La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Claudio Vio, psicologo dirigente UOC NPI – San Donà di Piave Master II livello Psicopatologia dellapprendimento, Università degli studi di Padova.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Claudio Vio, psicologo dirigente UOC NPI – San Donà di Piave Master II livello Psicopatologia dellapprendimento, Università degli studi di Padova."— Transcript della presentazione:

1 Claudio Vio, psicologo dirigente UOC NPI – San Donà di Piave Master II livello Psicopatologia dellapprendimento, Università degli studi di Padova

2 Montecatini 2006: 10 associazioni --- primi accordi di consenso sui DSA; pubblicazione Legge 170/10 CC ISS 2011 PARCC 2011 DM 5669 del 12/07/2011, con relativo allegato

3 Art. 1 - Riconoscimento e definizione di dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia 1. La presente legge riconosce la dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculia quali disturbi specifici di apprendimento, di seguito denominati "DSA", che si manifestano in presenza di capacita' cognitive adeguate, in assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriali, ma possono costituire una limitazione importante per alcune attivita' della vita quotidiana.

4 Ai fini della presente legge, si intende per dislessia un disturbo specifico che si manifesta con una difficolta' nell'imparare a leggere, in particolare nella decifrazione dei segni linguistici, ovvero nella correttezza e nella rapidita' della lettura … si intende per disgrafia un disturbo specifico di scrittura che si manifesta in difficolta' nella realizzazione grafica …si intende per disortografia un disturbo specifico di scrittura che si manifesta in difficolta' nei processi linguistici di transcodifica …si intende per discalculia un disturbo specifico che si manifesta con una difficolta' negli automatismi del calcolo e dell'elaborazione dei numeri. Legge 170/10 art. 1

5 Quanti sono gli alunni con DSA? Una ricerca effettuata in Friuli e appena conclusa: Dei 1365 bambini complessivamente sottoposti a screening, l'1% possedeva una diagnosi di dislessia precedentemente formulata e il 2% una diagnosi di DSA (che includeva dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia). Questo dato è in linea con quanto pubblicato dal MIUR Veneto nellanno scolastico 2010/2011: la percentuale di alunni con diagnosi di DSA consegnata dai genitori alle scuole, rispetto alla popolazione scolastica complessiva, era dell1,2% (Gruppo di Lavoro Regionale sui DSA, 2011)

6 Positivi al solo dettato Positivi sia al dettato che al questionario insegnanti Positivi al solo questionario insegnanti

7 R. Penge, 2010

8 N° records ricevuti Analizza ti 1° livello 2° livelloDa vedere al 3° livello Diagnosi di dislessia selezion e visti Veneto % - Marghera Verona Bassano Veneto orientale ,93

9 Jesolo (n=87) Ceggia (n=40) Torre di Mosto (n=40) Eraclea (n=129) Portogruaro (n=40) n=336

10 MF TOT % del campione Soggetti positivi al II livello ,17% Soggetti positivi alla valutazione del III livello 7292,93%

11 Disturbo Specifico della lettura Disturbo dellEspressione scritta Disturbo Specifico del Calcolo Lettura decifrativa Comprensione del testo Scrittura (componente motorie e linguistica) Espressione scritta Numeri e calcolo Problem solving matematico

12 Ma come considerare le particolari difficoltà nella comprensione del testo, nella produzione del testo scritto, nella soluzione di problemi matematici? Attualmente i manuali diagnostici internazionali mettono sullo stesso piano le problematiche di decodifica e quelle di comprensione Nelle prossimi edizioni, DSM 5 (maggio 2013) questo non è più previsto

13 Comprensione del testo Cattivi Lettori CC di Montecatini ne prevede lesistenza, indicando tuttavia la necessità di ulteriori ricerche per definire meglio le caratteristiche del Disturbo CC ISS, suggerisce la distinzione dei processi di decodifica vs comprensione del testo (la comprensione è un parametro funzionale per linquadramento della dislessia: c=dxl )

14

15 DISTURBO -Innato; - Resistente all intervento; - Resistente allautomatizzazione - …………………. DIFFICOLTA O RITARDO - Non innato - Modificabile con interventi didattici mirati - Automatizzabile, anche se in tempi dilatati rispetto alla classe; Sviluppo normotipico Sviluppo atipico Condizione di rischio

