La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INSERIMENTO E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI A cura di Dal Farra Renata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INSERIMENTO E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI A cura di Dal Farra Renata."— Transcript della presentazione:

1 INSERIMENTO E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI A cura di Dal Farra Renata

2 Normativa di riferimento Legge n. 40/1998 – disciplina dellimmigrazione e norme sulla condizione dello straniero; artt istruzione e diritto allo studio DPR n. 394/1999 – regolamento sullattuazione delle disposizioni concernenti la disciplina dellimmigrazione; artt istruzione e diritto allo studio

3 Legge n. 189/2002 (legge Bossi- Fini) conferma le procedure di accoglienza degli alunni stranieri a scuola D.lvo 76/2005 diritto-dovere allistruzione per tutti i minori presenti sul territorio nazionale Normativa di riferimento

4 C.M. n. 24 / 1 marzo 2006 – Linee guida per laccoglienza e lintegrazione degli alunni stranieri C.M. n. 28 / 15 marzo 2007 – esame di stato conclusivo del primo ciclo di istruzione Normativa di riferimento

5 Nel DPR 394/99 si legge: i minori stranieri hanno diritto allistruzione, anche se immigrati irregolari sono soggetti allobbligo scolastico e formativo come gli studenti italiani liscrizione a scuola può essere richiesta in qualsiasi momento dellanno

6 gli alunni vengono iscritti nella classe corrispondente alletà anagrafica, salvo che il collegio docenti non decida per una classe precedente o successiva, in base alla documentazione del percorso scolastico compiuto, alla verifica delle competenze, allordinamento scolastico del paese di provenienza. Nel DPR 394/99 si legge:

7 Gli stranieri presenti nella scuola vanno distribuiti nelle varie classi Si devono progettare i piani di studio personalizzati, adattando le indicazioni nazionali al livello di partenza degli alunni Si attivano corsi intensivi di lingua italiana Nel DPR 394/99 si legge:

8 C.M. 24/2006 Gli interventi per favorire laccoglienza e lintegrazione degli alunni stranieri riguardano tre aree: larea amministrativa larea comunicativo - relazionale larea educativo - didattica

9 Area amministrativa Comprende liscrizione e lacquisizione della documentazione in possesso della famiglia: permesso di soggiorno o ricevuta della questura attestante la richiesta, documentazione sanitaria (vaccinazioni) e la documentazione scolastica attestante il percorso scolastico compiuto nel paese dorigine

10 Area comunicativo-relazionale Comprende la comunicazione scuola – famiglia, se possibile con la presenza del mediatore linguistico il coinvolgimento della famiglia, anche attraverso un POF illustrativo tradotto nella lingua dellalunno I lavori della commissione intercultura dellistituto La formazione del personale amministrativo e docente

11 Area educativo-didattica Attiene alla preparazione dei colloqui con la famiglia alla preparazione dellaccoglienza allalunno allaccertamento del suo livello di competenza alla scelta della classe di accoglienza alla progettazione del piano di studio personalizzato, con spazi e tempi privilegiati per lacquisizione della lingua italiana

12 Apprendimento della lingua italiana Riguarda due aspetti: la lingua per comunicare, che può essere acquisita anche in tempi relativamente brevi La lingua per lo studio, che richiede lacquisizione di termini specifici e la riflessione linguistica e quindi necessita di tempi molto più lunghi

13 Progettazione del piano di studio È compito di tutti i docenti della classe che accoglie Può essere necessario lintervento del mediatore linguistico - culturale, che concorda con i docenti le modalità di intervento e la valorizzazione della diversità culturale degli alunni della classe

14 Opportunità formativa Lintegrazione degli alunni stranieri deve essere vista come unopportunità formativa per i compagni di classe che diventano protagonisti delleducazione interculturale; questo è altrettanto valido per i docenti ed il personale scolastico in genere come sottolinea la direttiva ministeriale n. 45/2005

15 Valutazione Le linee guida emanate nel 2006 fanno riferimento alla funzione educativa della valutazione, oltre a quella certificativa; verifica e valutazione sono la conclusione del piano di studio personalizzato, previsto dal d.lvo 59/2004: come si adegua alle capacità dellalunno la proposta didattica, allo stesso modo si dovrà tener conto del suo percorso in sede di valutazione

16 Valutazione Il superamento dellesame di stato al termine del 1° ciclo è condizione assoluta per il prosieguo del corso di studi Anche gli studenti iscritti ad un corso di studi nella scuola secondaria di 2° grado, se sprovvisti del titolo, devono essere messi nella condizione di conseguirlo (con percorsi mirati nella scuola stessa o presso i CTP)

17 Valutazione Pur nella inderogabilità della effettuazione di tutte le prove scritte previste per lesame di Stato e del colloquio pluridisciplinare, le Commissioni vorranno considerare la particolare situazione di tali alunni stranieri e procedere ad una opportuna valutazione dei livelli di apprendimento conseguiti che tenga conto anche delle potenzialità formative e della complessiva maturazione raggiunta. (C.M. 28/2007)


Scaricare ppt "INSERIMENTO E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI A cura di Dal Farra Renata."

Presentazioni simili


Annunci Google