La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto extracurricolare di Geografia Istituti Paritari Voltaire Classe I A Prof.ssa Iris Esposito.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto extracurricolare di Geografia Istituti Paritari Voltaire Classe I A Prof.ssa Iris Esposito."— Transcript della presentazione:

1

2 Progetto extracurricolare di Geografia Istituti Paritari Voltaire Classe I A Prof.ssa Iris Esposito

3 G uida alle più importanti città d I talia….

4

5 NAPOLI Napoli viene chiamata la capitale del Mezzogiorno. Nel VII secolo a.C. i coloni greci fondarono Partenope e Neapolis. Tra il XIII e il XVI secolo Napoli fu capitale degli Aragonesi e degli Angioini, quindi possedimento spagnolo.Da tempo Napoli è afflitta da gravi problemi di degrado (disoccupazione e lavoro nero, criminalità diffusa anche tra i minori), ma la città sta ritrovando la sua antica bellezza. Gli elementi più visibili di tale cambiamento sono la sistemazione di strade e piazze, lapertura di un nuovo tratto di metropolitana, del parco di San Giovanni a Teduccio e del parco archeologico di Posillipo.

6 Larea di Bagnoli è un simbolo del rilancio di Napoli, grazie a un centro congressi, a un parco scientifico. La Città della Scienza è un'iniziativa di promozione e divulgazione della scienza gestita dalla Fondazione IDIS-Città della Scienza e messa in atto attraverso un struttura multifunzionale sita nel quartiere di Bagnoli in Napoli, composta da un museo scientifico interattivo, un incubatore di imprese e un centro di formazione, sede di unantica università fondata nel La Città della Scienza purtroppo è stata recentemente bruciata, ma ora il Comune sta costruendo una nuova struttura dove ricollocare le invenzione scientifiche che hanno da sempre attirato turisti da tutte le parti dItalia. CITTA DELLA SCIENZA

7 In Campania si eleva il Vesuvio, vulcano famoso sin dall antichità, uno dei maggiori in Italia e in Europa, inattivo dal La sua altezza, al 2010, è di m; sorge all'interno di una caldera di 4 km di diametro. Quest'ultima rappresenta ciò che è rimasto dell'ex edificio vulcanico (Monte Somma) dopo la grande eruzione del 79 d.C., che determinò il crollo del fianco sud-orientale in corrispondenza del quale si è successivamente formato il cratere attuale. È attualmente l'unico vulcano attivo di tutta lEuropa continentale. IL VESUVIO

8 … COSE TIPICHE La cucina napoletana rappresenta un'identità culturale inconfondibile per la città partenopea. Il campionario della cucina vanta piatti come la pizza napoletana, gli spaghetti alle vongole, la pasta al ragù napoletano, la parmigiana di melanzane, gli gnocchi alla sorrentina e tanti altri. La cucina raggiunge inoltre un sostanziale equilibrio tra piatti di terra (pasta, verdure, latticini) e piatti di mare (pesce, crostacei, molluschi) e, ancora, grazie alle varie dominazioni ricevute, principalmente quella francese e quella spagnola, si è delineata nel tempo una netta distinzione tra quella che è definibile come "cucina aristocratica", caratterizzata da piatti con ingredienti ricchi (questi i casi dei timballi, del sartù di riso,ecc.) ed una "povera", legata ad ingredienti come cereali, legumi, verdure (questi i casi della pasta e fagioli, degli spaghetti aglio e olio, spaghetti alla puttanesca, ecc.). Celeberrima è anche la tradizione dolciaria napoletana. Tra le diverse specialità la più nota è probabilmente la sfogliatella; vi sono poi il babà e le zeppole, che a Napoli possono essere fritte o al forno. Ci sono poi dolci legati a festività, come la pastiera Pasquale; a Natale invece ci sono gli struffoli mentre a Carnevale le chiacchiere. Giocano un ruolo importante nella preparazione dei piatti anche i prodotti tipici del circondario napoletano, come la pasta locale, l'utilizzo della mozzarella di bufala campana, del pomodorino vesuviano, o San Marzano, i friarielli.