16 Ristretto/Specifico Vs Generale Gravità del Problema

17 Spesso il profilo di difficoltà non è puro, ma compare in presenza di altri problemi: tecnicamente si definisce comorbilità. Ad esempio, il Disturbo del Calcolo può presentarsi in isolamento o in associazione (più tipicamente) ad altri disturbi specifici. La comorbilità può essere presente anche tra i DSA e altri disturbi di sviluppo (disturbi di linguaggio, disturbi di coordinazione motoria, disturbi dellattenzione) e tra i DSA e i disturbi emotivi e del comportamento.

18 In questo caso, il disturbo risultante è superiore alla somma delle singole difficoltà, poiché ognuno dei disturbi implicati nella comorbilità influenza negativamente lo sviluppo delle abilità complessive.

19 Anamnesi personale: Disturbo Specifico di Linguaggio di tipo fonetico-fonologico, segnalate anche difficoltà (probabilmente secondarie) di natura lessicale e morfosintattica. Sottoposto a trattamento logopedico, il cui esito ha consentito di acquisire un completo inventario fonetico ed una buona produzione spontanea. Gli apprendimenti strumentali vengono acquisiti con qualche difficoltà soprattutto nelle fasi iniziali.

20 Disturbo Specifico di Linguaggio, in remissione. Non indici clinici per Disturbo Specifico di Apprendimento Commento: Limpegno di Davide, gli interventi abilitativi (protratti e costanti), il sostegno della famiglia, le attività didattiche realizzate dalla scuola, hanno consentito un buon livello di apprendimento strumentale e adeguate competenze strategiche, soprattutto, in ingresso (es. comprensione del testo, comprensione da ascolto).

21 Residuano modeste difficoltà in uscita: es. la produzione del testo richiede al bambino maggior impegno nella struttura e nellorganizzazione della frase. La storia clinica mette in evidenza i costanti cambiamenti di Davide nelle abilità cognitive e nelle componenti specifiche del linguaggio. Tuttavia, il carico di lavoro scolastico richiede al bambino tempi di applicazione prolungati e la necessità di essere sostenuto nello studio

22 Lallegato al DM 5669 (ma anche la legge 170/1), pur considerando la specifica particolarità dellassociazione primaria dei due disturbi dello sviluppo, non contempla ladozione delle misure previste per i DSA quando invece la condizione clinica preveda solo il Disturbo di Linguaggio, o i suoi esiti.

23 Tuttavia, lo stesso decreto precisa che le nuove norme dovrebbero spingere la scuola - nel contesto di flessibilità e di autonomia avviato dalla legge 59/99 – a porre al centro delle proprie attività e della propria cura la persona, sulla base dei principi sanciti dalla legge 53/2003 e dai successivi decreti applicativi: La definizione e la realizzazione delle strategie educative e didattiche devono sempre tener conto della singolarità e complessità di ogni persona, della sua articolata identità, delle sue aspirazioni, capacità e delle sue fragilità, nelle varie fasi di sviluppo e di formazione (pag. 3 Linee Guida per il Diritto allo studio allegate al DM 5669).

24 1. Intelligenza e apprendimento sono relati 2. Questo può indurre a fare scorrette estrapolazioni sullintelligenza basate su somministrazioni di prove di apprendimento in condizioni impari 3. Intelligenza e dislessia: non ci sono differenze sostanziali tra bambini con difficoltà di lettura discrepanti e non discrepanti per QI comunque nella norma, né rispetto al profilo cognitivo 4. La condizione Funzionamento limite?

25 sufficienti gli apprendimenti scolastici strumentali per lettura e scrittura; comprensione del testo: richiesta di intervento; acquisiti gli algoritmi di calcolo, opera con i numeri dopo la virgola, acquisiti i prodotti notevoli; non riesce le proporzioni, le equazioni di primo grado. Debole dal punto di vista strategico ed organizzativo. Tempi prolungati per apprendimento di attività non conosciute e comunque il cui contenuto deve essere di natura concreta.

