La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE NUOVE REGOLE SUL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE Milano, 17 marzo 2005 Renato Mari FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA Seminario ASSICC - Federchimica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE NUOVE REGOLE SUL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE Milano, 17 marzo 2005 Renato Mari FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA Seminario ASSICC - Federchimica."— Transcript della presentazione:

1 LE NUOVE REGOLE SUL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE Milano, 17 marzo 2005 Renato Mari FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA Seminario ASSICC - Federchimica

2 ADR 2005 Novità principali Gli emendamenti ADR 2005 sono raccolti in circa 150 pagine e impattano su tutte le Parti del suddetto Regolamento. Punti topici sono: Parte 1:introduzione di nuove prescrizioni concernenti la security al fine di prevenire un uso improprio di materie pericolose per atti terroristici; revisione delle disposizioni per il rinnovo del certificato del Consulente per la sicurezza dei trasporti. Parte 2:revisione delle disposizioni per la classificazione degli aerosol infiammabili, delle sostanze corrosive per i metalli, delle sostanze infettanti, delle sostanze inquinanti per lambiente acquatico. Parte 3:modificazioni varie relative alle istruzioni concernenti il trasporto in colli e in cisterna per merci pericolose già listate in Tabella A; 90 nuove rubriche ONU; molte nuove rubriche per differenziare sostanze chimiche trasportate allo stato solido, liquido o in soluzione. Parte 4: revisione delle disposizioni per testare la compatibilità chimica di imballaggi e GIR di plastica; revisione delle disposizioni per gas refrigerati, sostanze infettanti (inclusi i campioni di diagnostica), batterie usate.

3 Parte 5:nuove prescrizioni per i pannelli arancione; revisione delle prescrizioni della documentazione per il trasporto multimodale; Parte 6:revisione delle prescrizioni per i recipienti criogenici; i generatori aerosol; verifiche di prova e approvazione dei recipienti per gas; imballaggio di materiale radioattivo; emendamenti vari di prescrizioni relative alle cisterne e ai CGEM; nuove disposizioni relative ai contenitori per la rinfusa. Parte 7:revisione delle disposizioni per il trasporto di merci pericolose relative alla rinfusa. Parte 8:nuove disposizioni per il corso di aggiornamento finalizzato al rinnovo del certificato di formazione professionale del conducente (CFP). Parte 9:revisione totale completa di tutti i capitoli che contemplano procedure migliorate per lapprovazione di tipo dei veicoli e nuove prescrizioni per i riscaldatori di combustione.

4 PARTE 4

5 Verifica della compatibilità chimica di imballaggi di plastica di polietilene ad alto peso molecolare e medio peso molecolare, compresi i GIR, mediante assimilazione delle sostanze di riempimento ai liquidi standard Introduzione di una nuova sottosezione con la quale sono stati definiti i criteri e le modalità per la verifica della compatibilità chimica delle materie trasportate con gli imballaggi in plastica (GIR compresi), utilizzando a tale scopo liquidi standard ai quali assimilare le materie trasportate. Questa sottosezione, e in particolare la tabella di seguito citata, sostituiscono il paragrafo (e la tabella) dellADR Nella tabella è riportata la lista di rubriche (identificate in ordine di n° ONU, e caratterizzate dalla denominazione ufficiale di trasporto, descrizione, classe, codice di classificazione e gruppo di imballaggio) per ognuna delle quali viene indicato il liquido standard al quale ogni materia può essere assimilata ai fini della prova di compatibilità. Per le materie presenti nella lista della tabella , nominalmente menzionate e per le quali sia indicato un liquido standard, la compatibilità chimica è verificata provando il prototipo di un imballaggio con il liquido indicato; altrimenti si deve seguire la procedura indicata nel paragrafo applicando la regola delle rubriche collettive ove indicata in colonna 5 della tabella Lista delle materie assimilate. Qualora infine la materia non sia presente nella lista di cui sopra, è necessario procedere alle prove di compatibilità indicate nel capitolo 6.5 ( o per gli imballaggi; o per i GIR).

6 La compatibilità chimica della sostanza di riempimento si intende verificata se un liquido standard o una miscela di liquidi standard è ad essa assimilata nella colonna 5 della tabella Lista delle materie assimilabili e se il prototipo è approvato per questo o questi liquidi standard.

7 Fig :Schema per lassimilazione delle sostanze di riempimento ai liquidi standard

8 : LISTA DI ASSIMILAZIONE La colonna 5 indica il liquido standard o la combinazione di liquidi standard ai quali la sostanza può essere assimilata.

9 MISURE TRANSITORIE Le approvazioni dei prototipi di fusti, taniche e imballaggi compositi di polietilene a massa molecolare elevata o media, rilasciate prima del 1° luglio 2005, secondo le disposizioni del applicabili fino al 31 dicembre 2004, ma che non soddisfano le disposizioni del , continuano ad essere valide fino al 31 dicembre Tutti gli imballaggi costruiti e marcati sulla base di queste approvazioni potranno ancora essere usati fino al termine della loro durata di utilizzazione determinata al

10 NUOVI RIFERIMENTI A STANDARD ISO ED EN PER RECIPIENTI A PRESSIONE NormeParagrafo ADR applicabileOggetto ISO : 1997 ISO : Compatibilità materiali bombola e valvola con il gas ISO 11621: 1997 EN 1795: Procedure per il cambio di gas ISO 11279:1999 (Annesso B) EN 849: 1996/A2: 2001 (Annesso A) EN 13152: 2001 EN 13153: (Protezione valvole) Specifiche e tipo di prove per bombole di gas Prove e specifiche di valvole per bombole per GPL a chiusura automatica Prove e specifiche di valvole per bombole per GPL a chiusura manuale ISO 11117: 1998 EN 962: 1996/A2: (b) e (c) Cappellotto valvole e protezione valvole per bombole gas industriale e medicale - Progettazione, costruzione, prove

