La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE PROVINCIALE DI ASCOLI PICENO RECLAMO e MEDIAZIONE TRIBUTARIA Ufficio legale – Ascoli Piceno 29 novembre 2012 RISERVATO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE PROVINCIALE DI ASCOLI PICENO RECLAMO e MEDIAZIONE TRIBUTARIA Ufficio legale – Ascoli Piceno 29 novembre 2012 RISERVATO."— Transcript della presentazione:

1 1 AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE PROVINCIALE DI ASCOLI PICENO RECLAMO e MEDIAZIONE TRIBUTARIA Ufficio legale – Ascoli Piceno 29 novembre 2012 RISERVATO

2 2 Riferimento normativo Art. 17 bis del D.lgs. 546/92 Ai sensi dellarticolo 39, comma 11 del decreto legge 6 luglio 2011 n. 98 le disposizioni del presente articolo si applicano con riferimento agli atti suscettibili di reclamo notificati a decorrere dal 1 aprile 2012.

3 3 Finalità RISERVATO

4 4 FINALITÀ 1. Deflazionare il contenzioso tributario Lefficace gestione del nuovo istituto può ridurre la conflittualità tra fisco e cittadini attraverso lesame delle eccezioni del Contribuente direttamente allinterno degli Uffici dellAgenzia delle Entrate prima dellinstaurazione del contenzioso RISERVATO

5 5 … segue FINALITÀ 2. Incrementare la tax compliance Il Contribuente deve poter fare affidamento su una risposta da ottenere in tempi rapidi da parte dellAgenzia, senza dover sostenere i costi o attendere i tempi della giustizia tributaria La mediazione introduce lobbligo di rispondere alla richiesta di annullamento (autotutela) avanzata dal Contribuente con listanza RISERVATO

6 6 … segue FINALITÀ 3. Incrementare la qualità degli atti stimolando la riflessione critica allinterno dellUfficio RISERVATO

7 7 DATI DEL CONTENZIOSO DP AP Ricorsi presentati in CTP dal 01/01/2011 al 20/11/2011 n. 474 Ricorsi presentati in CTP dal 01/01/2012 al 20/11/2012 n. 391 Istanze ex art. 17bis dal 01/04/2012 al 20/11/2012 n. 110 di cui: - n. 46 in istruttoria; - n. 41 concluse con esito positivo - n. 23 concluse con esito negativo Ricorso

8 8 Natura giuridica

9 9 NATURA GIURIDICA La mediazione è una procedura amministrativa di deflazione del contenzioso tributario in quanto: chi intende proporre ricorso è tenuto preliminarmente a presentare istanza il procedimento si svolge dinanzi allAgenzia il fine è quello di evitare il rinvio alla fase del contenzioso RISERVATO

10 10 … segue NATURA GIURIDICA Il procedimento ha riflessi di carattere processuale in quanto: Vi è coincidenza fra contenuto dellistanza e contenuto del ricorso Listanza può produrre gli effetti del ricorso Si applicano alcune disposizioni del DLGS 546/92 RISERVATO

11 11 … segue NATURA GIURIDICA A differenza degli altri istituti deflativi del contenzioso, la mediazione è obbligatoria Per chi voglia adire la Commissione tributaria è un rimedio amministrativo para-processuale RISERVATO

12 12 Ambito di applicazione RISERVATO

13 13 AMBITO DI APPLICAZIONE Tutti gli atti suscettibili di impugnazione in giudizio notificati a decorrere dal 1° aprile 2012 di valore non superiore a emessi dall'Agenzia delle entrate [escluse le contestazioni riguardanti gli atti (lattività) dellAgente della riscossione] RISERVATO

14 14 ENTRATA IN VIGORE La mediazione si applica: agli … atti suscettibili di reclamo notificati a decorrere dal 1° aprile 2012 (art. 39, comma 11, DL 98/11) alle ipotesi di rifiuto tacito per le quali, alla data del 1° aprile 2012, non siano decorsi 90 gg. dalla data di presentazione dellistanza di rimborso (art. 21, comma 2, DLGS 546/92) RISERVATO

