La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

VITRO-CERAM ALUMINA SYSTEM Allumina infiltrata con vetro per produrre sottostrutture estetiche in ceramica e copings.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "VITRO-CERAM ALUMINA SYSTEM Allumina infiltrata con vetro per produrre sottostrutture estetiche in ceramica e copings."— Transcript della presentazione:

1 VITRO-CERAM ALUMINA SYSTEM Allumina infiltrata con vetro per produrre sottostrutture estetiche in ceramica e copings.

2 Vantaggi Estetica: metal free Adattamento marginale eccellente: contrazione controllata Traslucenza migliore rispetto ad altri prodotti simili Biocompatibilità con i tessuti dentali e parodontali Cementazione semplice, con lutilizzo di fosfati, vetri ionomeri e cementi resina Bassa conduttività termica ed elettrica Elevata resistenza alla flessione

3 Indicazioni Preparazione di copings per corone singole in ceramica per denti anteriori e posteriori Preparazione di sottostrutture per protesi fisse in ceramica fino a 3 elementi anteriori

4 Specifiche tecniche (ISO 6872) Coefficiente di dilatazione termica: 7,34 X 10-6 / °C Solubilità chimica: 441.7µg / cm 2 Resistenza alla flessione: 463 MPa Durezza (Vickers): 1080

5 Caratteristiche delle nuove ceramiche a base di allumina infiltrata con vetro Della Bona, A. – abstract presentato a SBPqO 2007 Modulo elastico (GPa) Densità (picnometro ad elio) g/cm 2

6 Attrezzatura necessaria : FORNO PER SINTERIZZAZIONE E INFILTRAZIONE Specifiche tecniche: deve mantenere una temperatura di 1200 gradi per 120 minuti ULTRASUONI Specifiche tecniche: deve mantenere una frequenza superiore a 28Hz

7 Ceramizzare con Ceramica per allumina

8 Traslucenza: Lelevata traslucenza del Vitro-Ceram System consente una distribuzione ideale della luce e aumenta le caratteristiche estetiche.

9 Preparazioni indicate per restauri in ceramica rinforzati con allumina 1.5mm 2.0mm 1.5mm 2.0mm Spigoli interni arrotondati Spalla fra 45 e 90º.

10 VITAA1A2A3A3,5A4B1B2B3 VITRO-CERAMVC 0/VC 1VC 1VC 2 VC 3VC 0/VC 1VC 1VC 2 VITAB4C1C2C3C4D2D3D4 VITRO-CERAMVC 3VC 1VC 2VC 3 VC 1VC 2 VC 3 VITA1M 1 1M 2 2L 1,5 2L 2,5 2M 1 2M 2 2M 3 2R 1,5 VITRO-CERAMVC 0/VC 1VC 1 VC 2VC 1 VC 2 VITA 2R 2,5 3L 1,5 3L 2,5 3M 1 3M 2 3M 3 3R 1,5 3R 2,5 VITRO-CERAMVC 2 VC 1VC 2VC 3VC 1VC 2 Scala colori

11 Fase inizialeCopings in Vitro-CeramFase finale Caso clinico – TPD, Reginaldo Ferreira

12 KIT MasterKIT IntroduttivoRefills

13

14

15 Colare 2 modelli in gesso Klasse4. Il secondo modello non dovrà essere sezionato, poiché verrà utilizzato per le rifiniture finali dopo la stratificazione con ceramica Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi

16 Verificare attentamente i monconi. Eventualmente, eliminare piccole screpolature, bolle e zone di ritenzione. Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi

17 Marcare i margini della preparazione utilizzando una matita meccanica di cera. Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi

18 Con un pennellino, applicare uno strato sottile di isolante per gesso sulle linee marginali e sulla zona circostante. Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi

19

20 Prendere le confezioni di ALUMINA POWDER, MIXING LIQUID e VITRO-CERAM ADD-MIXTURE;

21 In un becher di vetro da 50 ml versare il contenuto di una boccetta di liquido miscelante e aggiungere 1 goccia di miscela additiva. Porre il becher nellapparecchiatura a ultrasuoni e avviarla.

22 Aggiungere VITRO-CERAM ALUMINA POWDER ai liquidi contenuti nel becher: Dividere in 2 parti uguali il contenuto della busta di polvere di allumina; miscelare una parte lentamente con una spatola di vetro per 2 minuti a ultrasuoni; Nei successivi 3 minuti aggiungere, a piccole porzioni, laltra parte di polvere di allumina; Mantenere sotto ultrasuoni per 10 min fino a completa omogeneizzazione. Importante: Mantenere sempre fredda lacqua degli ultrasuoni. Verificare che la soluzione ottenuta sia omogenea.

