La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I valori di riferimento. Variabilità biologica e valori di riferimento Individuo selezionato utilizzando particolari criteri Caratteristiche ambientali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I valori di riferimento. Variabilità biologica e valori di riferimento Individuo selezionato utilizzando particolari criteri Caratteristiche ambientali."— Transcript della presentazione:

1 I valori di riferimento

2 Variabilità biologica e valori di riferimento Individuo selezionato utilizzando particolari criteri Caratteristiche ambientali e genetiche omogenee

3 La distribuzione di frequenza dei dati analitici per una popolazione di riferimento, può presentare una distribuzione: - gaussiana o normale - a campana ma asimmetrica o deviata (trasformazione logaritmica) - irregolare (percentili) I valori di riferimento: la distribuzione gaussiana La porzione di area compresa nellintervallo dei valori normali = (valore medio ± 2 deviazioni standard) racchiude circa il 95% delle osservazioni

4 Sensibilità: incidenza di risposte positive che si ottengono applicando un test a pazienti affetti dalla malattia, cioè la positività in caso di malattia Specificità: incidenza di risposte negative che si ottengono applicando un test a pazienti sani, cioè negatività nello stato di salute falsi negativi falsi positivi Valore predittivo positivo: Percentuale dei risultati veri positivi, rispetto ai positivi totali, che si ottengono quando il test è applicato ad una popolazione mista (malati+sani) Valore predittivo negativo: Percentuale dei risultati veri negativi, rispetto ai negativi totali, che si ottengono quando il test è applicato ad una popolazione mista (malati+sani)

5 Test ideale: Sensibilità 100 % Specificità 100 % Significato diagnostico di un test Test inutile: Sensibilità 50 % Specificità 50 % Test usuale: Sensibilità % Specificità %

6 Questi valori non sono sempre formalizzabili statisticamente, ma si basano su conoscenze fisiopatologiche e sulla necessità del clinico di assumere decisioni cliniche I livelli decisionali potranno anche coinvolgere gli intervalli di riferimento, mentre altre volte potranno richiamare i valori di pericolo o di intervento già individuati dalla clinica Livelli decisionali Nellambito dei valori che un test di laboratorio può assumere, si potranno individuare valori particolari che possono servire nella valutazione clinica del paziente

7 Valori di Riferimento di Alcuni Parametri Ematici EmatocritoM: % F: % EritrocitiM: x 10 6 / L F: x 10 6 / L Reticolociti % Leucociti x 10 3 / L Piastrine x 10 3 / L EmoglobinaM: g/dl F: g/dl Tempo di protrombina secondi

8 Linterpretazione delle analisi di laboratorio Paziente: - segni e sintomi - storia clinica Clinico: - sviluppa unipotesi di diagnosi - valutazione successive Clinico: - stabilisce una diagnosi o prognosi - trattamento e follow up Clinico: - interpreta i risultati - valuta lipotesi originale Clinico: - richiede gli esami - prepara il paziente Raccolta campioni Linee guida per la raccolta campioni Trattamento e conservazione campioni Analisi Verifica dei risultati Stabilisce i valori di riferimento Emissione referto LABORATORIO

9


Scaricare ppt "I valori di riferimento. Variabilità biologica e valori di riferimento Individuo selezionato utilizzando particolari criteri Caratteristiche ambientali."

Presentazioni simili


Annunci Google