La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Porto Marghera negli scenari urbanistici e di pianificazione di area vasta Venezia, gennaio 2006 a cura di Turiddo Pugliese turiddo.pugliese@comune.venezia.it.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Porto Marghera negli scenari urbanistici e di pianificazione di area vasta Venezia, gennaio 2006 a cura di Turiddo Pugliese turiddo.pugliese@comune.venezia.it."— Transcript della presentazione:

1 Porto Marghera negli scenari urbanistici e di pianificazione di area vasta
Venezia, gennaio 2006 a cura di Turiddo Pugliese

2 Il sistema infrastrutturale di riferimento: Venezia e la rete infrastrutturale europea

3 Il sistema infrastrutturale di riferimento: Le grandi infrastrutture di progetto dell’area veneziana

4 Il sistema infrastrutturale di riferimento: Il sistema della mobilità comunale

5 Processo di costruzione di Porto Marghera
Una delle più grandi zone industriali costiere d’Europa Progettata e realizzata in progress con interventi finanziati dallo Stato perché riconosciuta fattore di sviluppo dell’economia nazionale. Piano regolatore Portuale di VE – Il Porto a Marghera Definizione 1^ zona industriale Inizio lavori Definizione 2^ zona industriale aziende addetti aziende addetti L. 397 Istituzione III^ zona industriale aziende addetti aziende addetti 260 aziende addetti 303 aziende addetti 296 aziende addetti addetti

6

7

8

9

10

11 1962

12 1968

13 Cosa era Porto Marghera all’inizio degli anni ‘90
PORTO MARGHERA È UNA ZONA INDUSTRIALE COSTIERA caratterizzata dalla DIMENSIONE SPAZIALE CIRCA 2000 HA OCCUPAZIONALE CIRCA ADDETTI SPECIFICITÀ DEL SITO VICINANZA A VENEZIA PRESENZA DI AZIENDE INDUSTRIA TRASFORMAZIONE MATERIE PRIME GRANDI DIMENSIONI –80 aziende con più di 20 addetti sulle 350 presenti RILEVANTE PER IL SISTEMA ECONOMICO E TERRITORIALE VENEZIANO Influenza il mercato del lavoro locale Rappresenta la gran parte della disponibilità di aree produttive dell’area veneziana Definisce i fattori che determinano l’organizzazione territoriale ed urbana dell’area veneziana DOTATA DI NOTEVOLI POTENZIALITÀ Prossimità al sistema nord – est Nodo logistico Manodopera di alta professionalità

14 La crisi di Porto Marghera
LA CRISI DI PORTO MARGHERA (anni ’90) VENIVA DA LONTANO: CONSEGUIVA ALLA RIORGANIZZAZIONE COMPLESSIVA DEL SISTEMA DELLE LAVORAZIONI PRIMARIE ERA DEL TUTTO SIMILE A QUELLA DI ALTRE ZONE INDUSTRIALI COSTIERE ERA APPESANTITA DA FATTORI LOCALI effetti locali della crisi economica ed industriale nazionale scarsa capacità dell’area di attrarre nuove iniziative imprenditoriali DIPENDEVA DALLA INCAPACITÀ DEGLI ORGANISMI LOCALI AD AFFRONTARE E INVERTIRE LE TENDENZE IN ATTO effetti negativi della pluralità e sovrapposizione di competenze QUESTIONI EMERGENTI LA QUESTIONE AMBIENTALE E LE CONTRADDIZIONI DEL RAPPORTO TRA SALVAGUARDIA E SVILUPPO

15 Anni ‘90 Il progetto Porto Marghera
OBIETTIVO: RILANCIO DI PORTO MARGHERA COME POLO PRODUTTIVO, INNOVATIVO, COMPATIBILE CON IL DELICATO AMBIENTE NATURALE E COSTRUITO, ALL’INTERNO DEL QUALE SI COLLOCA. Motivazioni POTENZIALITÀ COME ZONA PRODUTTIVA E PORTUALE RILANCIO COME CONDIZIONE DI SVILUPPO PER VENEZIA IL COMUNE HA INCLUSO IL RISANAMENTO AMBIENTALE E LA RICONVERSIONE INDUSTRIALE DI PORTO MARGHERA TRA LE PROPRIE PRIORITÀ PROGRAMMATICHE E HA PREDISPOSTO UN PROGETTO UNITARIO DI RIQUALIFICAZIONE DEL POLO INDUSTRIALE

