La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progettare un curricolo per competenze nel nuovo assetto ordinamentale delle scuole autonome grazia fassorra.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progettare un curricolo per competenze nel nuovo assetto ordinamentale delle scuole autonome grazia fassorra."— Transcript della presentazione:

1 Progettare un curricolo per competenze nel nuovo assetto ordinamentale delle scuole autonome grazia fassorra

2 2 di cosa stiamo parlando? LA NATURA DELLINSEGNAMENTO LA NATURA DELLINSEGNAMENTO LE QUATTRO DISCONTINUITA la scuola richiede prestazioni individuali, mentre il lavoro mentale allesterno è spesso condiviso socialmente; la scuola richiede un pensiero privo di supporti, mentre fuori ci si avvale di strumenti cognitivi o artefatti; la scuola coltiva il pensiero simbolico, nel senso che lavora su simboli, mentre fuori della scuola la mente è sempre direttamente alle prese con oggetti e situazioni; a scuola si insegnano capacità e conoscenze generali, mentre nelle attività esterne dominano competenze specifiche, legate alla situazione. [Lauren Resnick, 1995, Harvard University]

3 grazia fassorra3 curricolo per competenze Negli ultimi dieci anni, si sono succeduti cinque Ministri (Berlinguer, De Mauro, Moratti, Fioroni, Gelmini) e vi sono stati tre cambi di maggioranza, ma alcuni temi sono sempre rimasti al centro: innalzamento dellobbligo di istruzione Integrazione dei sistemi di istruzione e formazione professionale Successo formativo Rapporto quantità/qualità (tetti curricolari e discipline) Difficoltà di intervento (le resistenze e le rigidità del sistema)

4 grazia fassorra4 gli ordinamenti In rapporti di discontinuità/continuità, il sistema oggi vede approvati: Regolamento sul primo ciclo (da Moratti a Gelmini) Regolamento su riorganizzazione rete scolastica Regolamento sulla valutazione I tre regolamenti su Licei Istituti professionali Istituti tecnici

5 grazia fassorra5 gli ordinamenti Restano da approvare: Regolamento su Centri per listruzione degli Adulti Regolamento su riorganizzazione delle classi di concorso Regolamento sulla prima formazione dei docenti Restano da attivare: gli ITS

6 grazia fassorra6 quadro ordinamentale 1 Scuola dellinfanzia: tre anni 1° Ciclo: individuati i traguardi di competenza Scuola primaria: cinque anni Scuola secondaria di primo grado: tre anni 2° Ciclo: individuati i risultati di apprendimento Liceicinque anni Istituti tecnici Istituti professionali

7 grazia fassorra7 quadro ordinamentale 2 Il nuovo quadro ordinamentale del II Ciclo STRUTTURA: BIENNIO + BIENNIO + 5° Anno Obbligo di istruzione a 16 anni si compie nel 1° biennio, oppure NEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE già previsti nell intesa Stato – Regioni del luglio E vigente il D.Lgs 76/2005 su Diritto – Dovere a istruzione e formazione professionale per il quale si resta in formazione fino a 18 anni (salvo conseguimento di qualifica professionale entro i 18 anni): nel ciclo secondario nei percorsi di istruzione e FP nei percorsi formativi previsti dalla legge sullapprendistato (la cui età di accesso è stata elevata a 16 anni, in concomitanza con lelevamento delletà dellobbligo di istruzione. Cè però un tentativo di riportare a 15 anni letà di accesso)

8 grazia fassorra8 quadro ordinamentale 3 Istituti professionale rilasciano diplomi quinquennali; in sussidiarietà con le Regioni, possono rilasciare qualifiche triennali o diplomi professionali quadriennali (compresi nel repertorio nazionale di cui alla Legge 40/07). Istituti tecnici rilasciano diplomi Istituti professionali rilasciano diplomi Licei rilasciano diplomi Tutti i diplomi danno accesso agli studi superiori universitari o tecnici (Istituti Tecnici Superiori) e al mondo del lavoro. Riferimento al sistema EQF: European Qualifications Framework)

9 grazia fassorra9 European Qualifications Framework Riferimento al sistema EQF: European Qualifications Framework EQF1 = diploma del 1° Ciclo EQF2 = obbligo di istruzione EQF3 = qualifica professionale EQF4 = diploma del 2° Ciclo a questo proposito….