11 4.1.4 – NUOVE ISTRUZIONI DI IMBALLAGGIO Istruzione di imballaggio P200: è stato aggiunto un nuovo paragrafo 7 e modificato lesistente paragrafo 10 (ora 11) per indicare le condizioni e le norme di riferimento per il riempimento delle bombole di gas. In particolare: (7):Il riempimento dei recipienti può essere effettuato soltanto dai centri appositamente attrezzati, con procedure appropriate e personale qualificato. Le procedure devono includere i controlli: -della conformità alla regolamentazione dei recipienti e degli accessori; -della loro compatibilità con il prodotto da trasportare; -della assenza di danni che potrebbero pregiudicarne la sicurezza; -del rispetto del grado o della pressione di riempimento, in quanto applicabile; -delle marcature e identificazioni prescritte.

12 DISPOSIZIONI PARTICOLARI RELATIVE AI RECIPIENTI A PRESSIONE (Istruzione di Imballaggio P200) I recipienti a pressione che hanno precedentemente contenuto una materia corrosiva di Classe 8 o una materia di unaltra classe con rischio sussidiario di corrosività non possono essere utilizzati per il trasporto di materie della Classe 2 (gas) se non hanno subito il controllo e le prove previste al (caratteristiche meccaniche, spessore minimo delle pareti, stato esterno e interno dei recipienti, ispezione filettatura del bocchello, pressione idraulica, controllo delle marcature, ecc.) Dopo il riempimento del recipiente a pressione o del recipiente criogenico, lo speditore deve verificare la tenuta delle chiusure e dellequipaggiamento I recipienti a pressione non ricaricabili non devono essere utilizzati per i gas tossici aventi una CL 50 inferiore o uguale a 200 ml/m 3.

13 UN 3373 Si ricorda che nelledizione 2003 era richiesto, invece del marchio, lapposizione della seguente frase: CAMPIONE DI DIAGNOSTICA Istruzione di imballaggio P650: si applica al numero ONU 3373 (materie infettanti di Categoria B). Ha subito una revisione più significativa. In primo luogo viene richiesto che i colli siano marcati, su un fondo di colore contrastante, con il seguente marchio: Istruzioni di imballaggio P620: si applica ai numeri ONU 2814 e 2900 (materie infettanti di Categoria A). Oltre a una revisione di carattere essenzialmente editoriale, è stato introdotto lobbligo di un imballaggio esterno rigido.

14 -è stato eliminato il limite di 500 ml e 500 g per i recipienti primari -è esplicitamente richiesto che gli imballaggi secondari siano a tenuta -sono stati aggiunti i necessari requisiti per i campioni trasportati refrigerati o congelati (con ghiaccio, ghiaccio secco e azoto liquido) -è stato aggiunto un obbligo per i fabbricanti e i distributori di questi imballaggi di fornire chiare indicazioni allo speditore (che può anche essere un paziente) per il loro riempimento e chiusura -è infine richiesto che, in casi di perdita di materie infettanti nel veicolo o nel contenitore, si proceda ad una pulizia e, se necessario, disinfezione o decontaminazione, controllando altresì le altre merci eventualmente presenti. Istruzione di imballaggio P903b: contiene i requisiti semplificati per il trasporto di batterie al litio usate. Sono state inoltre apportate le seguenti modifiche:

15 TRASPORTO IN CISTERNE -Aggiunte nuove disposizioni speciali: TP 32, TP 33, TP 34, TU 37, TU 38 (riservato) e TU 39. N.B.Di particolare importanza laggiunta di TU 37 al numero UN 3373 (Materie infettanti di Categoria B) che precisa le tipologie di materie infettanti che possono essere trasportate in cisterna; a tale numero UN vengono inoltre assegnate le altre disposizioni speciali per cisterne che, nelledizione 2003, caratterizzavano le altre materie infettanti del Gruppo di rischio 2, identificate con i numeri UN 2814 e Modificate le disposizioni speciali TP 3, TP5, TP 13.

16 PARTE 5

17 MARCATURA E PANNELLATURA (a):Sovraimballaggi: devono essere marcati anche con le parole SOVRAIMBALLAGGI :Etichetta Orientamento Colli: le frecce possono essere anche di colore rosso, oltre che nere :Pannello arancione veicoli: i pannelli devono avere altezza di 30 cm (anziché non meno di 30 cm) e bordo perimetrale nero di 15 mm di spessore anziché 15 mm di spessore massimo). Il pannello arancio può essere separato da una linea nera orizzontale di 15 mm di spessore attraversante la segnalazione a mezzaltezza. Sono ammesse tolleranze ± 10% relativamente alle dimensioni di cui sopra. N.B.: I pannelli arancio conformi alle disposizioni applicabili fino al 31 dicembre 2004 possono continuare ad essere utilizzati (v. Disposizioni transitorie ).

18 5.4.1DOCUMENTO DI TRASPORTO PER CONTENITORI VUOTI NON PULITI Il richiamo alla quantità totale non si applica ai sistemi di contenimento vuoti e non bonificati.

