La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La moneta e le banche La macroeconomia. La moneta : concetti BARATTO Indisponibilità Beni da scambiare svantaggi Indivisibilità Beni da scambiare Deperibilità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La moneta e le banche La macroeconomia. La moneta : concetti BARATTO Indisponibilità Beni da scambiare svantaggi Indivisibilità Beni da scambiare Deperibilità"— Transcript della presentazione:

1 La moneta e le banche La macroeconomia

2 La moneta : concetti BARATTO Indisponibilità Beni da scambiare svantaggi Indivisibilità Beni da scambiare Deperibilità Beni da scambiare METALLI PREZIOSI vantaggi inalterabilità omogeneità divisibilità utilità Loro e largento Hanno le seguenti caratteristiche

3 La moneta : concetti FUNZIONI DELLA MONETA Intermediazione degli scambi Metro dei valori Conservazione o accumulazione dei valori Trasferimento dei valori nello spazio

4 La moneta : concetti Loro e largento Metallo nobile ( oro o argento ) + metallo vile = verga o lingotto La fusione = lega Peso metallo nobile = peso netto o fino Peso lingotto = peso lordo Peso netto/peso lordo = grado di finezza o titolo

5 La moneta : concetti Dal lingotto si passò a coniare le MONETE Per evitare il trasporto del lingotto e la custodia le monete metalliche si passò ai BIGLIETTI DI CARTA emessi dalle banche commerciali I biglietti consentivano di ottenere dalle banche una determinata quantità di oro o argento Questo sistema fu detto della cartamoneta convertibile Oggi siamo nel sistema della cartamoneta inconvertibile, poiché le banche non consentono più il diritto del portatore alla conversione

6 La moneta : I SISTEMI MONETARI Il SISTEMA MONOMETALLICO Il sistema monometallico ( con parità monetaria ossia dare un contro valore in oro allunità monetaria ) Il reciproco della parità monetaria è il prezzo ufficiale delloro ( es:1 dollaro contiene 5g di oro allora prezzo ufficiale oro= 20 centesimi di dollaro ) Ovviamente il prezzo ufficiale è fisso e può essere mutato solo da un provvedimento della banca Centrale Di contro loro per scopi industriali o commerciali ha un suo prezzo di mercato

7 La moneta : I SISTEMI MONETARI DIRITTO DI FUSIONE E CONIAZIONE I cittadini avevano la possibilità di trasformare ( attraverso la zecca di Stato) loro in moneta (diritto di coniazione ) Oppure, al contrario, la moneta in oro ( diritto di fusione ) Se esistono diritti di coniazione e fusione, il prezzo di mercato tende ad uguagliare quello ufficiale

8 La moneta : I SISTEMI MONETARI VALORE INTRINSECO E LEGALE DELLA MONETA Valore intrinseco = contenuto del metallo per il suo prezzo di mercato Valore legale = contenuto del metallo per il suo prezzo ufficiale SE ( per i diritti di coniazione e fusione ) il prezzo di mercato tende ad eguagliare il prezzo ufficiale ALLORA il valore intrinseco tende ad uguagliare il valore legale

9 La moneta : I SISTEMI MONETARI SISTEMA BIMETALLICO E LEGGE DI GRESHAM Sistema bimetallico = in un sistema circolano contemporaneamente monete di due metalli Rapporto legale = rapporto tra pezzo ufficiale di un metallo e il prezzo ufficiale dellaltro metallo Rapporto commerciale = rapporto tra i prezzi di mercato dei due metalli Legge di Gresham = tutte le volte che si determina un divario tra rapporto legale e quello commerciale si ha gradualmente la scomparsa di una delle due monete

10 La moneta : I SISTEMI MONETARI IL SISTEMA CARTACEO Se circolano contemporaneamente monete auree e biglietti convertibili allora il valore legale delle monete deve essere uguale al prezzo di mercato. Infatti se il prezzo di mercato e maggiore del prezzo ufficiale allora la moneta doro mano mano scompare dal mercato. Un sistema a cartamoneta inconvertibile si dice a corso legale o forzoso. In questo caso la Banca centrale non ha bisogno di possedere oro e la moneta non ha alcun valore intrinseco Il sistema a cartamoneta convertibile viene detto anche sistema aureo o gold standard

11 La moneta bancaria LA MONETA BANCARIA CAMBIALE ASSEGNO BANCARIO ASSEGNO CIRCOLARE CARTA DI CREDITO MONETA ELETTRONICA PAGOBANCOMAT PAGHERO TRATTA GIRATA SCONTO A VUOTO TRASFERIBILITA

