La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A Di quale paradigma teorico sulla CNV fa parte la teoria differenziale delle emozioni? 1- Della prospettiva culturalista 2- Della prospettiva innatista.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A Di quale paradigma teorico sulla CNV fa parte la teoria differenziale delle emozioni? 1- Della prospettiva culturalista 2- Della prospettiva innatista."— Transcript della presentazione:

1 A Di quale paradigma teorico sulla CNV fa parte la teoria differenziale delle emozioni? 1- Della prospettiva culturalista 2- Della prospettiva innatista 3- Della prospettiva dellinterdipendenza tra natura e cultura natura e cultura

2 B Quali sono le caratteristiche extra- linguistiche? 1- Linsieme delle caratteristiche anatomiche permanenti esclusive dellindividuo 2- Linsieme delle proprietà acustiche transitorie che accompagnano la pronuncia di un enunciato 3- Linsieme dei riflessi, dei caratterizzatori vocali e delle vocalizzazioni

3 C La connotazione riguarda: 1- Il "che cosa" viene detto 2- Il "come" viene detto 3- Il "perché" viene detto

4 D A che cosa fanno riferimento gli aspetti arbitrari della comunicazione? 1- Alla relazione convenzionale fra significante e significato 2- Al valore iconico delle espressioni linguistiche 3- Alla funzione evocativa dei suoni di una lingua

5 E Che cosa sostiene il principio di modularità? 1- La sintonia semantica dei sistemi verbale e non verbali 2- L'interdipendenza semantica dei sistemi verbale e non verbali 3- L'autonomia funzionale dei sistemi verbale e non verbali

6 F Che cosa costituisce la sintesi degli aspetti vocali verbali e non verbali? 1- L'atto fonopoietico 2- L'atto diapoietico 3- L'atto epipoietico

7 G Che cosa sostiene l'ipotesi dinamica delle espressioni facciali? 1- La corrispondenza isomorfa fra le espressioni facciali delle emozioni e i programmi neuromotori corrispondenti 2- La presenza di un processo sequenziale e cumulativo in ogni espressione facciale 3- Che le configurazioni espressive del volto per manifestare i diversi stati emotivi sono Gestalt unitarie e chiuse

8 H In che cosa consiste il sorriso miserabile? 1- Nel sollevamento degli angoli della bocca verso l'alto, mostrando i denti e contraendo i muscoli orbicolari dell'occhio 2- Nell'attivazione dei muscoli zigomatici della parte inferiore del volto senza il coinvolgimento dei muscoli orbicolari 3- In un prolungamento dell'espressione della zona inferiore del volto

9 I Nella regolazione dei turni, che cos'è la funzione di sincronizzazione dello sguardo? 1- E un dispositivo per controllare l'interazione con il partner 2- E uno strumento per evitare le sovrapposizioni e per gestire l'avvicendamento dei turni 3- E un mezzo per manifestare le proprie intenzioni

10 L In che tipi di situazioni assume particolare valore la fissazione oculare ? 1- In situazioni di rifiuto e accettazione 2- In situazioni di competizione e cooperazione 3- In situazioni di minaccia e seduzione

11 M In che tipologia di gesti rientrano i gesti iconici e metaforici? 1- Nella gesticolazione 2- Nella pantomima 3- Negli emblemi

12 N Quali sono i gesti simbolici? 1- Gli emblemi 2- I gesti deittici 3- I gesti motori

13 O Qual è la zona personale di distanza spaziale? 1- La distanza per le interazioni meno personali 2- La distanza delle relazioni intime 3- L'area invisibile che circonda in maniera costante il nostro corpo

14 P Che cosa concerne il sistema aptico? 1- Le modalità di gestione e percezione del tempo 2- Le azioni di contatto corporeo 3- La gestione della distanza spaziale

15 Q Che durata hanno i cicli ultradiani? 1- Inferiore a un giorno 2- Superiore a un giorno 3- Superiore a una settimana 3- Superiore a una settimana

16 RISPOSTE A-2B-1C-2D-1E-3F-1G-2H-3I-2L-3M-1N-1O-3P-2Q-2


Scaricare ppt "A Di quale paradigma teorico sulla CNV fa parte la teoria differenziale delle emozioni? 1- Della prospettiva culturalista 2- Della prospettiva innatista."

Presentazioni simili


Annunci Google