15 15 ATTI MEDIABILI Sono mediabili, quindi, poiché emessi dallAgenzia, i seguenti atti individuati dallart. 19: avvisi di accertamento avvisi di liquidazione provvedimenti di irrogazione delle sanzioni ruoli rifiuti espressi o taciti riguardanti la restituzione di tributi, di sanzioni pecuniarie ed interessi o di altri accessori dinieghi o revoche di agevolazioni o rigetti di domande di definizione agevolata di rapporti tributari ogni altro atto emanato dallAgenzia delle entrate, per il quale la legge preveda lautonoma impugnabilità innanzi alle Commissioni tributarie RISERVATO

16 16 LEGITTIMAZIONE PASSIVA AGENZIA LAgenzia ha legittimazione passiva in quanto: ha emesso latto impugnato viene contestata la pretesa tributaria oggetto dellatto emesso da altro ente RISERVATO

17 17 ATTI NON MEDIABILI Atti individuati dallart. 19 non emessi dallAgenzia delle entrate. Ad es. atti dellAgente della riscossione: iscrizione di ipoteca sugli immobili di cui allart. 77 DPR 602/73 fermo di beni mobili registrati di cui allart. 86 DPR 602/73 cartella di pagamento (per vizi propri della cartella) atti di altre Agenzie fiscali: atti relativi alle operazioni catastali indicate nellart. 2, comma 3, D. Lgs. 546/92 RISERVATO

18 18 ATTI NON MEDIABILI Non sono mediabili le liti di valore indeterminabile (es. diniego concernente esclusivamente la spettanza di unagevolazione o di iscrizione/cancellazione dallAnagrafe unica delle Onlus) di contro, sono mediabili le controversie aventi ad oggetto sia il diniego o la revoca dellagevolazione sia il tributo o il maggior tributo accertato La mediazione produce effetti anche sui contributi previdenziali e assistenziali in quanto la loro base imponibile è riconducibile a quella delle imposte sui redditi. Il valore della lite va comunque determinato al netto dei contributi accertati. RISERVATO

19 19 CARTELLA DI PAGAMENTO CONTESTAZIONE SOLO VIZI PROPRI CARTELLA NO MEDIAZIONE (per attività non svolta dallAgenzia) CONTESTAZIONE VIZI DEL RUOLO SI MEDIAZIONE CONTESTAZIONI VIZI RUOLO E CARTELLA MEDIAZIONE SU RUOLO RISERVATO

20 20 DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLA CONTROVERSIA Valgono i criteri generali dellart. 12, comma 5, DLGS 546/92, ossia, il valore della controversia: Va determinato con riferimento a ciascun atto impugnato ed è dato dallimporto del tributo contestato dal Contribuente, al netto degli interessi e delle eventuali sanzioni irrogate nel caso di atto di irrogazione delle sanzioni ovvero di impugnazione delle sole sanzioni, è costituito dalla somma delle sanzioni contestate RISERVATO

21 21 DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLA CONTROVERSIA atto che contiene più tributi: totale delle imposte che hanno formato oggetto di contestazione istanza cumulativa avverso una pluralità di atti: il valore della lite va determinato con riferimento a ciascun atto contestato con listanza cumulativa. Ne consegue che per ciascun atto con valore non superiore a ventimila euro il contribuente è tenuto ad osservare la procedura di mediazione RISERVATO

22 22 DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLA CONTROVERSIA Rifiuto espresso o tacito alla restituzione di tributi: il valore della controversia è dato dallimporto del tributo richiesto a rimborso, al netto degli accessori se listanza di rimborso riguarda più periodi dimposta, rileva limporto del tributo richiesto a rimborso per ogni singolo anno RISERVATO

23 23 Istanza RISERVATO

24 24 LEGITTIMAZIONE ATTIVA Perfetta coincidenza tra la legittimazione processuale attiva nel giudizio tributario e la legittimazione a presentare listanza Applicazione delle disposizioni degli artt. 10 e 11 D.LGS. 546/92 RISERVATO

25 25... segue LEGITTIMAZIONE ATTIVA Può presentare listanza di reclamo/mediazione: - il contribuente che ha la capacità di stare in giudizio sia direttamente sia a mezzo di procuratore generale o speciale - il rappresentante legale del contribuente che non ha la capacità di stare in giudizio - il difensore abilitato allassistenza tecnica innanzi alle Commissioni tributarie nelle controversie di valore pari superiore a 2.582,28 (art. 12 DLGS 546/92) RISERVATO

