La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto SISTEMI Corso Azione 3 Fare impresa settore turistico Modulo Prodotti tipici Prodotti tipici ed eventi provinciali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto SISTEMI Corso Azione 3 Fare impresa settore turistico Modulo Prodotti tipici Prodotti tipici ed eventi provinciali."— Transcript della presentazione:

1 Progetto SISTEMI Corso Azione 3 Fare impresa settore turistico Modulo Prodotti tipici Prodotti tipici ed eventi provinciali

2 Az. 3 - Docenza Metafora srl2 Le Risorse enogastronomiche a livello nazionale Importanza crescente di prodotti tipici in grado di caratterizzare lofferta turistica di un comprensorio: Vino Olio Formaggi Salumi Miele Pane talora anche espressione della cultura di un territorio e in grado di rappresentare una componente talora esclusiva della sua offerta turistica Esempi italiani: Chianti, Franciacorta, Parmigiano Reggiano, Langhe, Amatrice, … Fonte: XVI Rapporto sul turismo italiano

3 Az. 3 - Docenza Metafora srl3 Le Risorse enogastronomiche a livello nazionale Il consumo di prodotti enogastronomici può: Incrementare il solo specifico segmento del turismo enogastronomico ; Risultare complementare ad altre tipologie di turismo (logica intersettoriale). Rapporto tra territorio e prodotti tanto più forte quanto prodotti identificati da marchi che ne tutelano la specificità Prodotti strumento di promozione territoriale, quali ambasciatori del territorio, testimonial delle sue peculiarità (pizza, mozzarella, Brunello, …) Fonte: XVI Rapporto sul turismo italiano

4 Az. 3 - Docenza Metafora srl4 Le Risorse enogastronomiche a livello nazionale Prodotti ad alto contenuto territoriale (ACT) a maggiore valore: se tutelati da marchi di qualità uso di processi produttivi tipici ( disciplinari ) Forte rapporto tra contenitore (territorio) e contenuto (prodotto) capace di caratterizzare lofferta, p.e.: Strade del vino Strade dellOlio Il prodotto ad ACT innesca un ciclo virtuoso: aumenta il valore del territorio e dellofferta turistica, ne accresce lattrattività e conseguentemente determina la soddisfazione dellospite. Fonte: XVI Rapporto sul turismo italiano

5 Az. 3 - Docenza Metafora srl5 Le Risorse enogastronomiche a livello nazionale Enoturismo : non solo visita a cantine, degustazioni e visite a produttori e vigneti né associabile solo a turismo rurale Offerta territoriale diversificata, tramite itinerari : Strade del vino Possibilità di conoscere le risorse storico culturali nellItalia dei borghi e paesi minori Fonte: XVI Rapporto sul turismo italiano

6 Az. 3 - Docenza Metafora srl6 Le Risorse enogastronomiche a livello nazionale Dati IX Rapporto annuale 2011 Osservatorio sul turismo del vino: 3.0 milioni gli italiani che hanno vissuto almeno unesperienza di turismo enogastronomico nel milioni quelli che prevedono nel 2011 un viaggio enogastronomico 190. l a spesa media giornaliera 18% la crescita della spesa – al netto dellinflazione – dal 2003 al % la percentuale di donne che hanno realizzato viaggi enogastronomici 30% la percentuale di chi organizza turismo enogastronomico via internet 8,3 (da 1 min. a 10 max.) il voto assegnato allefficacia della comunicazione web (panel amministratori e operatori) 64,5% la percentuale di accordo con la valorizzazione di un marchio locale con fattore di sviluppo (panel amministratori ed operatori)

7 Az. 3 - Docenza Metafora srl7 Le Risorse enogastronomiche a livello nazionale Le Associazioni che si occupano di vino e turismo, capaci di organizzare e promuovere lofferta turistica territoriale: Movimento Turismo del Vino Associazione Nazionale le Donne del Vino Associazione Nazionale Città del Vino Altre Organizzazioni: Associazione Italiana Sommelier Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori Organizzazione Nazionale Assaggiatori Vino Slow Food Gambero Rosso