19 cDocumento di trasporto per sostanze non soggette a etichettatura Per le sostanze e articoli per i quali nessun modello di etichetta è riportato in colonna 5 della Tabella A (UN 2211, UN 3314, UN 3359, UN 3373) occorre fare riferimento nel documento di trasporto alla loro classe. P.es.: UN 2211, POLIMERI ESPANSIBILI IN GRANULI, 9, III

20 DOCUMENTO DI TRASPORTO PER CONTENITORI VUOTI NON PULITI Come per i contenitori pieni il riferimento è alletichetta/e di pericolo e non più alla classe ADR. P.es.: imballaggio vuoto non pulito che aveva contenuto alcool allilico: ADR 2003ADR 2005 IMBALLAGGIO VUOTO, 6.1IMBALLAGGIO VUOTO 6.1 (3) P.es.: veicolo-cisterna vuoto non bonificato che aveva contenuto alcool allilico: ADR 2003 VEICOLO-CISTERNA VUOTO, 6.1, ULTIMO CARICO: UN 1098 ALCOOL ALLILICO ADR 2005 VEICOLO-CISTERNA VUOTO, ULTIMO CARICO: UN 1098 ALCOOL ALLILICO, 6.1 (3)

21 –Documento di trasporto ADR per spedizioni comportanti un percorso marittimo o aereo Sostituire il riferimento (ADR 2003) con (ADR 2005) nella dicitura integrativa sul documento di trasporto: Trasporto secondo b –Documento di trasporto ADR per recipienti a pressione ricaricabili scaduti di controllo inviati al centro prove ispettive o alleliminazione Sostituire il riferimento (ADR 2003) con (ADR 2005) nella dicitura integrativa sul documento di trasporto: Trasporto secondo

22 Documento di trasporto per le sostanze infettanti di Classe 6.2 Obbligo dellindicazione del nome e numero di telefono di una persona responsabile.

23 – Numeri di identificazione del pericolo (Kemler) -Per le materie della Classe 1 deve essere utilizzato come numero di identificazione del pericolo il codice di classificazione composto dal numero della divisione e dalla lettera del gruppo di compatibilità: 1.5 D per il trasporto di esplosivo da mina di tipo B (UN 0331) e di tipo E (UN 0332) in cisterne mobili. -Eliminati i seguenti numeri di identificazione del pericolo: 72; 723; 73; 74; 75; 76

24 DISPOSIZIONE SPECIALE SP 640 ( ) Le caratteristiche fisiche e tecniche menzionate in colonna 2 della Tabella A del capitolo 3.2 sono intese a stabilire condizioni diverse di trasporto per materie aventi lo stesso numero UN e appartenenti allo stesso Gruppo di Imballaggio. Per identificare queste condizioni di trasporto, ai particolari richiesti nel documento di trasporto deve essere aggiunto: Disposizione speciale 640 X dove X è la lettera in carattere maiuscolo che segue il riferimento alla Disposizione Speciale 640 in colonna 6 della Tabella A, nel Capitolo 3.2.

25 Le disposizioni speciali da 640 A a 640 O dipendono dalle proprietà della materia richiamate nella rubrica di colonna 2 della Tabella A del Capitolo 3.2, come di seguito descritto: 640 A: per sostanze di G.I. I, con tensione di vapore a 50 °C maggiore di 175 kPa; 640 B: per sostanze di G.I. I, con tensione di vapore a 50 °C maggiore di 110 kPa, ma non superiore a 175 kPa; 640 C: per sostanze di G.I. II, con tensione di vapore a 50 °C maggiore di 110 kPa, ma non superiore a 175 kPa; 640 D: per sostanze di G.I. II, con tensione di vapore a 50 °C non superiore a 110 kPa; 640 E: per sostanze di G.I. III, diverse da quelle menzionate sotto 640 F, 640 G, 640 M; 640 F: per sostanze di G.I. III, viscose, aventi punto di infiammabilità inferiore a 23 °C, con tensione di vapore a 50 °C maggiore a 175 kPa; 640 G: per sostanze di G.I. III, viscose, aventi punto di infiammabilità inferiore a 23 °C, con tensione di vapore a 50 °C maggiore di 110 kPa, ma non superiore a 175 kPa; 640 H: per sostanze di G.I. III, viscose, aventi punto di infiammabilità inferiore a 23 °C, con tensione di vapore a 50 °C maggiore a 110 kPa;

26 640 I: per UN 1790, Acido Fluoridrico, rubrica con più dell85% di acido fluoridrico; 640 J: per UN 1790, Acido Fluoridrico, rubrica con più dell60%, ma non più dell85% di acido fluoridrico; 640 K: per UN 1202, Carburante Diesel o Gasolio o Olio da Riscaldamento Leggero, rubrica con punto di infiammabilità non superiore a 61 °C; 640 L: per UN 1202, Carburante Diesel, conforme alla norma EN 590:1993, o Gasolio o Olio da Riscaldamento Leggero, rubrica con punto di infiammabilità definito dalla norma EN 590:1993; 640 M:per UN 1202, Carburante Diesel o Gasolio o Olio da Riscaldamento Leggero, rubrica con punto di infiammabilità compreso tra 61 °C e 100 °C; 640 N: per UN 2015, Perossido di Idrogeno in soluzione acquosa stabilizzata, rubrica con più del 70% di perossido di idrogeno; 640 O: per UN 2015, Perossido di Idrogeno in soluzione acquosa stabilizzata, rubrica con più del 60% di perossido di idrogeno e non più del 70% di perossido di idrogeno.

