La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO MONTANO ANALISI DESCRITTIVA DELLA FAUNA NEL TERRITORIO DEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO MONTANO ANALISI DESCRITTIVA DELLA FAUNA NEL TERRITORIO DEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO."— Transcript della presentazione:

1 VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO MONTANO ANALISI DESCRITTIVA DELLA FAUNA NEL TERRITORIO DEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO

2 IL Territorio 1 Il massiccio del Pollino, i Monti di Orsomarso/Verbicaro fino a Montea sono territori selvaggi e poco frequentati dalluomo, caratteristici ognuno per contesti specifici. Un paradiso per chi ama la natura di qualità. Le praterie d'alta quota, come i famosi piani del Pollino, sono caratterizzate dalla presenza di pini loricati, molti dei quali plurisecolari.

3 TERRITORIO 2 Incantevoli sono le gole, in cui scorrono torrenti cristallini come l'Argentino l'Abatemarco, il Lao, lEsaro, ambienti selvaggi poco frequentati dall'uomo che costituiscono habitat unici, particolari, ricchi e interessanti per la biodiversità della fauna e della flora.

4 LA FAUNA Presenze importanti sono quelle del lupo ( Canis lupus) del capriolo nella zona dell'Orsomarso e della lontra (Lutra lutra) che negli ultimi anni vanta una ripresa nei torrenti più integri. Tutte specie difficili da osservare, come del resto il gatto selvatico (Felis silvestris), il tasso ( Meles meles), la puzzola (Mustela putorius), la martora (Martes martes), la faina (Martes foina) e l'istrice (Hystrix cristata).

5 TUTELA DELLA LONTRA I fiumi Lao ed Argentino, rappresentano gli habitat privilegiati dalla lontra nel P.N. vanno tutelati per assicurare la conservazione della Lontra (Lutra lutra) stessa. la Lontra è unaltra specie da tutelare per salvaguardare la biodiversità del Parco ed è una specie particolarmente protetta. Il suo status di conservazione viene definito critico.

6 Lontra Lutra Lutra

7 FAUNA Le osservazioni di questi mammiferi non sono numerose, ma interessanti soprattutto se si farà tesoro di tracce, segni e orme che gli animali lasciano sul loro cammino. Oltre all'aquila reale (Aquila chrysaetos), si potranno osservare il biancone (Circaetus gallicus) il capovaccaio (Neophron percnopterus).

8 TUTELA DELLA LONTRA I fiumi Lao ed Argentino, rappresentano gli habitat privilegiati dalla lontra nel P.N. vanno tutelati per assicurare la conservazione della Lontra (Lutra lutra) stessa. la Lontra è unaltra specie da tutelare per salvaguardare la biodiversità del Parco ed è una specie particolarmente protetta. Il suo status di conservazione viene definito critico.

9 FAUNA ORNITICA Tra i rapaci sono presenti lo sparviero (Accipiter nisus), e l'astore (Accipiter gentilis), per i notturni, l'allocco, il barbagianni ( Tyto alba) ed il grande gufo reale (Bubo bubo). Nelle foreste della fascia montana, si possono scorgere i picchi, il più importante è il picchio nero Dryocopus Martius, presenti con ben cinque delle sei specie dell'Appennino meridionale, e dimostrano lelevato valore ecologico delle foreste del Pollino.

10 Lontra Lutra Lutra

11 FAUNA ORNITICA Oltre all'aquila reale, si possono osservare il biancone e il capovaccaio. Tra i rapaci sono presenti anche lo sparviero e l'astore e, per i notturni, l'allocco, il barbagianni, il gufo reale, che nellinsieme dimostrano il grande valore ecologico del Pollino, e la ricca biodiversità. Oltre a molti turdidi e silvidi, tra i galloformi anche se sporadica è presente la Coturnice (Alectoris graeca).

12 Coturnice Alectoris graeca

13 POLLINO SCRIGNO DI BIODIVERSITA Dal punto di vista faunistico, larea del Pollino è fra le più rilevanti di tutto il meridione dItalia. Oltre alla varietà di ambienti, da quelli strettamente mediterranei a quelli alto montani, la posizione geografica consente una elevata ricchezza di specie e di peculiarità zoologiche, in quanto favorisce lo scambio di elementi faunistici con il resto dellAppennino.

