La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza DIVISIONE CORRISPONDENZA INCONTRO CON LE OO.SS. NAZIONALI Roma, aprile 2005.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza DIVISIONE CORRISPONDENZA INCONTRO CON LE OO.SS. NAZIONALI Roma, aprile 2005."— Transcript della presentazione:

1 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza DIVISIONE CORRISPONDENZA INCONTRO CON LE OO.SS. NAZIONALI Roma, aprile 2005

2 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Agenda lavori 1) Il contesto di riferimento - I risultati: Qualità, Volumi e Ricavi - il Progetto Nuova Rete Logistica - il nuovo modello organizzativo dei Centri di Rete Postale 2) Obiettivi e direttrici di sviluppo - Sviluppo prodotti - Sviluppo mercati - Direct Marketing 3) Innovazione tecnologica di processo e organizzativa 4) Il sistema dei trasporti della Divisione - larchitettura attuale - la strategia per il futuro 5) Agenzie di Recapito: le strategie della partnership

3 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Agenda lavori 1) Il contesto di riferimento - I risultati: Qualità, Volumi e Ricavi - il Progetto Nuova Rete Logistica - il nuovo modello organizzativo dei Centri di Rete Postale 2) Obiettivi e direttrici di sviluppo - Sviluppo prodotti - Sviluppo mercati - Direct Marketing 3) Innovazione tecnologica di processo e organizzativa 4) Il sistema dei trasporti della Divisione - larchitettura attuale - la strategia per il futuro 5) Agenzie di Recapito: le strategie della partnership

4 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Poste Italiane si trova a dover affrontare uno scenario di: evoluzione delle esigenze dei clienti progressiva liberalizzazione del mercato postale con il recepimento della II Direttiva Europea con riduzione dellArea di riserva (1) presenza, in più settori del mercato italiano, di importanti operatori postali italiani e internazionali richiesta di continua innovazione di prodotto e di processo Il contesto di riferimento (1) Direttiva 2002/39/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 10 giugno 2002 che modifica la Direttiva 97/67/CE per quanto riguarda lulteriore apertura alla concorrenza dei servizi postali della Comunità

5 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza I risultati: la Qualità % Il contesto di riferimento

6 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Prioritario Inbound Outbound Ordinario Standard J+1 J+3 Raccomandate & Assicurate Corriere NAZIONALE Corriere INTERNAZIONALE 89% 99% J+3 J+5 J+3 J+5 83% 99% 84% 99% 92% 99% 93% 99% 93% 99% 87% 99% 92% 99% 91% 98% J+3 J+5 J+3 J+5 88% 98% 90% 98% 88% 98% 92% 98% 93% 99% 89% 97% 2004 Velocità Affidabilità Velocità Il contesto di riferimento I risultati: la Qualità E 2 E dei Prodotti 93% 99% 87% 99% 93% 99% 90% 98% 91% 99%

7 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Prioritario Inbound Outbound Ordinario Obiettivi J+1 J+3 Raccomandate & Assicurate Corriere NAZIONALE Corriere INTERNAZIONALE J+3 J+5 J+3 J+5 J+3 J+5 J+3 J+5 88% 99% 94% 99% 85% 97% 85% 97% ,5% 99% Velocità Affidabilità Con obiettivo 90% sul processo di recapito relativo al segmento nazionale Con obiettivo 82% sul processo di raccolta relativo al segmento nazionale Il contesto di riferimento Obiettivi di qualità per il 2005

8 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Andamento Volumi di Corrispondenza (dati in milioni di pezzi) +33% +30% Fonte: Elaborazioni DCO su dati Consuntivo 2002, Consuntivo 2003 e Chiusura % +9% Con quasi 2,3 miliardi di pezzi, i prodotti di corrispondenza dedicati al Direct Marketing fanno registrare, nel periodo , una crescita superiore allincremento medio realizzato dal totale volumi di DCO Il contesto di riferimento

9 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Mercato e prodotti DCO - Incidenza DM e Servizi Innovativi Fonte: Elaborazioni DCO su dati Consuntivo 2003, Chiusura 2004 e Budget 2005 Ripartizione % Ricavi DCO, Il contesto di riferimento

10 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Agenda lavori 1) Il contesto di riferimento - I risultati: Qualità, Volumi e Ricavi - il Progetto Nuova Rete Logistica - il nuovo modello organizzativo dei Centri di Rete Postale 2) Obiettivi e direttrici di sviluppo - Sviluppo prodotti - Sviluppo mercati - Direct Marketing 3) Innovazione tecnologica di processo e organizzativa 4) Il sistema dei trasporti della Divisione - larchitettura attuale - la strategia per il futuro 5) Agenzie di Recapito: le strategie della partnership

11 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Obiettivi e direttrici di sviluppo Orientata alla centralità del cliente, la strategia della Divisione Corrispondenza mira a: Incrementare i ricavi connessi al valore percepito dal cliente/ Riduzione dei costi Valorizzare limmagine di P.I. come azienda di servizi integrati Investire sulle risorse umane attraverso la fornitura di soluzioni a valore aggiunto in grado di rispondere ai bisogni della clientela Sviluppo mercati Sviluppo portafoglio prodotti Innovazione tecnologica e di processo Innovazione organizzativa

12 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Sviluppo del concetto di INNOVAZIONE di PRODOTTO, fortemente orientato a una maggiore integrazione con i processi del cliente INNOVAZIONE DI PRODOTTO Sviluppo portafoglio prodotti Obiettivi e direttrici di sviluppo Integrazione e valorizzazione portafoglio prodotti attuale Lancio di nuovi prodotti/servizi