23 Riempire di pasta dallumina 3 vasetti di plastica numerati, da utilizzare anche successivamente. Mantenerli sempre coperti per evitare che i componenti evaporino. Dopo questa preparazione, la pasta dallumina può durare 3 mesi. I vasetti con la pasta di allumina vanno tenuti in freezer.

24 Tecnica decongelante Versare acqua fredda nel contenitore a ultrasuoni; Posizionare il vasetto di plastica con il materiale congelato allinterno del contenitore a ultrasuoni; Far vibrare per 1 minuto e mescolare alcuni secondi per omogeneizzare il tutto; Mantenere la vibrazione ancora per 3 minuti, finché il prodotto è pronto per lapplicazione. Facendo vibrare ancora per 30 minuti si può ottenere un tempo di lavorazione maggiore.

25 Importante: mantenere chiuso il vasetto con la miscela per evitare che il liquido evapori

26 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Per applicare meglio la pasta dallumina sul moncone, si consiglia di applicare come primo strato una miscela di polvere dallumina e alcol puro o, preferibilmente, alcol isopropilico.

27 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Per preparare il coping, applicare la miscela con un pennello, seguendo la forma della preparazione. Lavorare il più rapidamente possibile, senza interrompersi durante lapplicazione. Si evita così che gli strati si asciughino e non aderiscano allo strato successivo (se questo accade, inumidire con liquido miscelante – non usare assolutamente acqua)

28 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Con un bisturi rimuovere il materiale in eccesso, scoprendo il margine della preparazione precedentemente delimitato

29 Corona singola Protesi fissa con 3 elementi Spessori standard: Lo spessore del coping per denti anteriori dovrebbe essere, almeno, di 0,5 mm Lo spessore del coping per denti posteriori dovrebbe essere, almeno, di 0,5mm sulle pareti laterali e 0,7 mm sulla superficie occlusale Le connessioni fra copings e pontic dovrebbero essere, almeno, di 3 mm Importante: i copings troppo sottili potrebbero fratturarsi quando rimossi dal modello o durante la masticazione

30 Importante: Durante questa fase i copings sono molto fragili e devono essere maneggiati con estrema cautela.

31 30 minuti dopo aver applicato la miscela, mettere il modello con la struttura in allumina in forno o sotto una lampada a infrarossi a una temperatura variabile fra 100 e 110 o C per 5 minuti. Unaltra opzione è quella di utilizzare un phon

32 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Prestando molta attenzione, rimuovere la struttura dal moncone quando è ancora calda. Importante: anche durante la preparazione di protesi fisse i copings dovrebbero essere rimossi dai monconi prima della fabbricazioni delle unità di ponte.

33 Protesi fissa con 3 elementi Rimettere i copings sui monconi e fissarli con materiale isolante (evitare la cera comune, che contamina lallumina). Preparare lunità di ponte. Le aree di connessione dovrebbero essere ri-umidificate con il liquido miscelante.

34 Protesi fissa con 3 elementi Mettere il modello con la struttura in allumina in forno o sotto una lampada a infrarossi a temperatura variabile fra 100 e 110 o C per 5 min. Unaltra opzione è quella di usare un phon.

35 Importante: in questa fase i copings sono ancora molto fragili e dovrebbero essere maneggiati con cautela. Il vuoto non è necessario per le procedure di sinterizzazione e infiltrazione

36 Mettere i copings nel forno di sinterizzazione e seguire le seguenti istruzioni: Pre-riscaldare il forno finché raggiunge i C. Mantenere questa temperatura per 6 minuti; Iniziare a far salire la temperatura per 40 min. finché raggiunge i 1120 o C, mantenendola per 60min; Quando la temperatura scende a 400 ° C, il coping o la struttura possono essere tolti dal forno. Importante: i copings e le strutture possono essere sinterizzati anche ponendoli su pins di platino, lamine di platino o sul piattello refrattario

37 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Applicare un liquido marcatore occlusale per scoprire eventuali irregolarità sulla superficie interna del coping. Rimuovere con leggera pressione.

38 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Rifinire con frese diamantate fini a bassa velocità. Nota: in questa fase i copings sono ancora molto fragili e devono essere maneggiati con molta cautela.

