La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università Tor Vergata di Roma Tivoli, 2011 Mario Gentili Project management (parte III) Sistemi adattivi Complessi il cambiamento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università Tor Vergata di Roma Tivoli, 2011 Mario Gentili Project management (parte III) Sistemi adattivi Complessi il cambiamento."— Transcript della presentazione:

1 Università Tor Vergata di Roma Tivoli, 2011 Mario Gentili Project management (parte III) Sistemi adattivi Complessi il cambiamento Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento

2 Università Tor Vergata di Roma Aspetti cruciali del cambiamento Ogni sistema è perfettamente disegnato per raggiungere i risultati che raggiunge Ogni sistema è perfettamente disegnato per raggiungere i risultati che raggiunge Ogni cambiamento ha sia aspetti tecnici che sociali Ogni cambiamento ha sia aspetti tecnici che sociali Cambiamenti tecnologicamente razionali possono fallire se gli aspetti sociali del cambiamento non sono gestiti correttamente Cambiamenti tecnologicamente razionali possono fallire se gli aspetti sociali del cambiamento non sono gestiti correttamente

3 Università Tor Vergata di Roma Categorizzazione della popolazione nel recepire una nuova idea Innovatori 2,5% 13,5% 34% 34% 16% Adattatori precoci Maggioranza Precoce Tardiva Resistenti

4 Università Tor Vergata di Roma E debbesi considerare come non è cosa più difficile a trattare, né più dubbia a riuscire, né più pericolosa a maneggiare, che farsi capo a introdurre nuovi ordini. Perché lo introductore ha per nimico tutti quegli che degli ordini vecchi fanno bene, et per tiepidi defensori tutti quelli che degli ordini vecchi fanno bene; la quale tiepidezza nasce parte per paura delli aversarii, che hanno la legge dal canto loro, parte dalla incredulità degli uomini, e quali non credono in verità le cose nuove, se non ne veggano nata una ferma sperienza. E debbesi considerare come non è cosa più difficile a trattare, né più dubbia a riuscire, né più pericolosa a maneggiare, che farsi capo a introdurre nuovi ordini. Perché lo introductore ha per nimico tutti quegli che degli ordini vecchi fanno bene, et per tiepidi defensori tutti quelli che degli ordini vecchi fanno bene; la quale tiepidezza nasce parte per paura delli aversarii, che hanno la legge dal canto loro, parte dalla incredulità degli uomini, e quali non credono in verità le cose nuove, se non ne veggano nata una ferma sperienza. (Machiavelli - Il Principe- 1514)

5 Università Tor Vergata di Roma Capire il diagramma I dati sono basati su singoli individui che si esprimono su quando adottano una specifica innovazione I dati sono basati su singoli individui che si esprimono su quando adottano una specifica innovazione Tale categorizzazione non è necessariamente durevole Tale categorizzazione non è necessariamente durevole Ognuno di noi è resistente in qualcosa in qualche momento Ognuno di noi è resistente in qualcosa in qualche momento Ognuno di noi ha le proprie ragioni (secondo la nostra razionalità) Ognuno di noi ha le proprie ragioni (secondo la nostra razionalità)

6 Università Tor Vergata di Romaesercizio Identifica unarea della tua vita nella quale sei un resistente Identifica unarea della tua vita nella quale sei un resistente Dai una motivazione razionale per questa tua scelta Dai una motivazione razionale per questa tua scelta

7 Università Tor Vergata di Roma La percezione del cambiamento in atto nella sanità Formazione Comunicazione Politica del personale Innovazione informatica Polifunzionalità Professionalità Crescita culturale Teste giovani Obiettivi ben definiti Sistema premiante Ruoli rivisitati Caos, emergenza Crisi di identità e del ruolo Spostamento degli equilibri Non cè percorso di orientamento Strada a metà Paura, stress Condizionamenti legislativi Organigramma statico Comunicazione top-dpwn Decentramento apparente Cambiamento imposto Frustrazione, diffidenza Sfida ineluttabile per sopravvivere Apertura verso lutente Azienda rete Organizzazione per processi Tecnologia Integrazione con altri settori della P.A. Sburocratizzazione Ricerca della qualità Nuova immagine sanità CAMBIAMENTO Vincoli Risposte da dare Requisiti

8 Università Tor Vergata di Roma Il cambiamento Non voglio (opposizione) Non voglio (opposizione) Non posso (condizioni organizzative) Non posso (condizioni organizzative) Non so fare (apprendimento) Non so fare (apprendimento) Ci possono essere tutte e tre le ragioni, come pesano? Il cambiamento per me può significare: Disordine Disordine Disarmonia Disarmonia Incoerenza Incoerenza