13 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Prodotti di base/ tradizionali Servizi aggiuntivi/ integrati sui singoli prodotti (es. SIN) Accesso multicanale (es. raccomandata online) Pacchetti di prodotti/servizi per segmento business (es. Findomestic) Servizi di outsourcing per la gestione di processi specifici della clientela business (es. ELI2, Poste Solution, etc.) Prezzo unitario del prodotto Tipologia di prodotto / servizio Maggiore integrazione con i processi del Cliente Sviluppo portafogli prodotti EVOLUZIONE DELLOFFERTA DCO Obiettivi e direttrici di sviluppo

14 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza BASSO ALTO Tasso di Penetrazione Settore Potenziale Settore ALTO 2 0,015% CHIMICO – FARMACEUTICO/ SANITÀ Mettendo in relazione i valori del Potenziale di Sviluppo con il Tasso di penetrazione, i settori Chimico - Farmaceutico/Sanità e Turismo risultano quelli sui cui concentrare, in primis, le azioni di marketing TURISMO GDO Sviluppo mercati EDITORIABANCHE LARGO CONSUMO BENI INDUSTRIALI TELECOMUNICAZIONI SOCIETÀ ASSICURATRICI ELETTRONICO- INFORMATICO AUTOMOTIVE Obiettivi e direttrici di sviluppo

15 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Mondo Giustizia Progetto Eli 2 DM & Vendita a Distanza Priorità Valenza Strategica SIN Poste Solution Sviluppo mercati Obiettivi e direttrici di sviluppo

16 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Il Direct Marketing - EUROPA -- USA - Fonte: IPC, Strategic Perspectives on the Postal Market Diminuzione dei volumi postali e potenziale perdita di quote di mercato Stabilità dei volumi postali e spostamento tra classi di posta (prioritaria vs Direct Mail) Approccio difensivo basato sulla riduzione dei costi (azioni sulla rete di trasporto e sui centri di lavorazione) Approccio proattivo orientato al mercato per ottimizzare i volumi postali e le corrispondenti entrate - POSTE ITALIANE - Approccio orientato al mercato e al cliente Innovazione dellofferta Sviluppo di azioni di supporto Sviluppo del Direct Marketing Obiettivi e direttrici di sviluppo

17 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza La Germania rappresenta il mercato più grande a livello europeo, con investimenti pari a quasi 29 miliardi di euro: In Germania, Gran Bretagna e Francia la spesa in DM supera la spesa in comunicazione tradizionale. In particolare, il Direct Mailing rappresenta il mezzo di comunicazione diretta più utilizzato: la percentuale di investimenti in Direct Mail rispetto al totale dei principali Paesi Europei raggiunge quota 46% in Germania, 21% in Gran Bretagna e 40% in Francia. Il mercato del Direct Marketing in Europa mostra un andamento positivo, caratterizzato da una continua crescita. Il mercato del Direct Marketing in Europa Comunicazione tradizionale (mld/) Direct Marketing (mld/) Germania Gran Bretagna FranciaItaliaSpagna 15,213,68,17,65,4 28,916,910,73,83,5 Fonte: AssoComunicazione, Ricerca su scenario e investimenti di Direct Marketing in Italia e in Europa nel 2003, 2004 Obiettivi e direttrici di sviluppo Il Direct Marketing

18 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza LItalia presenta un forte ritardo rispetto ai principali Paesi europei, confermato dai dati sui volumi di corrispondenza pro-capite: Fonte: Elaborazioni su dati SWISS POST, Numero medio di invii pro-capite/anno -- Numero medio di invii di DM pro-capite/anno Fonte: Elaborazioni su dati IEM e SWISS POST, 2003 Il mercato del Direct Marketing in Italia Obiettivi e direttrici di sviluppo Il Direct Marketing

19 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Lofferta di Direct Marketing e il mercato potenziale Lofferta di Poste italiane per il DM è orientata alle specifiche esigenze della propria clientela: Attraverso il DM, la clientela business può: MERCATO BUSINESS MERCATO PUBBLICA AMMINISTRAZIONE promuovere i propri prodotti/ servizi e la propria immagine rilanciare la vendita a distanza con un approccio integrato alle- commerce Per la Pubblica Amministrazione Centrale e Locale il DM si configura come uno strumento di informazione diretta ai cittadini, su tematiche di grande rilevanza come, ad esempio, la salute La comunicazione pubblica viene veicolata attraverso Gazzette Ufficiali e Bollettini Il DM viene configurato nelle spese postali e non nella voce Promozione e Comunicazione Obiettivi e direttrici di sviluppo Il Direct Marketing

20 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza ITALIA - D. Lgs. 196/ EUROPA - - POSTE ITALIANE - Disposizioni piuttosto limitative in merito alla commercializzazione ed al trattamento dei dati personali, ai fini di comunicazione diretta a carattere commerciale-promozionale. È in fase di definizione un Codice Deontologico di Autoregolamentazione Prevalentemente riconosciuto il bilanciamento degli interessi tra cittadini e titolari dei dati Il legislatore permette il trattamento dei dati personali senza il consenso nei casi di dati generici e non invasivi; il consenso è, invece, sempre necessario nel caso di dati sensibili. Ruolo di super partes e di promotore di iniziative che contribuiscano allo sviluppo del mercato del Direct Marketing e forniscano, allo stesso tempo, garanzie al cittadino in relazione al trattamento dei dati personali. Gestire le liste di consensi al trattamento dei dati personali Indirizzare il processo di produzione di un Codice di Autoregolamentazione favorevole La Privacy Obiettivi e direttrici di sviluppo Il Direct Marketing

