La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Confartigianato Federimprese Bologna 1 RIFIUTI SANITARI MAGGIO 2004.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Confartigianato Federimprese Bologna 1 RIFIUTI SANITARI MAGGIO 2004."— Transcript della presentazione:

1 Confartigianato Federimprese Bologna 1 RIFIUTI SANITARI MAGGIO 2004

2 Confartigianato Federimprese Bologna 2 SI APPLICANO Attuazione delle direttive europee sui rifiuti, sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio. D.P.R Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari D.Lgs

3 Confartigianato Federimprese Bologna 3 D.Lgs rifiuto: qualsiasi sostanza od oggetto che rientra nelle categorie riportate nell'allegato A e di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l'obbligo di disfarsi; i rifiuti sono classificati, secondo l'origine, in rifiuti urbani e rifiuti speciali, e, secondo le caratteristiche di pericolosità, in rifiuti pericolosi e rifiuti non pericolosi. Sono rifiuti urbani: i rifiuti domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione; i rifiuti non pericolosi non domestici, assimilati ai rifiuti urbani per qualità e quantità secondo quanto stabilito dal Comune (…) Sono rifiuti speciali: i rifiuti da attività agricole e agro-industriali; i rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione; i rifiuti da lavorazioni industriali; i rifiuti da lavorazioni artigianali; i rifiuti da attività commerciali; i rifiuti da attività di servizio; i rifiuti derivanti da attività sanitarie; ecc… Sono pericolosi i rifiuti non domestici precisati nell'elenco di cui all'allegato D sulla base degli allegati G, H ed I * rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni * tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio

4 Confartigianato Federimprese Bologna 4 D.P.R rifiuti sanitari: i rifiuti elencati a titolo esemplificativo nel presente regolamento che provengono da attività medica e veterinaria di prevenzione, di diagnosi, di cura, di riabilitazione e di ricerca. rifiuti sanitari non pericolosi: i rifiuti sanitari che non sono compresi tra i rifiuti pericolosi indicati nel decreto Ronchi 22/1997 rifiuti sanitari pericolosi: che presentano almeno una delle seguenti caratteristiche: provengano da ambienti di isolamento infettivo, venuti a contatto con qualsiasi liquido biologico dei pazienti isolati; siano contaminati da: sangue o altri liquidi biologici che contengono sangue in quantità tale da renderlo visibile; feci o urine, se il paziente ha una patologia trasmissibile attraverso tali escreti; liquido seminale, secrezioni vaginali, liquido cerebro-spinale, liquido sinoviale, liquido pleurico, liquido peritoneale, liquido pericardico o liquido amniotico; Allegato 1 Rifiuti taglienti (Pericolosi a rischio infettivo) Aghi, siringhe, lame, vetri, lancette pungidito, venflon, testine, rasoi e bisturi monouso Materiale per medicazione (garze, tamponi, ecc…)

5 Confartigianato Federimprese Bologna 5 ELENCO RIFIUTI SANITARI FAMIGLIA 18 RIFIUTI PRODOTTI DAL SETTORE SANITARIO E VETERINARIO O DA ATTIVITÀ DI RICERCA COLLEGATE (tranne i rifiuti di cucina e di ristorazione non direttamente provenienti da trattamento terapeutico) SOTTOFAMIGLIA rifiuti dei reparti di maternità e rifiuti legati a diagnosi, trattamento e prevenzione delle malattie negli esseri umani oggetti da taglio (eccetto ) parti anatomiche ed organi incluse le sacche per il plasma e le riserve di sangue (tranne ) *rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni rifiuti che non devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni (es. bende, ingessature, lenzuola, ind. monouso, assorbenti igienici) *sostanze chimiche pericolose o contenenti sostanze pericolose sostanze chimiche diverse da voce *medicinali citotossici e citostatici medicinali diversi da quelli di cui alla voce *rifiuti di amalgama prodotti da interventi odontoiatrici

6 Confartigianato Federimprese Bologna 6 SONO PERICOLOSI?

7 Confartigianato Federimprese Bologna 7 COSA SIGNIFICA? La raccolta dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo deve essere effettuata con apposito imballaggio rigido a perdere, resistente alla puntura, recante la scritta «Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo taglienti e pungenti», ed il simbolo del rischio biologico. Il trasporto e la movimentazione devono essere effettuati con un secondo imballaggio rigido esterno, eventualmente riutilizzabile previa idonea disinfezione ad ogni ciclo d'uso, recante la scritta «Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo». I rifiuti sanitari pericolosi devono essere smaltiti una volta ogni 5 giorni, fino ai 200 litri si può fare una volta al mese La registrazione sul registro dei rifiuti deve essere fatta entro 5 giorni dalla produzione e/o dallo smaltimento. I rifiuti devono essere destinati allincenerimento con formulario di accompagnamento. Entro il 30 aprile devono essere denunciati alla CCIAA i rifiuti prodotti lanno precedente.

