La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Novembre 20081 Scienza Industria Tecnologia S.I.T. srl Novembre 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Novembre 20081 Scienza Industria Tecnologia S.I.T. srl Novembre 2008."— Transcript della presentazione:

1 novembre Scienza Industria Tecnologia S.I.T. srl Novembre 2008

2 novembre Tre periodi

3 novembre Diagnostica e Controllo 1: Metano Elettronica ed ottica di progettazione e produzione SIT

4 novembre Diagnostica e Controllo 2: Celle Multipasso BREVETTO Artistic view

5 novembre Diagnostica e Controllo 3 : LAPO Artistic view

6 novembre Diagnostica e Controllo 4 : HEOL

7 novembre Salute 1: Pompe Antalgiche Artistic view

8 novembre Salute 1: Pompe Antalgiche Elettronica: progetto e realizzazione di SIT

9 novembre Salute 2: Movimento e Controllo BREVETTO EUROPEO

10 novembre Energia1 : SHELL Sistema di efficienza 60% Costi contenuti: 50 m 2 Sfrutta strutture esistenti Acqua da 70 a 90 °C BREVETTO Artistic view

11 novembre Energia 2: Un Impianto Completo Tunisia Artistic view

12 novembre Energia 3: Microeolico Attività in corso Studio comparativo delle tecnologie Sviluppo dei due modelli ad asse verticale e orizzontale Ottimizzazione del sistema Studio economico Artistic view

13 novembre Utilizzo di infrastrutture esistenti (pali pubblica illuminazione) Facilità di integrazione con la rete elettrica Unico cliente (comuni) per molti impianti Manutenzione integrata a quanto già esistente Certificati verdi e payback target a tre anni Energia 3: Microeolico Artistic view

14 novembre Energia 4: Lidea di Hammurabi Utilizzo di infrastrutture esistenti Canalizzazione del vento Assenza di strutture mobili esterne Alta efficienza Artistic view

15 novembre Energia 4: Lidea di Hammurabi Struttura cilindrica: base in cemento, centinati in composito o metallo Studio areodinamico bocche di ingresso e uscita Sistema automatico rotante apertura bocche (vetroresina) Design pale leggere a cucchiaio in fibra Efficienza stimata 30-50% Artistic view

16 novembre Energia 4: Lidea di Hammurabi Modello small 3 x 4 m 2 kW Modello L 8 x 8 m 15 kW Modello XL x kW Le caratteristiche: 1.Intelaiatura in muratura esterna portante (robustezza) 2.Struttura in vetroresina leggera per orientare i flussi 3.Struttura ultraleggera in fibra per le pale (regolabili) 4.Controllo elettronico real time per lottimizzazione Artistic view

17 novembre Energia 4: Lidea di Hammurabi Artistic view

18 novembre Energia 5: TESPI e gli attuali pannelli fotovoltaici La tecnologia dominante è oggi il silicio con rese tra il 10 e il 15%. In un prossimo futuro ci si aspetta di avere tecnologie a film sottili molto più economiche ma con rese sostanzialmente simili. TESPI si pone il problema di utilizzare la radiazione non convertita in corrente per produrre calore a bassa temperatura

19 novembre Rendimento dei pannelli PV 1.Normalmente solo il visibile viene convertito con una efficienza del 20-30% in corrente 2.Il visibile è circa il 50% della radiazione solare 3.La cella degrada nel tempo e lavora meglio se termostatizzata, cosa in genere non possibile 4.Conclusione: efficienza tipica del 10-15% % va disperso in calore

20 novembre Perché non si fa il fotovoltaico termico Coefficiente termico di l : (0.065±0.015) %/°C Coefficiente termico di V : -(80±10) mV/°C Coefficiente termico della potenza: -0.5±0.1 % /°C NOCT (Temperatura Nominale della Cella): 47±2 °C Efficienza 12% che scende al 10% a 85 °C

21 novembre Dati presi in laboratorio...La deriva termica Dati presi dalla letteratura per diverse celle Perché non si fa il fotovoltaico termico...

22 novembre TESPI: lidea Lacqua assorbe la radiazione infrarossa mentre i pannelli PV lavorano prevalentemente sul visibile Lacqua messa davanti ai pannelli PV può ridurre la temperatura del pannello e permettere un recupero del calore altrimenti dissipato. Una circolazione dacqua, anche dietro il pannello integra (secondo vecchie idee) il sistema di prelievo del calore.

23 novembre TESPI: il brevetto, disegno schematico Circolazione dacqua anteriore Circolazione dacqua posteriore

24 novembre Esploso di TESPI: primo disegno

25 novembre Il sistema: prima versione TESPI montato: si noti lingombro molto simile a quello dei normali pannelli TESPI: in primo piano: si vedono le canalizzazioni

26 novembre Tespi : prove di efficienza Pannello sommerso : 50 cm Pannello sommerso : 5 cm

27 novembre Tespi : prove di efficienza Pannello sommerso : 50 cm Pannello sommerso : 5 cm

28 novembre TESPI: versione in Plexiglass Il sistema integrato Il modulo in plexiglass

29 novembre TESPI: circolazione dacqua posteriore

30 novembre TESPI: circolazione dacqua posteriore Lacqua entra a bassa temperatura e progressivamente viene riscaldata. Solo lultimo pannello raggiunge temperature vicine a quelle dei pannelli normali (comunque inferiori) Nessuna modifica visibile viene apportata al pannello

31 novembre TESPI : I Numeri attesi Energia elettrica: efficienza uguale o superiore ai pannelli PV usati. Energia Termica: efficienza confrontabile con i pannelli termici, a parità di energia ricevuta. Peso pannello in esercizio 40 Kg/m 2 Circolazione dellacqua controllata e a circuito chiuso Sistema elettronico di ottimizzazione Temp. acqua nel serbatoio di raccolta: °C

32 novembre TESPI : impianto termico-elettrico Artistic view

33 novembre TESPI : impianto per uso civile 1.Produzione elettrica : 250 kWh per metro quadro (latitudine di Roma) 2.Produzione termica (acqua a 50 °C) 600 kWh per metro quadro 1.Costo di produzione del modulo TESPI : 100 euro per metro quadro 2.Costo di produzione di un pannello TESPI integrato: pari al prezzo di un pannello PV

34 novembre TESPI : un impianto industriale Schema di un collettore solare di grandi dimensioni. La parte fotovoltaica viene gestita, con maggiore efficienza energetica, nella parte a bassa temperatura del collettore. Artistic view

35 novembre TESPI : impianto sommerso Modello di un sistema sommerso a pannelli fotovoltaici. Il progetto SP2 (Submerged Phtovotaic Solar Panels) prevede lutilizzo vantaggioso di invasi artificiali per posizionare vaste superfici di pannelli PV ad alta efficienza. Artistic view


Scaricare ppt "Novembre 20081 Scienza Industria Tecnologia S.I.T. srl Novembre 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google