La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LECOBIOLOGICO Ass. O.N.L.U.S A DIFESA DELLAMBIENTE WWW.LECOBIOLOGICO.IT.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LECOBIOLOGICO Ass. O.N.L.U.S A DIFESA DELLAMBIENTE WWW.LECOBIOLOGICO.IT."— Transcript della presentazione:

1 LECOBIOLOGICO Ass. O.N.L.U.S A DIFESA DELLAMBIENTE

2 LA NATURA E' LA VITA

3 LAGRICOLTURA BIOLOGICA : UNO STRUMENTO PER LA CONSERVAZIONE DELLAMBIENTE

4 Che cosè lagricoltura biologica? E un sistema di gestione della produzione agroalimentare ispirato alla tutela delle risorse rinnovabili e al rispetto dei cicli biologici. Attribuisce un ruolo preminente alla sostanza organica quale fattore della fertilità dei terreni e al benessere animale quale presupposto di qualità delle produzioni animali. Ricorrendo alla rotazioni ed evitando la monocoltura, puntando su varietà vegetali e razze animali più rustiche e adattate,limita lo sviluppo di parassiti ed evita il ricorso a fitofarmaci di sintesi,erbiciti,fertilizzanti di sintesi, fitoregolatori,ormoni, antibiotici ed ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM)

5 Quando e come nasce lagricoltura biologica? Nasce allinizio del 1900 come risposta allaffermazione dei concimi di sintesi. LAGRICOLTURA BIOLOGICA NASCE DALLESIGENZA DÌ RIMEDIARE AI DANNI CAUSATI DALLAGRICOLTURA CONVENZIONALE. Già Rudolf Steiner allinizio del 1900 aveva notato che lazione antropica aveva creato degli squilibri biologici. Ne consegue una scissione in campo agricolo. Una branca continua a sperimentare nuove tecnologie e nuove sostanze chimiche e prende il nome di agricoltura convenzionale; laltra partendo dalle conclusioni di Steiner e mettendole in pratica cerca di riscoprire quel contatto con la natura e luniverso che ristabilisce i cicli biologici.

6 Principali irregolarità BIO Etichettatura non conforme Etichettatura falsificata o contraffatta Prodotti venduti per biologici con presenza di residui fitosanitari Altre irregolarità: contaminanti ambientali accidentali presenza di microtossine presenza di parassiti o larve presenza di muffe ecc.

7 ETICHETTATURA PRODOTTI BIOLOGICI Normative principali di riferimento: -Reg. CEE 2092/91 e succ. Mod. ed integrazioni -D.Lvo 220/95 -D.Lvo n. 109 del 27 gennaio 1992 succ. Mod. Ed integrazioni Il prodotto biologico deve essere stato ottenuto nel rispetto di tutte le norme di produzione e controllo stabilite dalla legislazione (reg.CEE 2092/91);

8 Sono previste TRE categorie di etichettatura 1) Prodotti con almeno il 95% degli ingredienti agricoli che è stato coltivato secondo il metodo biologico per almeno due anni; 2) Prodotti in cui almeno il 70% degli ingredienti è di rpoduzione biologico (due anni), il riferimento all'agricoltura biologica non si potrà fare nella denominazione di vendita, ma solo nell'elenco degli ingredienti, e nella dicitura obbligatoria XX % degli ingredienti di origine agricola è stato ottenuto conformemente alle norme della produzione biologica Il logo europeo in questo caso non può essere usato;

9 3) Prodotti vegetali in conversione al biologico, si tratta di prodotti che sono coltivati secondo il metodo biologico da almeno un anno prima del raccolto. E' Obbligatoria la dicitura Prodotto in conversione all'agricoltura biologica Il logo europeo in questo caso non può essere usato

10 . L'etichetta BIO In base al Decreto legislativo n.220/95 deve portare le seguenti indicazioni: -Nome dell'organismo di Controllo e suo codice proceduto dalla sigla IT; -Il Codice dell'Azienda Controllata; -Numero di Autorizzazione sia per i prodotti agricoli freschi che trasformati -La dicitura organismo di controllo autorizzato con D.M. MIRAAF N.. del.. in applicazione del Reg. CEE n. 2092/91 -l'indicazione Agricoltura biologica-Regime di controllo CE (facoltativa) -Lo specifico logo comunitario che è facoltativo ma applicabile solo ai prodotti della prima tipologia (1) venduti confezionati.