26 calibrazione degli interventi sulla base dei livelli raggiunti, nellottica di promuovere un apprendimento significativo Nel rispetto degli obiettivi generali e specifici di apprendimento, la didattica personalizzata si sostanzia attraverso limpiego di una varietà di metodologie e strategie didattiche, tali da promuovere le potenzialità e il successo formativo in ogni alunno (pag. 7 Allegato al DM 5669)

27

28 Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un progressivo incremento in ambito clinico degli studi, delle ricerche e delle attività scientifiche sul tema dei DSA. Consultando la bibliografia in argomento, si rileva infatti una quantità preponderante di pubblicazioni nei settori della clinica e delle neuroscienze, rispetto a quelli pedagogico-didattici.

29 In tempi più recenti, anche per le dimensioni che ha assunto il fenomeno nelle nostre scuole, oltre che per lattenzione determinata dagli interventi legislativi in materia, si è manifestato un sempre maggiore interesse per la messa a punto e laggiornamento di metodologie didattiche a favore dei bambini con DSA.

30 …. sentiamo sorgere un senso di profondo disagio perché manca una comunicazione completa, reale, intima. Ma riusciamo a tranquillizzarci perché il nostro soggiorno avrà termine e, con il rientro a casa, potremo tornare ad esprimerci, a parlare in rapporto allo stesso quadro di riferimento, a trovare uno scambio vero, uno scambio pieno. Pensiamo invece al disagio di questi bambini che non possono tornare a casa, in un mondo dove devono rincorrere punti di riferimento …che rimangono stranieri, soprattutto se noi siamo per loro stranieri, chiudendoci nellincomprensione

31 Gli insegnanti possono riappropriarsi di competenze educativo-didattiche anche nellambito dei DSA, laddove lo spostamento del baricentro in ambito clinico aveva invece portato sempre più a delegare a specialisti esterni funzioni proprie della professione docente o a mutuare la propria attività sul modello degli interventi specialistici, sulla base della consapevolezza della complessità del problema e delle sue implicazioni neurobiologiche.

32 Scuola dellInfanzia (lettura e area del Calcolo) Scuola Primaria (Disturbo della Lettura/scrittura e Area del calcolo) Scuola Secondaria di I e II grado (Disturbo della Lettura/scrittura e area del calcolo)

33 È importante identificare precocemente le possibili difficoltà di apprendimento e riconoscere i segnali di rischio già nella scuola dellinfanzia. Il bambino che confonde suoni, non completa le frasi, utilizza parole non adeguate al contesto o le sostituisce, omette suoni o parti di parole, sostituisce suoni, lettere ( p/b…) e ha unespressione linguistica inadeguata, va supportato con attività personalizzate allinterno del gruppo. Il bambino che mostra, a cinque anni, queste difficoltà, può essere goffo, avere poca abilità nella manualità fine, a riconoscere la destra e la sinistra o avere difficoltà in compiti di memoria a breve termine, ad imparare filastrocche, a giocare con le parole.

34 Il linguaggio è il miglior predittore delle difficoltà di lettura, per questo è bene proporre ai bambini esercizi linguistici - ovvero operazioni meta fonologiche - sotto forma di giochi. Le operazioni metafonologiche richieste per scandire e manipolare le parole a livello sillabico sono accessibili a bambini che non hanno ancora avuto unistruzione formale ed esplicita del codice scritto.

35 Lo sviluppo dellintelligenza numerica e la prevenzione delle difficoltà di apprendimento del calcolo rappresenta uno degli obiettivi più importanti della scuola dellinfanzia che si dovrebbe realizzare attraverso la collaborazione tra scuola, famiglia e, possibilmente, servizi territoriali

36 Lacquisizione delle parole-numero dovrà essere accompagnata da numerose attività in grado di integrarne i diversi aspetti: semantici, lessicali e di successione n+1. Infatti, solo un prolungato uso del conteggio in situazioni concrete in cui il numero viene manipolato e rappresentato attraverso i diversi codici (analogico, verbale e arabico, o anche romano) può assicurare ladeguata rappresentazione mentale dellidea di numero, complesso concetto astratto da conquistare evolutivamente

37 Spesso nella prima classe della scuola primaria gli insegnanti si lasciano prendere dallansia di dover insegnare presto agli alunni a leggere e scrivere, ostacolando, però, in questo modo, processi di apprendimento che dovrebbero essere graduali e personalizzati

