La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il riordino del sistema distruzione e formazione Vera riforma ? Razionalizzazione per ridurre la spesa ? Restaurazione ? di Paolo Gallana Marzo 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il riordino del sistema distruzione e formazione Vera riforma ? Razionalizzazione per ridurre la spesa ? Restaurazione ? di Paolo Gallana Marzo 2010."— Transcript della presentazione:

1 Il riordino del sistema distruzione e formazione Vera riforma ? Razionalizzazione per ridurre la spesa ? Restaurazione ? di Paolo Gallana Marzo 2010

2 Dove nasce il riordino La fonte normativa dorigine è la –Legge 28 marzo 2003, n. 53 Delega al governo per la definizione delle norme generali sullistruzione e dei livelli delle prestazioni essenziali in materia di istruzione e formazione professionale. –La legge prevede che la fruizione dellofferta di formazione e istruzione costituisca un diritto ma anche un dovere legislativamente sanzionato

3 Il sistema formativo sulla base della legge 53/2003 Diritto allistruzione e formazione per almeno 12 anni o comunque fino al conseguimento di una qualifica –Scuola dellinfanzia – 3 anni –Primo ciclo: Scuola primaria - 5 anni Scuola secondaria di primo grado – 3 anni –Secondo ciclo: Sistema dei licei (5 anni) Sistema dellistruzione e formazione professionale (percorsi di durata differenziata) Si prevede che dal 15° anno di età i diplomi e le qualifiche siano conseguibili sia in alternanza scuola-lavoro sia con lapprendistato – norma soppressa ora reintrodotta.

4 I regolamenti di riordino del secondo ciclo dellistruzione Sono previsti allart. 2, 1°comma, lettera c –Definiscono su base nazionale i livelli essenziali delle prestazioni; –Devono prevedere unattività didattica articolata su due bienni e un quinto anno –Lammissione al quinto anno da laccesso allistruzione e formazione tecnica superiore –Lesame di stato, al termine del quinto anno, da titolo per laccesso alluniversità e allalta formazione artistica, musicale e coreutica

5 Il decreto legislativo 226/2005 Attua la delega della legge 53 definendo le norme generali ed i livelli essenziali del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione Individua 8 tipologie liceali definendone il profilo educativo, culturale e professionale Definisce i livelli essenziali delle prestazioni del sistema distruzione e formazione professionale. Lapplicazione del decreto legislativo venne rinviata con la legge 228/2006

6 Nel sistema distruzione ritorna listruzione tecnica e professionale Lart. 13 della legge 40/2007 prevede che facciano parte del sistema distruzione secondaria superiore i licei, gli istituti tecnici e gli istituti professionali Con i regolamenti di attuazione devono essere ridotti il numero degli indirizzi e si deve procedere al loro ammodernamento nell'ambito di ampi settori tecnico-professionali.

7 Il dispositivo della legge 40/2007 per listruzione tecnica e professionale I percorsi devono essere articolati in un'area di istruzione generale, comune a tutti i percorsi e in aree di indirizzo. Le discipline di insegnamento devono essere riorganizzate al fine di potenziare le attività laboratoriali, di stage e di tirocinio; Il numero di ore di lezione deve essere contenuto entro 33 ore settimanali, pari a 1089 ore annue

8 Il nuovo quadro del diritto-dovere allistruzione e alla formazione con le modifiche intervenute nel marzo 2010 Si può assolvere: nei licei negli istituti tecnici negli istituti professionali nei corsi distruzione e formazione professionale dopo i quindici anni nellapprendistato con lalternanza scuola-lavoro

9 Il sistema dellistruzione e formazione professionale Si prevede possa rilasciare titoli e qualifiche di diverso livello Lobbligo distruzione può essere assolto anche in specifici corsi di durata triennale che si concludono con il rilascio di una qualifica Al termine di corsi di durata quadriennale (3+1) si accede allistruzione e formazione tecnica superiore Con un anno integrativo distruzione o come privatisti, è possibile sostenere lEsame di Stato

10 Lapprendistato Art. 2 lettera g della l. 53 /2005 – art. 50, c.8 legge delega marzo art 48 D.Lvo 276/2003 Affinché sia attivato è richiesta unintesa regioni- ministeri Può riguardare tutti i settori di attività I giovani devono aver compiuto 15 anni Ha la durata massima di 3 anni e varia in funzione della qualifica Il datore di lavoro può recedere solo per giusta causa o giustificato motivo Si conclude con la qualifica È richiesto un tutore aziendale formato È previsto un congruo numero di ore di formazione interna o esterna allazienda

11 Lalternanza scuola lavoro È considerata un metodo di apprendimento previsto allart. 4 della L. 53/2003 e regolato con D.Lvo 77/2005 È un modo per realizzare i corsi del secondo ciclo, compresa listruzione e formazione professionale Richiede unintesa istituti, impresa, associazioni di rappresentanza Devono essere progettati i piani di studio Si alternano periodi di studio con periodi di lavoro È previsto un docente incaricato dei rapporti con limpresa

