La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Il riordino degli istituti professionali in Italia: stato dellarte e prospettive Corso su Alternanza scuola-lavoro e terza area Vicenza, 26.3.2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Il riordino degli istituti professionali in Italia: stato dellarte e prospettive Corso su Alternanza scuola-lavoro e terza area Vicenza, 26.3.2010."— Transcript della presentazione:

1 1 Il riordino degli istituti professionali in Italia: stato dellarte e prospettive Corso su Alternanza scuola-lavoro e terza area Vicenza,

2 2 Sommario Il riordino del sistema formativo nazionale Il nuovo Regolamenti degli istituti professionali Che cosa resta da fare e le questioni aperte

3 3 1. Il riordino del sistema formativo nazionale

4 4 Le ultime riforme in Italia Licei: 1923 Istituti tecnici: 1931 Formazione professionale: 1978 Istituti professionali: 1992

5 5 La riforma in corso ( ) riguarda sia il primo che il secondo ciclo di istruzione, e si presenta come un mosaico di provvedimenti di revisione del sistema formativo nazionale, in forma incrementale, in cui si intrecciano aspetti di tipo ordinamentale, curricolare, organizzativo, finanziario, …

6 6 Atto di indirizzo per il primo ciclo Valutazione degli alunni Rete scolastica Regolamento IFTS ITS Regolamento Istruzione tecnica Regolamento Istruzione professionale Regolamento Licei Regolamento Istruzione degli adulti Regolamento Organici ATA revisione classi di concorso Riforma organi collegiali Formazione iniziale degli insegnanti Provvedimenti approvati Provvedimenti in attesa di approvazione

7 7 Il processo di riordino del secondo ciclo, culminato nellapprovazione dei 3 regolamenti governativi dei licei, degli istituti tecnici e professionali: - ha come basi di riferimento generali il Dlgs 226/2005 e la legge 53/2003 (riforma Moratti) di cui modifica radicalmente limpianto, in particolare verso il superamento della prospettiva di licealizzazione del sistema, - ha come basi di riferimento specifiche il riordino previsto ai sensi dellarticolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 e dellarticolo 13, comma 1-quinquies, del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 aprile 2007, n. 40.

8 8 1. Rendere più semplici e chiari gli indirizzi di studio, superando la frammentazione attuale di oltre 900 tipi di sperimentazioni 2. Rilanciare listruzione tecnica e professionale dando pari dignità anche percorsi non liceali, in modo da valorizzare i diversi tipi di talenti dei giovani, ridurre la dispersione scolastica e rispondere meglio alle esigenze del mercato del lavoro Principali indirizzi del MIUR per il riordino della scuola secondaria

9 9 3. Adottare un approccio curriculare per competenze, in coerenza con il Quadro europeo delle qualificazioni per lapprendimento permanente (EQF) anche per superare il nozionismo e il disciplinarismo tipico della scuola italiana 4. Incorporare nel curricolo le competenze- chiave di cittadinanza, a partire dallobbligo di istruzione 5. Allineare il tempo-scuola degli studenti a quello medio europeo

10 10 6. Valorizzare lautonomia scolastica, fornendo alle scuole un quadro curriculare nazionale come base per lo sviluppo della propria offerta formativa, per rispondere alle esigenze degli studenti e del territorio 7. Migliorare la cooperazione tra scuola e mondo del lavoro, anche per ridurre lo scarto tra teoria e pratica, in vista di un migliore inserimento lavorativo dei giovani.

11 11 Le priorità di azione secondo Italia 2020 (Gelmini-Sacconi) Facilitare la transizione dalla scuola al lavoro Rilanciare listruzione tecnico-professionale Rilanciare il contratto di apprendistato Ripensare lutilizzo dei tirocini formativi, promuovere le esperienze di lavoro nel corso degli studi, educare alla sicurezza sul lavoro, costruire sin dalla scuola e dalla università la tutela pensionistica Ripensare il ruolo della formazione universitaria Aprire i dottorati di ricerca al sistema produttivo e al mercato del lavoro

12 12 Per il secondo ciclo, il risultato che si profila: - conferma sostanzialmente lordinamento tradizionale italiano, basato su 5 canali di offerta formativa, 3 statali (licei, istituti tecnici, istituti professionali), 2 gestiti dalle Regioni (istruzione e formazione professionale e apprendistato in obbligo formativo) - si apre ad una prospettiva federalista soprattutto a livello organizzativo, dagli esiti non del tutto prevedibili. Il cambiamento (potenzialmente) più profondo è a livello curriculare e didattico.