27 DISPOSIZIONE SPECIALE 640 X Il riferimento alla Disposizione speciale 640 X sul documento di trasporto interviene ove vi siano le condizioni di cui al Capitolo 3.3 che ne limita ora lapplicazione solo al trasporto in cisterne ADR. ADR 2003ADR 2005 A condizione che le caratteristiche fisiche e tecniche di cui alla colonna 2 della Tabella A non implichino un differente numero di identificazione del pericolo (Kemler) nella colonna 20 della Tabella A: -merci imballate secondo listruzione di imballaggio P001; -materie e preparati del n. UN 2015 (perossido di idrogeno in soluzione >60% di H 2 O 2 ) imballati secondo listruzione di imballaggio P501; -trasporto in cisterne portatili; -trasporto in un tipo di cisterna che risponde, per sostanze di uno specifico gruppo di imballaggio di uno specifico numero UN, almeno ai requisiti più restrittivi. ESENZIONI DALLOBBLIGO DELL APPROVAZIONE SPECIALE SP 640 X SUL DDT

28 UNNOMEClasseGruppo Imballaggio Codice Cisterna Descrizione cisterna 3295 IDROCARBURI LIQUIDI, n.a.s (tensione di vapore a 50 °C > 175 kPa) 3IL4BNCisterna per liquidi (L), costruita per una pressione di calcolo di 4 bar (4), con aperture di riempimento o svuotamento in basso con 3 chiusure (B), senza dispositivo di aerazione e non chiusa ermeticamente (N) IDROCARBURI LIQUIDI, n.a.s (tensione di vapore a 50 °C > 110 kPa ma 175 kPa) 3IL1.5BNCisterna per liquidi (L), costruita per una pressione di calcolo di 1.5 bar (1.5), con aperture di riempimento o svuotamento in basso con 3 chiusure (B), senza dispositivo di aerazione e non chiusa ermeticamente (N) IDROCARBURI LIQUIDI, n.a.s (tensione di vapore a 50 °C 110 kPa) 3IL1.5BNCisterna per liquidi (L), costruita per una pressione di calcolo di 1.5 bar (1.5), con aperture di riempimento o svuotamento in basso con 3 chiusure (B), senza dispositivo di aerazione e non chiusa ermeticamente (N) Parte 2: Pressione di calcolo Parte 3: Aperture Parte 4: Pressione di calcolo G bar ABCDABCD VFNHVFNH Codice cisterna:

29 PARTE 6

30 6.1 e RIFERIMENTI A NUOVI STANDARD ISO ED EN PER COSTRUZIONE E PROVA DI RECIPIENTI A PRESSIONE Tra essi: -ISO 11919:1995 per quanto riguarda gli acciai da utilizzare nella costruzione dei fusti metallici -EN 13292:2002 Specifiche di costruzione per bombole riempibili senza giunture di acciaio al carbonio e manganese fino a 0,5 litri di capacità per gas compressi, liquefatti e disciolti e fino a 1 litro di capacità per lanidride carbonica.

31 6.2 RECIPIENTI CRIOGENICI CHIUSI Aggiunti due nuovi paragrafi e unitamente a nuove disposizioni (da a ) afferenti ai dispositivi di chiusura :I recipienti criogenici chiusi per il trasporto di gas liquefatti refrigerati aventi p.ebollizione < -182 °C, a pressione atmosferica, non devono essere costruiti con materiali suscettibili di reagire in modo pericoloso con lossigeno o atmosfere arricchite di ossigeno quando questi materiali sono situati in parti dellisolamento termico ove esista un rischio di contatto con lossigeno o con un liquido arricchito di ossigeno :I recipienti criogenici chiusi devono essere progettati e fabbricati con appropriati attacchi per il sollevamento e lo stivaggio.

32 AEROSOL La prova di tenuta in bagno di acqua calda che prima era contenuta nellistruzione di imballaggio P204 è stata riportata nella nuova sottosezione Prova di tenuta.

33 ISPEZIONE PERIODICA RECIPIENTI A PRESSIONE Approvazione di un sistema di ispezione periodica da parte dellAutorità competente o di un Organismo autorizzato ad operare sulla base di un sistema di qualità accreditato. LOrganismo per esercitare attività di ispezione periodica deve essere in possesso di Certificato di Approvazione rilasciato dallAutorità competente.

34 PROVE DEI GIR Inseriti due nuovi paragrafi ( e ) relativamente a prove di compatibilità chimica dei GIR di plastica rigida di polietilene ad alto peso molecolare.

35 EQUIPAGGIAMENTI CISTERNE Le cisterne ermeticamente chiuse devono essere equipaggiate con valvole di sicurezza precedute da un disco di rottura. La disposizione del disco di rottura e della valvola di sicurezza deve soddisfare lAutorità competente. Tra il disco di rottura e la valvola di sicurezza deve essere installato un manometro o un altro appropriato indicatore per rilevare rottura, perforazione o perdita del disco che potrebbero pregiudicare lefficienza della valvola di sicurezza.

36 RIFERIMENTI A NUOVI STANDARD EN PER COSTRUZIONE E PROVA DI CISTERNE Tra essi: EN 14025:2003 (applicabile a tutte le cisterne) Cisterne per il trasporto di merci pericolose - Cisterne a pressione metalliche - Progettazione e Costruzione.