10 grazia fassorra10 …dal Regolamento sulla valutazione Art. 8 del DPR n. 122 del 22 giugno 2009 Certificazione delle competenze 1. Nel primo ciclo dell'istruzione, le competenze acquisite dagli alunni sono descritte e certificate al termine della scuola primaria e, relativamente al termine della scuola secondaria di primo grado, accompagnate anche da valutazione in decimi, ai sensi dell'articolo 3, commi 1 e 2, del decreto-legge. 2. Per quanto riguarda il secondo ciclo di istruzione vengono utilizzate come parametro di riferimento, ai fini del rilascio della certificazione di cui all'articolo 4 del decreto del Ministro della pubblica istruzione 22 agosto 2007, n. 139, le conoscenze, le abilita' e le competenze di cui all'allegato del medesimo decreto.

11 grazia fassorra11 …dal Regolamento sulla valutazione 3. La certificazione finale ed intermedia, già individuata dall'accordo del 28 ottobre 2004 sancito in sede di Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, per il riconoscimento dei crediti formativi e delle competenze in esito ai percorsi di istruzione e formazione professionale, e' definita dall'articolo 20 del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n La certificazione relativa agli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado e disciplinata dall'articolo 6 della legge 10 dicembre 1997, n. 425, e successive modificazioni. 5. Le certificazioni delle competenze concernenti i diversi gradi e ordini dell'istruzione sono determinate anche sulla base delle indicazioni espresse dall'Istituto nazionale per la valutazione del sistema di istruzione (INVALSI) e delle principali rilevazioni internazionali.

12 grazia fassorra12 innovazioni e nuovi punti di riferimento innovazioni strutturali dei regolamenti di riordino del II Ciclo: autonomia e flessibilità dipartimenti comitato tecnico-scientifico laboratori e laboratorialità quadro europeo delle qualifiche insegnamento in lingua straniera di una disciplina non linguistica al 5° anno

13 grazia fassorra13 i dipartimenti Gli istituti tecnici, i professionali e i licei possono costituire dipartimenti, quali articolazioni funzionali del collegio dei docenti, per il sostegno alla didattica e alla progettazione formativa.

14 grazia fassorra14 i dipartimenti Nei regolamenti non vengono date indicazioni sulle modalità organizzative. Ipotesi possibile: organizzazione per assi culturali (secondo le indicazioni dellobbligo di istruzione) I dipartimenti sono funzionali: alla progettazione per competenze; alla progettazione multidisciplinare e, per questo, di percorsi per il conseguimento delle competenze di cittadinanza come individuate in sede UE.

15 grazia fassorra15 dipartimenti e Indicazioni nazionali Non ci saranno più i programmi ministeriali sulle discipline di insegnamento Il MIUR darà Indicazioni alle scuole sui risultati di apprendimento descritti per: competenze (per 1° biennio, 2° biennio, 5° anno, con lindicazione delle discipline che concorrono al loro raggiungimento) abilità conoscenze Spetterà ai docenti individuare i percorsi formativi (conoscenze correlate alle abilità) per il conseguimento delle competenze indicate.

16 grazia fassorra16 competenze, abilità, conoscenze competenze: comprovata capacità di usare conoscenze ed abilità in modo autonomo in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo personale o professionale abilità: capacità di applicare conoscenze per portare a termine compiti e risolvere problemi conoscenze: fatti, principi, teorie relativi al settore di studio o di lavoro

17 grazia fassorra17 un esempio: criteri orientativi per la costruzione di un curricolo di istituto tecnico Essenzializzare il curricolo a partire dal profilo culturale e professionale dello studente in uscita dai percorsi Assumere gli assi culturali dellobbligo di istruzione come riferimento per le discipline Assumere lintegrabilità tra area generale e aree di indirizzo Favorire la valutabilità dei risultati di apprendimento in coerenza con i dispositivi nazionali di valutazione degli apprendimenti (competenze)

18 grazia fassorra18 un esempio: I licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché egli si ponga, con atteggiamento razionale, creativo, progettuale e critico, di fronte alle situazioni, ai fenomeni e ai problemi, ed acquisisca conoscenze, abilità e competenze sia adeguate al proseguimento degli studi di ordine superiore, allinserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro, sia coerenti con le capacità e le scelte personali. (art. 2 comma 2 del Regolamento recante Revisione dellassetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei…).