9 IL PALAZZO REALE… Il palazzo fu costruito nel 1600 da Domenico Fontana nello stesso posto in cui cera un'altra residenza vicereale, voluta cinquanta anni prima dal viceré don Pedro de Toledo. La scelta di costruire la nuova reggia nella stessa zona in cui sorgeva la "vecchia", testimonia l'importanza che aveva quella parte della città, che assicurava nello stesso tempo una certa vicinanza al porto e facilità di fuga in caso di invasioni nemiche. I lavori del palazzo andarono a rilento fino al 1610, quando subentrò al trono il viceré Pedro Fernández de Castro, anch'egli conte di Lemos. Al 1616 erano completate la facciata principale ed il cortile. Intorno al 1620, furono completati anche alcuni ambienti interni del palazzo, affrescati da Battistello Caracciolo, Giovanni Balducci e Belisario Corenzio, nonché fu ultimata la cappella Reale dell'Assunta, nella quale vi lavorò ventiquattro anni dopo Antonio Picchiatti eseguendo alcuni elementi decorativi. Durante gli anni fu arricchito da Gioacchino Murat e Carolina Bonaparte con decorazioni e arredamenti neoclassici.

10 PIAZZE, CORSI, MONUMENTI ecc… Piazza del Plebiscito sorge non molto distante da altri imponenti monumenti di Napoli, come l'adiacente Teatro San Carlo, la Galleria Umberto I, via Chiaia e il Maschio Angioino. Inoltre dalla piazza è visibile in alto la collina di san Martino sulla quale sorgono la Certosa di San Martino e il Castel SantElmo.

11 IL MASCHIO ANGIOINO.. Castel Nuovo, meglio noto come Maschio Angioino, è uno storico castello medievale e rinascimentale, nonché uno dei simboli della città di Napoli. Il castello domina la scenografica piazza Municipio ed è sede della Società napoletana di storia patria e del Comitato di Napoli dell'Istituto per la storia del Risorgimento italiano La sua costruzione si deve all'iniziativa di Carlo I dAngiò, che nel 1266, sconfitti gli Svevi, salì al trono di Sicilia e stabilì il trasferimento della capitale da Palermo alla città partenopea.

12 IL TURISMO…. Ischia Capri, Ischia e Procida sono celebri in tutto il globo per le proprie bellezze, i panorami suggestivi e le caratteristiche naturalistiche e culturali uniche al mondo. Capri Procida

13 Bologna

14 Bologna è uno dei principali centri italiani in campo economico sociale e culturale. Tale reputazione la accompagna fin dal medioevo, è infatti chiamata la Dotta, anche in riferimento alla sua università, una delle più antiche del mondo (risale alla seconda metà dellXI secolo).

15 Fondata nel IX secolo a.C con il nome di Feslina, Bologna divenne unimportante colonia romana ( Bononia) dopo la costruzione della via Emilia. Conobbe il massimo splendore nelletà dei Comuni (XI-XIVsecolo), durante la quale fiorirono i commerci e le attività culturali. Simboli della città sono le due torri pendenti degli Asinelli e della Garisenda, tra le poche superstiti delle oltre 200 torri medievali bolognesi. Per la sua ricchezza, Bologna viene anche denominata la Grassa: rivaleggia con Milano per i depositi bancari. Motivo della sua prosperità sono la posizione della città (nodo di comunicazioni di importanza fondamentale, con il secondo interporto dItalia dopo quello di Verona), una struttura economica ben organizzata e unefficiente rete di servizi pubblici.

