La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Augusto Ninni Augusto Ninni (Modulo I, con A. Arrighetti) Lez 1 Lez 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Augusto Ninni Augusto Ninni (Modulo I, con A. Arrighetti) Lez 1 Lez 1."— Transcript della presentazione:

1 1 Augusto Ninni Augusto Ninni (Modulo I, con A. Arrighetti) Lez 1 Lez 1

2 Presentazione del docente: politica industriale ed economia dellenergia e dellambiente Orari delle lezioni: h (lunedì in K2, martedì in K6, mercoledì in I + M), fino ca. al ottobre Accordi sullorario: Ricevimento: Giovedì, h 9-11 e 16-18; 2

3 1. Carlton, D.W. e Perloff, J.M., Organizzazione Industriale, 3a edizione, 2012,McGraw-Hill (esclusa, per la parte mia, lappendice 6A; incluse note e box) 2. Tutti i lucidi 3

4 Le slides sono un supporto alla lezione orale del docente: sono sintesi di quello che è ritenuto importante, o che va approfondito Tendenzialmente lascio le slides sul mio sito dopo che ho affrontato il capitolo in questione (quindi normalmente il mercoledì pomeriggio o il giovedì) Quel che non cè nelle slides ma cè sul libro va comunque studiato Quel che cè nelle slides e non cè sul libro va comunque studiato 4

5 Esame unico, scritto (2 h) Su due fogli separati (Arrighetti e Ninni) Parte Ninni (due domande, due risposte, tempo 1 ora) Parte Ninni: rispondere sempre con grafici (se ci sono); rappresentazioni analitiche solo se richiesto; possibilità di confronto fra argomenti di capitoli diversi; niente esercizi Parte Ninni: attenzione al modo con cui si scrive ! (scritto = biglietto da visita) 5

6 Introduzione; il paradigma S-C-R Impresa e costi Concorrenza Monopolio Oligopolio collusivo Oligopolio non collusivo: il modello di Cournot Oligopolio non collusivo: il modello di Bertrand e la correzione di Edgeworth; Oligopolio non collusivo: il modello di Stackelberg; Oligopolio e teoria dei giochi: Le politiche pubbliche: concorrenza e regolazione. 6

7 7 Domande ? Domande ?

8 8

9 Macroeconomia= Analisi aggregata Agenti aggregati= famiglie, imprese, governo, resto del mondo Mercati aggregati: offerta aggregata (Y,M s ) domanda aggregata (C,I,G,NX,M d ) livello generale dei prezzi (Prezzi al Consumo, Deflatore del PIL). Microeconomia = Analisi individuale singolo consumatore singola impresa (es. monopolista; impresa concorrenziale) o piu imprese (es. oligopolio e concorrenza monopolistica) o aggregati di impresa (es. offerta di mercato) o più consumatori (es. funzione di domanda di mercato) IN UN SINGOLO MERCATO 9

10 A parità di costo di produzione e di costi di trasporto, se cè libertà di movimento e non cè differenziazione del prodotto cè un solo prezzo (di un bene o di beni sostituti in un mercato), uguale in tutto il mercato 1010

11 Di natura microeconomica Incrocio fra economia politica ed economia aziendale Forte valenza empirica Analisi (di una parte) del sistema economico, prevalentemente dal punto di vista dellofferta 1111

12 Analisi della struttura, del comportamento e dei risultati delle imprese in singoli mercati (settori) Paradigma S-C-P (E.Mason, J.Bain, F.Scherer): Struttura-Condotta-Performance Soppiantato (parzialmente) dalla Nuova Economia Industriale (se impresa è multiprodotto) SETTORE PRODUTTIVO (o settore industriale o industry) Parte del sistema economico in cui sono aggregate imprese simili che producono beni simili e sono tra loro strategicamente interdipendenti 1212

13 Costi di transazione (organizzazione dellimpresa e del mercato) Teoria dei giochi (strategia dellimpresa in contesto di interdipendenza e modellistica) Mercati contendibili (caratteristiche del settore: barriere allentrata e barriere alluscita) 1313