19 grazia fassorra19 gli assi culturali sono 4: asse dei linguaggi lingua madre, lingua straniera, multimedia asse matematico aritmetica, algebra, geometria, rappresentazioni grafiche, problem solving asse scientifico-tecnologico scienze naturali, trasformazioni di energia, rapporti fra tecnologie ed ambiente, applicazioni informatiche asse storico-sociale storia, economia, cittadinanza

20 grazia fassorra20 il modello concettuale per ciascuno dei 4 assi sono indicate alcune competenze (che rimandano alle competenze chiave) ogni competenza è associata alle abilità che sono presupposte per il suo esercizio ogni abilità rimanda alle conoscenze di base necessarie per acquisirla ed esercitarla alle scuole si richiede uninversione del processo tradizionale, che si ferma allaccertamento delle conoscenze e dà per presupposto che da queste discendano automaticamente abilità e competenze, le quali non vengono misurate

21 grazia fassorra21 le competenze chiave comunicazione nella madrelingua comunicazione nelle lingue straniere competenza matematica e competenze di base scientifiche e tecnologiche competenza digitale imparare ad imparare competenze sociali e civiche senso di iniziativa ed imprenditorialità consapevolezza ed espressione culturali le prime quattro sono legate ai saperi le altre quattro al saper essere e saper fare

22 grazia fassorra22 comitato tecnico scientifico I licei, gli istituti tecnici e professionali possono costituire un comitato tecnico- scientifico, composti da docenti e da esperti del mondo del lavoro, delle professioni e della ricerca scientifica e tecnologica, con funzioni consultive e di proposta per lorganizzazione delle aree di indirizzo e lutilizzazione degli spazi di autonomia e flessibilità.

23 grazia fassorra23 comitato tecnico scientifico Parole chiave del comitato TS: AUTONOMIA e FLESSIBILITA come finalità e strumenti per la costruzione di unofferta formativa in linea con gli obiettivi di COMPETENZA individuati nei profili di uscita dai percorsi. INNOVATIVITA dei percorsi: coniugazione tra il rovesciamento dellattenzione dallinsegnamento allapprendimento e lintegrazione con le istanze dai territori

24 grazia fassorra24 comitato tecnico scientifico Sinergie possibili: dal punto di vista della scuola: rileggere i profili secondo un impianto laboratoriale dellinsegnamento, delleducazione al lavoro, delletica dellimpegno, della valorizzazione del merito… dal punto di vista di imprese e di professioni: uscire dallidea di scuola come mero luogo della conoscenza, dellastrattezza e, spesso, dellincapacità di comprensione delle dinamiche reali del mondo delleconomia e del lavoro.

25 grazia fassorra25 laboratori e didattica Nei tre Regolamenti sono sostenuti: percorsi di alternanza scuola-lavoro, stage e tirocini moduli e iniziative di studio-lavoro e per progetti esperienze pratiche didattica laboratoriale didattica in laboratorio

26 grazia fassorra26 passaggio al nuovo ordinamento Ragionevoli previsioni non ci saranno, per il momento, variazioni negli indirizzi, salvo quanto previsto dalle tabelle di confluenza andrà costituito il comitato tecnico-scientifico, anche se non è obbligatorio andranno costituiti i dipartimenti (idem) andrà attivato linsegnamento di Cittadinanza e Costituzione entrerà in vigore la soglia massima del 25% di assenze ai fini della valutabilità dellalunno potranno essere realizzate, solo a partire dal terzo anno, esperienze di alternanza scuola-lavoro

27 grazia fassorra27 formazione degli insegnanti E necessario: partire dallinformazione lavorare su un cambio di mentalità: misurare competenze riferirsi a diversi parametri di valutazione (in correlazione anche con il regolamento sulla valutazione) sviluppare nuovi modelli certificativi sviluppare didattica laboratoriale rovesciare la prassi tradizionale: conoscenze abilità competenze accertate osservate?non verificate competenze abilità conoscenze

28 grazia fassorra28 IL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE DI BASE