16 La torre degli Asinelli

17 Le due torri (simbolo della città), entrambe pendenti, sono situate all'incrocio tra le vie che portavano alle cinque porte dell'antica cerchia di mura "dei torresotti". I nomi di Asinelli (la maggiore) e Garisenda (la minore) derivano dalle famiglie a cui tradizionalmente se ne attribuisce la costruzione, fra il 1109 ed il In realtà la scarsezza di documenti risalenti ad epoche così remote rende meno certa l'origine delle torri: per quello che riguarda la famiglia degli Asinelli, ad esempio, vengono citati in associazione alla famosa torre per la prima volta solo nel 1185, quasi settant'anni dopo la data presunta di costruzione. Si ritiene che l'Asinelli inizialmente fosse alta una sessantina di metri e che solo successivamente sia stata sopraelevata agli attuali 97,2 m (con uno strapiombo di 2,2 m).

18 San Marino Al confine tra la Romagna e le Marche, la Repubblica di San Marino è il più antico stato indipendente dEuropa. Oltre alla capitale, San Marino, i centri principali sono Borgo Maggiore e Serravalle.

19 San Marino ha siglato con lo stato italiano un trattato di unione doganale; inoltre adotta leuro. La principale risorsa economica è il turismo.

20

21 Firenze: la culla del Rinascimento … Firenze è una delle città darte più famose e amate del mondo. Per la ricchezza di palazzi, giardini, chiese e musei, dove sono raccolti alcuni dei maggiori capolavori mondiali della pittura e della scultura. Può essere definita un >. Può essere definita un >.

22 Le cartine

23 Piazza del duomo… Sorge nel cuore del centro storico di Firenze. È dominata dalla mole della cattedrale e degli edifici correlati come il Campanile di Giotto e il Battistero di San Giovanni, anche se l'ipotetica linea fra Via de' Martelli e Via Calzaiuoli divide la piazza in due sezioni, con il Battistero nell'omonima Piazza San Giovanni. Sorge nel cuore del centro storico di Firenze. È dominata dalla mole della cattedrale e degli edifici correlati come il Campanile di Giotto e il Battistero di San Giovanni, anche se l'ipotetica linea fra Via de' Martelli e Via Calzaiuoli divide la piazza in due sezioni, con il Battistero nell'omonima Piazza San Giovanni.

24 Il Campanile di Giotto E situato a fianco della cattedrale. Fu progettato da Giotto, da cui il nome, ma realizzato da Andrea Pisano e completato da Francesco Talenti. È alto 84 metri e progressivamente si alleggerisce nelle forme per la presenza di bifore e trifore. Interamente rivestito da marmi policromi bianchi, verdi e rosati, è decorato anche da numerose sculture e formelle, oggi in larga parte sostituite da copie e conservate nel Museo dell'Opera del Duomo. Fu progettato da Giotto, da cui il nome, ma realizzato da Andrea Pisano e completato da Francesco Talenti. È alto 84 metri e progressivamente si alleggerisce nelle forme per la presenza di bifore e trifore. Interamente rivestito da marmi policromi bianchi, verdi e rosati, è decorato anche da numerose sculture e formelle, oggi in larga parte sostituite da copie e conservate nel Museo dell'Opera del Duomo.

25 Galleria degli Uffizi La Galleria degli Uffizi è un importante museo italiano La Galleria degli Uffizi è un importante museo italiano situato a Firenze ed è uno dei più conosciuti e rilevanti al mondo. situato a Firenze ed è uno dei più conosciuti e rilevanti al mondo. L'edificio ospita una superba raccolta di opere d'arte inestimabili, derivanti, come nucleo fondamentale, dalle collezioni dei Medici, arricchite nei secoli da lasciti, scambi e donazioni, tra cui spicca un fondamentale gruppo di opere religiose derivate dalle soppressioni di monasteri e conventi tra il 18° e il 19° secolo

26 Piazza della signoria Piazza della Signoria è stata al centro della vita politica di Firenze fin dal XIV secolo. La Piazza ha visto realizzarsi importanti eventi storici e grandi trionfi, come il ritorno dei Medici nel Nel 1497 fu qui organizzato il Falò delle Vanità, promosso dal frate domenicano Girolamo Savonarola, che fece bruciare nella piazza migliaia di oggetti da lui ritenuti "peccaminosi", tra cui libri e dipinti. Solo un anno più tardi il Savonarola fu accusato di eresia e fu bruciato sul rogo nella stessa Piazza della Signoria, come ci ricorda una targa in marmo posizionata di fronte alla fontana del Nettuno.