16 La crisi di PORTO MARGHERA La posizione degli altri soggetti
-

17 Il progetto Porto Marghera La variante al P.R.G. per Porto Marghera

18 Il progetto Porto Marghera La variante al P.R.G. per Porto Marghera
IL SISTEMA DEGLI OBIETTIVI VALORIZZARE LA FUNZIONE PORTUALE COMMERCIALE ED INDUSTRIALE CREARE CONDIZIONI DI COMPATIBILITÀ TRA LA ZONA INDUSTRIALE E LA CITTÀ CIRCOSTANTE 3. RIORGANIZZARE IL SISTEMA RELAZIONALE, SECONDO LA TRIPLICE OTTICA DI: MIGLIORARE I COLLEGAMENTI FERROVIARI CREARE RACCORDI STRADALI CON L’ENTROTERRA PRODUTTIVO SEPARARE IL TRAFFICO INDUSTRIALE DAL TRAFFICO URBANO RISCRIVERE LE REGOLE INSEDIATIVE

19 Il progetto Porto Marghera La variante al P.R.G. per Porto Marghera
LE AZIONI SIGNIFICATIVE: L’USO STRATEGICO DELLE RISORSE DISPONIBILI (FINANZIAMENTI, INCENTIVI, AREE, ECC..) LA PROMOZIONE DI PROTOCOLLI D’INTESA CON SOGGETTI TITOLARI DI COMPETENZE SULL’AREA LA DEFINIZIONE DI INTERVENTI DI CARATTERE INFRASTRUTTURALE DI RILEVANZA TERRITORIALE UNA ZONIZZAZIONE DELLE AREE FUNZIONALE ALLA VALORIZZAZIONE DELLE POTENZIALITÀ LA DEFINIZIONE DI MODALITÀ DI MODI D’USO DELLE AREE in grado di assicurare la flessibilità necessaria ai processi di riqualificazione che si intendono promuovere e, allo stesso tempo, capaci di fornire le certezze richieste dalle forze imprenditoriali

20 Cos’è oggi Porto Marghera

21 Porto Marghera: Cosa è PORTO MARGHERA È UNA ZONA INDUSTRIALE COSTIERA caratterizzata dalla GRANDE DIMENSIONE SPAZIALE CIRCA 2000 HA OCCUPAZIONALE CIRCA ADDETTI SPECIFICITÀ DEL SITO VICINANZA A VENEZIA RILEVANTE PER IL SISTEMA ECONOMICO E TERRITORIALE VENEZIANO Influenza il mercato del lavoro locale Rappresenta la gran parte della disponibilità di aree produttive dell’area veneziana Definisce i fattori che determinano l’organizzazione territoriale ed urbana dell’area veneziana DOTATA DI NOTEVOLI POTENZIALITÀ Prossimità al sistema nord – est Nodo logistico Manodopera di alta professionalità

22 Porto Marghera: Cosa è Superficie complessiva: circa 2000 ettari suddivisa in: 1400 ettari per attività industriali 340 ettari per i canali e gli specchi d’acqua 120 ettari per il porto commerciale 80 ettari per strade, ferrovie e servizi 40 ettari di zone demaniali Dotazione infrastrutturale 18 km di canali marittimi 40 km di strade interne 135 km di rete ferroviaria interna (fonte Ente Zona Industriale 1998)

23 Occupati a Porto Marghera per settore di attività - 2004
Porto Marghera: Cosa è Occupati a Porto Marghera per settore di attività Fonte: Ente della Zona Industriale di Porto Marghera Totale addetti in 306 Unità locali

24 La nuova crisi di Porto Marghera

25 Porto Marghera: i problemi di carattere ambientale
Lo sviluppo delle potenzialità di Porto Marghera è condizionato da alcuni problemi di carattere ambientale relazionabili al fatto che: la materia è regolata da dispositivi normativi inadeguati ad un’area di queste dimensioni (conflitto di competenze tra Stato e Enti locali); la strategia di intervento prevista dal Master plan per le bonifiche è solo parzialmente estendibile al territorio più ampio del sito di interesse nazionale; la strategia di intervento non coniuga in modo adeguato la bonifica dei suoli con il riutilizzo produttivo delle aree; l’iter procedurale dei piani di caratterizzazione e dei progetti di bonifica risulta particolarmente complesso; il ruolo degli enti locali nel processo di risanamento di Porto Marghera non è sufficientemente valorizzato; le incertezze sul futuro della chimica a Porto Marghera; la scarsità delle risorse disponibili per gli interventi; le attese speculative sui valori immobiliari delle aree dismesse.

