La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COSTITUZIONE E AVVIO DEL CENTRO REGIONALE DI STUDI SULLA BECCACCIA (Scolopax rusticola) DI SAN ROSSORE Provincia di Pisa Parco Regionale Migliarino, S.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COSTITUZIONE E AVVIO DEL CENTRO REGIONALE DI STUDI SULLA BECCACCIA (Scolopax rusticola) DI SAN ROSSORE Provincia di Pisa Parco Regionale Migliarino, S."— Transcript della presentazione:

1 COSTITUZIONE E AVVIO DEL CENTRO REGIONALE DI STUDI SULLA BECCACCIA (Scolopax rusticola) DI SAN ROSSORE Provincia di Pisa Parco Regionale Migliarino, S. Rossore, Massaciuccoli Toscana Dr Vito Mazzarone Responsabile Ufficio Difesa Fauna Provincia di Pisa

2 La beccaccia in Italia La specie Beccaccia (Scolopax rusticola) rappresenta una entità faunistica di grande valore biologico, evocativo e venatorio che è attualmente minacciata anche in Italia, dai mutamenti ambientali e climatici e dal prelievo venatorio

3 La Beccaccia è specie in declino in Italia e Toscana, secondo i più affidabili dati scientifici nazionali, e internazionali ( Bulgarini et al 1998; Sposimo e Tellini 1995; Birdlife International, 2004 ) E possibile che in Italia ed in Toscana, soprattutto lacuirsi del prelievo illegale possa in tempi brevi compromettere la presenza e sopravvivenza dei contingenti giunti in migrazione ed in svernamento Da Aradis et al 2006

4 Pochi comunque sono i dati raccolti in modo scientifico in ambito regionale sulla specie, riducendosi alla cattura sporadica ed inanellamento di soggetti da parte degli inanellatori autorizzati (che non si dedicano in modo specifico alla Beccaccia e per le difficoltà di cattura mediante le normali reti verticali) od al recupero di anelli di soggetti abbattuti, marcati in altri Paesi..

5 Si assiste negli ultimi anni nel Paese ad un sempre maggiore interesse venatorio sulla specie, che se è divenuta una delle prede più ambite e sulla quale si concentra la pressione di molti cacciatori con cane da ferma dopo la scomparsa di altre specie (i fagiani di lancio),Si assiste negli ultimi anni nel Paese ad un sempre maggiore interesse venatorio sulla specie, che se è divenuta una delle prede più ambite e sulla quale si concentra la pressione di molti cacciatori con cane da ferma dopo la scomparsa di altre specie (i fagiani di lancio), La Beccaccia risulta anche una delle meno conosciute negli aspetti biologici da parte dei cacciatori, le cui attività vengono basate spesso su conoscenze empiriche e tradizionali, spesso errate.La Beccaccia risulta anche una delle meno conosciute negli aspetti biologici da parte dei cacciatori, le cui attività vengono basate spesso su conoscenze empiriche e tradizionali, spesso errate.

6 In Toscana vengono segnalati sui tesserini regionali di caccia gli abbattimenti di beccacce allannoIn Toscana vengono segnalati sui tesserini regionali di caccia gli abbattimenti di beccacce allanno Tali registrazioni sono ovviamente fatte dai soli cacciatori che utilizzano metodi legali (caccia con il cane, di norma)Tali registrazioni sono ovviamente fatte dai soli cacciatori che utilizzano metodi legali (caccia con il cane, di norma) A queste si aggiungono quelle abbattute illegalmente allaspettoA queste si aggiungono quelle abbattute illegalmente allaspetto Si stima che tale contingente rappresenti l80-90% delle beccacce annualmente abbattuteSi stima che tale contingente rappresenti l80-90% delle beccacce annualmente abbattute