9 Università Tor Vergata di Roma Rendere il cambiamento attrattivo Il concetto di resistenza al cambiamento è negativa e sottrae risorse emotive Il concetto di resistenza al cambiamento è negativa e sottrae risorse emotive Ognuno di noi evolve naturalmente (con i nostri ritmi e con la nostra razionalità) Ognuno di noi evolve naturalmente (con i nostri ritmi e con la nostra razionalità) Non usare nel linguaggio i termini noi e loro: crea barriere Non usare nel linguaggio i termini noi e loro: crea barriere Come posso rendere la mia proposta di cambiamento attrattiva per gli altri? Come posso rendere la mia proposta di cambiamento attrattiva per gli altri?

10 Università Tor Vergata di Roma Caratteristiche per il cambiamento Deve portare un vantaggio relativo rispetto al presente Deve portare un vantaggio relativo rispetto al presente Deve essere compatibile con i sistemi correnti ed i loro valori Deve essere compatibile con i sistemi correnti ed i loro valori La semplicità deve caratterizzare il cambiamento e la transizione La semplicità deve caratterizzare il cambiamento e la transizione Deve essere facilmente sperimentabile Deve essere facilmente sperimentabile Deve essere osservabile il cambiamento ed il suo impatto Deve essere osservabile il cambiamento ed il suo impatto

11 Università Tor Vergata di Roma Esempi di attrattori in sanità Limpatto diretto sul mio paziente. Limpatto diretto sul mio paziente. Autonomia. Autonomia. Evidenza scientifica. Evidenza scientifica. La propria immagine di uomo di scienza. La propria immagine di uomo di scienza. Il miglioramento dello stile di vita. Il miglioramento dello stile di vita. Levitare aspetti spiacevoli. Levitare aspetti spiacevoli. Lessere opinion leader. Lessere opinion leader. Ecc. Ecc.

12 Università Tor Vergata di Roma Ogni sistema è perfettamente disegnato per raggiungere i risultati che raggiunge. Ogni sistema è perfettamente disegnato per raggiungere i risultati che raggiunge. Se vogliamo risultati diversi dobbiamo modificare il sistema. Se vogliamo risultati diversi dobbiamo modificare il sistema. Per cambiare il sistema un aspetto fondamentale è cambiare il nostro modo di pensare. Per cambiare il sistema un aspetto fondamentale è cambiare il nostro modo di pensare.

13 Università Tor Vergata di Roma Gestire il conflitto Esistono diversi modi di gestire il conflitto: Attribuzione di responsabilità Attribuzione di responsabilità Cambiamento della situazione Cambiamento della situazione

14 Università Tor Vergata di Roma Gestire il conflitto I Attribuiamo la responsabilità ad altri II Il cambiamento desiderato sarà opera di qualcun altro III Ci sentiamo responsabili IV Siamo noi a prendere liniziativa V Attribuiamo la responsabilità ad altri, garantendo loro lassoluzione VI Ci aspettiamo che il problema si risolva spontaneamente Attribuzione di responsabilità Cambiamento della situazione

15 Università Tor Vergata di Roma Gestire il conflitto Qualunque sia il tipo di conflitto nessuna delle parti dovrebbe essere considerata come avente torto.

16 Università Tor Vergata di Roma Non cè mai una sola fonte di conflitto Ci può essere una causa a cui entrambe le parti danno più importanza che ad ogni altra e quella causa può essere o no il fattore determinante quando il conflitto sorge. Tuttavia, inevitabilmente e invariabilmente cè sempre almeno una causa secondaria.

17 Università Tor Vergata di Roma Non cè mai una sola fonte di conflitto Possibili cause secondarie: Possibili cause secondarie: un atteggiamento nascosto, una risorsa limitata, un cambiamento, uno scontro di valori. E necessario identificare tutte le cause di un particolare conflitto e convincere le parti ad un compromesso su qualcuna di esse per ottenere delle concessioni su altre E necessario identificare tutte le cause di un particolare conflitto e convincere le parti ad un compromesso su qualcuna di esse per ottenere delle concessioni su altre