27 Curiosità !!! 1)Piatto tipico di Firenze è la bistecca Fiorentina 2)In questa città sono nati parecchi filosofi il più importante : Galileo Galilei 3)Firenze è una delle mete turistiche preferite dagli americani 4) il Campanile di Giotto è ritenuto dagli stranieri uno dei monumenti più famosi in Italia

28 Genova,una città superba Genova è un importante emporio marittimo fin dal V secolo d. C. Fu per molti secoli capitale di una potente repubblica marinara, possedeva scali verso numerose aree del Mediterraneo. Così la città si arricchì di splendidi palazzi (tra cui il palazzo Ducale), strade e giardini. Per questo è stata definita la Superba. Molti palazzi nobiliari stati dichiarati Patrimonio mondiale dellumanità dell Unesco. Il monumento simbolo di Genova è la Lanterna, costruita nel XII secolo e riedificata nel XVI secolo. Il porto è il primo in Italia per traffico internazionale di navi e passeggeri.

29 Palazzo Ducale l Palazzo Ducale di Genova è uno dei principali edifici storici e musei del capoluogo ligure, già sede del dogato dell'antica Repubblica. Lasciato in abbandono per lungo tempo e adibito a sede degli uffici giudiziari, prima della costruzione negli anni settanta del nuovo palazzo di giustizia di Portoria, ha visto completare il suo restauro in occasione delle "Colombiadi" del 1992, con cui vennero commemorati Cristoforo Colombo ed il cinquecentenario della scoperta dell'America. Ospita al piano nobile importanti mostre d'arte, dibattiti e convegni (organizzati nelle sale affrescate del Maggior e del Minor Consiglio) e, nei cortili e porticati, negozi e punti di ristoro.

30 La Lanterna La Lanterna di Genova (o semplicemente "Lanterna") è il faro portuale del capoluogo della Liguria, la città un tempo Dominante dei mari. Oltre che strumento indispensabile alla navigazione notturna delle navi in entrata ed uscita dal porto, la Lanterna è anche il simbolo principe della genovesità, e come tale fa parte della storia della città. Edificata sulla collina promontorio di San Benigno, a poca distanza da Sampierdarena, è costituita da due tronchi di settantasei metri, e considerata nella sua monumentalità, che comprende lo storico scoglio sul quale si poggia raggiunge 117 metri d'altezza. Consiste in una torre su due ordini di sezione quadrata con terrazza alla sommità di ciascun ordine.

31 La città di Roma

32 ROMA capitale ….. Roma è il comune più esteso e popoloso d Italia, situato nella regione Lazio. Grande metropoli già nel mondo antico, la Città eterna svolge le funzioni tipiche di una moderna Capitale: vi fanno capo le maggiori linee di comunicazione aeree, stradali e ferrovie d Italia ed è il maggior centro politico e amministrativo del paese. Qui hanno sede la Presidenza della Repubblica, il Parlamento, il Governo, i ministeri, le ambasciate di stati esteri, organismi internazionale, partiti politici, sindacati, associazioni imprenditoriali, grandi banche, imprese nazionali ed estere, istituti di ricerca.

