La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il progetto BIOMASTER e lo sviluppo delle reti di stakeholders per la diffusione del biometano Stefano PROIETTI ISIS Istituto di Studi per lIntegrazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il progetto BIOMASTER e lo sviluppo delle reti di stakeholders per la diffusione del biometano Stefano PROIETTI ISIS Istituto di Studi per lIntegrazione."— Transcript della presentazione:

1 Il progetto BIOMASTER e lo sviluppo delle reti di stakeholders per la diffusione del biometano Stefano PROIETTI ISIS Istituto di Studi per lIntegrazione dei Sistemi Legnaro 23 Ottobre 2013

2 IN QUESTA PRESENTAZIONE INTRODUZIONE CHI SIAMO E COSA FACCIAMO OBIETTIVI E SFIDE SU CUI LAVORARE SPUNTI DI RIFLESSIONE PROSPETTIVE E LAVORI IN CORSO A LIVELLO EUROPEO CONTATTI

3 ISIS: Istituto di Studi per lIntegrazione dei Sistemi Società di consulenza e ricerche fondata nel persone con background multidisciplinare operante nei settori energia, trasporti, ambiente Consolidata esperienza nel campo di progetti e consulenze europee e internazionali (FP, IEE, tenders), con EU, Ministeri, Banca Mondiale, autorità locali, aziende e operatori

4 INTRODUZIONE Biometano …?

5 Che cos' è il Biometano? Il biometano è prodotto durante il processo di digestione anaerobica attraverso lazione di batteri, che degradano la sostanza organica in metano, anidride carbonica, acqua ed altre impurità (silossani, biossido di zolfo, ammoniaca) Può essere utilizzato per la produzione di energia elettrica e termica oppure, nella sua forma purificata, può essere impiegato nei veicoli ed immesso nella rete del metano Il digestato a valle del processo è utilizzato come fertilizzante organico (compostato o meno) Fonte: Progetto Biogasmax -

6 Perchè il Biometano? Diversificazione, abbondanza e auto-approvvigionamento di materie prime, con colture dedicate e rifiuti e sotto-prodotti comunque da trattare: fanghi di depurazione, rifiuti organici comunali, scarti del settore agro-alimentare Carburante con combinazione unica di basse emissioni di carbonio e di inquinanti e basso impatto acustico Tecnologia per migliorare lefficienza ambientale dei processi di trattamento dei rifiuti Alta produttività per ettaro del biogas da colture dedicate e conseguente diminuzione della concorrenza per i seminativi Il biogas purificato è simile al gas naturale: -utilizzato nelle infrastrutture e nei veicoli a metano -complementare per la sicurezza degli approvvigionamenti -iniettato e trasportato nelle reti di distribuzione del gas naturale

7 Le risorse sono illimitate … Fonte: Progetto CIVITAS TRENDSETTER – Disegno: FGM-AMORwww.civitas.eu

8 Le risorse sono illimitate … Fonte: Progetto CIVITAS TRENDSETTER – Disegno: FGM-AMORwww.civitas.eu

9 BIOMASTER Il progetto

10 Il Progetto in sintesi BIOMASTER è un progetto approvato dal programma Intelligent Energy Europe, bando partner, 5 paesi membri, 4 siti di applicazione: –Małoposka Region (PL) –Norfolk County (UK) –Skåne Region (SE) –Trentino (IT) 36 mesi di attività: 1°maggio aprile 2014 Circa di finanziamento europeo Approfondimento di aspetti legati alla produzione del biometano, alla sua distribuzione e al suo utilizzo nei veicoli Partnership waste-to-wheel con creazione di reti locali di attori coinvolti Studi, analisi, formazione, seminari, conferenze, divulgazione, pubblicazioni, eventi, riunioni

11 Chi siamo … Małopolska Region, Poland –AGH-UST – AGH University of Science and Technology –MSWM – Municipal Services and Waste Management Company of Crakow –PGNiG – PGNiG Energia S.A. Norfolk County, United Kingdom –NCC – Norfolk County Council –NCS – Norse Commercial Services Ltd –NGG – National Grid Gas plc Skåne Region, Sweden –LUENERG – Kraftringen produktion –Regskane – Region of Skåne –AB SEA-SE – Kommunforbundet Skåne Trentino Region, Italy –ACSM – ACSM S.p.A. –CRF – FIAT Centro Ricerche Fiat SCPA –CRPA – Centro Ricerche Produzioni Animali –DE – Gruppo Dolomiti Energia –FEM – Fondazione Edmund Mach ISIS – Istituto di Studi per lIntegrazione dei Sistemi, Italia (coordinatore) FGM-AMOR – Austrian Mobility Research, Austria TTR – Transport & Travel Research Ltd, United Kingdom