26 Porto Marghera: Criticità della viabilità
L’area di Porto Marghera è caratterizzata da alcuni problemi di accessibilità e da tratti di viabilità nei quali intersezioni inadeguate o sezioni stradali insufficienti producono frequentemente accodamenti di estensione eccezionale o che in ogni caso provocano una caduta del livello di servizio che si ripercuote sull’intero sistema della circolazione: Accesso da sud limitato dalla sezione della via Padana Superiore (che connette la SS309 “Romea” a via F.lli Bandiera e via dell’Elettricità); unitamente alla rilevante congestione all’intersezione della SS309 con il sistema Tangenziale (rotatoria di Marghera-Villabona); Insufficiente accessibilità veicolare all’area del Parco Scientifico e Tecnologico; Il cavalcavia della Vempa presenta rilevanti problemi nell’intreccio delle provenienze da sud Marghera (via F.lli Bandiera, via Rizzardi) e da ovest raccordo autostradale da Villabona e rampe della Tangenziale; [1] Fonte: Area Mobilità, Direzione Centrale Sviluppo e Territorio Comune di Venezia

27 Porto Marghera: Cosa è Oltre alla Marghera problematica della aziende del settore petrolchimico e delle aziende del settore energia esistono anche altre Marghera, dove più concretamente e velocemente si sta attuando il progetto di riconversione pensato agli inizi degli anni 90. esiste la Marghera dell’altra industria che, pur ancora segnata da situazioni non risolte, comprende anche realtà produttive che hanno saputo rinnovarsi e riposizionarsi positivamente rispetto al proprio contesto di mercato; esiste la Marghera del Parco Scientifico Tecnologico, che non comprende solo le aree destinate a tale funzione dallo strumento urbanistico vigente, ma coinvolge anche le pertinenze di realtà industriali a queste prossime che in questa fase hanno avviato ripensamenti funzionali della loro missione produttiva. Questa Marghera è particolarmente ricettiva dei processi innovativi che sono maturati negli ultimi anni: il Distretto dell’Idrogeno, le Nanotecnologie; ecc. esiste la Marghera dell’Isola portuale e della logistica, fortemente interessata da interventi di riconversione industriale che rispecchiano il forte sviluppo della funzione portuale degli ultimi anni; esiste infine la Marghera del Terziario Urbano, nella quale si stanno sviluppando e si prospettano interventi di rifunzionalizzazione di notevole rilevanza;

28 Interventi in itinere

29 Porto Marghera: le novità
In estrema sintesi le novità a Porto Marghera possono essere identificate in: nuovi insediamenti industriali legati alle piccole e medie imprese; viabilità strategica per separare maggiormente traffico urbano e traffico pesante industriale; interesse imprenditoriale per lo sviluppo di piattaforme logistiche di vario tipo; sblocco parziale dell'escavo dei canali industriali; determinazione del periodo entro il quale alcuni impianti chimici dovranno lasciare l'area (entro 10 anni, entro 5 anni eliminare il fosgene); avvio del Progetto Integrato Fusina per la depurazione delle acque industriali; completamento degli insediamenti legati al Parco Scientifico Tecnologico avvio di progetti legati ai settori innovativi (idrogeno, biotecnologie, nanotecnologie, bioetanolo e carburanti ecologici, impianti per termovalorizzazione rifiuti e depurazione acque) di una concertazione ampia tra le diverse istituzioni e soggetti competenti per delineare il futuro dell'area trasmissione al Ministero dell’Ambiente del parere regionale nella procedura di Valutazione d’Impatto Ambientale statale relativo all’intervento di sostituzione delle celle a mercurio con celle a membrana nella stabilimento Syndial di Porto Marghera.