12 LIstruzione tecnica e professionale I lavori della Commissione per la riorganizzazione

13 Istruzione tecnica e professionale le differenze

14 La riforma della scuola nella legge 133/2008 art. 64 Con uno o più regolamenti si procede a: –razionalizzare ed accorpare le classi di concorso; –ridefinire i curricoli vigenti nei diversi ordini di scuola anche attraverso la razionalizzazione dei piani di studio e dei relativi quadri orari, con particolare riferimento agli istituti tecnici e professionali –rivedere i criteri vigenti in materia di formazione delle classi; –revisionare i criteri e i parametri vigenti per la determinazione della consistenza complessiva degli organici del personale docente ed ATA

15 La riforma nella legge 133 A decorrere dall'anno scolastico 2009/2010, sono adottate misure volte ad incrementare, di un punto il rapporto alunni/docente entro l'anno scolastico 2011/2012 Si procede, ad una contrazione del personale ATA per conseguire, nel triennio una riduzione complessiva del 17 per cento della consistenza numerica della dotazione organica determinata per l'anno scolastico 2007/2008. Una quota del 30% delle economie di spesa ottenute incrementa le risorse contrattuali stanziate per lo sviluppo professionale della carriera del personale della Scuola a decorrere dall'anno 2010.

16 La riforma nella legge 133 Alle economie di spesa della legge 133/08 devono sommarsi quelle previste dalla legge 244/2007. AnnoEconomie legge 244/07 Economie legge 133/08 Economie totali milioni milioni 456 milioni milioni milioni milioni milioni milioni milioni

17 La riforma nella legge 133/2008 La legge 133 riduce in misura sostanziale i livelli delle prestazioni essenziali dei servizi distruzione garantiti dallo Stato LIstruzione tecnica e professionale sono destinate a subire le maggiori riduzioni Tutto il processo di riforma viene subordinato al contenimento della spesa previsto in questa legge

18 Il lavoro per i regolamenti del riordino La riflessione e lelaborazione della Commissione per il riordino dellIstruzione tecnica e professionale sono alla base della stesura delle prime bozze di regolamenti Nel dicembre 2008 si avviano anche i lavori di rielaborazione dei regolamento dei licei (aprendo la strada ad una innovazione rispetto al contenuto del D.Lvo 266/05)

19 I nuovi regolamenti Nei nuovi regolamenti dellistruzione si colgono elementi di novità culturale: –Il riconoscimento dellimportanza nel processo distruzione Del sapere teoretico; Del sapere analitico Del sapere operativo –Lesigenza che lo studente porti ad unità i tre saperi attraverso lo sviluppo di competenze

20 I nuovi regolamenti La presenza dei tre saperi, in misura e gradi diversi, in tutto il sistema distruzione superiore; La sottovalutazione dellimportanza di sviluppare con listruzione il sapere creativo come luogo di prova, sperimentazione ed immaginazione di ciò che non cè. La dichiarata importanza dellapprendimento laboratoriale che in pochi casi trova riscontro adeguato nei quadri orari e nelle risorse umane previste nei percorsi La previsione di attività di alternanza scuola lavoro, tirocini ed esperienze pratiche presente in tutti tre i percorsi

21 I nuovi regolamenti La definizione di obiettivi di apprendimento sulla base di competenze, abilità e conoscenze in linea con quanto previsto nella strategia di Lisbona La definizione di un profilo dello studente in uscita che si articola su tre aspetti: –La crescita educativa, culturale e professionale con la scoperta del nesso tra i saperi, la costruzione di un sapere unitario e il passaggio dalle prestazioni (o mansioni) alle competenze. –Lo sviluppo dell'autonoma capacità di giudizio. –L esercizio della responsabilità personale e sociale.

22 I nuovi regolamenti Il superamento dellistruzione basata su programmi a favore di unistruzione basata su progetti finalizzati al conseguimento di obiettivi di apprendimento (scelta questa che appare confermata nelle prime indicazioni nazionali per il sistema dei licei – on line dal 23 marzo e sottoposte a discussione fino al 24 aprile ) La contrazione delle risorse umane (e finanziarie) messe a disposizione dallo Stato per la realizzazione delle attività dIstruzione che contrasta con listruzione realizzata per progetti.

23 I nuovi regolamenti Il riconoscimento del rapporto con il territorio come elemento strutturale del sistema distruzione La conferma del sistema delle autonomie scolastiche ma la contestuale imposizione di vincoli e condizioni, sia di natura finanziaria che organizzativa La riduzione del numero dindirizzi e il contestuale ampliamento della possibilità delle singole istituzioni di introdurre opzioni di percorso

24 Il regolamento dellistruzione tecnica Listruzione tecnica si articola su due settori: –Economico –Tecnologico Ogni settore prevede più indirizzi (2 per il settore economico, 9 per il settore tecnologico) Gli indirizzi possono prevedere una o più articolazioni Nel complesso ci troviamo di fronte a 23 possibili articolazioni Nei margini dellautonomia, i diversi istituti possono dare vita ad opzioni rispondenti a bisogni formativi del territorio.