12 BIOMASTER Obiettivi e sfide

13 La filiera del biometano su cui lavoriamo … Fonte: Progetto Biogasmax - Immagine: FGM-AMORwww.biogasmax.eu

14 Le nostre ambizioni … Dimostrare come il biometano per il trasporto sia unopzione operativa e praticabile nonostante le barriere normative e fiscali esistenti Superare lattuale stadio di impasse mettendo insieme le componenti chaive della filiera biometano in uniniziativa congiunta, stimolando gli investimenti, rimuovendo le barriere non tecnologiche e agire per lo sviluppo del biometano

15 Promuovere leconomia del biometano ed individuare soluzioni per rimuovere gli ostacoli più comuni, al fine di implementare piani di azione concreti Contribuire alla sicurezza energetica strategica, allenergia rinnovabile, agli obiettivi ambientali e di armonizzazione Condurre unanalisi di mercato iniziale per identificare le attuali barriere tecniche, economiche e sociali allo sviluppo del mercato del biometano Definire una piattaforma comune come base per un diffuso sviluppo del mercato del biometano come carburante rinnovabile per i trasporti Valutare i processi e gli impatti ambientali ed economici per stimare costi e efficacia del mercato del biometano Diffondere i risultati del progetto ai principali gruppi di destinatari, agli attori chiave della filiera del biometano ed ai potenziali moltiplicatori Gli obiettivi per cui lavoriamo …

16 Sfide su cui lavorare … A livello europeo Direttiva 2009/28/EC: il 10% dei carburanti per il settore dei trasporti deve provenire da fonti rinnovabili Necessità di standard europei per il biometano Promozione e facilitazione delliniezione di biometano nella rete del gas naturale Direttiva Quadro sui Rifiuti, Direttiva Quadro sullAcqua, Direttiva sui Nitrati (e normativa in materia di rifiuti organici con possibili Direttive europee) Impiego del digestato in sostituzione dei fertilizzanti di sintesi

17 Sfide su cui lavorare … A livello nazionale e locale Evitare le distorsioni del mercato causate dal sistema dei certificati verdi per la produzione di energia elettrica e calore Legislazione per garantire gli investimenti nella produzione, le infrastrutture di rifornimento, ecc. Procedure di autorizzazione semplificate per la costruzione di impianti a biogas e la connessione alla rete di distribuzione Incentivi economici per veicoli e carburanti Garantire lapprovvigionamento energetico da risorse locali invece che dipendenza da carburanti fossili e importazione degli stessi Incrementare ed ottimizzare la raccolta dei rifiuti organici, il loro trattamento e riciclo Costruire ed adattare la rete del gas naturale per liniezione e aumentare le stazioni di rifornimento

18 Sfide su cui lavorare … A livello imprenditoriale Aumentare la gamma e lefficienza energetica dei veicoli a gas (capacità di stoccaggio e motore) Aumentare la disponibilità di modelli di veicoli Investimenti in formazione sulla guida dei veicoli a gas Maggior frequenza di manutenzione dei veicoli Contratto di servizio completo per i veicoli

19 Cerchiamo di affrontare queste sfide con … Impegno della partnership presente allinterno del progetto lungo tutta la filiera del biometano dal rifiuto alla ruota Costituzione di reti coinvolgendo altri attori locali e nazionali, oltre ai partner ufficiali Approfondimento su: –potenziale di produzione totale e di utilizzo –modalità di distribuzione disponibili (con focus particolare sulliniezione in rete) –barriere giuridiche, organizzative e finanziarie

20 Cosa vogliamo ottenere … 4 report dettagliati su materie prime disponibili, piani di azione per la produzione e purificazione di biogas, strategie per la gestione dei residui di trattamento e per stimolare luso del biometano nei veicoli Costituzione di 4 reti regionali, una in ogni regione-obiettivo e altre 4 reti regionali in ogni paese partner del progetto 5 altre Reti in regioni al di fuori dei paesi partner Progressi quantificabili con i seguenti obiettivi cumulativi: –12 nuovi impianti di produzione di biometano nelle regioni partner –4 punti di iniezione nella rete di distribuzione –630 veicoli funzionanti a biometano –54 nuove stazioni di rifornimento per biometano

21 Reti Regionali Attività delle reti regionali nei siti di progetto: riunioni regolari, seminario regionale, conferenze nazionali, interazione con altre reti esistenti Effetto moltiplicatore per la creazione di reti simili in altre aree regionali dei paesi progetto (4 X 4 = 16): invio di informazioni, notizie e documenti di progetto, inviti agli eventi del progetto, organizzazione congiunta di due seminari dedicati in due delle regioni più proattive in ciascun paese come evento di lancio per ulteriori attività e sviluppi del settore biometano