21 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Misurazione e analisi risultati campagna Posta Report Gestione risposte Aggiornamento DB Cliente Rendicontazione via web esito campagna (es. Promoposta, Pagine Gialle – rendicontazione a Edificio) Prodotti Internazionali: Pre-lavorazioni (ripartizione per CAP e confezionamento) Prodotti per lItalia: Sviluppo formati cartotecnici Mailing package Produzione materiali Stampa e personalizzazione Imbustamento e cellophanatura Gestione DB Cliente Normalizzazione Liste profilate Liste Seguimi, il database dei cambi indirizzo Database Geopost Progetto Raccolta consensi al trattamento dei dati personali Ideazione della campagna Consulenza sulla privacy Consulenza su normativa e prodotti di recapito postale Help Desk DCO a supporto della vendita Ideazione e consulenza Database & List Management Stampa & lettershop Pre-lavorazione & Recapito Fulfillment Il Gruppo Poste Italiane si pone come facilitatore dellintero processo di Direct Mailing Postatarget Postatarget Magazine Postatarget Info Promoposta Programmi dAbbonamento Economy Premium IDM Direct Entry Obiettivi e direttrici di sviluppo Le linee di sviluppo future Il Direct Marketing

22 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Agenda lavori 1) Il contesto di riferimento - I risultati: Qualità, Volumi e Ricavi - il Progetto Nuova Rete Logistica - il nuovo modello organizzativo dei Centri di Rete Postale 2) Obiettivi e direttrici di sviluppo - Sviluppo prodotti - Sviluppo mercati - Direct Marketing 3) Innovazione tecnologica di processo e organizzativa 4) Il sistema dei trasporti della Divisione - larchitettura attuale - la strategia per il futuro 5) Agenzie di Recapito: le strategie della partnership

23 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DI PROCESSO INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA RaccoltaTrasportoSmistamentoRecapito VELOCITÀ RECAPITO SERVIZI A VALORE AGGIUNTO Grazie al nuovo posizionamento dei prodotti postali, in relazione al prezzo ed al peso, oggi Poste Italiane, dotandosi di un nuovo modello organizzativo e sfruttando le nuove tecnologie, si differenzia sul mercato facendo leva sulla velocità di recapito - standard qualitativo - e sullerogazione di servizi a valore aggiunto, prevedendo anche linee di produzione dedicate Pick up Accettazione favorita c/o i Centri Rete Razionalizzazione in due reti Automazione impianti Smistamento al portalettere Messa in gita automatica Innovazione Tecnologica di processo e organizzativa

24 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Il Progetto Nuova Rete Logistica: gli obiettivi Con il Progetto Nuova Rete Logistica Poste Italiane ha avviato nel 2000 lammodernamento dei Centri di Rete Postale attraverso linstallazione di sistemi di smistamento tecnologicamente avanzati. Adeguare la Rete Logistica Postale dellAzienda alle migliori realtà postali europee Gli obiettivi prefissati sono Utilizzare la nuova rete di smistamento automatizzato per supportare lo sviluppo di nuovi prodotti/servizi Adeguare la sicurezza degli impianti allo stato dellarte della tecnologia Migliorare gli ambienti di lavoro attraverso un programma di ristrutturazione e nuova edificazione immobiliare Innovazione tecnologica di processo e organizzativa

25 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Obiettivi Linee guida Razionalizzazione della struttura di Rete, con centri di smistamento posizionati coerentemente ai flussi di origine e di destinazione del traffico postale Massimizzazione del livello di meccanizzazione attraverso la concentrazione delle operazioni di smistamento Semplificazione e riduzione delle operazioni lungo tutta la catena logistica postale, dalla raccolta al recapito Riduzione costi operativiRiduzione costi operativi: Razionalizzazione rete di smistamento Aumento del livello di meccanizzazione Miglioramento della qualitàMiglioramento della qualità: Aumento del livello di servizio Aumento dellaffidabilità Il Progetto Nuova Rete Logistica: adeguamento rete logistica Innovazione tecnologica di processo e organizzativa

26 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza In termini programmatici il Progetto Nuova Rete prevede ad oggi un assetto a regime basato su un totale di 60 Centri di cui: 22 CMP (Centri di Meccanizzazione Postale); 38 CPO (Centri Manuali) specializzati nelle lavorazioni manuali del prodotto prioritario. CENTRI MECCANIZZATI CENTRI SPECIALIZZATI PRODOTTO PRIORITARIO Ancona PESARO Bari FOGGIA; POTENZA; LECCE Bologna Brescia Cagliari NUORO;SASSARI Catania MESSINA; RAGUSA; CALTANISSETTA Firenze AREZZO; SIENA; PERUGIA Genova IMPERIA; ALESSANDRIA Lamezia T. COSENZA; REGGIO CALABRIA Milano P.B. Milano Ros. SONDRIO Napoli SALERNO; BENEVENTO Novara Padova VENEZIA; BELLUNO; TREVISO Palermo AGRIGENTO; TRAPANI Parma Pescara LAQUILA; CAMPOBASSO; TERAMO Pisa GROSSETO; LUCCA Roma VITERBO; LATINA; FROSINONE; RIETI; TERNI Torino AOSTA; CUNEO Udine Verona BOLZANO; TRENTO Il Progetto Nuova Rete logistica lassetto a regime

27 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Incremento delle potenzialità degli impianti Le macchine acquistate sono più veloci di quelle previste in fase di emissione di gara Gestione e al miglioramento continuo della produzione automatizzata (da a pz./h) Variazione dei flussi sia in termini di volumi assoluti che di mix tipologia prodotto Ottimizzazione/ridefinizione delle reti di base dei bacini Ottimizzazioni delle lavorazioni attraverso il ricorso al microlayout Adeguamento del sistema complessivo della Rete a smistamento meccanizzato che ha comportato una diversa dislocazione della capacità produttiva pari all1,5% della potenzialità di smistamento totale della Nuova Rete Adeguamento del sistema complessivo della Rete a smistamento manuale che ha comportato lincremento da 34 a 38 dei centri dedicati al prioritario (Centri di Perugia, Teramo, Terni e Rieti) Effetti Il Progetto Nuova Rete Logistica: evoluzione rete di smistamento Innovazione tecnologica di processo e organizzativa

