La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LUOMO CHE PIANTAVA GLI ALBERI di Jean Giono Classe IIB – scuola media di Fiera.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LUOMO CHE PIANTAVA GLI ALBERI di Jean Giono Classe IIB – scuola media di Fiera."— Transcript della presentazione:

1 LUOMO CHE PIANTAVA GLI ALBERI di Jean Giono Classe IIB – scuola media di Fiera

2 LO SCRITTORE FA UN VIAGGIO SULLE ALPI IN PROVENZA Nel 1913 lo scrittore fa una lunga camminata in una regione delle Alpi, verso la Provenza: un territorio sui m, privo di vegetazione a parte la lavanda selvatica. Dopo 3 giorni di marcia arriva in un villaggio abbandonato: abitazioni crollate, non cè acqua, il vento tra le case sembra ruggire.

3 VEDE UN PASTORE Cinque ore più tardi non aveva ancora trovato acqua, avvistò una sagoma pensando che fosse un tronco: era invece un pastore con una trentina di pecore.

4 IL PASTORE LO OSPITA Luomo gli dà da bere e lo ospita nella sua casa di pietra ben curata: lui è di poche parole, ma è ordinato nellaspetto e nel vestito. Luomo divide la cena con lo scrittore e gli offre alloggio per la notte. Il vento sul tetto fa il rumore del mare sulla spiaggia.

5 IL MONDO CIRCOSTANTE: I CARBONAI I villaggi intorno erano distanti, abitati da boscaioli che producevano carbone di legna e che poi vendevano: le relazioni tra le persone sono segnate da rudezza ed egoismo; il vento senza posa irrita i nervi.

6 LO SCRITTORE CHIEDE DI POTER RIMANERE Lo scrittore, colpito dal comportamento pacifico del pastore, chiede di poter restare anche il giorno successivo.

7 IL PASTORE PIANTA LE GHIANDE Dopo cena il pastore rovescia sul tavolo un mucchio di ghiande e ne sceglie 100 perfette. Il giorno dopo porta il gregge al pascolo e nel frattempo, accompagnato dallo scrittore, pianta le 100 ghiande in un terreno di cui non sa chi sia il proprietario.

8 IL PASTORE RACCONTA LA SUA STORIA ED IL SUO PROGETTO Lo scrittore domanda informazioni ed il pastore risponde che in 3 anni ha già piantato querce, anche se di esse solo sarebbero cresciute. Prosegue poi, illustrando il suo progetto: continuare a piantare querce e poi anche altri alberi come faggi e betulle.

9 I DUE SI SEPARANO Ognuno dei due se ne va per la sua strada.

10 SCOPPIA LA PRIMA GUERRA MONDIALE ( ) Nel 1914 scoppia la prima guerra mondiale. Lo scrittore per 5 anni è soldato al fronte.

11 LO SCRITTORE RITORNA Finita la guerra, lo scrittore ritorna in quel posto (nel frattempo diventato più umido) ed incontra il pastore, che continua pur con qualche cambiamento, nel suo progetto. Adesso ha smesso quasi del tutto con le pecore ed alleva le api.

12 IL PAESAGGIO E CAMBIATO Anche il paesaggio è cambiato: i primi alberi piantati sono diventati una foresta. La crescita degli alberi fa rivivere tutto il paesaggio: tornano lacqua, i prati, i giardini, i fiori.

13 ANCHE LA GENTE SE NE ACCORGE La gente si accorge dei cambiamenti, ma non immagina che sia opera del pastore.

14 IL PASTORE CONTINUA NELLA SUA OPERA Il pastore continua la sua opera nella più totale solitudine, anche in mezzo a delusioni: ad es. muoiono aceri piantati.

15 NE RIMANE STUPITA ANCHE UNA GUARDIA FORESTALE Nel 1933 arriva una guardia forestale : crede che quella foresta sia naturale e dà ordini al pastore perché egli la rispetti.

16 POI ARRIVA ANCHE UNA DELEGAZIONE GOVERNATIVA Nel 1935 arriva anche una delegazione governativa per esaminare la foresta. Allora lo scrittore spiega ad un capitano forestale suo amico come sono andate realmente le cose e questi riconosce i meriti del pastore.

17 ARRIVA LA II GUERRA MONDIALE Grazie al capitano la foresta viene protetta: non viene trasformata in carbone e nemmeno in gasogeno durante la II guerra mondiale.

18 CON LA SUA TENACIA ED IL SUO IMPEGNO IL PASTORE HA REALIZZATO UNOPERA GRANDIOSA Il paesaggio è profondamente cambiato: da disabitato e desertico con case in rovina e poca gente priva di possibilità di vita, il paese è diventato un villaggio rimesso a nuovo, abitato, e con prospettive di sviluppo. Più di persone devono la loro nuova vita al pastore. Lo scrittore è ammirato davanti allopera grandiosa da lui compiuta.

19 CONCLUDE LA SUA VITA A 89 ANNI PRESSO LA CASA DI RIPOSO Nel 1947, a 89 anni, il pastore muore serenamente in una casa per anziani.

20 SECONDO NOI, ELZEARD E… - un contadino di 55 anni, semplice e senza grande istruzione, che aveva vissuto la sua precedente esperienza di vita con momenti tristi (morte della moglie e del figlio); - si ritira in quel posto, sulle Alpi francesi, perché ama la solitudine e trova piacere a vivere lentamente; - di fronte al problema di quel posto (la morte progressiva del paese per mancanza di alberi) sì dà da fare per rimediare, in prima persona, senza essere obbligato da qualcuno; - con forza danimo, supera delusioni e sconfitte nel vedere che una parte degli alberi piantati muore e che quindi una parte dei suoi sforzi fallisce; - apparentemente orso e di poche parole, trasmette a chi lo incontra un messaggio di pace; - con il suo lavoro ha ridato vita a quel posto e migliaia di persone devono a lui la possibilità di stare lì in buone condizioni; - ha trovato così uno scopo alla sua vita, cioè un bel modo di essere felice: fare qualcosa che piaceva a lui e che nello stesso tempo era utile agli altri; può quindi morire serenamente, soddisfatto di ciò che ha realizzato.


Scaricare ppt "LUOMO CHE PIANTAVA GLI ALBERI di Jean Giono Classe IIB – scuola media di Fiera."

Presentazioni simili


Annunci Google