30 Il Consorzio portualità, intermodalità e logistica Venezia-Treviso
Il Consorzio, istituito nel novembre 2003, sulla base della L. R. n. 8 del “Disciplina dei distretti produttivi ed interventi di politica industriale locale", si propone: di creare un tavolo comune per tutti gli Attori interessati allo sviluppo della logistica, delle sue attività annesse ed infrastrutture necessarie; di raccogliere la sfida della globalizzazione dei mercati e del decentramento produttivo e di promuovere l’area veneziana quale magnete logistico per il centro Europa; di fidelizzare una cultura logistica propria del distretto, unico nel Veneto per la presenza delle 5 modalità di trasporto e promuoverlo all’estero; di sviluppare una piattaforma logistica virtuale intesa come punto di incontro tra domanda-offerta di trasporto, finalizzata anche a ridurre gli impatti ecologici di promuovere il recupero e l’individuazione di aree a parchi logistici dove oltre alla custodia-controllo in radiofrequenza, si effettuano lavorazioni a valore aggiunto delle merci; di cogliere le opportunità della legge regionale n. 8/2003 e di quante altre, nazionali-comunitarie, si propongano lo sviluppo del settore favorendo il rilancio delle sue imprese; di favorire strategie di innovazione logistica per aiutare il sistema produttivo locale ad accrescere la propria competitività internazionale e per ridurre l’impatto ambientale delle attività di trasporto

31 Strumenti di intervento a Porto Marghera Il nuovo contesto di riferimento

32 Strumenti di intervento a Porto Marghera
Urbanistici Variante PRG Terraferma Adottata con deliberazione del Consiglio Comunale n. 16/1999 Approvazione in corso Variante PRG Porto Marghera Adottata con deliberazione del Consiglio Comunale n. 258/1995 Approvata il 9 febbraio 1999 Piano Regolatore Portuale per la sezione di Porto Marghera Ambientali Legge 426/1998 sui “Nuovi interventi in campo ambientale” Accordo di Programma per la Chimica di Porto Marghera Sottoscritto il 21 ottobre 1998 Approvato con DPCM 12 febbraio 1999 Atto integrativo all’Accordo di Programma Sottoscritto il 15 dicembre 2000 Ratificato con DPCM 15 novembre 2001 Master Plan per la bonifica dei siti inquinati di Porto Marghera

33 Evoluzione del quadro normativo di riferimento 1/2
Provvedimenti legislativi di carattere generale D.Lgs n. 22/1997 (Decreto Ronchi) Nuovi interventi in campo ambientale Competenze e procedure Legge n. 426/1998 Individuazione siti di interesse nazionale DPM n. 471/1999 Decreto attuativo Legge n. 22/1997 DM n. 468/2001 Finanziamento interventi nei siti di interesse nazionale (Legge n. 426/98)

34 Ambiti di riferimento ambientali
Confine comunale Perimetrazione Sito Nazionale L.426/1998 Perimetrazione zona industriale (variante PRG) Perimetrazione zona industriale (adottata dal Master Plan) Comune di Venezia - Servizio Pianificazione Ambientale

35 Porto Marghera: i soggetti
La specialità dell'area portuale ed industriale e le complesse questioni che la riguardano determinano un insieme di interessi ed attori vasto e variegato, ognuno con sua specifica competenza: Stato (Ministero Ambiente e Tutela del Territorio, Ministero Attività Produttive, Ministero Infrastrutture e Trasporti, Magistrato alle Acque), Regione Veneto, Provincia di Venezia, Comune di Venezia, Arpav, Promomarghera, Immobiliare Veneziana, Associazioni Sindacali, Unindustria, Ente Zona Industriale, aziende multinazionali e locali

36 Posizione dello stato Secondo il Ministero delle Attività Produttive il termine del 31 dicembre 2015 individuato con deliberazione n del 25 ottobre 2005 dalla Giunta Regione Veneto rende antieconomica la realizzazione dell’investimento per la modifica dell’impianto di cloro soda con celle a membrana. Pertanto, nella riunione del Tavolo nazionale per la chimica che si è tenuta il 16 novembre 2005, “il Ministero delle Attività Produttive si è impegnato ad adoperarsi, d’intesa con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, affinché tale termine venga spostato al 31 dicembre 2025”; Piano degli obiettivi di politica industriale del MAP Per favorire il consolidamento della chimica di base il Ministero delle Attività Produttive propone: la riqualificazione dei siti produttivi finalizzata alla piena valorizzazione dei centri più efficienti e all’abbandono delle attività non risanabili; la riconversione industriale verso produzioni a minore impatto sull’ambiente anche attraverso lo sviluppo di PMI ed il miglioramento delle relazioni tra il sistema industriale e il mondo della ricerca scientifica; lo sviluppo di progetti di ricerca finalizzati a rafforzare la capacità innovativa del sistema produttivo italiano.