8 Az. 3 - Docenza Metafora srl8 Le Risorse enogastronomiche a livello nazionale Movimento Turismo del Vino Nata nel 1993 Scopo divulgare la cultura del vino attraverso il turismo Organizza la giornata Cantine Aperte, Calici di Stelle, Benvenuta vendemmia Oltre cantine aderenti in Italia, selezionate anche in base allaccoglienza enoturistica Nel Lazio : 20 cantine – no Rietiwww.mtvlazio.it

9 Az. 3 - Docenza Metafora srl9 Le Risorse enogastronomiche a livello nazionale Associazione Nazionale le Donne del Vino Nata nel 1988, su base prevalentemente femminile Scopo migliorare la conoscenza del vino, incentrando linformazione e promozione del vino di qualità (educazione al consumo) Organizza incontri, seminari, corsi, viaggi di studio, tavole rotonde Socie: non solo produttrici ma anche ristoratrici, giornaliste, sommelier, enotecarie

10 Az. 3 - Docenza Metafora srl10 Le Risorse enogastronomiche a livello nazionale Associazione Nazionale Città del Vino Nata nel 1987 su impulso di Sindaci interessati alla promozione territoriale e dei vini ivi prodotti 569 EE.LL. aderenti 118 vini IGT, 358 vini a Denominazione Origine Indotto della rete: alberghi, Aziende agrituristiche, 189 campeggi

11 Az. 3 - Docenza Metafora srl11 Le Risorse enogastronomiche a livello nazionale Le strade del Vino (e dei sapori) Nate su iniziativa di produttori ed EE.LL. per valorizzare i contesti interessati dai circuiti, al fine di integrare lofferta enoturistica con gli altri prodotti locali Legge istitutiva 268/99 : cantine, aziende vitivinicole, musei vino, strutture di accoglienza e ristorazione Segnaletica sul territorio, disciplinare per adesione, gestione, fruizione delle SdV, standard minimi di Q, promozione dei prodotti e delle tradizioni rurali Fonte: XVI Rapporto sul turismo italiano

12 Az. 3 - Docenza Metafora srl12 Le Risorse enogastronomiche a livello nazionale Le strade del Vino (e dei sapori) Sulla base della L. 268/99 le Regioni hanno disposto successivamente regolamenti attuativi per istituzione. Panorama nazionale a luci e ombre. Nel Lazio, attraverso un bando regionale di invito a costituirsi (procedura dal basso), sono operative con LR 21/01: SdV Castelli Romani, SdOdV Alta Tuscia, SdV Cesanese Fonte: XVI Rapporto sul turismo italiano

13 Az. 3 - Docenza Metafora srl13 Le Risorse enogastronomiche a livello nazionale Le strade del Vino (e dei sapori) A livello nazionale: 140 SdV formali 358 DOC e DOCG coinvolte Comuni aderenti al network A livello regionale: 19 in Toscana e Veneto; 12 Emilia R.; 11 Calabria; 10 Puglia; 9 Sicilia; 7 Lombardia, FVG, Campania e Abruzzo; 6 Trentino e Sardegna; 5 Piemonte, … Non tutte operative (comunicazione, web, organizzazione eventi, partecipazione fiere, commercializzazione, … Fonte: XVI Rapporto sul turismo italiano

14 Az. 3 - Docenza Metafora srl14 Le Risorse enogastronomiche a livello nazionale Promozione enoturismo Prodotto: Elevata qualità Peculiarità tale da giustificare lo spostamento del turista Uvaggio o prodotto tradizionale (DOCG, DOC, IGT, DOP, IGP Territorio Suoi valori, capaci di esaltare la visita Prodotto e territorio per avere appeal devono considerare: Specificità e contenuto territoriale del prodotto, zonazione, qualità paesistica e di accoglienza, integrazione con altri prodotti Fonte: XVI Rapporto sul turismo italiano

15 Az. 3 - Docenza Metafora srl15 Le Risorse enogastronomiche a livello nazionale Turismo di riscoperta delle tradizioni, delle origini dei luoghi Turismo esperienziale che nasce da incontro di: Domanda : sicurezza dei prodotti, riscoperta origini, recupero passato e tradizioni, ricerca testimonianze Offerta : produzioni tipiche locali, mix di attività umane tradizionali – ruralità – cultura - paesaggio Prodotti tipici quali brand di un territorio e strumenti di promozione ma: se motivazioni enogastronomica rilevante per un soggiorno per contro offerta locale non sempre adeguata: per diffuso individualismo, scarsa capacità rete, non operatività SdV,… Aver tracciato una strada non significa aver realizzato un prodotto vendibile sul mercato turistico Fonte: XVI Rapporto sul turismo italiano