39 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Con un calibro verificare gli spessori: a) Copings per denti anteriori – minimo 0,5 mm per tutte le superfici b) Copings per denti posteriori - minimo 0,5 mm per le pareti assiali e minimo 0,7 mm per la superficie occlusale c) Connessioni fra copings e pontic almeno 3 mm

40 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Rifinire i margini cervicali con gommini. Verificare la precisione del manufatto. Sarà difficile apportare modifiche dopo linfiltrazione. Nota: piccole screpolature ai margini del coping possono essere riparate con lallumina.

41 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Applicare il CRACK DETECTOR LIQUID VITRO- CERAM sulla superficie esterna del manufatto. Se ci sono delle incrinature, vengono evidenziate da una pigmentazione più intensa. La presenza di incrinature indica che il coping non è idoneo e deve essere sostituito.

42 Importante: Verificare che non vi sia polvere di allumina sul coping, né sulla superficie interna né su quella esterna. Eventuali residui della rifinitura possono compromettere la corretta infiltrazione del vetro. Le procedure di sinterizzazione e infiltrazione non necessitano del vuoto.

43 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Fare una pallina protettiva in refrattario e inserirla nel coping.

44 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Posizionare un pin in allumina a contatto con la pallina di refrattario precedentemente inserita nel coping. Il pin non deve toccare i margini. Se questo accadesse, il vetro scorrerebbe allinterno del coping.

45 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Miscelare la polvere di vetro con acqua distillata fino a ottenere una massa di media consistenza; Applicare uno strato spesso del composto (da 1 a 2 mm) sulla superficie esterna del coping, lasciando 0,5 mm di bordo libero;

46 Protesi fissa con 3 elementi Utilizzando pins in allumina, supporto in refrattario o placca di platino, inserire il manufatto nel forno per infiltrazione; Programmare il forno per linfiltrazione di vetro; Pre-riscaldare il forno a 120 o C Mantenere il manufatto a 120 o C per 6 min. In 2 ore alzare la temperatura finché non raggiunge i 1110 o C Mantenere il manufatto a 1110 o C per 40 min, senza vuoto. Nota: questo programma può variare a seconda della misura del manufatto da infiltrare. I pin in allumina non devono toccare il bordo del coping altrimenti, durante la fusione, il vetro penetrerebbe allinterno del manufatto.

47 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Se linfiltrazione non fosse completa apparirebbero delle chiazze bianche. Applicare nuovamente il vetro e ripetere la procedura di infiltrazione.

48 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Rimuovere il vetro in eccesso nel modo qui indicato: usare un disco diamantato a grana spessa e/o micro-abrasioni con ossido di allumina 50 µm con la pressione di 1.5 bar; non riscaldare durante questa fase; non rettificare la parte interna del coping. Nota: per rifinire, utilizzare frese specifiche per allumina

49 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Rimuovere i residui di vetro con ossido di alluminio a una pressione di 1,5 bar; Sabbiando i margini del coping, ridurre la pressione a 1 bar e direzionare il getto con un angolo di incidenza di 45º.

50 Protesi fissa con 3 elementi Come eliminare i residui di vetro non infiltrato sul coping. Posizionare il coping sul piattello refrattario e metterlo in forno con il seguente programma: Pre-riscaldare a 580 o C Portare la temperatura a 980 °C con velocità di salita di 80 °C/min. Mantenere a 980 o C per 5 min (senza vuoto)

51 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Rifinitura: Sabbiare il manufatto con ossido di alluminio 50 µm alla pressione di 1,5 bar Ripetere la fusione finché tutto il vetro non è stato eliminato dalla superficie del coping.

52 Corona singola Protesi fissa con 3 elementi Rifinitura del manufatto: Zone luccicanti sulla superficie del manufatto indicano residui di vetro non infiltrato. Sabbiare per rimuovere il vetro; Se non viene eliminato, il vetro non infiltrato può provocare delle bolle nella ceramica che verrà applicata successivamente. Fare gli adattamenti finali direttamente sul modello.

53 Corona singolaProtesi fissa con 3 elementi Ceramizzare con la ceramica appropriata, rispettando lanatomia e la funzione del dente. Nota: le aree del coping non ceramizzate devono essere sottoposte a glasura.

54 Menu


Scaricare ppt "VITRO-CERAM ALUMINA SYSTEM Allumina infiltrata con vetro per produrre sottostrutture estetiche in ceramica e copings."

Presentazioni simili


Annunci Google