37 EQUIPAGGIAMENTO PER PROTEZIONE DA IMPATTI POSTERIORI DEI VEICOLI BATTERIA E CGEM Equipaggiamento di servizio e strutturale deve essere disposto o progettato per prevenire danni che potrebbero comportare rilascio del contenuto del recipiente a pressione durante le normali condizioni di movimentazione e trasporto. I dispositivi di riempimento e svuotamento (compresi flange o tappi filettati) e tutti i coperchi di protezione devono garantire contro ogni apertura intempestiva Tubi collettori, organi di svuotamento (raccordi di tubazioni, organi di chiusura) e otturatori devono essere protetti o sistemati contro i rischi di strappo di forze esterne o essere progettati per resistere al fine di evitare perdite in caso di avaria.

38 CONTROLLI E PROVE CISTERNE CLASSE (Prova iniziale di pressione idraulica prima della sistemazione dellisolamento termico): quando il serbatoio, i suoi accessori, le sue tubazioni e i suoi equipaggiamenti sono stati sottoposti alla prova separatamente, la cisterna deve essere sottoposta ad una prova di tenuta dopo lassemblaggio Le prove di tenuta delle cisterne destinate al trasporto di gas devono essere eseguite ad una pressione non inferiore a: 20% della pressione di prova per i gas compressi, liquefatti o disciolti 90% della pressione massima di servizio per i gas liquefatti refrigerati

39 6.10 CISTERNE PER RIFIUTI SOTTO VUOTO - Esame di verifica interna in aggiunta alle altre prove - Prescrizione per le valvole di sicurezza ( ; )

40 CONTENITORI PER LA RINFUSA (Bulk Containers) Sistemi di contenimento (comprensivi di fodera o rivestimento) per il trasporto di sostanze solide a diretto contatto con il sistema di contenimento. Sono esclusi: - Imballaggi - Grandi recipienti alla rinfusa (GIR) - Grandi imballaggi - Cisterne I contenitori per rinfusa sono: -di caratteristiche permanenti e sufficientemente robusti per essere idonei ad un uso ripetuto; -progettati appositamente per facilitare il trasporto di merci mediante una o più modalità di trasporto senza ricarichi intermedi; -equipaggiati con dispositivi per permetterne una facile movimentazione; -di capacità non inferiore a 1 m 3. Esempi di contenitori per la rinfusa sono: container, contenitori per rinfusa offshore, benne, silo per rinfusa, casse mobili, contenitori tramoggia, contenitori a ruota, compartimenti di carico dei veicoli. N.B. Il contenitore per rinfusa offshore è specificamente progettato per uso ripetuto per il trasporto verso, da e tra strutture costiere. Un contenitore per rinfusa offshore è progettato e costruito in accordo alle linee guida per lapprovazione di contenitori offshore manipolati in mare aperto come specificato dallIMO nel suo documento MSC/Circ. 860.

41 PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE, ISPEZIONE E PROVA DEI CONTENITORI PER RINFUSA I contenitori per rinfusa possono essere: -chiusi (anche se dotati di aperture per lo scambio di vapori e gas con laria) per impedire, nelle normali condizioni di trasporto, il rilascio di sostanze solide costituenti il carico, così come la penetrazione di pioggia e spruzzi dacqua. -tendonati: Contenitore aperto in alto, con fondo rigido, protetto ai lati e alle estremità con coperture non rigide. Codici di identificazione:BK1 (contenitore per rinfusa tendonato) BK2 (contenitore per rinfusa chiuso) Progettazione e costruzione:conformità alla norma ISO :1991 relativa ai contenitori Ispezione e prova: conformità alla Convenzione Internazionale CSC Ispezione periodica ad intervalli regolari non maggiori di 30 mesi, fatta eccezione per i contenitori nuovi per i quali lintervallo tra data di costruzione e prima ispezione non può superare i cinque anni.

42 Marcatura:conformità alla Convenzione Internazionale CSC. Targa di approvazione (dimensioni non inferiori a 200 mm x 100 mm) in grado di resistere al fuoco per almeno 15 minuti rimanendo leggibile e resistente agli effetti corrosivi dellambiente sia marino che terrestre. Indicazioni da riportare sulla targa: -sigla I (per lItalia) preceduta e seguita da un asterisco e quindi dalla sigla dellEnte tecnico che ha proceduto allapprovazione, seguito da un asterisco finale; -data di costruzione (mese e anno) -numero di identificazione o codice e numero di serie assegnati dal proprietario; -massa lorda massima: kg e lb; -carico ammissibile di impilaggio (con accelerazione di 1,8 g): kg e lb; -carico utilizzato per la prova di rigidità: kg e lb. Sulla targa devono essere impresse le parole Approvazione CSC ai fini della sicurezza, in caratteri di almeno 8 mm di altezza; tutte le altre lettere e cifre devono avere almeno 5 mm di altezza.

43 CONVENZIONE CSC: RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI -L. 3 febbraio 1979, n.67 Adesione alla Convenzione internazionale sulla sicurezza dei contenitori (CSC), con allegati, adottata a Ginevra il 2 dicembre 1972, e sua esecuzione (s.o. G.U. n.61 del 2 marzo 1979). -D.P.R. 4 giugno 1997, n.448 Regolamento recante norme di attuazione della Legge 3 febbraio 1979, n.67, relativa alladesione alla Convenzione internazionale sulla sicurezza dei contenitori (CSC) adottata a Ginevra il 2 ottobre 1973, e sua esecuzione (G.U. n.301 del 29 dicembre 1997).