16 Az. 3 - Docenza Metafora srl16 Le Risorse enogastronomiche a livello provinciale Prodotti DOC : Vini dei Colli della Sabina. Prodotti DOP : Olio di oliva extra vergine Sabina Prodotti IGP: Castagna reatina, Trota reatina Prodotti tradizionali: Castagna reatina, Prosciutto amatriciano, Patata di Leonessa, Lenticchie di Rascino, Guanciale amatriciano, Farro, Fagiolo di Borbona. Fonte: CCIIAA RI

17 Az. 3 - Docenza Metafora srl17 Le Risorse enogastronomiche a livello provinciale 353 soci nazionali Soci provinciali: Provincia RI, Castelnuovo Farfa, Fara Sabina, Mompeo, Montopoli S., Poggio Moiano 7 itinerari di visita, aziende produttrici, dove dormire – mangiare, agriturismi, eventi – parchi e riserve

18 Az. 3 - Docenza Metafora srl18 Le Risorse enogastronomiche a livello provinciale Vini Colli della Sabina: unico DOC in provincia RI (produzione anche su RM) riservata ai vini bianchi, rosati e rossi Comuni produttori della provincia: Cantalupo in Sabina, Castelnuovo di Farfa, Fara in Sabina, Selci, Tarano, Forano, Magliano Sabina, Montebuono, Montopoli di Sabina, Poggio Catino, Poggio Mirteto, Collevecchio, Stimigliano, Torri in Sabina. Museo dellOlio - Castelnuovo di Farfa Oleoteca regionale – Farfa

19 Az. 3 - Docenza Metafora srl19 Le Risorse enogastronomiche a livello provinciale Ministero Politiche Agricole: Elenco delle denominazioni italiane, iscritte nel Registro delle denominazioni di origine protette e delle indicazioni geografiche protette (Regolamento CE n. 510/2006 del Consiglio del 20 marzo 2006) (aggiornato al 13 gennaio 2012). Rieti, come provincia, figura per: 1 - Abbacchio romano IGP Mortadella Bologna IGP Prosciutto amatriciano IGP Ricotta romana DOP Sabina olio DOP Salamini italiani alla cacciatora DOP Vitellone bianco Appennino centrale IGP

20 Az. 3 - Docenza Metafora srl20 Le Risorse enogastronomiche a livello provinciale Ministero Politiche Agricole: Prodotti Agroalimentari Tradizionali (G.U. 11/07/11 n. 167). Su 374 prodotti classificati del Lazio, riconducibili alla Provincia di Rieti: Carni: 14 coppa retina, 16 Filetto di Leonessa, 18 Guanciale Amatriciano, 20 Lardo, 23 Lombetto della Sabina, 25 Mortadella di Amatrice, 31 Porchetta Poggio Bustone, 33 Prosciutto Amatriciano, 40 Salamella cicolana, 42 Saldamirelli Condimenti: 62 Salsa allAmatriciana Formaggi: 72 Caciotta Monti della Laga, 73 Caciotta della Sabina, 91 Pecorino Monti della Laga, 92 Pecorino della Sabina, 93 Pecorino di Amatrice (continua alla pag. seguente)

21 Az. 3 - Docenza Metafora srl21 Le Risorse enogastronomiche a livello provinciale (continua dalla pag. precedente) Grassi: 103 Burro di San Filippo Prodotti vegetali: 126 Castagna rossa Cicolano, 133 Ciliegie Ravenna della Sabina, 137 Fagiolo borbontino, 143 Fagiolo gentile di Labro, 161 Lenticchie di Rascino, 170 Marrone di Antrodoco, 182 Patata di Leonessa Paste fresche: 205 Amaretti casperiani, 226 Ciacamarini, 249 dolce alle fave S. Giuseppe Leonessa, 265 gnocchi de lu contadino, 271 la copeta, 277 Maccherini a matassa, 278 Maltagliati o Fregnacce, 305 Pizza, 306 Pizza sucia, 313 Pizzicotti, 336 Tersitti de Girgenti Preparazione di pesci: 359 Trota reatina