8 Confartigianato Federimprese Bologna 8 QUANTO COSTEREBBE ORIENTATIVAMENTE ? Acquisto registro:5,00 Vidimazione registro:29,00 Acquisto formulario:9,00 Vidimazione formulario:29,00 Marche bollo (forse saranno 52 )9,00 Totale FISSO + IVA circa81,00 Denuncia rifiuti:60,00 Diritti camerali CCIAA10,00 Smaltimento ManutenCoop:270,00 Totale ANNUO + IVA circa340,00

9 Confartigianato Federimprese Bologna 9 E CONFARTIGIANATO? QUESITO ALLA PROVINCIA Provincia conferma la nostra interpretazione che il tempo di smaltimento decorre dalla chiusura definitiva del contenitore. Provincia conferma che comunque almeno una volta allanno i rifiuti devono essere conferiti allincenerimento. Provincia apre la possibilità alla classificazione come rifiuto non pericoloso in assenza di sangue visibile. La sanzione per mancata registrazione di un rifiuto pericoloso è da 30 milioni a 180 milioni di lire. Ridotti rispettivamente a milioni per aziende con meno di 15 dipendenti. La sanzione per mancata denuncia MUD è da 10 a 30 milioni di lire. La sanzione per mancata registrazione di un rifiuto NON pericoloso è da 2 a 12 milioni La registrazione sul registro e la denuncia dei rifiuti (MUD) non è dovuta se si tratta di rifiuti NON pericolosi

10 Confartigianato Federimprese Bologna 10 E POI? CONTATTI CON HERA (FEA) Possibilità di conferire i rifiuti con trasporto in proprio e con formulario di accompagnamento rifiuti ad un costo pari al minimo fatturabile a circa 30 +IVA ( 0,35 /kg +IVA ) Controllare documentazione consegnata, il codice CER è rifiuto pericoloso I contenitori per rifiuti pericolosi taglienti sono stati gentilmente offerti da FARMACHER San Pietro In Casale (BO) Via A. Gramsci, 1/D Sono disponibili su richiesta in tutte le farmacie CONTENITORI RIFIUTI Occorre acquistare anche il contenitore da trasporto

11 Confartigianato Federimprese Bologna 11 fea1

12 Confartigianato Federimprese Bologna 12 fea2

13 Confartigianato Federimprese Bologna 13 fea3

14 Confartigianato Federimprese Bologna 14 Contenitore fronte

15 Confartigianato Federimprese Bologna 15 Contenitore retro

16 Confartigianato Federimprese Bologna 16 QUINDI (1) GESTIONE DEI RIFIUTI Tutti i taglienti, aghi, siringhe, ecc… ed altri rifiuti sanitari pericolosi devono essere inseriti nel contenitore consegnato. Andare da un rivenditore di stampati (tipo Buffetti) ed acquistare un registro rifiuti cod. 6930A980 ed un blocco formulari cod. 6619C4. Rivolgersi allUfficio di zona Confartigianato, chiedere la vidimazione di registro e formulari e consegnare la fattura allufficio contabilità per la registrazione sul registro IVA acquisti. Compilare la modulistica consegnata ed inviarla a FEA per ottenere il permesso di accesso allinceneritore.

17 Confartigianato Federimprese Bologna 17 QUINDI (2) GESTIONE DEI RIFIUTI Acquistare un contenitore da 2 litri da utilizzare per il trasporto e contenitori da 0,5 litri da tenere di scorta. Quando si deciderà di smaltire il contenitore (perché pieno o comunque entro la fine dellanno) rivolgersi agli uffici Confartigianato per le istruzioni di compilazione del formulario e del registro. Allinizio dellanno consegnare il registro e le copie del formulario rifiuti allufficio di zona per la denuncia MUD, scadenza 30 aprile.

18 Confartigianato Federimprese Bologna 18 QUANTO COSTA ORIENTATIVAMENTE ? Acquisto registro:5,00 Vidimazione registro:29,00 Acquisto formulario:9,00 Vidimazione formulario:29,00 Marche bollo (forse saranno 52 )9,00 Acquisto barattolo da 2 litri2,50 Totale + IVA circa83,50 Denuncia rifiuti:60,00 Diritti camerali CCIAA10,00 Smaltimento FEA:30,00 Acquisto barattolo da 0,5 litri1,50 Totale annuo + IVA circa101,50 Anziché i precedenti 340,00

19 Confartigianato Federimprese Bologna 19 Accordo di programma della Provincia di Bologna per diminuire gli adempimenti formali e burocratici e consegna in altri punti del territorio più vicini alle imprese. Pressione a livello nazionale nei confronti del ministero dellambiente, anche in questo caso per diminuire gli adempimenti formali e burocratici. Accordo Confartigianato con Manutencoop o altro gestore di micro raccolta per ritiro diretto dalle aziende. … COMMENTI & QUESITI PROSPETTIVE FUTURE?


Scaricare ppt "Confartigianato Federimprese Bologna 1 RIFIUTI SANITARI MAGGIO 2004."

Presentazioni simili


Annunci Google