La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Storia della letteratura italiana Torquato Tasso Ne laria i vaghi spirti, Han londe in mar quïete, Ogni fiume è più tacito di Lete; Ima valle, alto monte.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Storia della letteratura italiana Torquato Tasso Ne laria i vaghi spirti, Han londe in mar quïete, Ogni fiume è più tacito di Lete; Ima valle, alto monte."— Transcript della presentazione:

1 Storia della letteratura italiana Torquato Tasso Ne laria i vaghi spirti, Han londe in mar quïete, Ogni fiume è più tacito di Lete; Ima valle, alto monte o verde selva Non ode augello o belva; Sol io con vani accenti Spargo il mio duolo al cielo, a londe, a venti.

2 2 Ne laria i vaghi spirti, Han londe in mar quïete, Ogni fiume è più tacito di Lete; Ima valle, alto monte o verde selva Non ode augello o belva; Sol io con vani accenti Spargo il mio duolo al cielo, a londe, a venti.

3 3 Tintoretto 1518 Venezia 31 maggio 1594 Nascita della Via lattea

4 4 Vulcano spia Marte e Venere

5 5 Christ in the House of Martha and Mary

6 6 Correggio (c )

7 7 Correggio, La tempesta

8 8 Tasso Fortuna mondiale della Gerusalemme –Fonte dispirazione Musica (opere, madrigali - Il combattimento tra Clorinda e Tancredidi Claudio Monteverdi) Pittura Traduzioni e imitazioni

9 9 Erminia e un pastore, Guercino

10 10 Erminia e Tancredi Guercino

11 11 vita Vita travagliata Formazione tipica di un nobile Bernardo Tasso, il padre, è un poeta di corte. Morte della madre, probabilmente assassinata da parenti esilio

12 12 vita Viaggia molto –Sorrento, Napoli, Urbino, Venezia, Bologna, Padova, Ferrara, Roma Poeta di corte a Ferrara, uno dei centri più innovativi Montaigne, Sperone Speroni, Ronsard Influsso Aristotele Critica Ariosto Discorsi dell'arte poetica [pubblicati 1587]

13 13 vita Ricerca continua Gloria e successo dubbi

14 14 vita Vita - romanzo - romanticismo Goethe Simbolo del poeta incompreso, scisso fra volontà e dovere. –Identificazione totale con le proprie opere –Confronto continuo con i valori sociali dominanti –Aspirazione ossessiva al successo. –La letteratura è tutto, è un modo di offrirsi interamente al pubblico

15 15 Gerusalemme Ariosto e la tradizione del poema cavalleresco vs. Aristotele Regno delluno vs. regno del multiplo Dispersione vs. concentrazione Ariosto apre Tasso chiude: finalità dellopera rivelata già nel titolo.

16 16 Gerusalemme Mondo chiuso, valori fissi. Solo pochi personaggi aperti, che si sviluppano: soprattutto personaggi femminili: Clorinda e Armida.

17 17 Gerusalemme Chiusura strutturale Apertura a livello di scrittura, stile.

18 18 Gerusalemme Un confronto: la descrizione di Alcina nel Furioso e la descrizione di Armida nella Liberata. Heinrich Wölfflin,

19 19 Gerusalemme Sensuale Psicologico Dinamico Chiaroscuro Visione parziale Dire - non dire

20 20 Gerusalemme Ariosto –Completo –Statico –Capelli, guance, fronte, sopraciglia, occhi, naso, bocca, denti, labbra, riso, collo, petto, braccia, mani,piedi –Descrizione orientata e strutturata –Dipinto

21 21 Gerusalemme Mostra il bel petto le sue nevi ignude, onde il foco d'Amor si nutre e desta. Parte appar de le mamme acerbe e crude, parte altrui ne ricopre invida vesta: invida, ma s'a gli occhi il varco chiude, l'amoroso pensier già non arresta, ché non ben pago di bellezza esterna ne gli occulti secreti anco s'interna.

22 22 Gerusalemme Il testo sottolinea come i soldati, i maschi immaginano. Il testo non dicendo, dice, così come Armida non mostrando tutto induce i soldati a immaginare. Il testo gioca con il chiaroscuro e sfrutta la capacità evocativa del testo. Il testo è dinamico. Il testo è sensuale

23 23 Botticelli - c c. 1483

24 24 David di Michelangelo Buonaroti David di G. L. Bernini

25 25 MichelangeloBernini 1475 Caprese 1564 Roma David: Napoli 1680 Roma David: Autoritratto di Bernini? Apollo e Dafne

26 26

27 27 Gian Lorenzo Bernini Apollo e Dafne

28 28

29 29 Gerusalemme Struttura in cinque atti della tragedia classicista Unità di luogo Unità di tempo Unita dazione Fine didattico Vero vs. verosimile

30 30 Contesto Ferrara Tradizione non moralistica, libertina, laica. Cultura curiosa, aperta a nuovi stimoli. Gusto per il romanzesco, lavventura, lo spettacolo. La corte ama dilettarsi con immagini di pura evasione. Produzione di intrattenimento

31 31 Contesto Fine di Ferrara Sensualità, erotismo Spettacoli completi: narrativa, musica, teatro, rappresentazione. Difficoltà dinastiche: 1597 Ferrara torna sotto la diretta giurisdizione dello Stato della Chiesa: brusca fine della brillante vita cittadina, laica e cortigiana.

32 32 Contesto Rifeudalizzazione, antico regime Crisi economica Dominazione spagnola in Italia (trattato di Cateau-Cambrésis 1559) Controriforma - Concilio di Trento ( )

33 33 Controriforma Riflessione sui valori e anche sulle funzioni dellarte. Repressione delle eresie Senso del peccato: crescono il terrore del peccato e del demonio, il severo moralismo nei costumi quaotidiani, il disprezzo o lorrore nei confronti della corporeità, la repressione della sessualità. Indice dei libri proibiti


Scaricare ppt "Storia della letteratura italiana Torquato Tasso Ne laria i vaghi spirti, Han londe in mar quïete, Ogni fiume è più tacito di Lete; Ima valle, alto monte."

Presentazioni simili


Annunci Google