38 Per imparare la corrispondenza biunivoca tra segno e suono di un sistema alfabetico, più che un impegno cognitivo, sono richieste abilità quali la scomposizione e ricomposizione delle parole in suoni e il riconoscimento dei segni ad essi associati. Quindi, per imparare la lettura è importante avere buone capacità di riconoscimento visivo e di analisi di struttura della parola

39 Al mostrarsi dei primi segni di difficoltà non si deve procedere aumentando la mole degli esercizi per ottenere dei risultati, ma è necessario effettuare una valutazione accurata che consenta di capire se e quale tipo di didattica e di supporto sarebbero necessari

40 Per l'alunno con DSA limpatto iniziale con la lingua scritta è molto difficile, poiché la semplice lettura di una parola in realtà è la risultante di tante singole attività che devono essere affrontate simultaneamente, che vanno dallidentificazione delle lettere, al riconoscimento del loro valore sonoro, al mantenimento della sequenza di prestazione (vale a dire di un ritmo di lettoscrittura costante e continuativo), alla rappresentazione fonologica delle parole, al coinvolgimento del lessico per il riconoscimento del significato

41 Scendendo nello specifico del metodo di insegnamento- apprendimento della lettoscrittura, è importante sottolineare che la letteratura scientifica più accreditata sconsiglia il metodo globale, essendo dimostrato che ritarda lacquisizione di una adeguata fluenza e correttezza di lettura. Per andare incontro al bisogno educativo speciale dellalunno con DSA si potrà utilizzare il metodo fono-sillabico, oppure quello puramente sillabico. Si tratta di approcci integrati che possono essere utilizzati in fasi diverse.

42 Si dovrebbe poi evitare di presentare al bambino una medesima lettera espressa graficamente in più caratteri (stampato minuscolo, stampato maiuscolo, corsivo minuscolo, corsivo maiuscolo), ma è opportuno soffermarsi su una soltanto di queste modalità fino a che l'alunno non abbia acquisito una sicura e stabile rappresentazione mentale della forma di quella lettera

43 Più dettagliatamente, la ricerca scientifica ha evidenziato che nella scuola primaria le strategie di potenziamento dellintelligenza numerica devono riguardare: · processi di conteggio; · processi lessicali; · processi semantici; · processi sintattici; · calcolo a mente; · calcolo scritto

44 La scuola secondaria richiede agli studenti la piena padronanza delle competenze strumentali (lettura, scrittura e calcolo), ladozione di un efficace metodo di studio e prerequisiti adeguati allapprendimento di saperi disciplinari sempre più complessi; elementi, questi, che possono mettere in seria difficoltà lalunno con DSA, inducendolo ad atteggiamenti demotivati e rinunciatari. Tali difficoltà possono essere notevolmente contenute e superate individuando opportunamente le strategie e gli strumenti compensativi nonché le misure dispensative

45 Per uno studente con dislessia, gli strumenti compensativi sono primariamente quelli che possono trasformare un compito di lettura (reso difficoltoso dal disturbo) in un compito di ascolto. A tal fine è necessario fare acquisire allo studente competenze adeguate nelluso degli strumenti compensativi. Si può fare qui riferimento: · alla presenza di una persona che legga gli item dei test, le consegne dei compiti, le tracce dei temi o i questionari con risposta a scelta multipla; · alla sintesi vocale, con i relativi software, anche per la lettura di testi più ampi e per una maggiore autonomia; · allutilizzo di libri o vocabolari digitali

46 Studiare con la sintesi vocale è cosa diversa che studiare mediante la lettura diretta del libro di testo; sarebbe pertanto utile che i docenti o leventuale referente per la dislessia acquisiscano competenze in materia e che i materiali didattici prodotti dai docenti siano in formato digitale

47 Sebbene la ricerca non abbia ancora raggiunto dei risultati consolidati sulle strategie di potenziamento dellabilità di calcolo, si ritengono utili i seguenti principi guida: · gestire, anche in contesti collettivi, almeno parte degli interventi in modo individualizzato; · aiutare, in fase preliminare, lalunno a superare limpotenza guidandolo verso l esperienza della propria competenza; · analizzare gli errori del singolo alunno per comprendere i processi cognitivi che sottendono all errore stesso con intervista del soggetto; · pianificare in modo mirato il potenziamento dei processi cognitivi necessari.