37 La posizione della regione Veneto
nella seduta del 6 ottobre 2005 il Consiglio regionale ha approvato la risoluzione n. 7/2005 relativa alla “Situazione del polo chimico di Marghera”, in cui si ribadisce che “sarà garantita la certezza operativa degli impianti per tutto il periodo di ammortamento economico degli stessi” e si invita la Giunta regionale ad attivarsi in tempi strettissimi per il completamento dell’iter ai fini del rilascio delle concessioni per l’adeguamento degli impianti del cloro-soda, con la sostituzione delle celle a mercurio con celle a membrana; con deliberazione n del 25 ottobre 2005 la Giunta regionale ha individuato il 31 dicembre 2015 quale data improrogabile per le dismissioni della chimica del cloro da Porto Marghera. La DGR n /2005 stabilisce inoltre che il parere regionale da inviare al Ministero dell’Ambiente per la procedura di Valutazione d’Impatto Ambientale sia inviato contestualmente all’intesa tra la Regione Veneto e Syndial spa, che l’impresa dovrebbe sottoscrivere accettando la data del 31 dicembre come termine perentorio per la dismissione totale della chimica del cloro.

38 Programma Regionale di Sviluppo (P.R.S.) 2005
Il “Piano Quadrifoglio” Il Progetto per Venezia si compone di varie azioni complesse per dare risposte ai problemi derivanti dalle quattro dimensioni prese in esame. Il “Piano Quadrifoglio” costituisce la prima di tali azioni ed è diretta ad affrontare le tematiche più urgenti. Il “Piano” comprende politiche ed iniziative per: a) la salvaguardia fisica e difesa ambientale; b) la riqualificazione di Porto Marghera e prospettive di sviluppo; c) il sistema infrastrutturale e della mobilità intorno al nodo di Marghera e del suo entroterra; d) la rivitalizzazione economica e sociale di Venezia e della sua terraferma.

39 Programma Regionale di Sviluppo (P.R.S.) 2005
La riqualificazione di Porto Marghera e prospettive di sviluppo 1/2 Gli impianti a rischio di incidente di Porto Marghera dovranno essere ristrutturati o delocalizzati o dismessi in funzione di due non aggirabili “motori” di trasformazione: le direttive europee perla prevenzione dei rischi e dell’inquinamento e le trasformazioni dei cicli della chimica dipendenti dalle modificazioni della domanda e dell’organizzazione della distribuzione. Secondo quanto previsto dal PRS oltre agli adempimenti derivanti dalle disposizioni comunitarie è necessario che siano assunte misure affinché siano messi in sicurezza e bonificati i siti dismessi o contaminati sulla base del “master plan” in via di completamento, individuando peraltro preliminarmente le destinazioni d’uso nella prospettiva di fare dell’area la cerniera fra la Venezia insulare e quella di terraferma, tra le funzioni del porto, della logistica, della cantieristica e delle produzioni tecnologicamente avanzate, sviluppando il grande progetto del parco scientifico e tecnologico mediante la trasformazione nel medio lungo periodo delle caratteristiche produttive. Orizzonte temporale per l’individuazione delle attività economiche sostitutive il

40 Programma Regionale di Sviluppo (P.R.S.) 2005
La riqualificazione di Porto Marghera e prospettive di sviluppo 2/2 Settori su cui puntare per i nuovi insediamenti: logistica, cantieristica, terziario innovativo, ricerca e sviluppo, chimica di terza generazione, beni e servizi connessi con l'industria turistica, produzioni compatibili con l’ambiente Porto Marghera e l’area veneziana potrebbero diventare la piattaforma logistica dell’intero sistema metropolitano veneto in una logica integrativa con il polo veronese e padovano.