44 CONTENITORI PER RINFUSA NON CONFORMI ALLA CSC Integrare il documento di trasporto con la seguente dicitura: Contenitore per il trasporto alla rinfusa BKx approvato dalla Autorità competente di ………… (v )

45 PARTE 7

46 CONDIZIONI DI TRASPORTO, CARICO, SCARICO e MOVIMENTAZIONE 7.2.4:- eliminato il Codice V1 per tutte le sostanze di Classe 9. V1: I colli devono essere caricati in veicoli chiusi o scoperti tendonati o in contenitori chiusi o tendonati. - eliminato il Codice V7 per tutti i gas. V7: Se i colli sono caricati in veicoli o in contenitori chiusi, questi veicoli o contenitori chiusi devono avere unadeguata ventilazione :- aggiunta nuove disposizioni speciali: CV34, CV35, CV36. N.B.: Con riferimento alla CV36, applicabile a tutti i gas, per i colli che dovrebbero essere caricati preferibilmente su veicoli aperti o ventilati, se caricati su veicoli chiusi o in contenitori, le porte dei veicoli o del contenitore devono essere marcate con lavvertenza, in caratteri non inferiori a 25 mm di altezza: ATTENZIONE NESSUNA VENTILAZIONE APRIRE CON CAUTELA Il testo sarà redatto in una lingua giudicata appropriata dal mittente.

47 7.3 TRASPORTO ALLA RINFUSA IN CONTENITORI Ampliamento dei requisiti contenuti nella sottosezione e per il trasporto delle merci alla rinfusa che, fatte salve determinate condizioni di cui alle disposizioni speciali identificate con il Codice VV, non sarebbe ammesso con veicoli o contenitori. I nuovi requisiti prevedono fra laltro che: -i contenitori o i cassoni siano stagni alle polveri; -le materie caricate non reagiscano pericolosamente con i materiali dellunità di trasporto e dellequipaggiamento di servizio; -prima del carico si proceda ad una ispezione visiva per accertare lassenza di difettosità significative; -siano applicate limitazioni specifiche per alcune Classi di sostanze.

48 PARTE 8

49 DOCUMENTI A BORDO DELLUNITA DI TRASPORTO : Fotografia per ciascun membro dellequipaggio.

50 8.2.1 / CERTIFICATO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DEL CONDUCENTE -Estensione dellobbligo del CFP ai conducenti di tutti i veicoli che trasportano merci pericolose, anche di quelli aventi massa autorizzata inferiore a 3,5 t. N.B.:Lesclusione da questo obbligo permane soltanto per i trasporti in quantità limitate per unità di trasporto ( ) e in quantità limitate per unità di collo (3.4). Lobbligo del CFP per i conducenti di veicoli con massa massima autorizzata inferiore a 3,5 t diventa vincolante dal 1° gennaio Il periodo transitorio non si applica naturalmente ai conducenti operanti su veicoli che trasportano esplosivi e radioattivi, per i quali già vigeva lobbligo del CFP a prescindere dalla massa massima autorizzata del mezzo (v. Disposizione transitoria ). -Relativamente al corso-base, nel ciclo di formazione per il conseguimento del CFP, è stato inserito un nuovo argomento relativo alle istruzioni sul comportamento nelle gallerie (prevenzione e sicurezza, misure da prendere in caso di incendio o in altre situazioni di emergenza). -Prolungamento da almeno 1 giorno a almeno 2 giorni della durata del corso di aggiornamento per il rinnovo del CFP.

51 PARTE 9

52 COSTRUZIONE E APPROVAZIONE DEI VEICOLI I Capitoli 9.1, 9.2 e 9.3 sono stati completamente sostituiti: ADR 2003 Capitolo 9.1: Prescrizioni generali relative alla costruzione e allapprovazione dei veicoli ADR 2005 Capitolo 9.1: Scopo, Definizioni e Prescrizioni per lapprovazione dei veicoli Capitolo 9.2: Prescrizioni relative alla costruzione dei veicoli-base Capitolo 9.2: Prescrizioni relative alla costruzione dei veicoli Capitolo 9.3: Prescrizioni supplementari concernenti i veicoli completi o completati EXII o EXIII Capitolo 9.3: Prescrizioni supplementari concernenti i veicoli completi o completati EXII o EXIII

53 9.1.2 APPROVAZIONE DEL VEICOLO Su richiesta del costruttore o del suo rappresentante, i veicoli completi o completati, sottoposti ad approvazione per certificarne la conformità alle disposizioni tecniche dei Capitoli da 9.2 a 9.7 dellADR, possono essere oggetto di omologazione per tipo da parte dellAutorità competente. Le pertinenti disposizioni tecniche devono essere considerate soddisfatte ove lAutorità competente rilasci il certificato di approvazione per veicolo trasportante merci pericolose (barrato rosa). Questa omologazione per tipo deve essere accettata dalle altre Parti contraenti. Durante la visita per lapprovazione ADR di un veicolo completato, la conformità deve essere verificata soltanto per le parti aggiunte o modificate nel processo di completamento per soddisfare le disposizioni di costruzione del Capitolo 9.2.

54 NUOVE DEFINIZIONI DI TIPI DI VEICOLO - Veicolo completo:ogni veicolo completamente terminato (p.es. furgone, autocarro, trattore, rimorchio, costruito in una sola fase); - Veicolo completato:ogni veicolo risultante da un procedimento di fasi multiple completamente terminato (p.es. telaio o telaio cabina dotato di una carrozzeria); - Veicolo omologato per tipo:ogni veicolo che è stato omologato conformemente al Regolamento ECE n. 150 o alla Direttiva 98/91/CE.