28 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza M.ni 1085 M.ni (+2,4% rispetto al Piano del 2004) Il Progetto Nuova Rete: investimenti 605 M.ni Sono previsti circa 600 M.ni di investimenti nel periodo di cui il 39% (234 M.ni ) nel 2005

29 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Il Piano Nuova Rete: tipologia investimenti Il 52 % degli investimenti riguarda impianti e HW

30 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Roll-out della Nuova Rete – Avvio impianti Attuale roll-out aprile 05 1.Roma Fco 2.Milano PB 3.Milano Roserio 4.Napoli 5.Bologna 6.Padova 7.Lamezia 8.Firenze 9.Catania 10.Bari + Anticipi a BS, VR, PE 11. Torino 12. Cagliari 13. Palermo + altre installazioni a Roserio, Brescia, FIrenze e Bari 14. Genova 15. Pescara + altre installazioni a Milano Roserio 16.Novara 17.Brescia 18.Pisa 19.Ancona 20.Parma 21.Verona Nel 2005 verranno avviati gli impianti di Torino, Cagliari, Palermo e verranno effettuate altre installazioni a Milano Roserio, Firenze, Brescia e Bari % 60% 84% 71% 100% 87% 78% I volumi indicati si riferiscono allintero bacino allargato. Fonte DCO/PNR, Piano di Sviluppo. 97% 96% 22.Udine 2008 Peso bacini in volumi di posta ordinaria Peso bacini in volumi di posta prioritaria Siti avviati a ottobre 2004 Previsione siti avviati a fine 2005 Previsione siti avviati a fine 2006 Previsione siti avviati a fine 2007 Previsione siti avviati a fine %

31 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Il Progetto Nuovo Rete: i risultati sulla sicurezza degli impianti Risposta agli interventi degli organi di controllo (prescrizioni ASL sulle apparecchiature della vecchia rete nazionale) Eliminazione di tutte le apparecchiature non rispondenti alle norme di sicurezza vigenti (DPR 547/55) Scelta di nuove apparecchiature con minimo rischio residuo (ai sensi del D.lgs 626/94) Miglioramento ergonomico del posto di lavoro Formazione, informazione e addestramento di tutti gli addetti agli impianti (ex artt. 21 e 22 del D.lgs 626/94) Obiettivi:

32 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Elevata ergonomia del posto di lavoro: le postazioni di lavoro più usuranti sono state oggetto di studi interdisciplinari (chimici, fisici ed ingegneristici) da parte di esperti del settore, per ottenere come risultato un comfort ottimale dellattività lavorativa (ergonomia). Massima riduzione rischi residui: tutte le apparecchiature sono dotate di dichiarazione di conformità come prescrive la direttiva Macchine CE 392/89 con analisi rischi residui e relazione tecnica della loro ineliminabilità. Formazione informazione ed addestramento: si è ottenuta unadeguata professionalità e sensibilizzazione alla cultura della sicurezza degli addetti alle macchine Azioni Il Progetto Nuovo Rete: i risultati sulla sicurezza degli impianti

33 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza messi in campo 62 formatori interni alla DCO selezionati ulteriori 20 formatori definiti percorsi interni di abilitazione per i formatori riprogettati interventi ad hoc di video codifica remota per audiolesi erogate in modalità e-learning moduli specialistici Nel Progetto Formativo Nuova Rete Il Progetto Nuova Rete: i risultati in termini di formazione del personale

34 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza soggetti in 13 stabilimenti per oltre ore di formazione Il Progetto Formativo Nuova Rete ha visto in aula BAPDCTFIRMMI ROS. MI PESC. BS LAM, T NAVRPEBO Formazione cascata Formazione formatori Formazione Specialistica Seminari comportamentali totale Il Progetto Nuova Rete: i risultati in termini di formazione del personale

35 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza TOTALI Il progetto Nuova Rete: i risultati in termini di efficientamento delle risorse Proiezione

36 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Il Progetto Nuova Rete 2005 Il completamento delle razionalizzazioni avviate è la determinante che consente di proseguire con efficacia il percorso di sviluppo intrapreso La modernizzazione, mediante la meccanizzazione e linformatica, è stata e sarà la scelta obbligata: la tecnologia al servizio dei nuovi prodotti richiesti dal mercato La costante implementazione ed evoluzione degli asset tecnologici consente lofferta di servizi integrati ad alto valore aggiunto

37 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Il Progetto Nuova Rete: i risultati in termini di Supporto ai nuovi prodotti/servizi Re-enginering di prodotto-processo La piattaforma tecnologica aziendale garantirà rilevanti innovazioni nei processi di smistamento e nelle specifiche tecniche di lavorazione per alcuni prodotti tradizionali al fine di incrementare: capacità produttiva affidabilità e qualità del servizio flessibilità operativa (gestione di prodotti in mix) Posta ordinaria Posta target MODULISTICA INTERNA (a.R., 23i, 23l) Conti di credito speciale Resi mittente Prodotti

38 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Il Progetto Nuova Rete: i risultati Sviluppo nuovi prodotti/servizi, innovazione Tecnologica La piattaforma tecnologica aziendale garantirà non solo lo smistamento ma anche di tracciare, registrare, decodificare e trattare le immagini dei vari prodotti gestiti smaterializzazione del prodotto con gestione di operazioni attualmente effettuate dal cliente in-house (gestione del cartaceo, data entry, data warehouse) offerta e flessibilità nel lancio di nuovi prodotti servizi Posta report, cartelle esattoriali, etc.. (Restituzione delle motivazioni degli inesiti ai clienti) Vendita per corrispondenza (gestione del trattamento delle Cedole di commissione) Esempi