13 13 Il nuovo sistema formativo italiano Età LICEI MERCATO DEL LAVORO Diritto – dovere allistruzione e alla formazione Età Livello EQF 11 Ist.Tec. 6 Ist.Pr. APPRENDISTATO UNIVERSITA ITS IFTS PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE Esame di Stato offerta coordinata 21 qualifiche IFP

14 14 Il riordino del secondo ciclo è pertanto solo un punto di partenza, in quanto apre un cantiere di lavoro che richiederà alle scuole un lavoro di assestamento per almeno 4-5 anni … Dopo 3 anni dallentrata in vigore, è prevista una prima verifica con la possibilità di aggiustamenti e revisioni sulla base dellesperienza…

15 15 … e chi si dà da fare per far crescere… cè chi si dà da fare per abbattere… Quando si riforma…

16 16 2. Il nuovo Regolamento degli istituti professionali nel quadro del secondo ciclo

17 17 Gli aspetti comuni dei nuovi percorsi della scuola secondaria Limpianto curricolare 2+2+1, con il primo biennio comune, il secondo biennio di indirizzo e il quinto anno orientativo alla scelta delluniversità o del mondo del lavoro Una quota di autonomia (oraria) e di flessibilità (disciplinare) da gestire dintesa con le Regioni, le Province e/o con le scuole

18 18 Lo zoccolo comune dei nuovi curricoli Lingua italiana Lingua straniera Storia Matematica Scienze Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative Cittadinanza e costituzione

19 Il sistema dei licei

20 20 È il settore scolastico che in generale viene meno toccato dalla riforma, anche se sono previsti nuovi indirizzi (es. linguistico, coreutico-musicale) e nuove opzioni, soprattutto nel liceo artistico e scientifico. Si prevede una modernizzazione di questi istituti con il potenziamento delle discipline scientifiche e le lingue straniere

21 21 Si articola in 6 percorsi: artistico, Con 6 indirizzi arti figurative; architettura e ambiente; design; audiovisivo e multimediale; grafica; scenografia. classico, linguistico, musicale e coreutico, scientifico (con lopzione scienze applicate) delle scienze umane (con lopzione economico-sociale).

22 I nuovi istituti tecnici

23 23 È il settore scolastico che ha avuto le più rilevanti modifiche con la riforma, in termini di accorpamento di indirizzi e introduzione di nuovi indirizzi Gli IT sono fortemente orientati alla preparazione alle nuove tecnologie e metodologie (le scuole dellinnovazione), che richiedono un stretta collaborazione con il mondo delle imprese e una didattica laboratoriale. Il rilancio di questi istituti è fortemente sostenuto dalle associazioni degli imprenditori data limportanza fondamentale di diplomati tecnici per il futuro dellItalia nelleconomia mondiale

24 24 Gli indirizzi del settore economico B1 Amministrazione, finanza e marketing Articolazioni: Relazioni internazionali per il Marketing Sistemi informativi aziendali B2 Turismo

25 25 Gli indirizzi del settore tecnologico C1 Meccanica, meccatronica ed energia Articolazioni: Meccanica e meccatronica ed Energia C2 Trasporti e logistica Articolazioni: Costruzione del mezzo, Conduzione del mezzo e Logistica C3 Elettronica ed elettrotecnica Articolazioni: Elettronica, Elettrotecnica e Automazione C4 Informatica e telecomunicazioni Articolazioni: Informatica e Telecomunicazioni

26 26 C5 Grafica e comunicazione C6 Chimica, materiali e biotecnologie Articolazioni: Chimica e materiali, Biotecnologie ambientali e Biotecnologie sanitarie C7 Sistema moda Articolazioni: Tessile, abbigliamento e moda e Calzature e moda C8 Agraria, agroalimentare e agroindustria Articolazioni: Produzioni e trasformazioni, Gestione dellambiente e del territorio e Viticoltura ed enologia C9 Costruzioni, ambiente e territorio Articolazione: Geotecnico