22 Az. 3 - Docenza Metafora srl22 Risorse enogastronomiche, per ambito provinciale. Fonte: TCI (2006) – Turismo gastronomico in Italia Ambito Velino Amatriciano 1/5 Produzioni ad Amatrice e Accumuli di carne di maiale: guanciale, mortadelle - cojoni di mulo e lombetti; Formaggi pecorini ad Amatrice, di caciotte, cacioricotta e pecorino ad Accumuli; di salamini dolci - caporino a Cittaducale. Da segnalare ad Antrodoco la lavorazione dellomento - beverelli. Carni di Vitellone IGP nellalto Velino. Prodotti del bosco: i tartufi, segnalati ad Amatrice, i marroni ad Antrodoco e nella valle del Velino ( per marmellate ma anche per gnocchi e tagliatelle di castagne). Prodotti della montagna - quali farro e cicerchia - sono nella piana di Rascino, come pure le lenticchie; rinomato infine il fagiolo borbontino di Borbona. Tra le paste alimentari, servite con i condimenti amatriciana e gricia, vanno ricordati gli gnocchi ricci ad Amatrice e le varie Pizze di Posta: con farina di mais, con sfrizzoli, e per Terra - con farina di grano tenero, uova e semi di anice. Tra i dolci: il Castagnaccio dellAntrodocano, Lu Cavalluccio e la Puccanella di Amatrice e Alto Velino – con pasta di pane arricchita con uova del periodo pasquale, infine i Pizzicotti, propri dellalta valle del Velino - con cioccolato a scaglie e uvetta. Concludono i liquori artigianali: genziana, fragolino e nocino, tutti segnalati ad Antrodoco.

23 Az. 3 - Docenza Metafora srl23 Risorse enogastronomiche, per ambito provinciale. Fonte: TCI (2006) – Turismo gastronomico in Italia Ambito Cicolano 2/5 Farro, cicerchia e lenticchie nella piana di Rascino Più arealmente: formaggi e caciotte di pecora sottolio e castagne rosse. Tra le paste artigianali: i ciacamarini di Marcetelli; gli gnocchi: di polenta - più piccoli di quelli di patate, e di castagne – ottenuti dallimpasto di farina di grano tenero e castagne; infine le tagliatelle di castagne. Tra le pizze quella sfogliata – ove la sfoglia di uova e farina è ricoperta da carne macinata, pepe e formaggio, quindi avvoltolata e infornata. Tra i dolci vanno ricordati: la Copeta o Nociata - con miele, nocciole e noci; i crustoli di Girgenti – fatti a Carnevale e a Natale; i Murzitti di Borgorose – arrotolati e aromatizzati con noci e miele. Da ricordare anche le pere sciroppate al mosto e il castagnaccio - prodotto dallimpasto di farina di castagne con olio

24 Az. 3 - Docenza Metafora srl24 Risorse enogastronomiche, per ambito provinciale. Fonte: TCI (2006) – Turismo gastronomico in Italia Ambito Valle Santa 3/5 Salumi: i saldamirelli - budelli di suino aromatizzati con finocchio, peperoncino e sale; la salsiccia secca aromatica; la spalla cotta di suino di Contigliano. Il Burro artigianale di San Filippo. Tra le paste: i Pizzicotti a Contigliano - ricavati da un pizzico della pasta del pane, e gli sfusellati di Labro - con acqua e farina, arrotolati attorno ad un ferro. Tra i dolci vanno segnalati: la palombella; la ciambella con uovo del periodo pasquale; le pastorelle con il cremore di Poggio Bustone; la pizza sucia di Contigliano; i terzetti natalizi a Rieti. Pure di notevole interesse gastronomico il comprensorio leonessano: oltre a formaggi pecorini e tartufo scorzone, vanno segnalate le patate e il farro; tra le paste alimentari gli sfusellati. Infine il dolce di patate, confezionato con uvetta, cioccolato e noci.