55 RIFERIMENTI NORMATIVI CE

56 -Direttiva 2004/110/CE della Commissione Adeguamento per la sesta volta al progresso tecnico della direttiva 96/49/CE del Consiglio per il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al trasporto di merci pericolose per ferrovia (G.U.UE Serie L, n.365 del ). -Direttiva 2004/111/CE della Commissione Adeguamento per la quinta volta al progresso tecnico della Direttiva 94/55/CE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al trasporto di merci pericolose su strada (G.U.UE Serie L, n.365 del ). -Direttiva 2004/112/CE della Commissione Adeguamento per la sesta volta al progresso tecnico della direttiva 95/50/CE del Consiglio sulladozione di misure uniformi in materia di controllo dei trasporti su strada di merci pericolose (G.U.UE Serie L, n.367 del ).

57 Le direttive 2004/110/CE e 2004/111/CE entrate in vigore il 30 dicembre 2004, relative al recepimento delle edizioni 2005 del RID e dellADR, impegnano gli Stati membri a conformare ad esse la propria legislazione entro il 1° luglio 2005 per darne applicazione anche in regime nazionale. La direttiva 2004/112/CE, entrata in vigore il 3 gennaio 2005 e che gli Stati membri dovranno recepire entro il 14 dicembre 2005, impone luso, in sede di controllo, di documenti uniformi per lidentificazione del carico (Allegato I), modula la gravità delle infrazioni sulla base di categorie di rischio (Allegato II) e, in relazione a tali categorie, modifica il formulario normalizzato per la stesura della relazione destinata alla Commissione e relativa alle infrazioni e sanzioni (Allegato III). N.B.: la direttiva 2004/112/CE adegua la direttiva 95/50/CE, modificata con direttiva 2001/26/CE. Le direttive 95/50/CE e 2001/26/CE sono state recepite dall Italia rispettivamente con D.M. 3 marzo 1997 e D.M. 21 dicembre 2001.

58 LISTA DI CONTROLLO (Direttiva 2004/112/CE) 1. Luogo di controllo2. Data3. Ora 4. Distintivo di nazionalità e n. di immatricolazione 5. Distintivo di nazionalità e n. di immatricolazione del rimorchio/semirimorchio 6. Impresa che effettua il trasporto, indirizzo 7. Conducente/Assistente del conducente 8. Mittente, indirizzo, luogo di carico 9. Destinatario, indirizzo, luogo di scarico 10. Quantità complessiva delle merci pericolose per unità di trasporto 11. Limite di quantità ADR superato SìNo 12. Modalità di trasporto alla rinfusaimballaggiocisterna

59 Operazione di trasporto Documenti di bordo 13. Documento di trasporto controllatoinfrazione constatata non applicabile 14. Istruzioni scritte controllatonon applicabileinfrazione constatata 15. Accordo bilaterale/multilaterale/ autorizzazione nazionale controllatonon applicabileinfrazione constatata 16. Certificato di omologazione dei veicoli controllatonon applicabileinfrazione constatata 17. Certificato di formazione del conducente controllatonon applicabileinfrazione constatata 18. Merce autorizzata per il trasporto controllatonon applicabileinfrazione constatata 19.Veicoli autorizzati per le merci trasportate controllatonon applicabileinfrazione constatata 20.Disposizioni relative alle modalità di trasporto (alla rinfusa, imballaggio, cisterna) controllatonon applicabileinfrazione constatata

60 21. Divieto di carico mistocontrollatoinfrazione constatata non applicabile 22.Carico, fissaggio del carico e manipolazione controllatonon applicabileinfrazione constatata 23.Fuga di materie o danneggiamento dei colli controllatonon applicabileinfrazione constatata 24.Marcatura di imballaggio ONU/marcatura della cisterna (ADR 6) controllatonon applicabileinfrazione constatata 25.Marcatura dellimballaggio (ad es. n. ONU) ed etichettatura (ADR 5.2) controllatonon applicabileinfrazione constatata 26.Segnalazione sul veicolo/cisterna (ADR 5.3.1) controllatonon applicabileinfrazione constatata 27.Marcatura del veicolo/unità di trasporto (targa arancione, temperatura elevata) (ADR ) controllatonon applicabileinfrazione constatata

61 Equipaggiamento di bordo 28.Attrezzatura di sicurezza di tipo generico specificata nellADR controllatonon applicabileinfrazione constatata 29.Attrezzatura relativa alle merci trasportate controllatonon applicabileinfrazione constatata 30.Altre attrezzature specificate nelle istruzioni scritte controllatonon applicabileinfrazione constatata 31.Estintori controllatonon applicabileinfrazione constatata 39.Se del caso, la categoria di rischio più rilevante in relazione alle infrazioni constatate Categoria ICategoria IIICategoria II 40.Osservazioni 41.Autorità che ha effettuato il controllo

62 INFRAZIONI (Direttiva 2004/112/CE) Graduazione delle infrazioni sulla base di 3 categorie di rischio. Categoria di rischio I: Infrazioni comportanti rischio elevato di morte, gravi lesioni personali o danni significativi allambiente. Adozione di immediate e adeguate misure correttive, quali il fermo del veicolo. Esempio di infrazioni: - Trasporto sostanze vietate - Perdita di materie pericolose - Utilizzo di imballaggi non autorizzati - Conducente privo di certificato di formazione professionale valido - Non osservanza del divieto di fumare - Mancato rispetto dei livelli ammissibili di riempimento di cisterne o imballaggi - Trasporto con un veicolo sprovvisto del pertinente certificato di omologazione