27 I nuovi istituti professionali

28 28 La revisione di questi percorsi – che ha portato ad un superamento del modello 3+2 a favore di un unico percorso quinquennale - pone agli IP non pochi problemi di identità (rispetto agli IT e alla IFP), anche se intende caratterizzarsi come risposta alla nuova domanda professionale emergente a livello settoriale e territoriale, soprattutto nellambito dei servizi. È il settore scolastico che più dipende dalle scelte politiche del nuovo federalismo scolastico e formativo, in particolare per lofferta coordinata con i corsi di formazione professionale triennale eventualmente autorizzati dalle Regioni

29 29 Nel quadro di intese tra il Ministero dellistruzione, delluniversità e della ricerca, il Ministero delleconomia e delle finanze e le singole Regioni, per i giovani tra i 14 e i 18 anni, gli istituti professionali possono svolgere - in regime di sussidiarietà - un ruolo integrativo e complementare rispetto ai sistemi regionali di istruzione e formazione professionale per il rilascio di qualifiche triennali e diplomi professionali quadriennali indicati negli Accordi di cui allart.27, comma 2, del Decreto legislativo 17 ottobre 2005, n

30 30 LAccordo in sede di Conferenza Stato-Regioni del 5 febbraio 2009 per la definizione delle condizioni e delle fasi relative della messa a regime del sistema del secondo ciclo di Istruzione e Formazione Professionale

31 31 ….e il mancato accordo politico Stato- Regioni sulle qualifiche e diplomi Il confronto istituzionale, a livello tecnico, con il Ministero del Lavoro e il Coordinamento delle Regioni deve assumere ancora in via definitiva il repertorio nazionale : -delle qualifiche professionali nellassolvimento del diritto-dovere allistruzione e alla formazione (cfr. decreto interministeriale MIUR – MLSPS 29/05/09 pubblicato sulla G.U. n. 140 del 19/06/09) e quello -dei diplomi professionali quadriennali.

32 32 Gli indirizzi del settore servizi B1 - Servizi per lagricoltura e lo sviluppo rurale B2 - Servizi socio-sanitari, Articolazioni : - Arti ausiliarie delle professioni sanitarie,Odontotecnico - Arti ausiliarie delle professioni sanitarie, Ottico. B3 - Servizi per lenogastronomia e lospitalità alberghiera, Articolazioni: Enogastronomia, Servizi di sala e di vendita, Accoglienza turistica B4 - Servizi commerciali.

33 33 Figure professionali relative alle qualifiche dei percorsi di istruzione e formazione professionale di durata triennale di riferimento per il settore servizi: OPERATORE PER LA RISTORAZIONE OPERATORE PER I SERVIZI DI PROMOZIONE ED ACCOGLIENZA OPERATORE AMMINISTRATIVO - SEGRETARIALE OPERATORE PER I SERVIZI DI VENDITA OPERATORE PER LA TRASFORMAZIONE AGROALIMENTARE OPERATORE AGRICOLO

34 34 Gli indirizzi del settore industria e artigianato C1- Produzioni industriali e artigianali Articolazioni: Industria Artigianato C2 - Manutenzione e assistenza tecnica

35 35 Figure professionali relative alle qualifiche dei percorsi di istruzione e formazione professionale di durata triennale di riferimento per il settore industria e artigianato OPERATORE PER LABBIGLIAMENTO OPERATORE PER LE CALZATURE OPERATORE PER LE PRODUZIONI CHIMICHE OPERATORE EDILE OPERATORE ELETTRICO OPERATORE ELETTRONICO OPERATORE GRAFICO OPERATORE PER GLI IMPIANTI TERMOIDRAULICI OPERATORE PER LE LAVORAZIONI ARTISTICHE OPERATORE PER IL LEGNO OPERATORE PER IL MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE DI IMBARCAZIONI DA DIPORTO OPERATORE PER LA RIPARAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE OPERATORE MECCANICO OPERATORE PER I SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI

36 36 I collegamenti con la formazione tecnica superiore (Schema di Regolamento, art.2, comma 4) Agli istituti professionali si riferiscono gli istituti tecnici superiori secondo quanto previsto dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 25 gennaio 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 86 dell11 aprile 2008, con lobiettivo prioritario di sostenere lo sviluppo delle professioni tecniche a livello terziario, mediante le specializzazioni richieste dal mondo del lavoro, con particolare riferimento alle piccole e medie imprese.