25 Az. 3 - Docenza Metafora srl25 Risorse enogastronomiche, per ambito provinciale. Fonte: TCI (2006) – Turismo gastronomico in Italia Ambito Sabina nord 4/6 Produzione di Olio extravergine - della Sabina reatina DOP - Olive. Paste artigianali e dei dolci. Interesse enologico dellarea, con la DOC Colli della Sabina, rappresentata da 14 comuni della provincia di Rieti e 11 di Roma, tutti a ridosso di una fascia bordante il Tevere. La produzione riguarda un Bianco da Trebbiano e Malvasia - anche Spumante e Frizzante; un Rosso da Sangiovese e Montepulciano - anche Spumante, Frizzante e Novello; un Rosato - anche Frizzante. Tra i centri di produzione spicca Fara in Sabina. A Magliano Sabina va ricordata per la spalla di suino cotta e aromatizzata, e la salsiccia secca aromatica; Poggio Mirteto per i formaggi di latte ovino: Cacio Magno, Caciotta e Pecorino della Sabina, anche nelle versioni aromatizzate alle erbe. Un pane casareccio viene segnalato a Lugnola, a forma di filone o pagnotta, mentre tra le paste alimentari si ricordano gli strozzapreti di Magliano Sabina. Tra i dolci, sempre da Magliano, i frittelli di riso, di forma sferica, dorati e conditi con zucchero, mentre da Forano va ricordato il pangiallo, con farina, noci, nocciole, fichi secchi, miele e olio di oliva.

26 Az. 3 - Docenza Metafora srl26 Risorse enogastronomiche, per ambito provinciale. Fonte: TCI (2006) – Turismo gastronomico in Italia Ambito Turano e Sabina sud 5/6 Olio extravergine della Sabina reatina DOP, anche con cultivar monovarietale rappresentati da Carboncella - di colore verde giallo oro, con gusto fruttato medio intenso - e da Salviana - di colore giallo limpido, fruttato medio con punte di amaro e piccante. olive della Sabina, essiccate sotto la cappa del camino, costituiscono un prodotto tipico, come pure quelle Nere sottolio, condite con olio e scorze darancio; va infine ricordata la Pasta di olive di Poggio Nativo, aromatizzata con peperoncino, sale e aglio, stagionata sotto olio extra vergine per 30 giorni. Fagiolo a pisello a Colle di Tora, di piccola dimensione e di colore biancastro. Tra le paste alluovo tirate al matterello: le fettuccine alla trebulana a Monteleone Sabino, i Maccheroni prodotti a Poggio Moiano e Scandriglia. Le sagne di Poggio Moiano sono invece preparate con un impasto di tritello, farina di grano tenero, acqua e sale. Vari tipi di dolci da Poggio Moiano: i biscotti - di forma allungata, con aroma di vaniglia; le fettarelle - biscotti alle nocciole cotti in forno; le polentine - con farina di mais e forma ad S; le ciambelline – con farina di grano tenero, lievito, uova, zucchero, olio di oliva e scorza di limone e arancia. Provenienti dalla Sabina reatina vanno ricordate le braciole di suino sottolio; gli gnocchi de lu contadino, senza patate ma con farina di grano tenero; la capeta o nociata, descritta per il Cicolano, e i tozzetti - biscotti secchi con nocciole.

27 Az. 3 - Docenza Metafora srl27 Risorse enogastronomiche, per ambito provinciale. Fonte: TCI (2006) – Turismo gastronomico in Italia Ambito Provincia in Genere 6/6 Coppa reatina; il guanciale; il salame paesano; la salsiccia - sottolio o sotto Strutto; la ricotta secca – salata e aromatizzata con stagionatura di 40 giorni; i ceci; il pane con le patate. Vari i tipi di Pizze: bianca; con gli sfrizzoli; rossa – con aglio, sedano e acciughe; sotto la brace – cotta dalla cenere; Somma – con uova e bicarbonato senza lievito. Tra le paste: i frascarelli – con acqua e farina condita con sughi di magro, i maccheroni a matassa o strengozzi, i maltagliati o fregnacce. Nella provincia va segnalata anche la produzione di porchetta, con pezzature dai 25 ai 40 chilogrammi. Concludono i dolci: la Pizza pasquale a forma di panettone, con aroma di cannella, cotta in forno a legna, e le tusichelle natalizie, di forma tonda e piatta, con farina, albume, zucchero e anice.