48 In particolare, lanalisi dellerrore favorisce la gestione dellinsegnamento. Tuttavia, lunica classificazione degli errori consolidata nella letteratura scientifica al riguardo si riferisce al calcolo algebrico: · errori di recupero di fatti algebrici; · errori di applicazione di formule; · errori di applicazione di procedure; · errori di scelta di strategie; · errori visuospaziali; · errori di comprensione semantica.

49 tempi aggiuntivi; una adeguata riduzione del carico di lavoro; in caso di disturbo grave e previa verifica della presenza delle condizioni previste allArt. 6, comma 5 del D.M. 12 luglio 2011, è possibile in corso danno dispensare lalunno dalla valutazione nelle prove scritte e, in sede di esame di Stato, prevedere una prova orale sostitutiva di quella scritta, i cui contenuti e le cui modalità sono stabiliti dalla Commissione desame sulla base della documentazione fornita dai Consigli di Classe

50 La didattica individualizzata consiste nelle attività di recupero individuale che può svolgere lalunno per potenziare determinate abilità o per acquisire specifiche competenze, anche nellambito delle strategie compensative e del metodo di studio; tali attività individualizzate possono essere realizzate nelle fasi di lavoro individuale in classe o in momenti ad esse dedicati, secondo tutte le forme di flessibilità del lavoro scolastico consentite dalla normativa vigente

51 La didattica personalizzata, invece, anche sulla base di quanto indicato nella Legge 53/2003 e nel Decreto legislativo 59/2004, calibra lofferta didattica, e le modalità relazionali, sulla specificità ed unicità a livello personale dei bisogni educativi che caratterizzano gli alunni della classe, considerando le differenze individuali soprattutto sotto il profilo qualitativo … pag. 6 allegato DM 5669

52 Il referente che avrà acquisito una formazione adeguata e specifica sulle tematiche, a seguito di corsi formalizzati o in base a percorsi di formazione personali e/o alla propria pratica esperienziale/didattica, diventa punto di riferimento allinterno della scuola ed, in particolare, assume, nei confronti del Collegio dei docenti, le seguenti funzioni:

53 fornisce informazioni circa le disposizioni normative vigenti; fornisce indicazioni di base su strumenti compensativi e misure dispensative collabora, ove richiesto, alla elaborazione di strategie volte al superamento dei problemi nella classe con alunni con DSA; offre supporto ai colleghi riguardo a specifici materiali didattici e di valutazione; cura la dotazione bibliografica e di sussidi allinterno dellIstituto;

54 diffonde e pubblicizza le iniziative di formazione specifica o di aggiornamento; fornisce informazioni riguardo a siti o piattaforme on line per la condivisione di buone pratiche in tema di DSA; funge da mediatore tra colleghi, famiglie, studenti (se maggiorenni), operatori dei servizi sanitari, EE.LL. ed agenzie formative accreditate nel territorio; · informa eventuali supplenti in servizio nelle classi con alunni con DSA.

55 Un principio generale è che la competenza sui DSA dovrà permeare il corpo docente di ogni classe, in modo che la gestione e la programmazione di passi significativi (per es. il PDP) non sia delegata a qualcuno dei docenti, ma scaturisca da una partecipazione integrale del consiglio di classe. Referente: può svolgere un ruolo importante di raccordo e di continuità riguardo allaggiornamento professionale per i colleghi

56 provvede, di propria iniziativa o su segnalazione del pediatra - di libera scelta o della scuola - a far valutare lalunno o lo studente secondo le modalità previste dallArt. 3 della Legge 170/2010; consegna alla scuola la diagnosi di cui allart. 3 della Legge 170/2010;

57 condivide le linee elaborate nella documentazione dei percorsi didattici individualizzati e personalizzati ed è chiamata a formalizzare con la scuola un patto educativo/formativo che preveda lautorizzazione a tutti i docenti del Consiglio di Classe - nel rispetto della privacy e della riservatezza del caso - ad applicare ogni strumento compensativo e le strategie dispensative ritenute idonee, previste dalla normativa vigente, tenuto conto delle risorse disponibili

58 sostiene la motivazione e limpegno dellalunno o studente nel lavoro scolastico e domestico; verifica regolarmente lo svolgimento dei compiti assegnati; verifica che vengano portati a scuola i materiali richiesti;

59 incoraggia lacquisizione di un sempre maggiore grado di autonomia nella gestione dei tempi di studio, dellimpegno scolastico e delle relazioni con i docenti; considera non soltanto il significato valutativo, ma anche formativo delle singole discipline.