37 37 3. Che cosa resta da fare e le questioni aperte

38 38 - Le linee guida, indicanti i risultati di apprendimento espressi in termini di competenze, abilità, conoscenze (le indicazioni nazionali sugli obiettivi didattici e sui contenuti di insegnamento) - larticolazione delle cattedre per ciascuno dei percorsi, in relazione alle classi di concorso del personale docente; - gli indicatori per la valutazione e lautovalutazione dei percorsi, anche con riferimento al quadro europeo per la garanzia della qualità dei sistemi di istruzione e formazione.

39 39 Questioni aperte a) Sul piano ordinamentale Le confluenze La quota di autonomia/flessibilità e lo sviluppo dellofferta formativa di istituto; b) Sul piano curricolare Gli insegnamenti scientifici, Gli insegnamenti linguistici (CLIL) Linsegnamento di cittadinanza e costituzione;

40 40 c) Sul piano organizzativo la gestione dellalternanza scuola – lavoro; La gestione degli orari settimanali (es. unità di insegnamento di 50 minuti,rientri pomeridiani, …) I criteri per lorganizzazione dei CTS, dei Dipartimenti e dellUfficio tecnico Il coinvolgimento delle scuole autonome e del mondo del lavoro Le misure di accompagnamento

41 41 Quale unitarietà e quale differenziazione dellofferta formativa secondaria, a partire dal primo biennio? Quale rapporto tra le competenze culturali, le competenze tecnico- professionali, le competenze di cittadinanza? Quale continuità del curricolo dal primo al secondo ciclo e dal secondo ciclo al post-secondario (nella prospettiva del lifelong learning)? Lidentità e la specificità dei nuovi percorsi: quale orientamento?

42 42 Altri aspetti critici emersi: - Criteri per lequivalenza formativa tra licei, istituti tecnici, professionali e FP - Valenza orientativa del primo biennio e gestione dei passaggi e delle transizioni (rischio di fare una quarta e quinta media?) - Assumere gli assi culturali dellobbligo di istruzione come riferimento di massima anche per i traguardi di competenza al termine del quinquennio - Garantire uno zoccolo curriculare comune almeno per le discipline di base o caratterizzanti (es. italiano, matematica, …) Che fare?

43 43 Indicazioni nazionali e autonomia delle scuole a) Autonomia Le istituzioni scolastiche possono modificare il monte ore annuale delle discipline di insegnamento di ciascun anno scolastico per una quota non superiore al 20% per realizzare attività e insegnamenti facoltativi, coerenti con il profilo educativo, culturale e professionale dello studente in relazione al percorso scelto. Lorario di ciascuna disciplina non può essere ridotto oltre il 20%... Le richieste sono formulate allatto delle iscrizioni alle classi.

44 44 b) Flessibilità Gli spazi di flessibilità previsti dai Regolamenti consentono di articolare le aree di indirizzo in opzioni non previste dal regolamento governativo. Gli studenti scelgono le opzioni a conclusione del primo biennio. Le opzioni (es. IP) possono essere previste solo se sono: - coerenti con il profilo professionale dellindirizzo di studi; - comprese entro le quote di flessibilità del 35% (196 ore) e del 40%; - contenute in un apposito elenco nazionale, aggiornato ogni 3 anni, che indica anche le classi di concorso dei docenti che possono essere utilizzati.