28 Az. 3 - Docenza Metafora srl28 LArtigianato Fonte: TCI (2000): Artigianato, sapori e tradizioni dItalia Rame e metalli Poggio Bustone Tessitura Fara in Sabina Sedie rustiche e impagliate Turania Mobili rustici Poggio Mirteto Mercato Antiquariato Modernariato Artigianato Artistico - Rieti 3° WE mese

29 Az. 3 - Docenza Metafora srl29 LArtigianato Fonte: APT RI Bambole artistiche: Rieti Aquiloni: Montopoli S. Composizione fiori secchi: Collalto S. Serre ornamentali: Rieti Ceramica e pietra: Poggio Moiano, Borgovelino, Farfa, Greccio, Rieti, Scandriglia, Longone S., Oreficeria, rame e metalli: Poggio Moiano, Colle di Tora, Poggio Bustone, Roccantica, Antrodoco, Rieti Legno: Fara in S., Leonessa, Casaprota Tessitura: Fara in S., Monteleone S., Torri in S., Rieti

30 Az. 3 - Docenza Metafora srl30 Le tradizioni Fonte: TCI Artigianato, sapori e tradizioni dItalia (2000) Bacugno di Posta - Madonna della Neve - 5 agosto Castel di Tora - Ballo della Pantasima - 2^ dom. luglio Contigliano - Danza della Moresca - Carnevale Poggio Mirteto - Carnevalone e Carnevale liberato Poggio Moiano – Festa Corpus Domini e Infiorata

31 Az. 3 - Docenza Metafora srl31 Feste e sagre Fonte: Analisi delle sagre e feste 2011 nella provincia di Rieti. Complessivamente 49 eventi, di cui:www.folclore.eu N. 2 in gennaio, febbraio, aprile N. 1 in marzo N. 4 in maggio, novembre e dicembre N. 5 in ottobre N. 6 in luglio, agosto e settembre N. 7 in giugno

32 Az. 3 - Docenza Metafora srl32 Feste e sagre Comuni con almeno 2 eventi nellanno 2011: Borbona (Ferragosto, Canto a braccio, Fagiolo) Contigliano (Assalto al castello, Pizzicottu) Greccio ( Presepe, I giorni del Velita) Posta (SantAntonio, Toro ossequioso) Labro (Festa primavera, Labro con gusto) Leonessa (Regioni a cavallo, Palio Velluto, Patata, Presepe vivente) Magliano S. (Giostra gonfalone, Sagra uva) Montebuono (Stornellatori, Fianello nello Medioevo) Montopoli (Asparago, Jazz, Ritrovarsi a, Polenta) Paganico S. (Sagne strasciate, Festa Castagna) Rieti (Processione ceri, Sole, Pizzicotti liscianara, ricordo Re) Roccantica (Sagra frittello, Medioevo festa) Fonte:

33 Az. 3 - Docenza Metafora srl33 Feste e sagre Laboratorio Analisi degli eventi, su base mensile, dal sito web di APT Rieti, per comune e tipologia. Temi riconducibili allevento: Enogastronomia Sport Cultura Artigianato mostre Analisi dei comuni attivi. Quali i motivi?

34 Az. 3 - Docenza Metafora srl34 Marchi e Riconoscimenti Bandiere arancioni TCI: Casperia, Labro, Leonessa in prov. Rieti; 19 nel Lazio; 189 in Italia (al dicembre 2011) Borghi più belli dItalia: Castel di Tora, Collato Sabino, Orvinio Strada dellOlio e dei prodotti tipici della Sabina Città dellOlio (Castelnuovo Farfa, Fara in Sabina, Mompeo, Montopoli S., Poggio Moiano) Paesaggi rurali storici – Laterza nella Provincia di Rieti: Casette e Prati di Cottanello; Gole del Farfa Città del Vino (22 Soci nel Lazio, non su Rieti) Bandiere blu FEE Lazio: 4 spiagge e 3 approdi (non su RI)


Scaricare ppt "Progetto SISTEMI Corso Azione 3 Fare impresa settore turistico Modulo Prodotti tipici Prodotti tipici ed eventi provinciali."

Presentazioni simili


Annunci Google