7 Scopi del CSB – Toscana di S. Rossore Nel gennaio 2010 è stato costituito presso lOsservatorio Ornitologico Caterini nel cuore della ex Tenuta Presidenziale di S. Rossore entro i confini del Parco Regionale omonimo, il Centro Studi Beccaccia (CSB) di S. RossoreNel gennaio 2010 è stato costituito presso lOsservatorio Ornitologico Caterini nel cuore della ex Tenuta Presidenziale di S. Rossore entro i confini del Parco Regionale omonimo, il Centro Studi Beccaccia (CSB) di S. Rossore Il CSB si candida ad essere un nuovo organismo di studio, divulgazione e gestione faunistica finalizzato al monitoraggio della specie Beccaccia nel territorio della Regione ToscanaIl CSB si candida ad essere un nuovo organismo di studio, divulgazione e gestione faunistica finalizzato al monitoraggio della specie Beccaccia nel territorio della Regione Toscana

8 Il CSB si trova in una delle più estese ed importanti aree protette della Toscana CSB S. Rossore, Pisa

9 CSB

10

11 Chi compone il CSB? Il CSB è nato dalla iniziativa congiunta della Provincia di Pisa (Ufficio Difesa Fauna), dellAssociazione Beccacciai dItalia e del Parco Regionale Migliarino, S. Rossore, Massaciuccoli (Tenuta di S. Rossore).Il CSB è nato dalla iniziativa congiunta della Provincia di Pisa (Ufficio Difesa Fauna), dellAssociazione Beccacciai dItalia e del Parco Regionale Migliarino, S. Rossore, Massaciuccoli (Tenuta di S. Rossore). Le attività del CSB, sulla base di un progetto presentato congiuntamente, sono state oggetto di uno specifico finanziamento della Regione Toscana (euro per il )Le attività del CSB, sulla base di un progetto presentato congiuntamente, sono state oggetto di uno specifico finanziamento della Regione Toscana (euro per il )

12 Caratteristiche strategiche del CSB S. Rossore La realizzazione del Centro Studi Beccaccia presso la Tenuta di S. Rossore, in provincia di Pisa ha assunto un notevole valore strategico Lareale di San Rossore è un importante luogo di svernamento, oggetto di studi importanti sullavifauna, famoso e carismatico il Centro ha già ottenuto unampia collaborazione con tutte le realtà dellassociazionismo venatorio e ambientalista toscano. La stessa composizione dei soggetti proponenti (una Provincia, un parco regionale, una associazione di cacciatori) rappresenta di fatto questo tipo di approccio.

13 Il 13 giugno, nellambito del secondo appuntamento di approfondimento tecnico e scientifico sulla Beccaccia del 2010 e dellAssemblea Generale di Beccacciai dItalia, si è tenuta la cerimonia di inaugurazione ufficiale del CSB S. Rossore.

14 Il CSB di S. Rossore ha già iniziato a svolgere, dallinizio del 2010, i suoi due compiti principali. Il primo è quello di raccogliere, analizzare e divulgare tutti i dati relativi al periodo di passo, di sosta e svernamento della specie sul territorio regionale raffrontati a dati analoghi relativi al restante territorio italianoIl primo è quello di raccogliere, analizzare e divulgare tutti i dati relativi al periodo di passo, di sosta e svernamento della specie sul territorio regionale raffrontati a dati analoghi relativi al restante territorio italiano Il secondo compito del Centro, già iniziato nellinverno scorso, è quello di contribuire allo svolgimento di progetti scientifici di alto valore tecnico-statistico, essenziali per aumentare le conoscenze sulla Beccaccia e per fornire le basi per laffermazione della Caccia SostenibileIl secondo compito del Centro, già iniziato nellinverno scorso, è quello di contribuire allo svolgimento di progetti scientifici di alto valore tecnico-statistico, essenziali per aumentare le conoscenze sulla Beccaccia e per fornire le basi per laffermazione della Caccia Sostenibile

15 La raccolta dei dati dallottobre 2009: raccolta delle ali delle beccacce abbattute in buste distribuite dalla Provincia di Pisa (reperibili anche presso gli ATC e le associazioni venatorie). La raccolta continuerà anche per le stagioni venatorie prossime; raccolta delle informazioni su carnieri, cani, numero di giornate di caccia mediante apposito questionario collegamento tra loro dei cacciatori di beccaccia locali, regionali, nazionali