45 45 Biennio e percorsi triennali di qualifica (art. 5 del Regolamento, comma 3 c) Possono utilizzare gli spazi di flessibilità anche nel primo biennio entro il 25% dellorario annuale delle lezioni per svolgere un ruolo integrativo e complementare rispetto al sistema dellistruzione e della formazione professionale regionale di cui allarticolo 2, comma 3, nei limiti degli assetti ordinamentali e delle consistenze di organico previsti dal presente regolamento. Nella fase transitoria gli istituti professionali di Stato possono svolgere detto ruolo a seguito della stipula delle intese di cui allarticolo 8, comma 2, e, a regime, previa intesa in Conferenza Unificata….

46 46 Lapproccio per competenze Ladozione del Quadro europeo delle qualificazioni e dei titoli (EQF) come riferimento per i percorsi e lassunzione dell Obbligo di istruzione con i riferimenti europei alle competenze chiave di cittadinanza richiede una profonda trasformazione della cultura degli insegnanti in materia di programmazione didattica e di valutazione oltre il tradizionale modello basato sulla trasmissione di conoscenze e sullinsegnamento disciplinare…

47 47 DISCIPLINA : LINGUA INGLESE (settori dei servizi e dellindustria e artigianato) Risultati di apprendimento di riferimento per la disciplina al termine del percorso quinquennale Utilizzare i linguaggi settoriali delle lingue straniere previste dai percorsi di studio per interagire in diversi ambiti e contesti di studio e di lavoro. Primo biennio Monte ore previsto: Abilità Comprendere i punti essenziali di messaggi e annunci semplici e chiari su argomenti di interesse personale, quotidiano, sociale o professionale con la guida dellinsegnante Utilizzare appropriate strategie di comprensione di semplici testi scritti e orali con la guida dellinsegnante Utilizzare un repertorio lessicale di base, funzionale ad esprimere bisogni concreti della vita quotidiana Ricercare informazioni allinterno di testi di breve estensione di interesse personale, quotidiano, sociale o professionale Descrivere in maniera semplice esperienze ed eventi, relativi allambito personale e sociale Utilizzare in modo adeguato le strutture grammaticali con la guida dellinsegnante Interagire in conversazioni brevi e semplici su temi di interesse personale, quotidiano, sociale o professionale Scrivere brevi testi di interesse personale, quotidiano, sociale o professionale Scrivere correttamente semplici testi su tematiche coerenti con i percorsi di studio con la guida dellinsegnante Capire e riflettere sulla struttura della lingua utilizzata in testi comunicativi nella forma scritta, orale e multimediale con la guida dellinsegnante Riflettere sulla dimensione interculturale della lingua con la guida dellinsegnante Conoscenze Strategie di comprensione di testi comunicativi semplici Lessico di base su argomenti di vita quotidiana, sociale e professionale Il dizionario monolingue e bilingue Corretta pronuncia di un repertorio di parole e frasi memorizzate di uso comune Sistema fonologico, struttura sillabica, accentazione delle parole e intonazione Elementi socio-linguistici e paralinguistici Semplici modalità di scrittura: messaggi brevi, lettera informale Aspetti grammaticali e comunicativi di base della lingua Ortografia e punteggiatura Aspetti socio-culturali della lingua e dei paesi di cui si studia la lingua Esempio per gli IP

48 48 Valutazione e esami di stato Viene previsto un rafforzamento del sistema di valutazione, attraverso una valutazione intermedia e finale degli studenti, basata su: prove di competenza finalizzate allaccertamento delle competenze in contesti applicativi; prove di conoscenza articolate a livello nazionale (a cominciare dal secondo anno), regionale e di istituto.

49 49 Il passaggio al nuovo ordinamento (art.8, comma 3 del Regolamento) Larea di professionalizzazione di cui allarticolo 4 del decreto del Ministro della pubblica istruzione 15 aprile 1994 è sostituita, nelle quarte e quinte classi, funzionanti a partire dallanno scolastico 2010/2011 e sino alla messa a regime dellordinamento di cui al presente regolamento, con 132 ore di attività in alternanza scuola lavoro a valere sulle risorse di cui allarticolo 9, comma 1, del decreto legislativo 15 aprile 2005, n. 77.

50 50


Scaricare ppt "1 Il riordino degli istituti professionali in Italia: stato dellarte e prospettive Corso su Alternanza scuola-lavoro e terza area Vicenza, 26.3.2010."

Presentazioni simili


Annunci Google