14 La Fauna del Pino Loricato Ogni singola pianta plurisecolare di Pino loricato, con circa 20 specie differenti di fauna, rappresenta un ricco ecosistema, da tutelare.

15 LAVIFAUNA Molte sono le specie di rapaci diurni nidificanti, tra cui laquila reale (Aquila chrysaetos), presente nel versante meridionale del Parco, il nibbio reale (Milvus milvus) ed il pellegrino (Falco peregrinus). Il versante orientale del Parco, più arido e ricco di pareti rocciose, offre lhabitat per due specie estremamente minacciante: il lanario (Falco biarmicus feldeggi), falcone localizzato nel mediterraneo, ed il capovaccaio (Neophron percnopterus), piccolo avvoltoio bianco e nero ridotto, in Italia, a pochissime coppie nidificanti. Il grande gufo reale (Bubo bubo) è il più raro e spettacolare fra i rapaci notturni.

16 Tutela dei rapaci nel Parco Molti rapaci, sono minacciati dalla depredazione e distruzione dei nidi da parte delluomo, il Parco del Pollino per favorirne la reintroduzione, ha realizzato un progetto LIFE Natura co-finanziato dalla CE, e creato un punto di alimentazione carnaio,nel territorio di Alessandria del Carretto, costantemente sorvegliato.

17 MAMMIFERI Nel Parco sono presenti il lupo (Canis lupus), il gatto selvatico (Felis silvestris), la martora (Martes martes), la puzzola (Mustela putorius) e, non ultima, la lontra (Lutra lutra), la cui presenza è stata rilevata in diversi corsi dacqua laddove si conservano abbondanza di prede e buon grado di copertura vegetale delle sponde. Gli Ungulati, oltre al comune cinghiale (Sus scrofa), comprendono il capriolo (Capreolus capreolus) presente soprattutto sui Monti di Orsomarso. Fra i Roditori più significativi, va citato il driomio (Dryomys nitedula), che insieme al moscardino, (Muscardinus avellanarius) al ghiro (Myoxus glis) e al quercino (Eliomys quercinus) rappresenta le specie di Gliridi nel Parco. Lo scoiattolo meridionale (Sciurus vulgaris meridionalis) è una sottospecie tipica dellAppennino centro-meridionale. Listrice (Hystrix cristata) è localizzato nel settore meridionale del Parco, con clima più spiccatamente mediterraneo.

18 Scoiattolo nero Sciurus vulgaris meridionalis

19 Gruppo di cinghiali Sus scrofa

20 IL CAPRIOLO DI ORSOMARSO Tra i cervidi presenti in passato nellarea del Parco Nazionale del Pollino si potevano annoverare il cervo (Cervus elaphus) e il capriolo (Capreolus capreolus). Entrambi le specie furono perseguitate fino alla scomparsa della prima, avvenuta circa un secolo e mezzo fa, e alla quasi estinzione della seconda. Oggi il capriolo rappresenta, allinterno del Parco, lunico superstite di questa grande famiglia, con unareale di distribuzione molto più ridotto rispetto a quello di un tempo. E una specie con una notevole importanza ecologica per gli ecosistemi forestali del Parco. Negli ultimi anni, ha acquistato una notevole importanza in senso scientifico in quanto rappresenta una possibile sottospecie del capriolo autoctono italiano.I noltre viene predato dallunico grande carnivoro terrestre rimasto in questo territorio: il lupo (Canis lupus).

21 FLORA/FAUNA Il capriolo di Orsomarso durante gli spostamenti allinterno dellarea parco, nel percorso obbligato Campotenese-Pollino, protetto anche dalla copertura forestale del pino loricato, ha sfruttato quelle zone inaccessibili alluomo, salvandosi dallestinzione.

22 AMBIENTE/FLORA/FAUNA Questi fattori legati tra loro sono imprescindibili e vitali per il perpetuarsi della BIODIVERSITA di Flora e Fauna nellambiente. Protezione degli ambienti naturali Bisogna programmare e formare personale idoneo, per poter valorizzare e gestire in equilibrio con la NATURA, il futuro delle nostre risorse ambientali.


Scaricare ppt "VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO MONTANO ANALISI DESCRITTIVA DELLA FAUNA NEL TERRITORIO DEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO."

Presentazioni simili


Annunci Google