63 Categoria di rischio II: Infrazioni comportanti rischio di lesioni personali o danni allambiente. Richiesta di adozione dei correttivi del caso sul luogo stesso del controllo o, al più tardi, al termine delloperazione di trasporto in corso. Esempio di infrazioni: - Mancanza delle attrezzature previste nellADR (sezione 8.1.5) o nelle istruzioni scritte - Mancanza di istruzioni scritte o istruzioni scritte non pertinenti con le merci trasportate - Marcatura, etichettatura, pannellatura non corrette - Contenitori (imballaggi, GIR, grandi imballaggi) non omologati o scaduti di collaudo - Cisterne o contenitori-cisterna (inclusi quelli vuoti e non ripuliti) che non sono stati chiusi adeguatamente - Veicolo sprovvisto degli estintori funzionanti prescritti (un estintore è considerato funzionante anche se mancante del sigillo e/o della data di scadenza, non però quando p.es. il manometro è a zero).

64 Categoria di rischio III: Infrazioni comportanti rischio ridotto di lesioni personali o di danni allambiente. Adeguate misure correttive non devono necessariamente essere adottate su strada, bensì in seguito nella sede dellimpresa. Esempio di infrazioni: - Dimensioni non conformi delle etichette, lettere, cifre o simboli - Assenza del CFP a bordo del veicolo, ma con evidenza che il conducente ne è in possesso - Assenza nella documentazione di bordo di informazioni diverse da quelle finalizzate ad accertare infrazioni della Categoria di rischio I

65 REGIME SANZIONATORIO PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA RELATIVAMENTE AL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE (Art. 168 e Art. 12bis del D.Lgs , n.285 con modificazioni e integrazioni di cui alla L , n.214 e al D.Lgs , n.9) VIOLAZIONI Sovraccarico (art. 168, comma 7) SANZIONI Contravvenzione: Raddoppiate le sanzioni amministrative dellart. 167, comma 2; il carico deve essere ridotto per proseguire il viaggio. Patente a punti: 4 punti di decurtazione Assenza di autorizzazione – se prescritta – o violazione delle condizioni riportate nella stessa (art. 168, comma 8 e 8bis) Contravvenzione: Sanzione amministrativa da 1626,45 a 6506,85 Sanzione amministrativa accessoria: Sospensione carta di circolazione e patente da 2 a 6 mesi; confisca del veicolo (in caso di reiterazione delle violazioni) Patente a punti: 10 punti di decurtazione

66 VIOLAZIONI Inosservanza prescrizioni condizioni di trasporto: idoneità ed equipaggiamento/protezione veicoli, marcatura ed etichettatura, sosta, carico e scarico, trasporto in comune delle merci (art. 168, comma 9) SANZIONI Contravvenzione: Sanzione amministrativa da 343,35 a 1376,55 Sanzione amministrativa accessoria: Sospensione patente e carta di circolazione da 2 a 6 mesi Patente a punti: 10 punti di decurtazione Inosservanza prescrizioni condizioni di trasporto: equipaggiamento e protezione conducenti, documenti di trasporto, istruzioni scritte di sicurezza (art. 168, comma 9bis) Contravvenzione: Sanzione amministrativa da 343,35 a 1376,55 Patente a punti: 2 punti di decurtazione Inosservanza prescrizioni diverse da quelle di cui ai comma 7, 8, 8bis, 9 e 9bis (art. 168, comma 9ter) Contravvenzione: Sanzione amministrativa da 137,55 a 550,20 N.B. – Le sanzioni amministrative, per violazioni di cui ai comuni sopraindicati, si applicano sia al conducente che al proprietario del veicolo, nonché al committente quando si tratti di trasporto eseguito per suo conto esclusivo (art. 168, comma 10)

67 CODICE CIVILE RESPONSABILITA CIVILE DEGLI OPERATORI RESPONSABILITA EXTRACONTRATTUALE

68 ART C.C.:RESPONSABILITA PER LESERCIZIO DI ATTIVITA PERICOLOSE Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di unattività pericolosa, per sua natura o per la natura di mezzi adoperati, è tenuto al risarcimento, se non prova ad avere adottato tutte le misure idonee per evitare il danno.

69 ART C.C.:RESPONSABILITA PER LESERCIZIO DI ATTIVITA PERICOLOSE La presunzione di responsabilità è a carico dellesercente lattività pericolosa che ha lonere di dimostrare ladozione di tutte le misure idonee ad evitare il danno. Il non aver commesso nessuna violazione delle norme di legge non è sufficiente ad esentare lesercente della responsabilità contemplata dallart E comunque indispensabile accertare lesistenza di un nesso causale tra attività pericolosa ed evento dannoso.

70 CODICE CIVILE MITTENTE - VETTORE RESPONSABILITA CONTRATTUALE

71 ART C.C.:INDICAZIONI E DOCUMENTI CHE DEVONO ESSERE FORNITI AL VETTORE Se per lesecuzione del trasporto occorrono particolari documenti, il mittente deve rimetterli al vettore allatto in cui consegna le cose da trasportare. Sono a carico del mittente i danni che derivano dallomissione o dallinesattezza delle indicazioni o dalla mancata consegna o irregolarità dei documenti.... omissis...

72


Scaricare ppt "LE NUOVE REGOLE SUL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE Milano, 17 marzo 2005 Renato Mari FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA Seminario ASSICC - Federchimica."

Presentazioni simili


Annunci Google