60 È necessario sottolineare la delicatezza delle problematiche psicologiche che sinnestano nellalunno o nello studente con DSA per lutilizzo degli strumenti compensativi e delle misure dispensative. Infatti, ai compagni di classe gli strumenti compensativi e le misure dispensative possono risultare incomprensibili facilitazioni. A questo riguardo, il coordinatore di classe, sentita la famiglia interessata, può avviare adeguate iniziative per condividere con i compagni di classe le ragioni dellapplicazione degli strumenti e delle misure citate, anche per evitare la stigmatizzazione e le ricadute psicologiche negative.

61 Parlarne alla classe? Chi ne parla? Come spiegare il problema ai compagni? Concetto di BES ( difficoltà di funzionamento: coinvolgimento dei genitori, strutturazione e prevedibilità dellambiente, adeguatezza delle richieste…) Ci sono esperienze in questo settore? Come comunicare ai compagni il proprio disturbo

62 Miller, Hynd e Miller (2005): ragazzi i con DSA non sono necessariamente a rischio per sviluppare maggiormente sintomi internalizzati (ansia e depressione). … anche se …

63 Hanno un concetto di sé più negativo Si sentono meno supportati emotivamente e hanno poca autostima Tendono a sentirsi meno responsabili del proprio apprendimento E ad abbandonare il compito alle prime difficoltà

64 4/23/2014

65 MASC: Le differenze tra i due gruppi emergono in riferimento alla sintomatologia ansiosa. I DSA livelli più elevati di valori nelle aree Perfezionismo ed Evitamento del danno Questo dato evidenzierebbe come i soggetti DSA siano particolarmente preoccupati di sbagliare e degli effetti dei loto errori

66 Vi è una maggiore vulnerabilità nellacquisire competenze sociali da parte dei DSA? Vi sono numerose ricerche che hanno evidenziato una particolare difficoltà nei soggetti DSA nellacquisire le abilità sociali: le tecniche utilizzate per lindagine però erano di tipo narrativo. Kavale e Forness (1996): metanalisi di 152 ricerche (N=6353 età media 11, 72% maschi) Strumenti: valutazione degli insegnanti, dei compagni e dei soggetti con DSA

67 Il 75 % di studenti con DSA si differenziano dai loro coetanei non DSA nelle misure di competenza sociale. Per linsegnante la percezione di inadeguatezza accademica sembra influenzare molto il funzionamento sociale (es. minori interazioni, ridotta accettazione, più facilità al rifiuto. Questi rilievi vengono recentemente ripresi anche da contributi italiani (Moè,De Beni e Cornoldi, 2007)

68

69 Aspetto Definizione Nei Disturbi di Apprendimento

70 Quindi le attribuzioni influenzano le emozioni e provocano reazioni di contentezza in caso di successo, frustrazione in caso di insuccesso, ma anche altre emozioni legate allautoconsapevolezza dei soggetti di essere o meno la causa del raggiungimento, o viceversa del non conseguimento, di un determinato risultato.

71 Pizzoli, Lami, palmieri e Solimando, Psicologia Clinica dello Sviluppo, 2011, 1,

72 Gruppo DP: 33 giovani adulti età media 20 anni (range 16-29) diagnosi ricevuta alletà di 10,2 (range 7,5-17) Gruppo DT: 19 soggetti, età media 25 (range 16-38), diagnosi ricevuta in età adulta

73

74

75 DP DT

76


Scaricare ppt "Claudio Vio, psicologo dirigente UOC NPI – San Donà di Piave Master II livello Psicopatologia dellapprendimento, Università degli studi di Padova."

Presentazioni simili


Annunci Google