14 Oggetto di studio delleconomia industriale sono: 1) LA STRUTTURA E IL COMPORTAMENTO DELLE IMPRESE 2) la struttura e la dinamica dei mercati 3) le modalità di interazione tra le imprese 1414

15 Struttura e comportamento delle imprese: 1) Gli obiettivi dellimpresa (max, impresa manageriale, impresa pubblica, ecc.) 2) Il comportamento dellimpresa e le strategie (strategie di prezzo, strategie non di prezzo, interrelazioni con altre imprese) 3) I limiti (confini) dellimpresa e lintegrazione verticale (make or buy, impresa vs mercato) 1515

16 Oggetto di studio delleconomia industriale sono: 1) la struttura e il comportamento delle imprese 2) LA STRUTTURA E LA DINAMICA DEI MERCATI 3) le modalità di interazione tra imprese 1616

17 Struttura e dinamica dei mercati Mercati e settori (domanda e offerta) Criteri di definizione dei mercati: tecnologia di produzione, sostituibilità, geografici SostituibilitàPratica Antitrust Le caratteristiche strutturali del mercato: le barriere allentrata di nuove imprese Crisi del concetto di mercato impresa multiprodotto (opera su più mercati) 1717

18 Oggetto di studio delleconomia industriale sono: 1)la struttura e il comportamento delle imprese 2)la struttura e la dinamica dei mercati 3) LE MODALITÀ DI INTERAZIONE TRA IMPRESE 1818

19 Modalità di interazione tra imprese a) Rapporti di competizione (prezzo, non prezzo) basati sul prodotto: mercato dei prodotti b) Rapporti basati sulla proprietà (fusioni e acquisizioni; gruppi): mercato delle imprese c) Rapporti contrattuali verticali (filiera) d) Rapporti cooperativi o collusivi (orizzontali) 1919

20 Autorità e politiche: Banca Centrale politica monetaria (BCE) Governo politica fiscale (non solo G e T, ma anche sgravi fiscali a famiglie e imprese, incentivi agli investimenti, politiche settoriali POLITICA INDUSTRIALE Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) politica di tutela della concorrenza Altre authority: Consob, Isvap, Agcom, Authority per lenergia 2020

21 Quale ruolo per le politiche pubbliche in S-C-P RUOLO CORRETTIVO: ristabilire le condizioni di struttura che alterano il potere di mercato (a causa anche del comportamento delle imprese) (P-Cm)/P indice del grado di monopolio (vs. P=Cm) Es. a seguito di una fusione lindice cresce Politiche antitrust Politiche di regolazione (es. monopolio naturale) 2121

22 Quale ruolo per le politiche pubbliche in S-C-P RUOLO SUPPLETIVO: adozione di politiche che consentano il raggiungimento di determinati fini nonostante le caratteristiche di struttura (Mantenimento di Settori/Imprese) upgrading Incentivi allinvestimento e alloccupazione Aiuti di Stato Regolazione con barriere allentrata Politica commerciale 2222

23 Analisi micro: equilibrio economico generale (Edgeworth box) sancisce superiorità concorrenza perfetta su altre configurazioni mercato Ma se non valgono le ipotesi, fallimenti del mercato (ruolo dello Stato) Bisogna però tener conto anche dei fallimenti dello Stato Cerchiamo il comportamento incentivante alla massimizzazione degli obiettivi (tutto compreso) Ricerca dellefficienza 2323

24 Mercati contendibili (barriere allentrata e barriere alluscita) Teoria dei costi di transazione Modellistica: teoria dei giochi 2424

25 Di interesse per: Economisti industriali e di impresa (analizzano i mercati e suggeriscono politiche ottimali a imprese e autorità pubbliche: imprese e associazioni di categoria) Manager (analizzano i mercati e attuano strategie ottimali a livello di impresa o gruppo di imprese: imprese) Analisti finanziari 2525

26 Attenzione: lottimalità delle scelte pubbliche e di quelle private sono spesso diverse e/o in contrasto tra loro (per leconomista lobiettivo di riferimento è il BENESSERE COLLETTIVO) 2626


Scaricare ppt "1 Augusto Ninni Augusto Ninni (Modulo I, con A. Arrighetti) Lez 1 Lez 1."

Presentazioni simili


Annunci Google