29 grazia fassorra29 MINISTERO DELLISTRUZIONE, DELLUNIVERSITA E DELLA RICERCA (*) (DENOMINAZIONE DELLISTITUZIONE SCOLASTICA) ( **) CERTIFICATO delle COMPETENZE DI BASE acquisite nellassolvimento dellobbligo di istruzione N°…….. IL DIRIGENTE SCOLASTICO (***) Visto il regolamento emanato dal Ministro dellIstruzione, Università e Ricerca (ex Ministro delta Pubblica Istruzione) con decretb 22 agosto 2007, n.139; Visti gli atti di ufficio; Certifica che L.. studente/ssa Cognome………………………… nome……………………………………. nato/a il,./..../...., a…………………… Stato………………………………. iscritto/a presso questo Istituto nella classe sez…………. indirizzo di studio (*****)……………………………………………………… nellanno scolastico………………………………………………………….. nellassolvimento dellobbligo di istruzione, della durata di 10 anni, ha acquisito le competenze di base di seguito indicate. (*) Nel caso di percorsi di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) occorre affiancare al logo del MIIJR anche quella della REGIONE di riferimento. (**) Nel caso di percorsi di IeFP realizzati da Strutture formative accreditate dalle Regioni, occorre sostituire Istituzione scolastica con Struttura formativa accreditata. (***) Nel caso di percorsi di IeFP realizzati da Strutture formative accreditate dalle Regioni occorre sostituire Il Dirigente Scolastico con Il Direttore/Legale Rappresentante della Struttura formativa accreditata. Per le istituzioni scolastiche paritarie, il certificato è rilasciato dal Coordinatore delle attività educative e didattiche. (****) Nel caso di percorsi di IeFP realizzati da Strutture formative accreditate dalle Regioni occorre sostituire Istituto nella classe... sezione... con Struttura formativa accreditata. (***** Nel caso di percorsi di IeFP occorre sostituire indirizzo di studio con percorso di

30 grazia fassorra30

31 grazia fassorra31 I livelli Livello base: lo studente svolge compiti semplici in situazioni note,mostrando di possedere conoscenze ed abilità essenziali e di saper applicare regole e procedure fondamentali. Nel caso in cui non sia stato raggiunto il livello base, è riportata lespressione livello base non raggiunto, con lindicazione della relativa motivazione Livello intermedio: lo studente svolge compiti e risolve problemi complessi in situazioni note, compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite Livello avanzato: lo studente svolge compiti e problemi complessi in situazioni anche non note, mostrando padronanza nelluso delle conoscenze e delle abilità. Sa proporre e sostenere le proprie opinioni e assumere autonomamente decisioni consapevoli

32 grazia fassorra32 Che fare? I dipartimenti per assi culturali: progettazione dei percorsi integrati per il conseguimento delle competenze (problema delle scelte) Costruzione delle prove per la certificazione delle competenze I dipartimenti si articolano, se necessario, in gruppi disciplinari, di progetto, di miglioramento… Analisi disciplinare come base della progettazione (ciò che ogni disciplina apporta)

33 grazia fassorra33 Regolamento autonomia (DPR 275/1999) art. 8 chi fa cosa?. Il Ministro della pubblica istruzione, previo parere delle competenti commissioni parlamentari sulle linee e sugli indirizzi generali, definisce a norma dell'articolo 205 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, sentito il Consiglio nazionale della pubblica istruzione, per i diversi tipi e indirizzi di studio: gli obiettivi generali del processo formativo; gli obiettivi specifici di apprendimento relativi alle competenze degli alunni; le discipline e le attività costituenti la quota nazionale dei curricoli e il relativo monte ore annuale; l'orario obbligatorio annuale complessivo dei curricoli comprensivo della quota nazionale obbligatoria e della quota obbligatoria riservata alle istituzioni scolastiche;

34 grazia fassorra34 Regolamento autonomia (DPR 275/1999) art. 8 chi fa cosa? i limiti di flessibilità temporale per realizzare compensazioni tra discipline e attività della quota nazionale del curricolo; gli standard relativi alla qualità del servizio; i criteri generali per l'organizzazione dei percorsi formativi finalizzati all'educazione permanente degli adulti, anche a distanza, da attuare nel sistema integrato di istruzione, formazione, lavoro, sentita la Conferenza unificata Stato-regioni-città ed autonomie locali.

35 grazia fassorra35 Regolamento autonomia (DPR 275/1999) art. 8 chi fa cosa? 2. Le istituzioni scolastiche determinano, nel Piano dell'offerta formativa il curricolo obbligatorio per i propri alunni in modo da integrare, a norma del comma 1, la quota definita a livello nazionale con la quota loro riservata che comprende le discipline e le attività da esse liberamente scelte. Nella determinazione del curricolo le istituzioni scolastiche precisano le scelte di flessibilità previste dal comma 1, lettera e). 3. Nell'integrazione tra la quota nazionale del curricolo e quella riservata alle scuole è garantito il carattere unitario del sistema di istruzione ed è valorizzato il pluralismo culturale e territoriale.