33 Il Colosseo …. Il Colosseo, originariamente conosciuto come Anfiteatro Flavio, è il più grande e importante anfiteatro del mondo. È situato nel centro della città di Roma, su un'area al limite orientale del Foro Romano. La sua costruzione fu iniziata da Vespasiano nel 72 d.C. e fu inaugurato da Tito nell'80, con ulteriori modifiche apportate durante il regno di Domiziano. Non più in uso dopo il VI secolo, l'enorme struttura venne variamente riutilizzata nei secoli, anche come cava di materiale. Il nome "Colosseo", che deriva dalla vicina statua del Colosso di Nerone, si diffuse solo nel Medioevo.

34 Ben presto l'edificio divenne simbolo della città imperiale. Oggi è una delle sue maggiori attrazioni turistiche. In epoca antica era usato per gli spettacoli di gladiatori e altre manifestazioni pubbliche (spettacoli di caccia, rievocazioni di battaglie famose e drammi basati sulla mitologia classica). La tradizione che lo vuole luogo di martirio di cristiani è in realtà priva di verità.

35 Il Foro Romano

36 La valle del Foro, paludosa e inospitale, venne utilizzata tra X e VII secolo a.C. come necropoli dei primi villaggi stanziati sulle colline circostanti. Secondo lo storico Tacito la piana del Foro, come pure il vicino colle del Campidoglio, furono aggiunti alla Roma quadrata (Palatino) di Romolo da Tito Tazio. Tito Livio e altri autori antichi raccontano che, poco dopo la fondazione di Roma, fu combattuta nell'area del futuro foro romano una grande battaglia tra Romani e Sabini.

37 .. Le Terme di Caracalla..

38 Le Terme di Caracalla o Antoniniane (dal nome della dinastia degli Antonini), costituiscono uno dei più grandiosi esempi di terme imperiali di Roma, essendo ancora conservate per gran parte della loro struttura e libere da edifici moderni. Furono volute dall'imperatore Caracalla sull'Aventino, tra il 212 e il 217 nei pressi del Circo Massimo. Le terme erano grandiose, ma destinate a un uso di massa per il popolino dei vicini quartieri popolari della XII Regio.

39 Le basiliche di Santa Maria

40 La basilica di Santa Maria Maggiore, conosciuta anche come Santa Maria della neve, Basilica liberiana(dal nome del tradizionale fondatore, papa Liberio), o come Santa Maria ad praesepium (per il fatto che in essa si conservano le tavole della mangiatoia nella quale fu deposto Gesù alla sua nascita) è una delle quattro basiliche papali di Roma. Collocata sulla sommità del colle Esquilino, è la sola ad aver conservato la primitiva struttura paleocristiana, sia pure arricchita da successive aggiunte. Il suo nome completo è Papale Arcibasilica Patriarcale Maggiore Arcipretale di Santa Maria Maggiore.

41 Le Basiliche di San Giovanni

42 L'Arcibasilica Laterana o Lateranense, meglio nota come San Giovanni in Laterano, è sita sul colle del Celio ed è la sede ecclesiastica ufficiale del Papa. È inoltre la prima delle quattro basiliche papali e la più antica e importante basilica d'Occidente. La basilica e il vasto complesso circostante (comprendente il Palazzo Pontificio del Laterano, il Palazzo dei Canonici, il Pontificio Seminario Romano Maggiore e la Pontificia Università Lateranense), pur essendo territorio della Repubblica Italiana, godono dei privilegi di extraterritorialità riconosciuti alla Santa Sede che pertanto ne ha piena ed esclusiva giurisdizione.

43 Roma e la Politica A Roma ci sono i palazzi Farnese, di Montecitorio (sede della Camera dei deputati) e del Quirinale (residenza del presidente della Repubblica).

44 Milano: LA STORIA La metropoli lombarda sorge nella porzione superiore della Val Padana, tra i corsi del Ticino e dell'Adda. Importantissimo polo d'attrazione a livello nazionale, vertice industriale per vastità di attività economiche legate al commercio, alla finanza ed al terziario in genere, è cardine portante dell'economia italiana. Città di ampio respiro culturale, possiede notevoli e qualificati monumenti. Antica sede gallica, divenne la romana Mediolanum; successivo possesso dei cosiddetti barbari, divenne importante caposaldo dei Longobardi. Nell 11° sec. la città, assai prospera e fiorente, creava le premesse al libero Comune. Possedimento dapprima dei Visconti e degli Sforza in seguito, sarà poi occupata dai Francesi e dagli Spagnoli.