41 Documento strategico regionale
Documento strategico regionale. Programmazione dei Fondi strutturali Priorità specifiche Bonifiche e recupero delle aree dismesse Le priorità per la gestione dei siti contaminati e delle aree industriali dismesse possono essere sintetizzate in: - trattamento dei siti contaminati e inquinati, incluse vecchie discariche e acque sotterranee ai fini del riutilizzo, in particolare nell’area di Porto Marghera; - finanziamento di attività di monitoraggio e controllo del grado di inquinamento dei siti; - rimozione di strutture obsolete (edifici, rotaie, macchinari, ecc.), rifiuti ed altri elementi che ostacolino il riutilizzo del suolo, in particolare nell’area di Porto Marghera; supporto a ricerca, innovazione, scambio di conoscenze e best practices in materia di gestione di siti contaminati (ad esempio bioremediation, phitoremediation, ecc). Sono, inoltre, contemplate priorità nelle seguenti tematiche: - valutazione del rischio associato ai siti contaminati; - sostegno ad attività di informazione e formazione in materia di rischio associato ai siti contaminati, in particolare nell’area di Porto Marghera.

42 Documento strategico regionale
Documento strategico regionale. Programmazione dei Fondi strutturali Priorità specifiche Rischio tecnologico Le priorità per l’ambito rischio tecnologico possono essere sintetizzate in: - dotazione di attrezzature contro i disastri (piani antincendio, ospedali da campo, attrezzature contro il rischio chimico, biologico, radiologico e nucleare, sistemi di telecomunicazioni mobili, ecc.), in particolare nel sito industriale di Porto Marghera; realizzazione e/o potenziamento di infrastrutture per l’addestramento al rischio e attività di esercitazione di protezione civile (evacuazione di territori edificati, piani di emergenza), in particolare nel sito industriale di Porto Marghera; La mobilità delle merci In relazione al trasporto delle merci sono individuabili due ordini di priorità: potenziamento dell'accesso alle piattaforme logistiche presenti sul territorio, ovvero porti, interporti, aeroporti, mediante interventi finalizzati ad aumentarne la velocità di accesso e la competitività all’interno dei cicli produttivi e di distribuzione. l’opportunità di un coordinamento delle politiche trasportistiche dell'alto Adriatico allo scopo di gestire in modo coordinato lo sviluppo dei porti di Venezia – Trieste – Capodistria e gli aeroporti di Venezia e Trieste.

43 Documento strategico regionale
Documento strategico regionale. Programmazione dei Fondi strutturali Priorità specifiche La mobilità delle merci In relazione al trasporto delle merci sono individuabili due ordini di priorità. potenziamento dell'accesso alle piattaforme logistiche presenti sul territorio, ovvero porti, interporti, aeroporti, mediante interventi finalizzati ad aumentarne la velocità di accesso e la competitività all’interno dei cicli produttivi e di distribuzione. l’opportunità di un coordinamento delle politiche trasportistiche dell'alto Adriatico allo scopo di gestire in modo coordinato lo sviluppo dei porti di Venezia – Trieste – Capodistria e gli aeroporti di Venezia e Trieste.

44 La posizione della provincia

45 Documento preliminare al PTCP della Provincia di Venezia
obiettivo strategico 9. Promuovere il sistema economico provinciale attraverso i distretti produttivi e la riqualificazione di Porto Marghera. Il destino dell’area industriale di Porto Marghera deve essere affrontato in maniera decisa e condivisa tra i diversi livelli amministrativi con il ruolo determinante delle parti sociali. In particolare il Documento preliminare propone di: risolvere le questioni infrastrutturali di accesso all’area, siano esse l’escavo dei canali portuali o gli interventi di viabilità programmati, per dare nuova prospettiva ai traffici portuali e per mitigarne l’impatto rispetto al quartiere urbano; dare piena attuazione ai progetti inseriti nella VPRG per porto marghera; sviluppare le attività del settore energia, della cantieristica e del vetro e dei settori in via di trasformazione, quale la chimica; favorire i settori della ricerca e dell’innovazioni a partire dai recenti progetti (idrogeno, nanotecnologie e logistica) fino ad ipotizzare la costruzione di un “distretto della conoscenza”.