16 La formazione e informazione realizzazione di due incontri con i cacciatori specialisti di beccaccia presso il CSB (marzo e giugno 2010)realizzazione di due incontri con i cacciatori specialisti di beccaccia presso il CSB (marzo e giugno 2010) Realizzazione del primo seminario sulle tecniche di cattura ed inanellamentoRealizzazione del primo seminario sulle tecniche di cattura ed inanellamento Svolgimento dellAssemblea nazionale dei Beccacciai dItaliaSvolgimento dellAssemblea nazionale dei Beccacciai dItalia Realizzazione di pubblicazioni su riviste e notiziari dei cacciatoriRealizzazione di pubblicazioni su riviste e notiziari dei cacciatori Avvio di un progetto di divulgazione sulla biologia della Beccaccia per le scuole dellobbligoAvvio di un progetto di divulgazione sulla biologia della Beccaccia per le scuole dellobbligo Assistenza ai prossimi corsi nazionali per inanellatori di Beccaccia in corso di organizzazione dallISPRAAssistenza ai prossimi corsi nazionali per inanellatori di Beccaccia in corso di organizzazione dallISPRA

17 La ricerca scientifica a partire dal marzo 2010 il CSB, in accordo con lI.S.P.R.A, ha iniziato la cattura notturna e linanellamento delle beccacce svernantia partire dal marzo 2010 il CSB, in accordo con lI.S.P.R.A, ha iniziato la cattura notturna e linanellamento delle beccacce svernanti Per tali attività è stato stabilito un coordinamento con la Tenuta Presidenziale di Castelporziano nella quale, in 10 anni sono stati catturati e inanellati oltre soggettiPer tali attività è stato stabilito un coordinamento con la Tenuta Presidenziale di Castelporziano nella quale, in 10 anni sono stati catturati e inanellati oltre soggetti E in corso lacquisizione della strumentazione per il rilevamento satellitare GPS che sarà utilizzata nel prossimo autunno invernoE in corso lacquisizione della strumentazione per il rilevamento satellitare GPS che sarà utilizzata nel prossimo autunno inverno

18 Linaugurazione del CSB, il 13 giugno 2010 è stato preceduto da unincontro tecnico-scientifico e dallassemblea degli affiliati a Beccacciai dItalia: nellimmagine alcuni dei relatori: da sinistra, il Presidente del Parco Lunardi, lAssessore alla Difesa Fauna della Provincia di Pisa Sanavio, Paolo Pennacchini e Roberto Della Camera di Beccacciai dItalia

19 Uno dei momenti del convegno, in primo piano la dottoressa Arianna Aradis dellI.S.P.R.A

20 Massimo Taddei (Provincia di Firenze) e Giuseppe Landucci con una delle prime catture del 2010

21 Armida: la prima Beccaccia catturata nel 2010 a S. Rossore

22 Una delle beccacce catturate, prima dellinanellamento

23 Marzo 2010: Riccardo Gambogi, Patrizia Giusti e Giuseppe Landucci alle prese con la fase di pesatura di una Beccaccia catturata

24 Inverno 2010: Giuseppe Landucci da le ultime istruzioni prima di una delle uscite di cattura della Beccaccia

25 Il pubblico, le autorità ed i Beccacciai di fronte alla sede del Centro Studi Beccaccia per linagurazione

26 Si scopre la targa e si inaugura il CSB. Da sinistra Paolo Pennacchini (Beccacciai dItalia), Andrea Acciai (Provincia di Pisa), Riccardo Gambogi (Tenuta di S. Rossore)

27 Riccardo Gambogi illustra la storia dellOsservatorio Ornitologico F. Caterini, sede del CSB.

28 La targa del CSB di S. Rossore

29 Linterno dellOsservatorio Ornitologico: lo studio del prof. Caterini, con una eccezionale collezione di materiale bibliografico e manoscritti sulla fauna ornitica di S. Rossore collezionati dal 1926

30 Da sinistra Paolo Pennacchini, Vito Mazzarone (Provincia di Pisa, responsabile Uff. Difesa Fauna), Mauro Baldocchi e Roberto Della Camera (Beccacciai dItalia)


Scaricare ppt "COSTITUZIONE E AVVIO DEL CENTRO REGIONALE DI STUDI SULLA BECCACCIA (Scolopax rusticola) DI SAN ROSSORE Provincia di Pisa Parco Regionale Migliarino, S."

Presentazioni simili


Annunci Google