45 Il Duomo Piazza del Duomo è la piazza principale di Milano, è il centro vitale della metropoli. La piazza ha una superficie di circa metri quadrati, è di forma rettangolare, con gli edifici disposti in funzione del Duomo che chiude la prospettiva di sfondo della piazza. Dominata dall'imponente fronte gotica del Duomo e decorata al centro dal Monumento Equestre a Vittorio Emanuele II, la piazza è circondata da svariate architetture di periodi diversi: sorge di fronte al Duomo Palazzo Carminati, mentre ai lati della piazza si contrappongono i Portici Meridionali e Settentrionali. Questi ultimi danno accesso alla Galleria Vittorio Emanuele II.

46 La basilica di SantAmbrogio La basilica di Sant'Ambrogio, il cui nome completo è Basilica Romana Minore Collegiata Abbaziale Prepositurale di Sant'Ambrogio, è una delle più antiche chiese di Milano e si trova in Piazza Sant'Ambrogio. Essa rappresenta ad oggi non solo un monumento dell'epoca paleocristiana e medioevale, ma anche un punto fondamentale della storia milanese e della chiesa ambrosiana. Essa è tradizionalmente considerata la seconda chiesa per importanza della città di Milano.

47 Basilica di Santa Maria delle grazie La chiesa di Santa Maria delle Grazie è appartenente all'Ordine Domenicano. Edificata fra il 1492 e il 1493 per volere del Duca di Milano Ludovico il Moro come mausoleo per la propria famiglia, costituisce una delle più alte realizzazioni del Rinascimento nell'Italia settentrionale. Fu classificato come patrimonio dell'umanità dall'Unesco, insieme con l'affresco del Cenacolo di Leonardo da Vinci che si trova nel refettorio del convento (di proprietà del Comune di Milano).

48 LUltima Cena L'Ultima Cena è un dipinto parietale a tempera grassa su intonaco (460×880 cm) di Leonardo da Vinci, databile al e conservato nell'ex-refettorio del convento adiacente al santuario di Santa Maria delle Grazie a Milano. A causa della singolare tecnica sperimentale utilizzata da Leonardo, incompatibile con l'umidità dell'ambiente, versa da secoli in un cattivo stato di conservazione, che è stato migliorato nel corso di uno dei più lunghi e capillari restauri della storia. Nel 2008 il Cenacolo è stato visitato da ben persone.

49 Il castello sforzesco Il Castello Sforzesco è uno dei principali simboli di Milano e della sua storia. Fu costruito nel XV secolo da Francesco Sforza, divenuto da poco Duca di Milano, sui resti del Castello di porta Giovia, e nei secoli ha subito notevoli trasformazioni. Fra il 500 e il 600 era una delle principali cittadelle militari d'Europa; ora è sede di importanti istituzioni culturali e meta turistica.

50 SAN SIROSAN SIRO Lo Stadio Giuseppe Meazza (fino al 1980 Stadio San Siro, dal nome del quartiere in cui sorge) è uno stadio calcistico di Milano ed il più capiente d'Italia, con posti complessivi (di cui distribuiti nei tre anelli), nonché uno degli impianti calcistici più famosi e prestigiosi del mondo, tanto da essere stato soprannominato La Scala del Calcio. L'impianto ospita gli incontri interni del Milan e dell'Inter. Destinato prevalentemente al calcio, fin dagli anni settanta ospita anche concerti di grande richiamo internazionale; nel 2009 ha anche ospitato un incontro della Nazionale italiana di rugby impegnata contro la Nuova Zelanda, facendo registrare la massima affluenza in Italia per un incontro di tale disciplina.

