La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Il Progetto per il Sistema Informativo per la Cooperazione Applicativa del Ministero della Giustizia e gli Enti Territoriali. (SICAP) Dott.ssa Floretta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Il Progetto per il Sistema Informativo per la Cooperazione Applicativa del Ministero della Giustizia e gli Enti Territoriali. (SICAP) Dott.ssa Floretta."— Transcript della presentazione:

1 1 Il Progetto per il Sistema Informativo per la Cooperazione Applicativa del Ministero della Giustizia e gli Enti Territoriali. (SICAP) Dott.ssa Floretta Rolleri Responsabile dei Sistemi Informativi Automatizzati del Ministero della Giustizia.

2 2 La Realtà del Ministero della Giustizia Rete Geografica Casellario Casellario Rete Geografica Casellario Casellario Rete Geografica Dap Dap Rete Geografica Dap Dap Rete Geografica Cassazione Cassazione Rete Geografica Cassazione Cassazione UfficiogiudiziarioUfficiogiudiziario Istituto di pena Istituto UfficiogiudiziarioUfficiogiudiziario UfficiogiudiziarioUfficiogiudiziario CSSACSSA

3 3 Il sistema dellAmministrazione Penitenziaria; il sistema del Casellario Centrale; il sistema ItalGiure Find della Corte di Cassazione: basati su tecnologie eterogenee, sono attualmente interessati da un processo di migrazione in termini applicativi. Le reti proprietarie su cui sono attestati, sono state connesse alla nascente Rete Giustizia (R.U.G.). La Realtà del Ministero della Giustizia

4 4 Le Lan degli Uffici Giudiziari sono connessi ai citati sistemi informativi in modalità emulazione terminale. Negli uffici giudiziari vi sono numerose applicazioni (come Re.Ge per esempio) che necessitano di informazioni presenti nei sistemi suddetti o provenienti da sistemi informativi di altre Ammnistrazioni. Laccesso a tali informazioni è automatizzato solo in parte. Spesso si ricorre a pesanti attività di data entry. La Realtà del Ministero della Giustizia

5 5 Sede giudiziaria complessa Porta di rete R.U.P.A. CED Cassazione CED Casellario Centrale Sede centrale Dap Progetto SICAP: presupposti

6 6 Il dominio Giustizia e la R.U.P.A.

7 7 Progetto SICAP: obiettivi Il Progetto SICAP ha i seguenti obiettivi: 1. Definizione e realizzazione di una possibile Architettura di Cooperazione applicabile allinterno del Dominio MG, che consenta, in maniera trasparente, lo scambio di informazioni tra le applicazioni presenti nellAmministrazione. Sottodominio Ufficio Giudiziario (Sistemi Area Civile…...) Sottodominio Casellario Architettura di cooperazione applicativa Sottodominio Ufficio Giudiziario (Rege……..)

8 8 Comuni MG 2. Definizione e realizzazione di un insieme di procedure atte a garantire il necessario livello di sicurezza del sistema. 3. Apertura del sistema verso lesterno del Dominio MG al fine di consentire la cooperazione con i Domini esterni interessati dal progetto, ovvero INPS/INAIL, Comuni, Camere di Commercio. Progetto SICAP: obiettivi INPS R.U.P.A. INAIL Camere di Commercio

9 9 Sede giudiziaria complessa CED Cassazione Sede giudiziaria semplice CED Casellario Centrale Sede centrale Dap Istituto di pena Dominio GIUSTIZIA

10 10 Progetto SICAP: interazioni esterne. INPS Comuni INAIL Camere di Commercio R.U.P.A. MG Porta Applicativa /Delegata

11 11 In particolare Interazione Ministero della Giustizia - Comuni: cooperazione con le anagrafi comunali Comuni MG Db Anagrafico RUPA Rituale Anagrafico Il rituale anagrafico per un individuo viene richiesto dagli uffici della Procura della Repubblica al comune di competenza al fine di accertare le generalità dellindividuo e determinarne la residenza prima di dare inizio allazione penale

12 12 In particolare Interazione Ministero della Giustizia - Comuni: cooperazione con le anagrafi comunali Comuni MG Db Anagrafico RUPA Atti modificanti lo stato civile Ai comuni le cancellerie giudiziarie comunicano le variazioni dello stato e della capacità di un individuo.

13 13 Progetto SICAP: interazioni esterne. INPS Comuni INAIL Camere di Commercio R.U.P.A. MG Porta Applicativa /Delegata

14 14 In particolare interazione Ministero della Giustizia - Camere di Commercio: cooperazione con il Registro Imprese Camere di Commercio MG RUPA Visura dellarchivio imprese Le cancellerie fallimentari acquisiscono dal Registro Imprese presso la Camere di Commercio di appartenenza le informazioni relative alle imprese a carico delle quali è pendente una procedura concorsuale.

15 15 In particolare interazione Ministero della Giustizia - Camere di Commercio: cooperazione con il Registro Imprese Camere di Commercio MG RUPA Atti e provvedimenti in materia societaria Le cancellerie fallimentari inviano alle Camere di Commercio tutti gli atti relativi alle procedure concorsuali, alle ordinanze in materia di interdizione, inabilitazione e provvediamenti di volontaria giurisdizione in materia societaria.

16 16 Vantaggi del processo: il cittadino farà meno code; i procedimenti amministrativi e giudiziari saranno più agili e trasparenti; la burocrazia avrà meno peso. Conclusioni

17 17 Le informazioni sono rese disponibili per acquisizione automatica da parte di Amministrazioni ed Enti interessati. Sono garantite sicurezza, riservatezza e integrità delle informazioni. Conclusioni

18 18 Stato dellarte Il progetto è in piena esecuzione. La sperimentazione delle interazioni esaminate è prevista per fine Novembre Entro la fine del 2000 il sistema sarà a regime.


Scaricare ppt "1 Il Progetto per il Sistema Informativo per la Cooperazione Applicativa del Ministero della Giustizia e gli Enti Territoriali. (SICAP) Dott.ssa Floretta."

Presentazioni simili


Annunci Google