39 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Il Progetto Nuova Rete: i risultati Sviluppo nuovi prodotti/servizi, crescita e gestione del know-how tecnologico In generale il Progetto Nuova Rete ha aumentato: linnovazione/crescita della tecnologia le competenze e delle capacità delle risorse coinvolte. Attraverso lingegneria di processo e lingegneria di prodotto applicate alla piattaforma tecnologica siamo in grado di realizzare prodotti e servizi affidabili per il cliente finale con una significativa economicità dei costi flessibilità operativa per affrontare contesti di riferimento sempre più complessi e dinamici in un mercato competitivo

40 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Lattuale modello organizzativo dei centri di Rete Postale prevede la ripartizione dei CRP in: Centro complesso Centro base Centro base Centro semplice Centro semplice distinti principalmente in base al numero di risorse presenti nel centro, al livello di meccanizzazione e alla presenza di funzione da HUB e/o A.T. Il nuovo modello organizzativo dei Centri di Rete Postale I Centri di Smistamento Postale I Centri di Smistamento Postale hanno subito nel corso degli anni una naturale evoluzione dovuta essenzialmente ai seguenti fattori: Nuova Rete Logistica Progetto Nuova Rete Logistica che ha generato una decisa spinta in termini di meccanizzazione degli impianti con evidenti ricadute sulle lavorazioni e sul numero di risorse utilizzate; Nascita/sviluppo di nuovi prodotti e servizi a valore aggiunto; Obiettivi di Qualità maggiormente sfidanti. Innovazione tecnologica e di processo

41 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Obiettivo della nuova organizzazione dei Centri di Rete Postali Adeguare lattuale modello organizzativo al fine di garantire risposte efficaci alle nuove dinamiche di riferimento.Azioni CMP: realizzare interventi dal punto di vista della struttura organizzativa, dei processi operativi e delle competenze professionali. CPO: coerentizzare il modello organizzativo alle necessità legate allimplementazione del Progetto Nuova Rete.

42 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza MODELLO ORGANIZZATIVO ATTUALE CMP NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO CMP COMPLESSO CMP CPO BASE CPO SEMPLICE CENTRO LOGISTICO DI RECAPITO CENTRO POSTALE OPERATIVO Levoluzione organizzativa

43 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Struttura organizzativa CMP complesso Direttore CMP Capo Turno Capo Squadra Addetti Accettazione Grandi Clienti Accettazione Grandi Clienti Reparto corrisponden za 2 Reparto corrisponden za 1 Reparto corrisponden za registrata Reparto corrispondenz a da ripartire (II° livello) Reparto Arrivi/ Partenze Amm.ne e controllo Amm.ne e controllo Membri del Meeting di stabilimento Ove presente Hub Aeroporto ** * Nei CMP di Roma Fium. e Milano PB ** Nel CMP di Roma Fium Reparto corrisponden za Estero* Processi e Qualità Processi e Qualità Impianti Risorse Umane Risorse Umane Produzione Trasporti 9 CMP COMPLESSI Bari Bologna Firenze Milano P.B. Milano Ros. Napoli Padova Roma Torino Capi Settore Operativi

44 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Struttura organizzativa CMP Direttore CMP Accettazione Grandi Clienti Accettazione Grandi Clienti Amm.ne e controllo Amm.ne e controllo Processi e Qualità Processi e Qualità Impianti Risorse Umane Risorse Umane Produzione Trasporti Reparto corrispondenza Reparto corrispondenza registrata Reparto corrispondenza da ripartire (II° livello) Reparto Arrivi/ Partenze Membri del Meeting di stabilimento 13 CMP Ancona Brescia Cagliari Catania Genova Lamezia Terme Novara Palermo Parma Pescara Pisa Udine Verona Capi Settore Operativi Capo Turno Capo Squadra Addetti

45 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Il CPO: il nuovo assetto organizzativo Centro Postale Operativo STAFF Processi Monitoraggio Qualità PCG RU Segreteria Tecnica ACCETTAZIONE G.C. SMISTAMENTI/ TRASPORTI RECAPITO Attività di consegna della corrispondenza, svolta sul territorio agli indirizzi indicati sugli invii. Accettazione (contabilizzazione e controllo) delle spedizioni effettuate da clienti titolari di un contratto commerciale con Poste Italiane. Affrancatura meccanica Attività di allestimento delle spedizioni Attività funzionale al Recapito Attività di smistamento prodotto prioritario verso la provincia Attività trasporti e collegamenti da e per la provincia del prodotto ordinario/prioritario registrata Attività ripartizione prodotto prioritario/ ordinario per la città.

46 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Centro Logistico di Recapito STAFF Monitoraggio Qualità PCG RU Segreteria Tecnica RECAPITO ACCETTAZIONE TRASPORTI Il CLR: il nuovo assetto organizzativo

47 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza UFFICI DI RECAPITO ADDETTI L. I. PORTALETTERE ACCETTAZIONE G.C. CAPOSQUADRA PTL CAPOSQUADRA LAVORAZIONI INTERNE E SERVIZI SPECIALISTICI OVE PRESENTI MONITORAGGIO QUALITA MIGLIORAMENTO PROCESSI UDR ADDETTI SERVIZI SPECIALISTICI POLO CORRISPONDENZA TERRITORIALE RECAPITO DI POLO UdR Metropolitani e Provinciali non allinterno dei Centri di Rete Postali Fattorini telegrafici, Pick-up, Viaggetti, Consegne Dirette, ecc. ecc.