11 . ESEMPIO di etichetta di un prodotto con almeno il 95% POMODOR Passata di pomodoro da agricoltura biologica Agricoltura Biologica Regime di controllo (CEE) Controllato da XXXX delXXX IT CPB Z123 F DEVONO INOLTRE ESSERE RIPORTATE TUTTE LE ALTRE INDICAZIONI PREVISTE DALLA NORMATIVA DI ETICHETTATURA ALIMENTI

12 . ES. etichetta di un prodotto con almeno il 70% BISCOTTI CRIC Ingredienti:farina di frumento tipoO, farina di frumento integrale*,olio di semi di mais,livito di birra, sale * da agricoltura biologica Prodotto da forno-Fette biscottate il 75% degli ingredienti di origine agricola è stato ottenuto conformemente alle norme dell'agricoltura biologica DEVONO INOLTRE ESSERE RIPORTATE TUTTE LE ALTRE INDICAZIONI PREVISTE DALLA NORMATIVA DI ETICHETTATURA ALIMENTI

13 . ES.: Prodotti in conversione. PISELLI Piselli Lessati-Prodotto in conversione all'Agricoltura Biologica Agricoltura Biologica- regime di controllo (CEE) Controllato da XXXX Aut. Mi.P.A.F. n. xxx del xxx IT CPB 123 FOOOOO1 Ingredienti:pisellio in conversione all'agricoltura biologica,acqua,sale. DEVONO INOLTRE ESSERE RIPORTATE TUTTE LE ALTRE INDICAZIONI PREVISTE DALLA NORMATIVA DI ETICHETTATURA ALIMENTI

14 Alimentazione moderna: è una sana alimentazione? Sono molte le diete proposte ai nostri giorni da fonti più disparate: diete per dimagrire, per depurare, per mantenersi in forma ecc. Alcune cavalcano l'onda dei nostri tempi dove da un lato i mass media propongono attrici, modelle, soubrette con un fisico da invidia dove il magro è sinonimo di fascino, conquista e celebrità e dall'altro c'è il pubblico, le persone comuni, la stragrande maggioranza della quale è in sovrappeso. Di contro spesso è difficile trovare negozi che offrano un abbigliamento giovane e moderno anche a chi esce dalle taglie più ambite: dalla 40 alla 46! E così spesso si diventa facile preda di proposte dietologiche disparate che rischiano di minacciare la buona salute. E' importante innanzi tutto conoscere le funzioni che il cibo svolge nell'organismo e cioè la funzione energetica e plastica. Attraverso la digestione dei cibi l'organismo produce l'energia necessaria a svolgere tutte le funzioni cui è preposto e continua incessantemente a costruire nuove cellule (funzione plastica) necessarie a sostituire quelle che ogni giorno vengono eliminate. Il cibo è quindi la materia prima dell'organismo ed ecco che trova credito l'affermazione che "Siamo ciò che mangiamo".Mentre nel terzo mondo si muore per carenza di cibo.nei paesi cosi detti sovrasviluppati si muore di malattie legate agli eccessi alimentari e non solo. La più grande minaccia dei nostri tempi è rappresentata dalla manipolazione genetica di specie vegetali e animali commestibili. E un altro problema è dato dai concimi e dai fertilizzanti usati per ingrassare sia i vegetali che gli animali,dalla loro produzione,e dalla loro dispersione nell'ambiente. Noi dell'ecobiologico prendiamo in considerazione l'intera catena alimentare dell'individuo e non solo il prodotto finito e confezionato.

15 1. Troppi zuccheri Il nostro organismo necessita di glucosio fonte primaria di energia pronta e carburante importantissimo per il nostro cervello: esso ci deriva in maggior misura e in modo più efficace dalla trasformazione dei cibi ricchi in carboidrati. Ne sono una fonte considerevole i cereali, fonte interessante alcune verdure (patata, tapioca, zucca), mentre gli ortaggi ne costituiscono una fonte a basso livello; interessante la frutta che fornisce carboidrati a basso indice glicemico (cioè che si trasforma lentamente in zuccheri disponibili). Non tutti gli zuccheri, però, sono buoni. Un'alimentazione prevalentemente ricca di carboidrati raffinati (pasta bianca, riso brillato, farine raffinate ecc.), con alto indice glicemico, e di prodotti contenenti saccarosiozucchero da cucina (biscotti, brioche, torte, gelati ecc.) non fornisce all'organismo zuccheri sani anzi, al contrario, compromettono lo stato di salute dell' organismo. Lo zucchero migliore è quello che i trova in natura allo stato "naturale" nella frutta,nel miele oltre che nei cereali e in alcune verdure. Da considerare che oggi lo zucchero bianco da cucina,a causa dei suoi vari passaggi di lavorazione,diventa a tutti gli effetti una sostanza dannosa per l'organismo. Dal caffè,alla briosch,alle conserve in vetro e in scatola lo zucchero è presente ovuncue. Al termine di una giornata un individuo medio ne consuma circa 250g al giorno,con gravi ripercussioni sulla salute.