18 Se ti trovi in una buca, smetti di scavare Se ti trovi in una buca, smetti di scavare (Oded Cohen)

19 Università Tor Vergata di Roma Lescalation -1- Ogni conflitto allinizio è in realtà di piccole dimensioni. Perché diventi un grande conflitto sono necessarie quattro condizioni: Ogni conflitto allinizio è in realtà di piccole dimensioni. Perché diventi un grande conflitto sono necessarie quattro condizioni: -Immagine speculare: ognuno guarda alla posizione dellaltro come se fosse del tutto ostile alla sua. -Interpretazioni diverse degli stessi avvenimenti o comportamenti: le parti vedono solo ciò che vogliono vedere. -

20 Università Tor Vergata di Roma Lescalation Diverso metro di valutazione: le parti giudicano i loro atti con un criterio diverso da quello con cui giudicano gli atti dei loro avversari. - Posizione arroccata su un unico sbocco:le parti si considerano come se non avessero alcuna altra scelta se non quella di obbligare un avversario ad arrendersi senza condizioni.

21 Università Tor Vergata di Roma Conseguenze negative di un conflitto Stress e riflessi negativi a livello fisico e psicologico nelle persone coinvolte. Stress e riflessi negativi a livello fisico e psicologico nelle persone coinvolte. Cattivo uso del personale e/o delle risorse organizzative dedicando tempo, attenzione e mezzi al conflitto invece che al lavoro. Cattivo uso del personale e/o delle risorse organizzative dedicando tempo, attenzione e mezzi al conflitto invece che al lavoro. Diminuzione della performance nella organizzazione, perché le parti lasciano che il conflitto logori la loro energia, la loro determinazione e il loro impegno. Diminuzione della performance nella organizzazione, perché le parti lasciano che il conflitto logori la loro energia, la loro determinazione e il loro impegno.

22 Università Tor Vergata di Roma Le possibili soluzioni di un conflitto Noi vinciamo e loro perdono. Noi vinciamo e loro perdono. Loro vincono e noi perdiamo. Loro vincono e noi perdiamo. Non accade né luna né laltra di queste situazioni. Il risultato finale non è necessariamente e tutti vissero felici e contenti, né tanto meno un compromesso che accontenti tutti e nessuno, ma è sicuramente una condizione di stabilità. Non accade né luna né laltra di queste situazioni. Il risultato finale non è necessariamente e tutti vissero felici e contenti, né tanto meno un compromesso che accontenti tutti e nessuno, ma è sicuramente una condizione di stabilità.

23 Università Tor Vergata di Roma Il problema non è mettere in comunicazione le parti: il problema è fare in modo che le parti effettivamente comunichino sulle questioni nelle quali è possibile laccordo. Il problema non è mettere in comunicazione le parti: il problema è fare in modo che le parti effettivamente comunichino sulle questioni nelle quali è possibile laccordo. Le parti in conflitto non devono considerarsi avversari in un gioco a somma zero (in cui quanto guadagna luno perde laltro) ma come potenziali alleati in unimpresa in cui entrambi possono risultare vincitori. Le parti in conflitto non devono considerarsi avversari in un gioco a somma zero (in cui quanto guadagna luno perde laltro) ma come potenziali alleati in unimpresa in cui entrambi possono risultare vincitori.

24 Università Tor Vergata di Roma La negoziazione Negoziare è essere in conflitto: la negoziazione si fonda su identificazioni diverse/divergenze, presuppone un minimo di conflitto tra partecipanti/avversari Negoziare è essere in conflitto: la negoziazione si fonda su identificazioni diverse/divergenze, presuppone un minimo di conflitto tra partecipanti/avversari Negoziare è avere un progetto in comune: un pezzo di strada da fare assieme, èlavorare assieme, è riconoscere laltro (esistenza/potere) Negoziare è avere un progetto in comune: un pezzo di strada da fare assieme, èlavorare assieme, è riconoscere laltro (esistenza/potere)

25 Università Tor Vergata di Roma La negoziazione Negoziare significa giocare il conflitto nella cooperazione. Negoziare significa giocare il conflitto nella cooperazione. Il mix conflitto/cooperazione fa parte della negoziazione durante il faccia a faccia: - nessuna delle parti può scegliere definitivamente la cooperazione; la cooperazione; - nessuna può rinunciare definitivamente al conflitto Negoziare è cooperare utilizzando il conflitto Negoziare è cooperare utilizzando il conflitto

26 Università Tor Vergata di Roma La negoziazione E una dinamica complessa che accomuna processi conflittuali e cooperativi. E una dinamica complessa che accomuna processi conflittuali e cooperativi. E una dinamica momentaneamente e fragilmente dominata dalla cooperazione, tendente a regolare in modo pacifico un conflitto passato, attuale o potenziale, escludendo, almeno provvisoriamente la forza, la violenza, lautorità. E una dinamica momentaneamente e fragilmente dominata dalla cooperazione, tendente a regolare in modo pacifico un conflitto passato, attuale o potenziale, escludendo, almeno provvisoriamente la forza, la violenza, lautorità. E implicante il riconoscimento dei partecipanti/avversari, come diversi e dotati di un certo potere E implicante il riconoscimento dei partecipanti/avversari, come diversi e dotati di un certo potere

