La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTO COMPRENSIVO A. MANZONI CELLINO SAN MARCO SCUOLA PRIMARIA LABORATORIO AMBIENTALE-INFORMATICO ( 2° modulo) ANNO SCOLASTICO 2006/2007 LARGO OSANNA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTO COMPRENSIVO A. MANZONI CELLINO SAN MARCO SCUOLA PRIMARIA LABORATORIO AMBIENTALE-INFORMATICO ( 2° modulo) ANNO SCOLASTICO 2006/2007 LARGO OSANNA."— Transcript della presentazione:

1

2 ISTITUTO COMPRENSIVO A. MANZONI CELLINO SAN MARCO SCUOLA PRIMARIA LABORATORIO AMBIENTALE-INFORMATICO ( 2° modulo) ANNO SCOLASTICO 2006/2007 LARGO OSANNA

3 CELLINO SAN MARCO e NOI PICCOLI NATURALISTI A piccoli passi … nelle aree verdi del nostro paese: erba verde, prati colorati, siepi, alberi e viali. UN VERO SOLLIEVO PER I NOSTRI OCCHI LARGO SAN PIO (via Napoli)

4 Come dei veri studiosi abbiamo osservato alcune piante esistenti nel nostro paese; abbiamo dato loro la giusta denominazione le abbiamo fotografate, con la lente dingrandimento abbiamo scrutato alcune loro parti, abbiamo consultato testi di carattere scientifico, le abbiamo disegnate, scoprendo così differenze, somiglianze e caratteristiche.

5

6 E FORMATA da RADICIFUSTOFOGLIE assorbono lenergia solare sali minerali sostiene la chioma formata da rami foglie fiori per fabbricare fissano assorbono respirano la pianta al suolo acqua cibo per sè ossigeno per gli esseri viventi

7 in ALBERIARBUSTIERBACEE Con fusto erbaceo fusto legnoso RAMIFICANOin altoalla chioma STELO

8 La chioma può essere piramidalecolonnareglobosaconica a ombrello Come lOLEANDRO (LARGO OSANNA) Come il CEDRO (Piazza del Popolo) Come il PINO DOMESTICO (via NAPOLI) Come il CIPRESSO (via BRINDISI) Come lABETE BIANCO (un po ovunque)

9

10 LA PALMA NOME SCIENTIFICO: CHAMAEROPS HUMILIS FAMIGLIA: ARECACEAE LUOGO LARGO OSANNA e PIAZZALE PADRE PIO DESCRIZIONE La CHAMAEROPS HUMILIS è una pianta sempreverde diffusa in Europa. Il fusto chiamato stipite è alto e slanciato, non ha rami, ma è ricoperto dai residui delle foglie morte.Porta alla sommità una corona o un ciuffo di grandi foglie. FOGLIE Sono larghe, a forma di ventaglio in continuo rinnovamento, sostenute da lunghi piccioli terminanti con dentelli appuntiti. Sono formate da numerosi e lunghi segmenti rigidi, lanceolati e incisi. FIORI Sono piccoli e gialli, portati da infiorescenze a pannocchie, pendono alla base della corona fogliaria.

11 IL CEDRO NOME SCIENTIFICO: CEDRUS FAMIGLIA: PINACEA LUOGO: LARGO OSANNA DESCRIZIONE: è un albero sempreverde di grandi dimensioni: può raggiungere 50 metri di altezza. SAGOMA: si distingue per il tronco conico e la chioma piramidale, con una caratteristica struttura a piani sfalzati, dovuta alla posizione orizzontale dei rami. FOGLIE Le foglie del cedro sono aghiformi, disposte a spirale ampia; variano da verde brillante ad un verde bluastro, a secondo della quantità di cera bianca che le protegge. FRUTTI Sono a cono, detti stroboli o pigne. I frutti del cedro compaiono in autunno: quelli maschili, giallastri, poi bruni, lunghi 3 o 4 cm, si aprono e cadono dopo aver liberato il polline. Quelli femminili sono verdastri, lunghi circa 1cm; maturano ogni due anni. INFORMAZIONI GENERALI: il cedro è molto diffuso, specialmente dove la temperatura non è molto rigida. Si presta ad essere piantato in parchi e in giardini, per la sua rapida crescita. Con il legno rossastro, molto resistente e profumato, vengono realizzate matite. Apprezzato sin dai tempi antichi, veniva usato dai Fenici per costruire le loro navi.

12 LOLEANDRO NOME SCIENTIFICO: NERINA OLEANDER FAMIGLIA: APOCINACEAE LUOGO: LARGO OSANNA DESCRIZIONE: loleandro è un piccolo albero o un grande arbusto sempreverde, folto e cespuglioso SAGOMA: ha rami lunghi, sottili ed eretti, chioma globosa. FOGLIE Loleandro ha foglie, coriacee, di colore verde un po lucente nella pagina superiore, opache nella pagina inferiore. FIORI I fiori delloleandro sono molto decorativi, profumati e raccolti alla sommità degli steli. Nella corolla a forma di imbuto, si saldano cinque petali ampi di diverso colore: dal bianco al rosa, dallarancione al rosso. INFORMAZIONI GENERALI: è diffuso su tutte le coste del Mediterraneo ed anche in America, Africa e Oceania. E usato per creare muri vegetali nelle barriere spartitraffico delle autostrade. Ha una crescita rapida ed è resistente alla siccità, ma è velenoso in tutte le sue parti, quindi è sempre opportuno lavarsi le mani dopo averlo toccato. Può essere usato in campo farmaceutico.