16 2. Cibi eccessivamente raffinati La raffinazione priva i cibi di nutrienti essenziali (vitamine e sali minerali). I cereali raffinati hanno un elevato indice glucidico. Qualche esempio: riso integrale 66 raffinato 72; spaghetti bianchi 50, integrali 42. Inoltre la raffinazione della farina elimina il 98% del cromo e il 78% dello zinco, micronutrienti essenziali per la salute. Anche lo zucchero raffinato perde il 95% del cromo. Sale e zucchero raffinati vengono privati di oligoelementi preziosi. Gli olii raffinati perdono preziosi benefici derivanti dagli acidi grassi polinsaturi che, con l'esposizione alle alte temperature cui vengono sottoposti i semi spremuti, modificano la loro struttura da cis a trans,quindi transenici e dannosi per la salute,questi sono solo alcuni degli effetti della raffinazione sugli alimenti.

17 3. Troppe proteine animali Oggi le proteine animali, carne, salumi e formaggi, sono i protagonisti della tavola affiancate dal pesce, anch'esso eccessivamente consumato, mentre i legumi, proteine vegetali, appartengono al ricordo del passato. Le proteine animali hanno un giusto apporto proteico, consentono varietà di gusto e sono veloci da cucinare ma, di contro, causano una forte acidità e forniscono troppi grassi saturi. Il pesce, contiene, fra l'altro, preziosi acidi grassi polinsaturi, ma molte razze sono in via di estinzione a causa della pesca di frodo. I legumi sono una fonte proteica preziosa anche se, per essere completi sotto il profilo degli amminoacidi, devono essere consumati con i cereali. Ecco la ricchezza dei piatti unici quali pasta e fagioli, riso e ceci, farro e lenticchie, ecc. Le proteine di origine vegetale provocano un'acidità debole, non contengono grassi saturi, alimentano la flora batterica intestinale buona e, da non sottovalutare, hanno un basso costo. Appartengono alla cucina tradizionale italiana ma, i tempi lunghi di cottura e la necessità di un'organizzazione in cucina,meglio metterli a bagno la mattina e lasciarli cuocere a fuoco lento la sera.

18 4. I grassi saturi Carne bovina, formaggi, salumi, oli di semi industriali, prodotti industriali (dolci, merendine ecc) sono ricchi di grassi saturi. Questi grassi, se presenti in dosi elevate in una dieta priva di fonti di acidi polinsaturi (che fungono, fra l'altro, da spazzino dei grassi saturi) sono co- responsabili di ristagni nelle arterie con conseguenti ripercussioni sulla salute. 5. Pesticidi, conservanti, coloranti, additivi Tutti gli alimenti, durante le fasi di coltivazione, conservazione e trasformazione, vengono contaminati da sostanze chimiche che impoveriscono il prodotto finito depauperandolo di vitali nutrienti quali sali minerali e vitamine, fondamentali per i normali processi fisiologico dell'organismo. Inoltre ogni giorno introduciamo un quantitativo complessivo di sostanze poco salubri che difficilmente siamo in grado di quantificare e che spesso sono superiori a quanto l'organismo non ne possa tollerare. 6. Regole d'oro: Preferire alimenti non conservati,freschi e senza involucri,possibilmente di stagione,lavarli accuratamente e cotti al vapore se si tratta di verdure. Abbinatele alla polenta, hai legumi hai cereali. La carne una volta a settimana alternata al pesce o sostituiteli con uova e formaggio. Mangiare fino a che si è sazi e alzarsi da tavola ancora con u n leggero senso di fame. Mangiare con calma e seduti,mangiare in piedi o mentre si lavora è deleterio per la digestione,fosse anche solo un panino. Rigettate nel compost gli avanzi del pranzo se non avete un animale domestico, ne gioverà la salute e l'ecosistema.

19 7. Cibi precotti o comunque conservati troppo a lungo Nutrirsi con troppi cibi precotti,congelati e conservati produce un duplice effetto negativo: da un canto il ricorso a cibi morti cioè modificati dalle tecniche di lavorazione e contenenti molti additivi e conservanti; dall'altro la perdita di abitudini alimentari sane, quindi molti cibi nobili scompaiono dalla tavola nel portandosi dietro oltre alle sostanze nutritive:vitamine e proteine. Un prodotto congelato o surgelato non può essere biologico poiché il freddo modifica la struttura molecolare dellalimento rendendolo tossico. E preferibile se necessario un alimento conservato e lavorato artigianalmente.