27 Università Tor Vergata di Roma Perché negoziare? Perché si deve vivere assieme. Perché si deve vivere assieme. Perché i rapporti di potere sono fluttuanti. Perché i rapporti di potere sono fluttuanti. Perché è una norma sociale. Perché è una norma sociale. Perché esiste interdipendenza. Perché esiste interdipendenza. Perché il costo della lotta è proibitivo. Perché il costo della lotta è proibitivo.

28 Università Tor Vergata di Roma Tipi di negoziazione Negoziazione per posizioni: le parti gonfiano le richieste iniziali per poter cedere sui punti meno importanti. Negoziazione per posizioni: le parti gonfiano le richieste iniziali per poter cedere sui punti meno importanti. Negoziazione di merito: si basa sulla distinzione tra persone e problemi, sullattenzione agli interessi e non alle posizioni di partenza, sulla valutazione delle diverse alternative, sul riferimento a standard esistenti Negoziazione di merito: si basa sulla distinzione tra persone e problemi, sullattenzione agli interessi e non alle posizioni di partenza, sulla valutazione delle diverse alternative, sul riferimento a standard esistenti

29 Università Tor Vergata di Roma Il lavoro per progetti La negoziazione è parte del lavoro per progetti. Infatti in un progetto è sempre necessario negoziare: la definizione degli obiettivi e la loro eventuale modifica la definizione degli obiettivi e la loro eventuale modifica la distribuzione delle risorse la distribuzione delle risorse la gestione delle informazioni e le modalità di controllo la gestione delle informazioni e le modalità di controllo linserimento di attività correttive. linserimento di attività correttive.

30 Università Tor Vergata di Roma Da non dimenticare!!! Le organizzazioni evolvono in funzione di: creatività creatività motivazione motivazione miglioramento continuo miglioramento continuo

31 Università Tor Vergata di Roma Creatività (Plsek 2002) E il connettere e riarrangiare le conoscenze – da parte di persone che vogliono pensare in modo flessibile – per generare nuove, spesso sorprendenti idee che altri giudicano utili.

32 Università Tor Vergata di RomaCreatività Perché nessuno mai ha fatto richiesta per brevettare un nuovo spremilimoni? La risposta a questa domanda è semplice e precisa: perché non abbiamo mai riflettuto su come si possa mai spremere diversamente un limone a prescindere dai metodi finora conosciuti. (B. Joshke, P. Stemman Trainers di management)

33 Università Tor Vergata di Roma Motivazione (Loiudice 2001) Nessuno lava una macchina noleggiata! Nessuno lava una macchina noleggiata!

34 Università Tor Vergata di RomaMotivazione Potete comprare il tempo di un uomo; potete comprare la sua presenza in un determinato luogo; potete persino comperare un certo numero di prestazioni; da svolgersi a un ritmo prestabilito. Non potete comperare liniziativa, né la fedeltà, e neppure la devozione del cuore, della mente e dellanima delluomo. Perché sono cose che vi dovete guadagnare!Potete comprare il tempo di un uomo; potete comprare la sua presenza in un determinato luogo; potete persino comperare un certo numero di prestazioni; da svolgersi a un ritmo prestabilito. Non potete comperare liniziativa, né la fedeltà, e neppure la devozione del cuore, della mente e dellanima delluomo. Perché sono cose che vi dovete guadagnare! (C.Francis, Presidente General Foods)

35 Università Tor Vergata di Roma Miglioramento continuo Prenditi tutto il tempo necessario per osservare prima di agire… Tutti i cambiamenti dovrebbero essere rivolti al miglioramento: non cambiare solo per lasciare il segno. (E. Shackleton)

36 Università Tor Vergata di Roma Miglioramento continuo Mettere in pratica i nostri discorsi è un viaggio che non ha mai fine! Mettere in pratica i nostri discorsi è un viaggio che non ha mai fine! (K. Blanchard; M. OConnor) (K. Blanchard; M. OConnor)


Scaricare ppt "Università Tor Vergata di Roma Tivoli, 2011 Mario Gentili Project management (parte III) Sistemi adattivi Complessi il cambiamento."

Presentazioni simili


Annunci Google