36 grazia fassorra36 Regolamento autonomia (DPR 275/1999) art. 8 chi fa cosa? 4. La determinazione del curricolo tiene conto delle diverse esigenze formative degli alunni concretamente rilevate, della necessità di garantire efficaci azioni di continuità e di orientamento, delle esigenze e delle attese espresse dalle famiglie, dalle comunità locali, dai contesti sociali, culturali ed economici del territorio. Agli studenti e alle famiglie possono essere offerte possibilità di opzione. 5. Il curricolo della singola istituzione scolastica può essere definito anche attraverso una integrazione tra sistemi formativi sulla base di accordi con le Regioni e gli Enti locali, negli ambiti previsti dagli articoli 138 e 139 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 e può essere personalizzato in relazione ad azioni, progetti o accordi internazionali. 6. L'adozione di nuove scelte curricolari o la variazione di scelte già effettuate deve tenere conto delle attese degli studenti e delle famiglie in rapporto alla conclusione del corso di studi prescelto.

37 grazia fassorra37 Gli ordinamenti…ad oggi

38 grazia fassorra38 Le norme Legge n. 59/97, Delega la Governo per il conferimento di funzioni alle regioni e agli Enti locali per la riforma della PA D.Lgs 112/98, Conferimento di funzioni alle Regioni e agli Enti locali, artt. 138, 139 DPR 275/99, regolamento dell autonomia, in attuazione dell art. 21 della L. 59/97 Legge Costituzionale n. 3/2001 (Titolo V, artt. 116, 117, 118) Legge 53/2003 e relativi Decreti Legislativi Legge 27 dic 2006 n. 296 (finanziaria 2007)

39 grazia fassorra39 Le norme Legge 40/2007 Legge 296/2006 (finanziaria 2008) DPCM 25 gennaio 2008 recante linee guida per la riorganizzazione del Sistema di istruzione e formazione tecnica superiore e la costituzione degli Istituti Tecnici Superiori.

40 grazia fassorra40 Le norme Decreto-Legge 25 giugno 2008, n. 112* Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitivit à, la stabilizzazione della finanzapubblica e la perequazione tributaria. Legge di conversione 6 agosto 2008, n. 133* Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitivit à, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria. * L art. 64, comma, 3, prevede un Piano programmatico del Ministero dell Istruzione, dell Universit à e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze (predisposto il 4 settembre 2008). Decreto-Legge 1 settembre 2008, n. 137 Disposizioni urgenti in materia di istruzione e universit à. Legge di conversione 30 ottobre 2008, n. 169 Disposizioni urgenti in materia di istruzione e universit à.

41 grazia fassorra41 Le norme Decreto-Legge 7 ottobre 2008, n. 154 Disposizioni urgenti per il contenimento della spesa sanitaria e in materia di regolazioni contabili con le autonomie locali (NOTA BENE: art. 3 - Definizione dei piani di dimensionamento delle istituzioni scolastiche rientranti nelle competenze delle regioni e degli enti locali) Legge di conversione 4 dicembre 2008, n. 189 Disposizioni urgenti per il contenimento della spesa sanitaria e in materia di regolazioni contabili con le autonomie locali Legge n. 42 del 5 maggio 2009 Delega al Governo in materia di federalismo fiscale, in attuazione dell articolo 119 della Costituzione (v. art. 8 Principi e criteri direttivi sulle modalit à di esercizio delle competenze legislative e sui mezzi di finanziamento )

42 grazia fassorra42 Le norme DPR n. 81 del , Regolamento su Norme per la riorganizzazione della rete scolastica e il razionale ed efficace utilizzo delle risorse umane della scuola, ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni della legge 6 agosto 2008, n.133 ; DPR n. 89 del Regolamento su Scuola dell infanzia e primo Ciclo di istruzione DPR n. 119 del Regolamento su Organici e personale ATA DPR n. 122 del Regolamento su Valutazione degli alunni

43 grazia fassorra43 Le norme Disposizioni firmate dal Presidente della Repubblica il 15 marzo 2010: -Regolamento recante Revisione dellassetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei, ai sensi dellart. 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008 n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133; -Regolamento recante norme concernenti il riordino degli istituti professionali ai sensi dellart. 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008 n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133; -Regolamento recante norme concernenti il riordino degli istituti tecnici ai sensi dellart. 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008 n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133.


Scaricare ppt "Progettare un curricolo per competenze nel nuovo assetto ordinamentale delle scuole autonome grazia fassorra."

Presentazioni simili


Annunci Google