12 Il valore della moneta Il valore ( o potere dacquisto ) della moneta è dato dalla quantità di beni che con essa è possibile comprare. Esso quindi dipende dai prezzi dei beni Più alti sono i prezzi,minore è la quantità di beni che un individuo può acquistare con una data quantità. Per cui il valore della moneta è uguale al reciproco del livello generale dei prezzi. ALLORA Vm = 1/ P Nel caso di più beni è possibile fare la PONDERAZIONE

13 TEORIA QUANTITATIVA DELLA MONETA Un aumento della quantità di moneta in circolazione determina un aumento del livello generale dei prezzi e una diminuzione del valore della moneta Tutto ha inizio con la scoperta dellAmerica e con la importazione di metalli preziosi per la coniazione di questi. Anche la Germania per favorire le spese della Prima Guerra Mondiale aumentò la quantità di moneta in circolazione

14 La formulazione di Fischer Fischer introduce la Velocità della moneta ossia il numero di volte che questa passa di mano in mano, quindi indicando con M la quantità di moneta e con V la velocità ed, inoltre, considerando tutti i beni o servizi scambiabili avremo che: M x V = p1xq1+ p2xq2+…pnxqn ossia M x V = P x Q nel breve periodo se V e Q sono costanti un aumento di M determina un aumento di P nella stessa proporzione,quindi: P = V / Q x M Quando aumenta la quantità di moneta in circolazione, il livello dei prezzi aumenta nella stessa proporzione

15 Critiche alla teoria quantitativa della moneta Per Keynes, Gli individui potrebbero non spendere tutta la moneta in loro possesso poiché,per esempio, potrebbero depositarla in banca, le banche potrebbero non prestare questa moneta; in questo caso laumento di moneta NON si traduce in aumento della domanda di beni e quindi i prezzi NON aumentano.

16 Critiche alla teoria quantitativa della moneta Per le imprese QUANDO IL SISTEMA ECONOMICO NON E IN PIENA OCCUPAZIONE, UN AUMENTO DELLA QUANTITA DI MONETA NON FA AUMENTARE I PREZZI, MA FA AUMENTARE LA PRODUZIONE E LOCCUPAZIONE Gli individui potrebbero spendere tutta la moneta creando un aumento della domanda di beni per cui se le imprese reagiscono espandendo la produzione ALLORA si potrà dire che : QUANDO IL SISTEMA ECONOMICO NON E IN PIENA OCCUPAZIONE, UN AUMENTO DELLA QUANTITA DI MONETA NON FA AUMENTARE I PREZZI, MA FA AUMENTARE LA PRODUZIONE E LOCCUPAZIONE

17 La domanda di moneta La domanda di moneta è la quantità di reddito che il soggetto detiene sotto forma di moneta. Se il reddito è Y = C + S allora dobbiamo affermare che un individuo può detenere il reddito e la ricchezza sotto diverse forme (moneta, titoli, immobili ). Allora diremo che il risparmio con coincide con la domanda di moneta poiché esso è dato dalla differenza tra reddito e consumo, mentre la domanda di moneta è una forma in cui può essere detenuto il risparmio. La domanda di moneta dellintera comunità si ottiene sommando le domande di moneta degli individui che la compongono

18 La domanda di moneta LA DOMANDA E LOFFERTA Lofferta di moneta è la quantità di moneta in circolazione. Anche se è la Banca Centrale a determinarla e lintero sistema bancario ad avere la capacità di moltiplicare moneta

19 La domanda di moneta Lequazione di Cambridge Elaborata da Marshall a Cambridge non è molto dissimile dalla teoria quantitativa della moneta ma aggiunge un altro elemento il fattore K. Essa risulta da M = K x P x Q molto simile alla formula di Fischer. Quindi K = M / P x Q P x Q si può definire come il reddito nazionale

20 La domanda di moneta Teoria keynesiana della moneta Secondo Keynes la domanda di moneta è data dalla somma della domanda di moneta a scopo transazionale e precauzionale e della domanda di moneta a scopo speculativo. La prima cresce allaumentare del reddito, la seconda al diminuire del saggio dinteresse. Il saggio dinteresse è il premio per la rinuncia alla liquidità

21 La domanda di moneta LA TRAPPOLA DELLA LIQUIDITA Se il saggio dinteresse è alto la domanda di moneta a scopo speculativo diminuisce e viceversa La domanda di moneta a scopo speculativo è funzione inversa del tasso dinteresse Dobbiamo considerare quindi come saggio dinteresse il rendimento di un titolo obbligazionario in funzione del suo prezzo e del suo tasso trappola della liquidità Il valore minimo del saggio dinteresse è definito da Keynes come trappola della liquidità


Scaricare ppt "La moneta e le banche La macroeconomia. La moneta : concetti BARATTO Indisponibilità Beni da scambiare svantaggi Indivisibilità Beni da scambiare Deperibilità"

Presentazioni simili


Annunci Google