20 ALIMENTAZIONE GENERICAMENTE ECCESSIVA Le malattie odierne dei paesi sviluppati quali noi siamo derivano da un eccesiva e scorretta alimentazione. Quando il sovrappeso eccede di oltre il 20% il peso forma si parla di obesità che colpisce oggi soprattutto i bambini. Recenti indagini hanno visto lItalia al 3° posto per i livelli di obesità infantile in Europa. Questi dati sono destinati a crescere di pari passo con la comparsa di nuove patologie legate allalimentazione,che ogni hanno fanno numerose vittime anche in giovane età. Si è giunti finalmente alla conclusione che il cancro e altre malattie degenerative derivino per il 70% dallalimentazione moderna. Lunica soluzione è incentivare leducazione alimentare e luso di alimenti biologici,tornare indietro a riscoprire usanze e tradizioni millenarie. "NOI,CON UN PICCOLO GESTO QUOTIDIANO,POSSIAMO CAMBIARE IL MONDO" Passare al biologico significa costringere il sistema a dirottare su una produzione sostenibile ed ecocompatbile del cibo quotidiano.

21 Nel mondo muoiono ogni giorno milioni di bambini,altrettanti perdono la vista a causa della mancanza di vitamina A. Vari popoli africani sono costretti ai lavori forzati per estrarre Coltan dalle miniere,una materia prima che oggi vale più dell'oro. Mentre l'Etiopia muore di fame pur essendo la maggior produttrice di caffè,lo stesso vale per il sud america,definito il granaio del mondo,qui la gente non ha neanche il pane,in india barriere di Mangrovie vengono distrutte dall'allevamento dei gamberoni,sulle sponde di un fiume cinese la gente muore a causa dei grandi inquinamenti delle industrie tessili e chimiche…sembra un paradosso !! NO!... E' l'effetto Butterfly,il sud america muore di fame…mentre noi gettiamo il pane vecchio di un giorno nella pattumiera…. Siamo 6miliardi di persone al mondo,quello che produciamo oggi basta per sfamarne 12miliardi,ossia il doppio,ogni individuo che oggi muore di fame viene assassinato!! Comperare alimenti freschi e non impacchettati riduce i costi e i danni causati dal petrolio all'ambiente,riduce il peso economico sul nostro portafoglio e sul bilancio dello stato,ci dà una maggior salute e un migliore qualità della vita. Soprattutto non saremmo complici di uno dei più grandi geneocidi umani, che nei paesi sottosviluppati fa milioni di vittime ogni anno!!

22 PERCHE IL BIOLOGICO PUO SFAMARE IL MONDO E GLI OGM NO? 1)RESE PIU' ELEVATE: passare al biologico aumenta le rese agricole nel sud del mondo ed è in grado di soddisfare il fabbisogno alimentare purchè si riduca drasticamente il consumo di carne e si promuovano piccole produzioni orticole domestiche 2)MENO ENERGIA FOSSILE : per produrre una caloria sotto forma di cibo, lagricoltura convenzionale consuma 10 calorie di petrolio. In agricoltura biologica il consumo di energia è del 25 % in meno, senza contare i risparmi della vendita diretta.

23 3) MENO GAS SERRA : Nel 2003 la produzione di nitrato di ammonio, il fertilizzante più usato in agricoltura convenzionale,ha causato il 10% delle emissioni industriali dei gas serra in Europa. Con lagricoltura biologica si aumenta la sostanza organica del suolo e imprigionando il carbonio nel terreno impedisce il rilascio di CO 2 nellatmosfera. 4) MENO ACQUA : Il mercato agricolo mondiale oggi è dominato dal frumento,mais e riso che insieme consumano il 72% dellacqua dolce del pianeta. Con lagricoltura biologica si risparmia acqua perché i concimi organici e la pacciamatura stimolano i processi di mineralizzazione e aumentano il contenuto di sostanza organica nel suolo che contiene acqua.