22 Risultati conseguiti finora… 4 valutazioni dettagliate delle materie prime nei 4 siti BIOMASTER 4 reti regionali, una per ogni sito BIOMASTER 8 altre reti regionali in ciascun paese partner (1 in Italia, 1 in Gran Bretagna, 4 in Svezia, 2 in Polonia) 3 impianti di produzione di biogas rurale, 5 punti di iniezione, 5 nuove stazioni di rifornimento pubbliche, 65 punti di rifornimento per gli autobus a metano, nuovi veicoli personali CNG e 705 autobus CNG (Skåne) 1 impianto di biogas agricolo in costruzione (Malopolska) Studi di fattibilità e progettazione di 1 impianto di biogas, 2 siti di stazioni di servizio individuati (Norfolk) 1 impianto di biogas costruito e uno studio di fattibilità per 1 impianto di biogas (Trentino) Prodotti di comunicazione (newsletter, schede, cartoline, sito web, brochure).

23 Distributori del gas e i produttori di veicoli hanno bisogno di un certo numero di utilizzatori per sviluppare le strutture di alimentazione e rendere disponibili nuovi veicoli Ma gli utilizzatori hanno bisogno di stazioni di rifornimento e di veicoli a metano disponibili... Prima i veicoli o le stazioni? Come risolvere il problema??? Dilemma uovo/gallina(1)

24 L'introduzione di veicoli puliti e a basso consumo nel mercato deve essere accompagnata dalla costruzione parallela di infrastrutture di rifornimento Intervento delle autorità pubbliche: le politiche di acquisto di veicoli più puliti nelle flotte pubbliche (anche attraverso appalti verdi congiunti) e la corrispondente costruzione di impianti di rifornimento per creare massa critica al fine di influenzare i prezzi di mercato e le scelte industriali in relazione al numero limitato di modelli dei veicoli e al loro costo elevato. Gli enti pubblici migliorano la propria immagine ambientale, fornendo il giusto esempio ai cittadini. Dilemma uovo/gallina (2)

25 Modifiche Direttiva RES Nel marzo 2012, la Commissione europea ha adottato la Proposta COM (2012) 595 def di Direttiva che modifica la direttiva RES in vista, tra l'altro, di limitare al 5% il contributo che i biocarburanti prodotti a partire da alcuni alimenti e le colture per mangimi (con un rischio di emissioni indirette per cambiamenti di uso del terreno) hanno verso il raggiungimento degli obiettivi della direttiva stessa (10%), in modo da fornire incentivi ai biocarburanti prodotti, tra gli altri, a partire da rifiuti e residui agricoli.

26 Mandato M/475 al CEN per standards sul biometano per luso nel trasporto e liniezione nella rete del gas naturale Ogetto: biometano per luso nel trasporto e iniezione nella rete del gas naturale Direttiva: 2009/28/CE Promozione delluso dellenergia da fonti rinnovabili Obiettivo: Svilluppo delluso di biometano Requisiti: Specifiche (parametri e valori) per il biometano Origine: Commissione Europea – DG Energy (Dr. Kyriakos Maniatis) Testo del mandato: x.cfm?fuseaction=search.detail&id=459 x.cfm?fuseaction=search.detail&id=459 Mandato M/475 del CEN/TC 408 Project Committee - Biomethane for use in transport and injection in the natural gas grid

27 Nel gennaio 2013 La Commissione europea ha adottato la Comunicazione COM (2013) 17 def su "Clean Power per i Trasporti: Una strategia europea per i carburanti alternativi" e la Proposta COM (2013) 18/2 per una direttiva sulla realizzazione di un'infrastruttura per i combustibili alternativi che prevedono un accento importante, tra gli altri, sul biometano. Il pacchetto mira ad agevolare lo sviluppo di un mercato unico per i combustibili alternativi per i trasporti in Europa. In particolare, essa definisce un quadro strategico globale per lo sviluppo di carburanti alternativi, con obiettivi vincolanti per la costruzione di infrastrutture necessarie, comprese le specifiche tecniche comuni (al fine di risolvere il dilemma "uovo/gallina") e le informazioni appropriate sui combustibili per i consumatori (attraverso l'etichettatura di carburante presso le stazioni e sui veicoli). Pacchetto Clean Power for Transport

28 Chi contattare … Stefano PROIETTI Coordinatore del Progetto BIOMASTER ISIS – Istituto di Studi per lIntegrazione dei Sistemi Largo dei Lombardi, Rome, ITALY Tel: Gli Autori sono i soli responsabili per i contenuti di questa presentazione. Essa non necessariamente riflette lopinione dellUnione Europea. Nè EACI nè la Commissione Europea sono responsabili delluso che può essere fatto delle informazioni in essa contenute.

29 Grazie per l'attenzione!


Scaricare ppt "Il progetto BIOMASTER e lo sviluppo delle reti di stakeholders per la diffusione del biometano Stefano PROIETTI ISIS Istituto di Studi per lIntegrazione."

Presentazioni simili


Annunci Google