNO IMMEDIATAMENTE PETTINATI ATTRAVERSO UN MOVIMENTO CHE PARTE DALLE RADICI ED I CAPELLI DOVREBBERO VENIR PETTINATI IN UNA SUPERFICIE LUMINOSA COLORATA COME UN ASCIUGAMANO DI CARTA COLORATO O IN BAGNO IN MODO TALE CHE I PIDOCCHI POSSANO ESSERE FACILMENTE VISTI. ALCUNI PIDOCCHI SARANNO INTRAPPOLATI NEL PETTINE ED ESSI DOVRANNO ESSERE ELIMINATI PRIMA DI OGNI COLPO DI PETTINE. SE SI TROVANO PIDOCCHI VIVI LA PROCEDURA DOVREBBE ESSERE RIPETUTA OGNI TRE O QUATTRO GIORNI FINO A QUANDO ESSI VERRANNO ERADICATI.

68 RACCOMANDAZIONI PER IL TRATTAMENTO PEDICULOSI DEL CORPO APPLICAZIONI DI INSETTICIDI AL CORPO NON SONO NECESSARI DATO CHE IL PIDOCCHIO INFESTA I VESTITI. UN COMPLETO CAMBIO DI ABITI PULITI DOVREBBE ESSERE FORNITO E GLI ARTICOLI INFESTATI O DISTRUTTI O MANDATI IN LAVANDERIA A TEMPERATURE DI OLTRE 60 ° c. IL LAVAGGIO A SECCO O CON CALORE SECCO UTILIZZANDO UN ASCIUGABIANCHERIA SONO ALTERNATIVE. PEDICULOSI DEL PUBE. MALATHION 0,5 % IN BASE DACQUA. LA PREPARAZIONE DEVE ESSERE APPLICATA ALLINTERO TRONCO E COSCE ED AL CUOIO CAPELLUTO SE CE EVIDENZA DI INTERESSAMENTO DI QUESTA AREA. ALLAPPLICAZIONE DOVREBBE ESSERE PERMESSO DI ASCIUGARE IN MODO NATURALE E DOVREBBE VENIRE RIMOSSA MEDIANTE LAVAGGIO DOPO 12 ORE. IL TRATTAMENTO DOVRA ESSERE RIPETUTO DOPO 7 – 10 GIORNI. SE PERTANTO CE ANCORA EVIDENZA DI PIDOCCHI VIVI ALLORA CARBARYL 1 % IN BASE DACQUA DOVREBBE ESSERE APPLICATA, LASCIATA PER 12 ORE E RIMOSSA MEDIANTE LAVAGGIO LE CIGLIA DEGLI OCCHI DOVREBBERO ESSERE TRATTATE UTILIZZANDO PARAFFINA MOLLE BIANCA TRE VOLTE AL GIORNO PER 2 – 3 SETTIMANE.


Scaricare ppt "ISTRUZIONI PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI DR.SSA NICOLETTA CASTELLI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA."

Presentazioni simili


Annunci Google