48 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Agenda lavori 1) Il contesto di riferimento - I risultati: Qualità, Volumi e Ricavi - il Progetto Nuova Rete Logistica - il nuovo modello organizzativo dei Centri di Rete Postale 2) Obiettivi e direttrici di sviluppo - Sviluppo prodotti - Sviluppo mercati - Direct Marketing 3) Innovazione tecnologica di processo e organizzativa 4) Il sistema dei trasporti della Divisione - larchitettura attuale - la strategia per il futuro 5) Agenzie di Recapito: le strategie della partnership

49 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Il sistema dei trasporti della Divisione Larchitettura attuale CRA CRP 89 Nodi di Produzione 16 Comprensori Postali 3 Reti di Trasporto

50 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Il sistema dei trasporti della Divisione Il Centro Rete Comprensoriale è il centro principale del comprensorio e svolge la funzione di Hub regionale per gli altri Centri Provinciali Ogni Centro Rete è collegato agli altri Centri Rete mediante i collegamenti extraregionali. I 16 Comprensori Postali sono: Lassetto attuale dei comprensori è soggetto a modifiche in relazione allevoluzione del Progetto Nuova Rete Torino, Genova, Milano, Venezia, Verona, Bologna, Firenze, Ancona, Pescara, Roma, Napoli, Bari, Lamezia Terme, Catania, Palermo, Cagliari Le Reti si distinguono in: RETE COMPRENSORIALI RETE DI BASE LIVELLO INTERREGIONALE LIVELLO PROVINCIALE RETE NAZIONALE Larchitettura attuale (segue)

51 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Rete di Trasporto Nazionale RETE NAZIONALE Rete J+1 su aereo Rete J+1 su gomma Rete J+3 posta ordinaria T+0 Rete J+3 posta ordinaria T+1/Com Rete week-end Servizio aeropostale notturno settimanale (lun/ven) Collega 15 Centri Rete con Roma Trasporta prodotti veloci (posta prioritaria, posta registrata, quotidiani, ordinaria da/per il Sud e le isole, posta estera in transito) Servizio aeroportuale notturno prefestivo (sab) Trasporta quotidiani e posta estera la notte del sabato sulla domenica Servizio su gomma notturno settimanale (lun/ven) Collega 8 Centri Rete con Milano e 11 Centri Rete con Bologna Trasporta posta prioritaria e posta assicurata Servizio su gomma notturno settimanale (lun/ven) Collega 8 Centri Rete con Bologna Trasporta posta ordinaria diretta ad extracomprensorio Servizio su gomma pomeridiano settimanale (dom/sab) Collega 16 Centri Rete con Bologna e Roma Trasporta posta ordinaria T+1 e posta commerciale Servizio su gomma e aereo notturno prefestivo (sab/dom) Collega 16 Centri Rete con Bologna e Roma Trasporta posta prioritaria, posta registrata, ordinaria T+0 e T+1 Rete aerea prefestiva Gestita in outsourcing da: Alitalia Airone Mistral PIT Il sistema dei trasporti della Divisione

52 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza PESCARA 23:45-00:50 01:55-03:00 CAGLIARI 00:20-01:10 02:10-03:00 ALGHERO 23:00-23:30 03:30-04:00 MILANO 00:05-01:10 02:10-03:20 ANCONA 23:50-00:50 01:55-02:55 ROMA FIUMICINO VERONA 00:05-01:05 02:00-03:05 VENEZIA 23:55-00:55 01:50-02:50 TORINO 23:45-00:50 01:55-03:00 GENOVA 00:05-01:05 02:05-03:05 PISA 00:20-01:05 02:05-02:50 PALERMO 00:10-01:05 02:10-03:10 NAPOLI 00:10-01:00 02:01-02:50 BARI 00:05-01:00 02:00-02:55 PESCARA 00:05-00:55 01:55-02:45 LAMEZIA 23:50-01:05 02:01-03:10 BOLOGNA 23:55-00:15 02:00-02:50 CATANIA 23:45-00:55 01:50-03:00 Rete Aerea SAN Volumi movimentati 86 ton/g N Mezzi 15 aerei Alitalia Mistral AirOne

53 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza TORINO 20:20-00:00 00:30-04:10 GENOVA 20:40-00:00 00:30-03:50 MILANO 21:30-00:00 00: :15 BRESCIA 21:30-23:45 00:30-02:45 VERONA 21:55-23:45 00:45-02:35 PADOVA 22:15-23:45 00:45-02:15 VENEZIA 22:00-00:00 00:45-02:45 FIRENZE 22:15-23:30 00:30-02:00 PISA 21:15-23:45 00:45-03:15 PERUGIA 20:40-23:40 00:30-03:30 ANCONA 21:00-23:40 00:45-03:25 BOLOGNA Rete Stradale J+1 - Bologna Volumi movimentati 17 ton/g N Mezzi 12 veicoli Start up – Aprile 2004

54 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza m MILANO VERONA 23:45-01:45 22:30-00:30 VENEZIA 22:00-23: :25 21:15-21:55 PADOVA 22:10-01:05 BOLOGNA 21:30-00:10 00:30-03:10 FIRENZE 03:00-04:15 PISA 23:00-02:40 VERONA 21:15-23:25 00:30-02:40 TORINO 22:00-00:00 00:30-02:30 GENOVA 22:05-00:00 00:30-02:25 Rete Stradale J+1 - Milano Volumi movimentati 23 ton/g N Mezzi 10 veicoli Start up – Aprile 2004

55 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza TORINO 21:15-01:30 02:30-06:45 GENOVA 21:45-01:30 02:30-06:45 MILANO 22:50-01:30 02:30-05:10 VERONA 23:40-01:30 02:30-04:25 VENEZIA 22:40-23:30 04:30-05:15 FIRENZE 23:50-01:30 02:30-04:15 BOLOGNA PADOVA 00:00-01:30 02:30-04:00 Rete Posta Ordinaria T+0 - Bologna Volumi movimentati 11 ton/g N Mezzi 6 veicoli Start up – Febbraio 2005