24 5) PIU CIBO LOCALE la filiera corta e il km 0 Per arrivare dal campo al piatto, gli ingredienti di un pasto medio percorrono mediamente 1600km circa. Il biologico tende a promuovere il cibo locale,premiando i produttori e riducendo limpatto ambientale dei trasporti. 6) NIENTE PESTICIDI : Negli ultimi 45 anni, il numero di pesticidi di sintesi in commercio è passato da 22 ad oltre 450. In tutto il mondo le morti accidentali dovute a esposizioni o avvelenamento di pesticidi sono stimate in lanno. In agricoltura biologica non si utilizzano pesticidi di sintesi,perché una pianta sana in un terreno sano è più resistente ai danni causati dai parassiti Nota: Pasteur dicevanon è il battere la causa della malattia, la causa sta nel fatto che quando il terreno è sterile è più vulnerabile allattacco.

25 7) RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE : Occupando il 44% del nostro territorio nazionale,lagricoltura è lattività che più influisce sull ambiente. La monocultura e le tecniche agricole intensive hanno portato,a partire dal 1966 ad una riduzione media degli uccelli di campagna,insieme anche ad altre specie animali e vegetali. Al contrario,lagricoltura biologica incoraggia la biodiversità per mantenere la fertilità del suolo e sostenere il controllo naturale dei parassiti.

26 8) PIU VALORI NUTRIZIONALI : I prodotti biologici contengo livelli più elevati di elementi nutritivi essenziali,compresi ferro,magnesio fosforo e vitamina C e contenuti inferiori di nitrati, che in dosi eccessive possono essere tossici per lorganismo. 9) SALVAGUARDIA DELLE VARIETA LOCALI: LAgricoltura intensiva si basa su un elevata specializzazione e sulla coltivazione di un numero ristretto di specie vegetali,portando alla sparizione di migliaia di antiche varietà. Lagricoltura biologica invece promuove la biodiversità e valorizza specie e varietà locali. 10) NUOVI POSTI I LAVORO : Dal 2003 al 2005 in Italia sono scomparse aziende agricole. Il declino della forza lavoro rurale è una conseguenza dellindustrializzazione dellagricoltura. Lagricoltura biologica crea nuovi posti di lavoro e richiama nuove forze nelle campagna.

27 ….. E GLI OGM NO? 1)RISULTATI FALLIMENTARI : Malgrado il grande martellamento pubblicitario,le piante modificate geneticamente fino ad oggi hanno dato scarsissimi risultati. 2)COSTI ESORBITANTI : Le coltivazioni OGM costano ai governi e agli agricoltori più di quello che rendono. Fino ad oggi le coltivazioni Ogm sono costate alleconomia degli Stati Uniti circa 8 miliardi di euro. In India la coltivazione di cotone OGM costa il 10%in più e dà profitti del 40%in meno. 3)RISCHIO CONTAMINAZIONI : Per quanti sforzi si facciano è molto difficile evitare linquinamento genetico. …..E GLI OGM NO?

28 4) DIPENDENZA DAI PESTICIDI : Anziché ridurre la dipendenza dai pesticidi e fertilizzanti, le coltivazioni OGM spesso fanno aumentare limpiego di questi prodotti che poi ci ritroviamo nel piatto. 5) CIBO INDESIDERATO : Malgrado i grandi sforzi lindustria biotech per curare la pripria immagine i consumatori rimangono fortemente contrari ai cibi OGM. 6) SUPER ERBACCE : Sono già emersi molti casi di specie resistenti alle coltivazioni OGM,rendendo necessario luso di erbicidi ancora più nocivi. 7) SCIENZA O MARKETING? Le soluzioni offerte dallindustria biotech di fronte ad un analisi scientifica obiettiva, si rivelano delle operazioni di marketing prive di fondamento.

29 8) RISCHI PER LA SALUTE : Test su animali nutriti con OGM hanno dato risultati preoccupanti mentre uno studio realizzato nel 2002 su un gruppo di persone ha dimostrato che la soia OGM può trasferire il suo materiale genetico ai batteri del sistema digestivo e non solo. 9) FAME E MALNUTRIZIONE : A differenza di quanto affermano i loro sostenitori, gli OGM fanno registrare rese più basse e quindi non rappresentano una soluzione valida contro lo spettro della fame e della mal nutrizione. Complice anche il fatto che gli alimenti vengono mal distribuiti a livello mondiale. 10) DIPENDENZA DAL PETROLIO : Le colture OGM dipendono dai combustibili fossili per la produzione di fertilizzanti e sono pensate in funzione di una agricoltura industriale intensiva su vasta scala.

30 Associazione"LECOBIOLOGICO o.n.l.u.s" A difesa e tutela dell'ecosistema. Grazie !!


Scaricare ppt "LECOBIOLOGICO Ass. O.N.L.U.S A DIFESA DELLAMBIENTE WWW.LECOBIOLOGICO.IT."

Presentazioni simili


Annunci Google