La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Micotossicologia 2005 3 nuove sindromi di avvelenamento Micotossicologia 2005 3 nuove sindromi di avvelenamento Relazione di : Sergio Margutti & Sergio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Micotossicologia 2005 3 nuove sindromi di avvelenamento Micotossicologia 2005 3 nuove sindromi di avvelenamento Relazione di : Sergio Margutti & Sergio."— Transcript della presentazione:

1 Micotossicologia nuove sindromi di avvelenamento Micotossicologia nuove sindromi di avvelenamento Relazione di : Sergio Margutti & Sergio Ferrario Mauro Filippi rev AMB gruppo di Missaglia

2 Negli ultimi 10 anni sono state identificate 3 nuove sindromi di avvelenamento: Sindrome rabdomiolitica o rabdomiolisi (rabdo= bastoncino, myos=muscolo e lisi=scioglimento,dissoluzione) - Fungo responsabile: Tricholoma equestre e/o T. auratum Sindrome proxima o norleucinica (da nomi propri) (norleucina=amminoacido non proteico) - Funghi responsabili: Amanita proxima, Amanita smithiana (America) e Amanita pseudoporphyria (Giappone). Sindrome Acromelagica - Funghi responsabili: Clitocybe amoenolens, Clitocybe acromelalga (Giappone).

3 Sindrome rabdomiolitica o rabdomiolisi (rabdo= bastoncino, myos=muscolo e lisi= scioglimento,dissoluzione) Fungo responsabile: Tricholoma equestre e/o T. auratum - Primi casi nel 1993 sulla costa Atlantica nel Sud della Francia (Archachon) - 3 decessi (tutte donne) e 12 intossicati - Avvelenamenti in seguito al consumo eccessivo o in piu pasti ravvicinati Clinica: - comparsa dei sintomi 1-3 giorni - dolori muscolari associati a stanchezza -sudorazione (senza ipertermia) e a volte nausea, tachipnea (respiro accelerato), eritema cutaneo - CPK molto elevato (funzionalita epatica) La morte sopraggiunge per insufficienza cardiaca refrattaria alle cure. Ipotesi: - Valore di soglia - Ipersensibilita individuale - Corredo enzimatico individuale (?) Al momento nessuna tossina e stata scoperta

4 Sindrome proxima o norleucinica (da nomi propri) (norleucina=amminoacido non proteico) Funghi responsabili: Amanita proxima, Amanita smithiana (America) e Amanita pseudoporphyria (Giappone). Primo caso nella regione del Montpellier (Sud della Francia) nel 1994, che riporta il legame tra il consumo di Amanita proxima e la comparsa di insufficienza renale acuta. Clinica: - primi sintomi digestivi dopo 8-14 ore - attacco allapparato renale ed al fegato dopo 1-4 giorni - accrescimento degli enzimi epatici fino a 14 volte la norma,rapidamente reversibile verso la normalita - attacco renale (tubulopatia) che evolve favorevolmente dopo circa 3 settimane. Rispetto alla sindrome orellanica i sintomi sono piu precoci( 1-4 giorni contro 9 o piu) e lesito e benigno. Un caso di una donna sudamericana e stato segnalato anche in Italia (Umbria). L Amanita proxima contiene norleucine alleniche (nefrotossiche) e la cloroclotiglicina (amminoacido non proteico)

5 Amanita ovoideaAmanita proxima Taglia lussureggiante Taglia media, portamento piu slanciato. Meno tozza e pesante Cappello sino a cm Cappello max. 15 cm, con placche con colori alla volva Margine con evidenti residui velo secondarioMargine non fimbriato (senza residui di velo) Volva inizialmente bianca, poi con leta ± ocra- giallastra Volva caratteristica, subito di colore fulvo- aranciato Velo secondario cremoso, detersile, quindi anello evanescente, formato da cellule tondeggianti (sferociti) Velo secondario + membranoso, quindi anello piu persistente, composto da ife piu allungate, filamentose, con cellule a forma di specchio Spore Qm= 1,38-1,60Spore Qm= 1,42-1,72 Habitat identico – specie termofile crescenti in macchia mediterranea (Pinus + Quercus) su suoli calcareo-sabbiosi

6 Sindrome Acromelagica Funghi responsabili: Clitocybe amoenolens, Clitocybe acromelalga (Giappone). Nel 1996 nella Savoia francese alcune persone sono state colpite da una sindrome dolorosa alle estremita (mani e piedi) dopo 24 ore dallingestione di un fungo scambiato per Lepista inversa. Manifestazione clinica: - Formicolii ed ustioni dolorose alle mani e in particolar modo ai piedi. - Crisi parossistiche specialmente di notte - Vampe di calore crescenti - Edema localizzato nelle parti colpite con eritema - Durata da alcuni giorni sino ad alcuni mesi - Sollievo solo in seguito a bagni prolungati in acqua fredda Grazie ad intossicazioni simili avvenute in Giappone (dovute a C. acromelalga ) e a 2 casi simili irrisolti, avvenuti in Francia nella stessa zona 17 anni prima, si e potuto risalire al legame tra intossicazione e specie responsabile. E cosi che e stata scoperta Clitocybe amoenolens, specie inizialmente descritta in Marocco, la cui tossicita e stata sperimentalmente dimostrata sullanimale. Queste specie contengono acidi acromelici.

7 Lepista inversaClitocybe amoenolens Rivestimento pileico liscio, nettamente untuoso a tempo umido Rivestimento pileico subtomentoso Margine liscio, involutoMargine involuto e leggermente subcostolato Cappello giallo-aranciato o giallo-rossastro, piu scuro al disco, spesso con macchie brunastre Cappello crema-carnicino ma anche ± rosato-rossiccio, talvolta con colori piu pallidi ed allora maggiormente confondibile Carne da biancastra a crema-brunastra con odore aromatico, fungino Carne pallida con odore fruttato, aromatico, come di pera Spore legg. verrucose, 3,5-5 x 4Spore liscie 5-6 x 4 UbiquitariaBoschi termofili, sotto Cedri o Lecci


Scaricare ppt "Micotossicologia 2005 3 nuove sindromi di avvelenamento Micotossicologia 2005 3 nuove sindromi di avvelenamento Relazione di : Sergio Margutti & Sergio."

Presentazioni simili


Annunci Google