56 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Rete Posta Ordinaria T+1– Hub Nord Firenze Genova Bologna Milano Venezia Verona Bari Lamezia Napoli Roma Cagliari Palermo Catania VE-HN-VE p a p a BO-HN-BO p a p a HN-PE p a AN-HN-AN p a p a MR-HN-MB-MR p a p a p a HN-CA-GE-HN p a p a p a PD-HN-PD p a p a Padova FI-HN-FI p a p a AN-HN-AN p a p a GE-HN-GE p a p a HN-LM p a Ancona Pescara HN-RR-SL-HN p a p a p a HN-NA p a HN-RR p a FI-HN-FI p a p a HUB SUD HN-PA p a HN-CT p a BA-HN-BA p a p a TOV-TON-HN-TON-TOV p a p a p a p a VR-HN-VR p a p a VR-HN-VR p a p a MB-HN-MD p a p a MR-HN-MR p a p a MR-HN-MR p a p a TOV-HN-TON p a p a VR-HN-VR p a p a BO-HN-BO p a p a BO-HN-BO p a p a BO-HN-BO p a p a Torino HUB NORD Volumi movimentati 350 ton/g N Mezzi 32 veicoli

57 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Rete Posta Ordinaria T+1– Hub Sud Milano Venezia Verona Ancona Pescara Lamezia Napoli Roma Cagliari Palermo Catania Padova RR-HS-VE-PD p a p a p a HS-HN p a NA-HS-NA p a p a PE-HS-PE p a p a AN-HS-AN p a p a HS-VR-HN p a p a HS-MB-HS p a p a LM-HS-LM p a p a HS-CT-PA-CT-HS p a p a p a p a HS-RR-CA-RR-HS p a p a HS-AN-HS p a p a FCO-HS-BO p a p a HS-GE p a Genova HS-FI-HS p a p a HUB NORD Bologna Firenze Bari BA-HS-BA p a p a FCO-HS-TOV-TON p a p a p a Torino HUB SUD Volumi movimentati 95 ton/g N Mezzi 23 veicoli

58 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Rete Posta Ordinaria T+1– Diretti TOV-RR-FCO p a p a MR-TOV-MB-GE p a p a p a Torino Genova Milano Borr. Milano Ros. Bari Napoli Roma Padova MR-MB-HN-NA p a p a p a GE-MR-MB-TOV-TON-MR p a p a p a p a p a MR-MB-RR p a p a VR-FI-VR p a p a RR-RF-MB-MR p a p a p a TO-VR-PD p a p a PD-MR-PD p a p a PD-VR-TON-TOV p a p a p a Bologna BO-MR-BO p a p a BO-PD-VR-PD-BO p a p a p a p a Verona Firenze MR-MB-AN-BA p a p a p a MR-VR-MR p a p a Volumi movimentati 157 ton/g N Mezzi 21 veicoli Ancona

59 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Rete Aerea Prefestiva – SA/DO CA-PA 02:00-03:00 PALERMO 04:00-05:00 PALERMO 04:00-05:00 MILANO ALGHERO CAGLIARI BARI CATANIA ROMA CIAMPIN O CA p 02:00 PA a 03:OO RM p 06:00 CA a 07:00 PA p 04:00 RM a 05:00 PA p 00:30 BA a 01:30 BA p 01:50 RM a 02:50 RM p 03:30 CT a 04:30 CT p 04:50 PA a 05:30 RM p 03:15 CA a 04:10 CA p 04:30 AHO a 05:00 AHO p 05:20 MI a 06:20 PALERMO Volumi movimentati 4 ton/g N Mezzi 3 aerei Start up – Aprile 2005

60 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Rete Week End Strad.– Hub Nord 23:00-04:30 17:00-22:30 TORINO 00:00-03:30 18:00-21:30 01:00-04:30 18:00-21:30 MILANO 01:00-03:00 19:00-21:00 01:00-03:00 18:00-20:00 01:00-03:00 18:30-21:00 00:00-04:30 18:00-22:30 00:00-03:30 18:00-21:30 01:00-03:00 18:00-20:00 19:00-21:00 18:00-20:00 HUB NORD VERONA PADOVA VENEZIA ANCONA FIRENZE GENOVA Volumi movimentati 130 ton/g N Mezzi 18 veicoli Start up – Febbraio 2005

61 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Rete Week End Strad. – Hub Sud 04:00-07:00 14:00-17:00 04:00-07:30 14:00-17:30 22:30-08:00 12:30-22:30 00:00-07:00 14:00-21:00 PESCARA NAPOLI BARI LAMEZIA HUB SUD HUB NORD 12:00-22:00 00:00-09:00 MILANO 12:30-02:30 03:00-06:30 CATANIA PALERMO Volumi movimentati 109 ton/g N Mezzi 4 aerei Start up – Febbraio 2005

62 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Rete Comprensoriale Bolzano Trento Verona Brescia Mantova BOLZANO TRENTO BRESCIA MANTOVA VERONA La Rete di Trasporto Comprensoriale collega allinterno di ogni comprensorio centri provinciali con il proprio Centro Rete. Tali collegamenti sono di competenza del Polo e trasportano tutti i prodotti nelle diverse fasce orarie.

63 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Rete di Base La rete di base trasporta tutte le tipologie di effetti postali che originano dagli Uffici Postali e ovunque diretti. Collega i C.R.A. del C.P.O./C.M.P. con tutti gli uffici di recapito, sia provinciali che cittadini, attraverso collegamenti diretti o tramite Transit Point. Il Transit Point è un ufficio di concentramento che viene individuato nel momento in cui si ha la necessità di effettuare collegamenti tra un Centro di Smistamento ed uffici che distano da esso più di due ore. Il Centro di Smistamento porta al Transit Point il corriere diretto ai suddetti uffici e ritira dal Transit Point il corriere raccolto dagli uffici.