46 Programma di mandato dell’Amministrazione comunale
L’Amministrazione comunale si propone di: procedere a una verifica complessiva dello stato di attuazione dell'Accordo della chimica del '98 completare la messa in sicurezza della penisola del petrolchimico bonificare i siti inquinati attuare un sistema di monitoraggio delle fonti di inquinamento favorire la trasformazione o l’insediamento di attività produttive a Porto Marghera attuare azioni di controllo e di riduzione del rischio industriale promuovere nuove produzioni chimiche compatibili attrarre nuovi investitori nelle aree industriali dismesse completare il Parco Scientifico e Tecnologico sviluppare la cooperazione tra Università, ricerca e produzione all’interno del Parco Scientifico e Tecnologico

47 Cos’è il piano strategico
Il Piano Strategico è un documento di programmazione concertata finalizzato a individuare gli obiettivi e a generare quelle decisioni e quelle azioni che si considerano fondamentali per realizzare la visione del futuro desiderato dai principali agenti sociali ed economici della città. Esso si caratterizza per i seguenti fattori: è costruito in collaborazione continua con tutte le forze sociali che agiscono sul territorio; ha come obiettivo l’identificazione della visione, il progetto comune per la città del futuro; ricerca i punti di coerenza nelle azioni di tutti i soggetti coinvolti: verso la “Visione” e tra loro, identifica strategie, politiche e azioni per realizzare la “Visione”.

48 L’obiettivo generale VENEZIA CITTÀ METROPOLITANA – qualità, lavoro, culture
L’obiettivo generale che si pone il Piano Strategico di Venezia è quello di costruire in un futuro vicino e misurabile una città caratterizzata dall’alta qualità della vita dei suoi abitanti - nei suoi aspetti relazionali, lavorativi e culturali - e dall’alta qualità dei suoi assetti fisici e ambientali. Le strategie di carattere prevalentemente economico che il Piano strategico individua sono volte a creare le condizioni perché la città diventi un luogo in cui sia possibile produrre e riprodurre risorse materiali e culturali, invertendo così un lungo ciclo improntato al consumo delle risorse accumulate nel tempo.

49 I contenuti del Piano strategico
Le condizioni e linee strategiche rimandano ad ambiti tematici fra loro fortemente interrelati. La scelta di considerarli come chiusi e definiti è dettata solo dalla necessità di semplificare al massimo i contenuti del piano

50 Città della produzione materiale
Il territorio metropolitano di Venezia vanta ancora un sistema produttivo “tradizionale” forte e molto articolato per struttura dimensionale delle unità produttive. Vanno promosse politiche economiche ed urbanistiche in grado di incentivare il mantenimento di una forte diversificazione dei settori attivi a garanzia di una indispensabile flessibilità del sistema economico. Le attuali condizioni ambientali di alcune porzioni del territorio impongono una serie di interventi per il risanamento ambientale che possono costituire un’opportunità di sviluppo per l’intera area. La rilevanza territoriale, economica e culturale di alcune attività produttive che caratterizzano l’area veneziana impone la definizione di politiche mirate ad una valorizzazione delle funzioni e delle risorse economiche tradizionali e a favorire l’insediamento nell’area veneziana di nuove attività qualificate e compatibili e tali da esercitare un effetto moltiplicatore sull’economia locale. torna alla vision

51 Città della produzione materiale
Strategia Mantenere la complessità del sistema Sfruttare le opportunità di sviluppo industriale offerte dal risanamento ambientale Definire politiche per luogo e tipo di produzioni che caratterizzano il sistema torna alla vision

52 Città della produzione materiale
Strategia Politiche Valorizzare la molteplicità di funzioni presenti a Porto Marghera Valorizzare quanto è altro da Porto Marghera: altri luoghi e altre specializzazioni Appropriazione della capacità di governo dei luoghi. Definire una politica di risanamento ambientale e riconversione industriale per Porto Marghera Mantenere la complessità del sistema torna alla vision

53 Piano strategico Le problematiche e le opportunità di sviluppo di Porto Marghera sono riprese in più linee strategiche che, nell’articolazione del Piano di sviluppo, rappresentano i punti di forza del sistema economico, produttivo e sociale veneziano. In particolare le strategie e le politiche di intervento proposte dal Piano tendono, a configurare Porto Marghera come : piattaforma logistica integrata e sede ottimale di sviluppo per la grande industria e per processi innovativi e di ricerca, valorizzando così le potenzialità e le vocazioni insediative dell’area; come opportunità per lo sviluppo di attività di ricerca e innovazione, traducendo in opportunità i problemi ambientali che la segnano.


Scaricare ppt "Porto Marghera negli scenari urbanistici e di pianificazione di area vasta Venezia, gennaio 2006 a cura di Turiddo Pugliese turiddo.pugliese@comune.venezia.it."

Presentazioni simili


Annunci Google