La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTO COMPRENSIVO ADA NEGRI Via S: Giulio, 20 – Cavenago di Brianza LA MATEMATICA CRESCE NELLORTO a.s. 2012-13.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTO COMPRENSIVO ADA NEGRI Via S: Giulio, 20 – Cavenago di Brianza LA MATEMATICA CRESCE NELLORTO a.s. 2012-13."— Transcript della presentazione:

1 ISTITUTO COMPRENSIVO ADA NEGRI Via S: Giulio, 20 – Cavenago di Brianza LA MATEMATICA CRESCE NELLORTO a.s

2 FINALITÀ A)COMPRENDERE CHE LA MATEMATICA FORNISCE STRUMENTI PER LA RISOLUZIONE DI PROBLEMI REALI E CONCRETI. B)IMPARARE A RISPETTARE I CICLI NATURALI DELLE STAGIONI. C)RICONOSCERE IL VALORE ECOLOGICO DELLATTIVITÀ DI ORTICOLTURA. D)PRENDERE COSCIENZA DEL VALORE DI UNORGANIZZAZIONE DI GRUPPO DEL LAVORO.

3 LOGICAGEOMETRIACALCOLOTOPOLOGIA STATISTICA Clicca sulle parole STRUMENTI

4 OBIETTIVI A - LOGICA 1)CLASSIFICARE GLI ORTAGGI DOPO AVER INDIVIDUATO LE CONDIZIONI CLIMATICHE STAGIONALI E DINSOLAZIONE NECESSARIE ALLE DIVERSE COLTURE. 2)ABBINARE LE COLTURE CHE RICHIEDONO LE STESSE CONDIZIONI DINSOLAZIONE IRRIGAZIONE. 3)ENUNCIARE EVENTI POSSIBILI, IMPOSSIBILI E CERTI RELATIVI ALLA CRESCITA DELLE COLTURE.

5 OBIETTIVI A - GEOMETRIA 1)TRACCIARE IL CONFINE DELLORTO. 2)TRACCIARE I CONFINI DELLE AIUOLE. 4)MISURARE LE DISTANZE TRA LE PIANTINE DA INTERRARE. 3)MISURARE PERIMETRO E AREA DELLORTO E DELLE AIUOLE.

6 OBIETTIVI A - CALCOLO 1)CALCOLARE PERIMETRI E SUPERFICI. 2)EFFETTUARE EQUIVALENZE RELATIVE ALLE MISURE DI LUNGHEZZA, PESO E CAPACITA. 2)CALCOLARE INPERCENTUALE GLI SPAZI DEDICATI AD OGNI COLTURA.

7 OBIETTIVI A - TOPOLOGIA 1)RAPPRESENTARE LA SUPERFICIE DELLORTO E DELLE AIUOLE. 2)EFFETTUARE INGRANDIMENTI E RIDUZIONI CON LUSO DI GRIGLIE. 3)EVIDENZIARE COSTANTI E VARIABILI TOPOLOGICHE.

8 OBIETTIVI A - STATISTICA 1)FARE PREVISIONI. 2)SVOLGERE INDAGINI. 3)RAPPRESENTARE I DATI RACCOLTI.

9 CONOSCERE LE CARATTERISTICHE AMBIENTALI STAGIONALI: -ORE DI LUCE -TEMPERATURE MEDIE -CARATTERISTICHE METEO. CONOSCERE LIMPORTANZA DELLE FASI LUNARI: -LUNA PIENA -LUNA NUOVA. SCEGLIERE GLI ORTAGGI DA SEMINARE O PIANTARE IN BASE ALLE ESIGENZE AMBIENTALI SPECIFICHE. VALUTARE I TEMPI DI INNAFFIATURA: -CALCOLARE I TEMPI. PROGETTARE UN IMPIANTO DI RACCOLTA DELLACQUA PIOVANA: -MISURAZIONE DELLA RACCOLTA DACQUA, IN MILLIMETRI E CAPACITÀ DELLE CISTERNE. REALIZZARE UN IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO: -CALCOLARE LA PERCENTUALE DI MATERIALE ORGANICO RACCOLTO E DI COMPOS OTTENUTO. OBIETTIVI B e C

10 APPLICARE I PRINCIPI DEL COOPERATIVE LEARNING: -ASSEGNARE RUOLI; -RUOTARE I RUOLI. ORGANIZZARE I GRUPPI DI OGNI CLASSE CHE SI PRENDERANNO CURA DI DIVERSE AIUOLE: -AFFIDARE UNO SPAZIO DA COLTIVARE AD OGNI CLASSE; -DARE UN TEMPO PER OGNI GRUPPO. STENDERE UN CALENDARIO: -TRACCIARE UNA TABELLA; -REGISTRARE IN TABELLA LE MANSIONI SVOLTE E I TEMPI. OBIETTIVI D

11 Attivita di logica A1 - A2 - A3 Leggi le etichette relative ad ogni ortaggio e classificali in base alle caratteristiche ambientali di cui necessitano. Scrivi gli enunciati veri o falsi relativi alle caratteristiche di ogni ortaggio, esempio: il basilico si semina in marzo e ha bisogno di molto sole, il basilico si semina solo in marzo e ha bisogno di molto sole. Leggi le etichette che elencano le caratteristiche di crescita degli ortaggi e decidi se i seguenti eventi sono possibili, impossibili o certi: raccoglieremo i rapanelli prima della lattuga le piantine di rosmarino cresceranno più alte della maggiorana a fine maggio raccoglieremo il basilico

12 Attivita di geometria A1 - A2 - A3 Individuate i vertici dellorto e delle aiuole, utilizzando un nastro diviso in 12 parti della stessa lunghezza, con esso formerete un angolo retto cioè lampiezza che langolo di ogni vertice deve avere. Scegliete lo strumento più adeguato (riga, metro flessibile, decametro avvolgibile) per misurare le dimensioni dellorto e delle aiuole. Costruite uno strumento adatto a riportare la distanza prestabilita tra una piantina e laltra.