51 Per i Canali di Venezia..

52 Capitale, dal XII secolo alla fine del Settecento, di una repubblica marinara che rappresentò la più importante potenza commerciale del Mediterraneo, Venezia è una città unica al mondo, che ogni anno attira milioni di visitatori: è costruita infatti su 121 isole all interno della laguna, collegate da oltre 400 ponti e separare da decine di canali (il più ampio e famoso è il sinuoso Canal Grande) percorsi da gondole, motoscafi e vaporetti. Centinaia di palazzi, chiese, monumenti – dal palazzo Ducale alla Cà d Oro, dalla basilica di San Marco a Santa Maria Gloriosa dei Frari – si specchiano nelle acque dei canali e testimoniano della ricchezza dei secoli passati.

53 I tanti musei – dalle gallerie dell Accademia alla collezione Guggenheim – ospitano preziosissime raccolte d arte, e anche alcune aree industriali dismesse, come l Arsenale, sono state adibite a spazi per mostre ed eventi culturali. Venezia è anche teatro di manifestazioni folkloristiche di grande fascino, quali il celebre carnevale (uno dei piùfamosi del mondo), che oltre ai ricchi costumi e alle tradizionali sfilate vede anche lo svolgersi di importanti manifestazioni artistiche e culturali, e la Vogalonga, nel corso della quale sul Canal Grande si svolge una gara di gondole (una per ogni quartiere della città).

54 Il Palazzo Ducale..

55 Il Palazzo Ducale, uno dei simboli della città di Venezia e capolavoro del gotico veneziano, sorge nell'area monumentale di Piazza San Marco, tra la Piazzetta e il Molo. Antica sede del Doge e delle magistrature veneziane, ne ha seguito la storia, dagli albori sino alla caduta, ed è oggi sede del Museo Civico di Palazzo Ducale e fa parte della Fondazione Musei Civici di Venezia (MUVE).

56 Le Basiliche di San Marco..

57 La basilica di San Marco a Venezia è la chiesa principale della città, cattedrale e sede del Patriarca. È uno dei principali monumenti di piazza San Marco, che da essa prende il nome. Sino alla caduta della Repubblica Serenissima è stata la chiesa palatina dell'attiguo palazzo Ducale, retta a prelatura territoriale sotto la guida di un primicerio nominato direttamente dal doge. Ha assunto il titolo di cattedrale a partire dal 1807, quando fu qui trasferito dall'antica cattedrale di San Pietro di Castello.

58 Perugia

59 Perugia Capoluogo della regione, di antiche origini, sorta sulle pendici di un colle che domina la val Tiberina, conserva un bel centro storico medievale ricca di tesori artistici, è una meta turistica di primordine. E sede di una delle più antiche università italiane e della maggiore università stranieri di Italia. Ogni anno dal 1973 ospita una delle più importanti manifestazioni dEuropa: lUmbria Jazz.

60 Terni Ritenuta il secondo capoluogo della regione, è posta ai margini di una fertile conca sul fiume Nera e ha un aspetto industriale e moderno; venne quasi completamente ricostruita dopo i gravi danni subiti nella seconda guerra mondiale.

61 Spoleto Conserva importanti testimonianze artistiche dellantichità del Medioevo ed è famosa nel mondo per il Festival dei Due Mondi, manifestazione di teatro, musica, danza e cinema

62 Assisi E uno dei maggiori centri della fede cattolica nel mondo; patria di San Francesco e di Santa Chiara, conserva chiese e basiliche impreziosite da opere di grandi artisti del Medioevo

63 Foligno Terza città umbra, è un importante centro industriale e commerciale e il maggior nodo di comunicazioni della regione.


Scaricare ppt "Progetto extracurricolare di Geografia Istituti Paritari Voltaire Classe I A Prof.ssa Iris Esposito."

Presentazioni simili


Annunci Google