13 Il Pioppo Nome scientifico: Populus Nigra Famiglia delle Salicaceae. Luogo: Parco delle Rimembranze DESCRIZIONE E UN ALBERO AD ALTO FUSTO, PUO RAGGIUNGERE I 30 METRI, IL TRONCO E DRITTO PIU O MENO NODOSO E CONTORTO NEI VECCHI ESEMPLARI. È RIVESTITO DA UNA CORTECCIA SPESSA DI COLORE GRIGIO-BLUASTRO. SAGOMA: si presenta in due distinte varietà: il tipo con chioma ovoidale e il tipo con chioma colonnare, chiamato pioppo cipressino. FIORI SONO RIUNITI IN FIORESCENZE AD AMENTO CIOE ALLUNGATI E PENDENTI. QUELLI MASCHILI HANNO ANTERE ROSSO E VIOLACEO, QUELLI FEMMINILI SONO VERDI. FRUTTI SONO CAPSULE, PICCOLE, VERDI CHE SI APRONO IN DUE VALVE E LIBERANO SEMI, IMMERSI IN BATUFFOLI DI PELI COTONOSI BIANCHI: IL PAPPO, CHE LEGGERISSIMO VIENE FACILMENTE DISPERSO DAL VENTO ED ESPESSO RESPONSABILE DI NOIOSISSIMI FENOMENI ALLERGICI. FOGLIE IL PIOPPO HA FOGLIE DECIDUE, ALTERNE, DA OVALI A TRIANGOLARI, NON PIU LUNGHE DI 8 cm. IL MARGINE E DENTATO, LA PAGINA SUPERIORE VERDE SCURO LUCIDA, QUELLA INFERIORE PIU CHIARA, BIANCA ARGENTEA, GIALLA IN AUTUNNO. INFORMAZIONI GENERALI: i pioppi sono piante a rapida crescita; producono legno tenero, bianco, leggero, poco resistente, adatto per compensati, fiammiferi,imballaggi.

14 IL PITTOSFORO Nome scientifico: PITTOSFORUM Famiglia: PITTOSPORACEAE E una pianta a portamento arboreo o arbustivo, che può raggiungere diversi metri di altezza. E originaria di ambienti caldi dell Asia, Africa e Australia Foglie Possono essere oblunghe, ellittiche, lunghe fino a 6 centimetri; sono resistenti,lucide e lisce su rami viola-nero scuri, dalla corteccia ricca di resina. Fiori Sono piccoli, di color bianco- crema molto profumati con 5 petali o lobi, riuniti in cime ad ombrello, che compaiono nella tarda primavera. Diventano un frutto secco o carnoso. Informazioni generali: esistono oltre 200 specie di questa famiglia di alberi sempreverdi. Il pittosforo viene coltivato a scopo ornamentale nei giardini, nei parchi o lungo i viali, specialmente nelle zone rivierasche.

15 IL BOSSO O BOSSOLO Nome scientifico: BUXUS SEMPERVIRENS Sagoma: GLOBOSA Famiglia: BUXACEAE Luogo: LARGO OSANNA Descrizione: è un arbusto sempreverde, caratterizzato da una ramificazione molto fitta. FOGLIE Possono essere ovali oppure oblunghe, con il margine intero. Sono verde scuro e lucide nella pagina superiore, più pallide in quella inferiore. FIORI Il bosso ha fiori piccoli, di color giallo-verdi, con vistose antere gialle, fioriscono allinizio della primavera. Informazioni generali: il legno di bosso è molto pregiato, facilmente lavorabile, viene utilizzato per la fabbricazione di strumenti musicali, strumenti scientifici e nel modellismo navale. E molto diffusa la lavorazione del bosso vivo, cioè la sagomatura della pianta, per mezzo di tagli e curvature, nelle forme più varie.

16 FALSO PEPE Nome scientifico: SCHINUS Famiglia: ANACARDIACEAE Luogo: PARCO DELLE RIMEMBRANZE Descrizione: albero sempreverde di grandi dimensioni, può raggiungere gli 8-10 metri. E originario delle regioni calde dellAmerica centro-meridionale, è stata introdotta in Europa nel XVI secolo come pianta ornamentale. SAGOMA: ha chioma tondeggiante, (globosa), con rami ricadenti FIORI Sono riuniti in pannocchie pendenti, di colore bianco- giallastri; fioriscono in estate. FRUTTI Sono drupe aromatiche dal colore rosso-rossastro, riunite a grappolo. Fruttifica in autunno. FOGLIE Sono coriacee, aromatiche, di colore verde, composte, imparipennate, formate da 7-13 foglioline lanceolate, dal margine liscio o seghettato. Informazioni generali: il falso pepe viene utilizzato come pianta ornamentale nei parchi, nei giardini, lungo i viali, per la bellezza del fogliame e la ricca e lieve fioritura che ricorda quella della mimosa Questa pianta possiede numerose proprietà medicinali; il contatto con le foglie può procurare dermatiti, mentre i frutti sono leggermente tossici.

17


Scaricare ppt "ISTITUTO COMPRENSIVO A. MANZONI CELLINO SAN MARCO SCUOLA PRIMARIA LABORATORIO AMBIENTALE-INFORMATICO ( 2° modulo) ANNO SCOLASTICO 2006/2007 LARGO OSANNA."

Presentazioni simili


Annunci Google