25 Il regolamento dellistruzione tecnica Gli istituti tecnici sono proposti come S cuole dellinnovazione permanente. La loro nuova identità viene fondata sullasse scientifico-tecnologico Si dichiara la necessità di accrescere la frequenza negli istituti tecnici in quanto capaci di assicurare validi livelli di istruzione e formazione fornendo competenze utili sia allinserimento nel modo del lavoro sia alla prosecuzione nei percorsi superiori di formazione o universitari Si prevede una riduzione a 32 ore settimanali anche per le classi 2°, 3° e 4° a partire dal prossimo anno scolastico.

26 Il regolamento dellistruzione tecnica e aspetti comuni con il regolamento dellistruzione professionale Vi è unarea comune dellistruzione, uguale come quadro orario in tutti i settori e indirizzi degli istituti tecnici e comune con gli istituti professionali. Nel primo biennio si assolve allobbligo distruzione e vengono perseguiti gli obiettivi di apprendimento definiti nel regolamento ministeriale 139/2007

27 Aspetti comuni con il regolamenti dellistruzione tecnica e professionale Nei risultati dellapprendimento dellarea comune si indica cosa lo studente deve essere in grado di fare al termine del percorso Nei profili degli indirizzi lesito del percorso è articolato con lelencazione di cosa deve essere in grado di fare e le competenze che deve acquisire

28 Aspetti comuni con il regolamenti dellistruzione tecnica e professionale La declinazione degli obiettivi di apprendimento in competenze, abilità e conoscenze è affidata alle singole istituzioni scolastiche sulla base di linee guida nazionali I risultati dellapprendimento sono soggetti a valutazione periodica da parte dellINVALSI che cura anche la pubblicazione degli esiti.

29 Il regolamento dellistruzione professionale Listruzione professionale prevede la presenza di due settori: –Servizi –Industria e artigianato Ogni settore prevede più indirizzi (4 per i servizi e 2 per industria e artigianato) Ogni indirizzo può avere più articolazioni (in totale sono previsti 11 percorsi diversi) Nellarticolazione industria e nellarticolazione artigianato si affrontano tecniche di produzione e gestione legate alla realtà produttiva del territorio con opzioni che verranno incluse in un elenco nazionale

30 Il regolamento dellistruzione professionale Gli istituti professionali acquisiscono unidentità fondata sulla cultura delle filiere economiche e produttive di rilevanza nazionale Hanno lo scopo di assicurare un rapido inserimento nel mondo del lavoro, ma questo non può avvenire per l indirizzo socio-sanitario Possono rilasciare qualifiche triennali, in regime di sussidiarietà con il sistema distruzione e formazione professionale. Previa intesa della Regione con il ministero, potranno essere rilasciate le qualifiche previste nel repertorio delle figure professionali, in assenza dintese, continuano a rilasciare le qualifiche attuali.

31 Il regolamento dellistruzione professionale Le ore di lezione, a partire dal prossimo anno scolastico, saranno ridotte a 34 nelle classi 2° e 3° Lare di professionalizzazione per le 4° e 5° a partire dal prossimo anno scolastico viene sostituita con attività di alternanza scuola-lavoro per 132 ore Lart. 8 comma 3 prevede che le singole Regioni possano stipulare accordi con il MIUR per la sperimentazione di nuovi modelli organizzativi e di gestione degli istituti professionali.

32 Alcune considerazioni Il processo in corso sta determinando una riforma del sistema dIstruzione Si possono cogliere sostanziali elementi di novità, anche se non tutti condivisibili La contrazione delle risorse porta ad una riduzione dei livelli essenziali delle prestazioni rispetto a quanto finora garantito dallo Stato; Lattuale situazione finanziaria è tale da non consentire a Regioni o province di aggiungere risorse proprie nella misura necessaria al recupero dei minori standard garantiti dallo Stato

33 La riduzione di risorse è tale da poter impedire ogni reale processo riformatore Un processo riformatore richiede un forte investimento nella qualificazione del corpo docente e investimenti sullorganizzazione e sulle strutture La mancata scelta di un biennio unitario di orientamento e la possibilità di una canalizzazione precoce nel sistema dellistruzione e formazione professionale, se non opportunamente sostenuta e controllata, può confermare una tendenza già in atto che vede il sistema del secondo ciclo distruzione incapace dessere strumento di promozione sociale


Scaricare ppt "Il riordino del sistema distruzione e formazione Vera riforma ? Razionalizzazione per ridurre la spesa ? Restaurazione ? di Paolo Gallana Marzo 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google