La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Loredana tratto da: Lerba non cresceva ad Auschwitz di Mimma Paulesu Quercioli, Mursia Il materiale fotografico è tratto dai siti internet dedicati allOlocausto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Loredana tratto da: Lerba non cresceva ad Auschwitz di Mimma Paulesu Quercioli, Mursia Il materiale fotografico è tratto dai siti internet dedicati allOlocausto."— Transcript della presentazione:

1 Loredana tratto da: Lerba non cresceva ad Auschwitz di Mimma Paulesu Quercioli, Mursia Il materiale fotografico è tratto dai siti internet dedicati allOlocausto e alla memoria Lavoro realizzato dalla classe 1B IGEA prof. Emiliana Lecca

2 l Loredana arrivò a Milano nel 1932 Loredana arrivò a Milano nel 1932 I primi 6 anni della sua vita li aveva trascorsi a Luzzara, in provincia di Reggio Emilia I primi 6 anni della sua vita li aveva trascorsi a Luzzara, in provincia di Reggio Emilia Giovanni Cara

3 Il padre di Loredana era bracciante agricolo, lavorava duramente e guadagnava poco. Anche la mamma era una gran lavoratrice.

4 Suo padre faceva il bracciante, per arrotondare il salario lei e suo marito avevano imparato ad intrecci la paglia a fare cappelli servivano a chi lavorava in campagna ed erano richiesti dalle mondariso. Suo padre faceva il bracciante, per arrotondare il salario lei e suo marito avevano imparato ad intrecci la paglia a fare cappelli servivano a chi lavorava in campagna ed erano richiesti dalle mondariso.

5 Un giorno al babbo venne fatta una proposta che avrebbe mutato completamente la loro vita: poteva essere assunto alle Ferrovie come casellante se si fosse trasferito a Milano. Michele Piras

6 Loredana fu assunta alla Borletti a 15 anni e vi restò per circa 3 anni. In quello stesso tempo cadde il regime di fascismo di Mussolini.

7 Nel 44 fu assunta alla Caproni, industria aeronautica. Lavorava nel reparto che faceva aggiunte per gli aerei.

8 [ Solo dopo il rientro dalla deportazone seppe che già dal 1943 alla Caproni cera un gruppo organizzato che lavorava per la Resistenza] Durante unassenza per malattia, fu portata in questura, dove il commissario le comunicò che doveva andare a lavorare in Germania.

9 Restò prima in una cella a San Fedele per tre giorni poi nel carcere di San Vittore per otto giorni

10 Il 24 marzo del 1943, il giorno in cui i genitori avrebbero dovuto tornare a trovarla, le SS chiamarono tutte le ragazze fuori. ….. Furono portate alla stazione di Bergamo e caricate su carri-bestiame in un unico vagone. Alessio Locci

11 La prima tappa vera fu Mauthausen. Il paesaggio era bellissimo: era primavera …. A un certo punto attraversarono un centro abitato e qui ebbero una brutta sorpresa: la gente in strada era ostile.

12 Finalmente giunse al campo. Era tutto chiuso, circondato da un muro e dal filo spinato.

13 Hai visto cosa cè fuori! – Sembravano scheletri in movimento – Erano tutti vestiti a righe

14 Loredana compì diciotto anni a Mauthausen

15 Dopo una ventina di giorni Loredana e tutte le donne giunsero ad Auschwitz Veronica Sonedda

16 Furono sottoposte alla rasatura e alla doccia con un disinfettante che bruciava la pelle. A Loredana fu impresso sul braccio sinistro il numero 78991

17 Non avevano specchi, ma guardando le altre, Loredana si rese conto di non essere più se stessa: senza i capelli i loro visi avevano unespressione stralunata e vuota.

18 Loredana aveva la febbre alta e fu portata in infermeria. Aveva paura perché si vedevano le fiamme che uscivano dai comignoli della morte.

19 Il distintivo dei prigionieri Le ebree si distinguevano dalle altre per la stella di Davide. Le ariane avevano qualche sicurezza in più, il forno per loro era una prospettiva più lontana, mentre le ebree venivano selezionate sistematicamente e con molta più ferocia.

20 Loredana e le sue compagne scavavano la terra ma non si seminava niente; si scavava da una parte, poi si lavorava a riempire le buche scavate il giorno prima, per 12 ore.

21 Cera lappello. Tre ore in piedi senza lavarsi, senza niente da bere o da mangiare. Chissà chi era tra loro quella che piangeva mentre spargevano la cenere dei camini sulla terra. Dovè il mio bambino?

22 Loredana piangeva spesso alla sera. Tante cose la facevano soffrire soprattutto la condizione delle ebree deportate. Sopportavano meglio delle altre la violenza del lager …. La loro vita era preordinata e ordinata secondo la volontà delle SS …. Le Blob arrivavano con la frusta o ti levavano il cibo ….. Enrico Puddu

23 Ad Auschwitz cera anche il campo degli zingari e quello dei bambini Un milione e mezzo di bambini morirono nei campi

24 Spesso al mattino sulla spianata delle baracche, vedevano dei cadaveri, ma non ci facevano più caso, quella era la normalità del lager …. Lerba non cresceva ad Auschwitz

25 Loredana stette ad Auschwitz fino al 28 ottobre 1944, poi venne trasferita a Flossenburg, in Austria

26 Il posto era migliore di Auschwitz, ma cerano i bombardamenti. Le fabbriche sono obiettivi da colpire …… Dovevano riparare i binari e lo facevano sempre sotto locchio vigile delle SS Enrica Atzori

27 Una delle ragazze che lavorava ai camini le aveva descritto come si svolgevano i riti di morte. Dovevano svestire i condannati, gli levavano di dosso tutto, occhiali e altro. I medici provvedevano ad estrarre i denti doro.

28 Nellaprile 1945 i prigionieri di Flossenburg furono liberati dagli americani

29 Con queste righe addosso mi sento prigioniera come prima – diceva Loredana e anche le sue compagne la pensavano come lei

30 Ci fu un gruppo che decise di lasciare il campo, prima che gli americani organizzassero il viaggio di ritorno e partì a piedi. Loredana preferì aspettare.

31 E infatti il treno di ritorno ci fu di lì a poco. Fece una sosta di tre giorni a Innsbruck e poi finalmente Loredana arrivò a Milano

32 Al suo arrivo la madre guardò Loredana negli occhi, non mostrava segni di commozione, anzi prima di abbracciarla le chiese : - Sei ancora a posto? Riccardo Farris

33 Loredana si accorge che la madre è molto fredda con lei.; avrebbe voluto raccontarle tutto ciò che aveva sofferto, tutto ciò che di terribile aveva visto, ma non disse niente.

34 Loredana ha sofferto due volte.


Scaricare ppt "Loredana tratto da: Lerba non cresceva ad Auschwitz di Mimma Paulesu Quercioli, Mursia Il materiale fotografico è tratto dai siti internet dedicati allOlocausto."

Presentazioni simili


Annunci Google