13 Attivita di calcolo A1 - A2 - A3 – A4 Calcola il perimetro dellorto e quale deve essere la lunghezza della fettuccia che lo circonda considerato che dovremo lasciare unapertura di 80 cm per lentrata. Calcola quanti paletti serviranno per sostenere la fettuccia di recinzione se li metteremo a 80 cm di distanza uno dallaltro. Calcola la superficie dellaiuola dove semineremo basilico, prezzemolo e salvia e quanta superficie sarà seminata a salvia considerato che dovrà essere il 15% della superficie totale. Calcola quante volte dovrai riempire linnaffiatoio da 15 decilitri per bagnare laiuola con 30 litri dacqua.

14 Attivita di topologia A1 - A2 - A3 Disegna laiuola che stai coltivando su un foglio quadrettato, considerando che ogni linea-quadretto è un metro nella realtà. Con lo stesso criterio disegna tutto lorto e allinterno laiuola del primo disegno, collocandola al posto giusto. Esegui lo stesso disegno su griglie differenti e osserva cosa è cambiato.

15 Attivita di statistica A1 - A2 - A3 Osservate la tabella con le rilevazione delle temperature nel mese di marzo e calcola la media. Svolgete unindagine, su un campione di 20 bambini di classe prima e di 20 bambini di classe quarta, per sapere qual è la verdura preferita. Rappresentate con un grafico a linee i dati raccolti relativi alla temperatura e confrontatelo con il grafico relativo alla crescita delle piantine di basilico.

16 EQUIPE: Tutti i docenti delle classi quarte e quinte. Il progetto è aperto a tutti i docenti interessati appartenenti alla scuola primaria. RISORSE UMANE CHE COOPERANO: Consulenti in botanica; familiari degli alunni disponibili; RSPP; referenti dellufficio tecnico e dellufficio scuola del Comune. DESTINATARI: 72 alunni delle classi terze e 80 alunni delle classi quarte a cui potranno aggiungersi alunni di altre classi. FINALITA' : Accogliere gli alunni in difficoltà in un ambiente di apprendimento adeguato e stimolante. Avviare allosservazione e allesperienza concreta di eventi naturali. Comprendere il rapporto tra il ciclo naturale delle piante e i tempi di lavorazione della terra. Promuovere linteresse ecologico. Progettare e applicare sul piano pratico le conoscenze teoriche (vedere programmazione di scienze e progetto Parco Rio Vallone). PROGETTO ORTI E GIARDINI Validità pluriennale

17 TERRA MODULO AVANZATO per le scuole primarie (secondo ciclo) e per le scuole secondarie di primo grado 1° incontro (1 ora): conoscenza delle pratiche agricole e delle colture presenti nel Parco; 2° incontro (1 ora): dallo scarto del cibo al compost: a cosa serve e come si prepara; 3° incontro (2 ore): allestimento del cumulo del compost. Ore previste per il presente modulo: 4 più la programmazione. Per la realizzazione del compost considerare un supplemento di 4 ore spalmate su tutto larco dellanno scolastico per i vari controlli del cumulo. PROGETTO DI SCIENZE in collaborazione con PARCO DEL RIO VALLONE

18 È una modalità centrata su gruppi di lavoro: a) eterogeneib) con ruoli definiti I membri hanno ruoli interdipendenti con lo stesso valore di: a) responsabilitàb) rilevanza Ciò crea un ambiente non competitivo allinterno del gruppo. Il raggiungimento dellobiettivo definito dal compito consente: a) il successo per tuttib) la condivisione del successo Linsegnante è consulente per la comunicazione allinterno del gruppo. I risultati raggiungibili riguardano: a)socialità per il miglioramento delle relazioni b)affettività per il miglioramento dellautostima c)cognitività crescita delle competenze d)meta-cognitività sviluppo dei processi cognitivi superiori APPRENDIMENTO COOPERATIVO

19 COMPUTER PRESENTI NELLAULA DINFORMATICA: PER LE ATTIVITA IN COPPIA CON LUSO DI UN PROGRAMMA DI VIDEO-SCRITTURA E DI CALCOLO. PER LE RICERCHE SUGLI ORTAGGI. LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE: PER LE ATTIVITA IN AULA FINALIZZATE ALLA REALIZZAZIONE DI MAPPE CONCETTUALI, CONDIVISIONE DELLE RICERCHE E PER LE ATTIVITA COLLETTIVE PROPOSTE DALLINSEGNANTE FINALIZZATE ALLA PROGETTAZIONE E AGLI APPROFONDIMENTI SUL TEMA, OLTRE CHE ALLE ESERCITAZIONI. ESEMPI DI ATTIVITA GIA REALIZZATE

20 I fase: ricerca su internet delle immagini e studio della geometria.

21 II fase: progettazione dellimpianto dirrigazione e animazione del montaggio.

22 III fase: progettazione dellaiuola con la disposizione dei fiori (drag and drop).

23 IV fase: realizzazione e creazione di un album di foto con cui giocare sulla LIM.

24 IV fase: gioco a memory sulla LIM.


Scaricare ppt "ISTITUTO COMPRENSIVO ADA NEGRI Via S: Giulio, 20 – Cavenago di Brianza LA MATEMATICA CRESCE NELLORTO a.s. 2012-13."

Presentazioni simili


Annunci Google