64 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Rete di Base Roverè Cerro Peschiera Verona Cmp Sona Castelnuovo Domegliara Volargne Peri Brentino Belluno San Pietro in C. Marano di V. Fumane S. Pietro in C. Fine Parona di Valp. Negrar Fane S. Anna dAlfaedo Erbezzo Bosco Chies. Grezzana Quinto di Valp. Montorio Mezzane Colognola ai Colli Caldiero Vigo San Martino B.A. Ca di David Buttapietra Castel dAzzano Dossobuono

65 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza La strategia per il futuro Precedente assetto Assetto futuro RETE COMPRENSORIALE RETE DI BASE RETE DI BACINO

66 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza La strategia per il futuro – Rete di Bacino A seguito del Progetto Nuovo Rete e della conseguente razionalizzazione dei Centri di Rete Postali si è reso necessario ridefinire lassetto della Rete Comprensoriale e di Base Le due Reti saranno integrate in ununica Rete: la Rete di Bacino.. La nuova Rete di bacino allargato prevede linee a due livelli e lutilizzo di Transit Point, in particolare ci saranno: linee di 1° livello che collegano i CMP ai Transit Point linee di 2° livello che effettuano la raccolta/consegna tra i Transit Point e gli UP/UDR Linee dirette dai CMP agli UP/UDR Il nuovo criterio per il transito dei prodotti postali sarà quello della minor distanza. Il traffico verrà alimentato dal CPO/TP più vicino indipendentemente dalla provincia di appartenenza

67 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Linea Meledo T.P. VICENZA C.M.P. Padova Linea Altavilla Linea Castegnero Linea Montorso Linea Quinto V. Linea Costabissara T.P. Bassano Linea S. Nazario Linea Breganze Linea Romano Linea Rossano T.P. Zanè Linea Fontanell e Linea Lugo di V. Linea Pedemonte T.P. Lonigo Linea Enego Linea Pd-Vi Linea Torri Enego Fine Serv. Rete di Bacino

68 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza La Rete di Base Le tratte della Rete di Base in service: il dato nazionale

69 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Percorrenze e costi 48% 52% 62,7% 37,3% 18,36 19,75 1,28 1,07 La Rete di Base

70 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza La Rete di Base Le tratte della Rete di Base in service: il dato territoriale

71 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Rete di Bacino: soluzione first best Benefici economici (riduzione di costi) Benefici organizzativi (contenimento in termini snelli della struttura logistica e del conseguente apparato di gestione/controllo) Il sistema dei trasporti della Divisione La strategia per il futuro Tale politica di outsourcing dovrà essere compatibilizzata con lottimale impiego dellorganico esistente gestione in outsourcing

72 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Agenda lavori 1) Il contesto di riferimento - I risultati: Qualità, Volumi e Ricavi - il Progetto Nuova Rete Logistica - il nuovo modello organizzativo dei Centri di Rete Postale 2) Obiettivi e direttrici di sviluppo - Sviluppo prodotti - Sviluppo mercati - Direct Marketing 3) Innovazione tecnologica di processo e organizzativa 4) Il sistema dei trasporti della Divisione - larchitettura attuale - la strategia per il futuro 5) Agenzie di Recapito: le strategie della partnership

73 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Il 31 dicembre 2000 sono venute meno le concessioni che hanno autorizzato, fino a quel momento, le Agenzie di Recapito ad offrire servizi postali. D.Lgs. 261/99 Le Agenzie di Recapito: la strategia della partnership possibilità data allAzienda di realizzare accordi con altri operatori supporto al raggiungimento degli obiettivi di qualità in particolari aree urbane connotate da criticità nella fase di recapito 2004/2005 definizione di accordi integrativi ai contratti già in essere con le Agenzie di Recapito proroga scadenza dei contratti al 31 dicembre 2006 Affidamento di attività a carattere sperimentale Affrontare la prossima liberalizzazione del mercato con possibili competitors legati allAzienda da contratti di partnership

74 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Nel corso del 2004 sono stati affidati alle Agenzie di recapito circa 54 milioni (su un totale di circa ) di raccomandate/assicurate con un incremento in termini assoluti dell8% rispetto al Attività esternalizzate del recapito: raccomandate e assicurate dell 8% il 3% è dovuto allentrata a regime dei nuovi contratti attivati solo nel 1° semestre del 2003; l1,5% è dato dal maggiore affido dovuto agli accordi integrativi; Il 3,5% è da attribuirsi ad un effettivo generalizzato aumento di consegne da parte delle agenzie In ambito nazionale si rileva un livello di servizio medio di consegnato a domicilio di circa 90% con unincidenza media di mod. 26 del 10%. LIVELLO DI SERVIZIO

75 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Sulla base di quanto previsto dallart. 7 del contratto stipulato con la società SEAT ed in relazione allesito di alcuni percorsi relazionali centrali (DCO-DCIA) e territoriali è stata affidata in subappalto la distribuzione dei volumi Pagine Gialle ed. 2004, ed il contestuale ritiro e macero della precedente edizione, ad operatori privati operanti sulle città di Milano, Roma, Napoli, Torino, Bologna, Brescia, Genova, Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Trapani. I volumi esternalizzati sono pari a circa che costituiscono il 37,5% del valore complessivo della commessa SEAT Attività esternalizzate del recapito: Pagine Gialle 8 milioni

76 Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza Nel corso del 2004 la società SDA/Mototaxi ha effettuato il recapito di circa 2 milioni di telegrammi distribuiti sulle città di Genova, Torino, Milano, Roma e Napoli registrando complessivamente un aumento di volumi lavorati rispetto al 2003 di circa il 31%. Gli aumenti di lavorazioni si riferiscono alle città di Milano e di Roma dove lattività è stata caratterizzata da un pianificato affidamento incrementale. Le prestazioni rese dalle società affidatarie superano gli standard contrattuali registrando un livello di consegnato a domicilio pari al 100% dei volumi affidati su tutte le aree esternalizzate. LIVELLO DI SERVIZIO Attività esternalizzate del recapito: telegrammi


Scaricare ppt "Divisione Corrispondenza - Marketing Divisione Corrispondenza DIVISIONE CORRISPONDENZA INCONTRO CON LE OO.SS. NAZIONALI Roma, aprile 2005."

Presentazioni simili


Annunci Google