26 26 UFFICIO DESTINATARIO LUfficio a cui presentare listanza coincide con quello che è parte nelleventuale giudizio ai sensi dellart. 10 DLGS 546/92. Listanza quindi deve essere presentata alla DR o alla DP che ha emanato latto impugnato (o non ha emanato latto richiesto). RISERVATO

27 27 NOTIFICA DELLISTANZA - TERMINI Listanza è notificata, a pena di inammissibilità, entro 60 gg. dalla data di notificazione dellatto impugnabile. Il termine per proporre listanza di mediazione è sospeso per 90 giorni dalla data in cui viene eventualmente presentata istanza di accertamento con adesione (art. 6, comma 2, D. Lgs. 218/97) In caso di rifiuto tacito di rimborso, dopo il 90° giorno dalla presentazione della domanda di rimborso. Al termine di proposizione dellistanza di mediazione si applicano le disposizioni sulla sospensione dei termini processuali nel periodo feriale. Tale sospensione non trova applicazione nel corso della procedura di mediazione che deve pertanto concludersi nel termine di 90 giorni, trattandosi di una fase amministrativa e non processuale. RISERVATO

28 28 CONTENUTO DELLISTANZA I requisiti dellistanza sono gli stessi del ricorso, compresa la nomina del difensore ex art. 12 D. LGS. 546/92. In sostanza, i motivi posti a base dellistanza coincidono con quelli previsti, a pena di inammissibilità, per il ricorso. RISERVATO

29 29 … segue CONTENUTO DELLISTANZA Elementi da indicare nel ricorso contenuto nellistanza (art. 18 DLGS 546/92): Commissione tributaria provinciale competente contribuente e, per i soggetti diversi dalle persone fisiche, anche il legale rappresentante, la relativa residenza o sede legale o il domicilio eventualmente eletto nel territorio dello Stato Direzione regionale o provinciale nei cui confronti è proposta atto impugnato e oggetto dellistanza motivi codice fiscale e indirizzo PEC sottoscrizione del contribuente o del difensore RISERVATO

30 30 … segue CONTENUTO DELLISTANZA Listanza, in aggiunta al contenuto del ricorso, può contenere: richiesta di sospensione dellesecuzione dellatto motivata proposta di mediazione completa della rideterminazione dellammontare della pretesa RISERVATO

31 31 … segue CONTENUTO DELLISTANZA Loggetto e i motivi dellistanza si individuano nelle specificazioni della richiesta di annullamento (autotutela), totale o parziale, dellatto e nellindicazione degli elementi di fatto e di diritto in base ai quali si richiede lannullamento dellatto stesso nelle argomentazioni a supporto della proposta di mediazione eventualmente formulata nellistanza RISERVATO

32 32 … segue CONTENUTO DELLISTANZA Allistanza vanno uniti gli stessi documenti che si depositeranno nelleventuale giudizio RISERVATO

33 33 RAPPRESENTANZA E ASSISTENZA Se listanza è presentata dal difensore appartenente alle categorie previste dallart. 12, comma 2, DLGS 546/92, questultimo deve essere munito della procura rilasciata secondo le modalità previste per il ricorso. La potestà di sottoscrivere laccordo di mediazione deve essere prevista nellambito della procura alle liti (o in un atto separato). RISERVATO

34 34 IMPOSTA DI BOLLO Listanza e gli atti prodotti nellambito del procedimento di mediazione – tra i quali anche la procura alle liti e a mediare – sono esenti da imposta di bollo. (Circolare n. 70/E del Risoluzione n. 13/E del 2011) RISERVATO

35 35 CONTRIBUTO UNIFICATO Il contributo unificato per le spese di giustizia risulta dovuto soltanto nellipotesi in cui il contribuente - non avendo ottenuto il richiesto annullamento dellatto o non avendo concluso la mediazione - depositi il ricorso presso la segreteria della CTP (Circolare n. 1/DF del 2011). RISERVATO

36 36 La trattazione dellistanza RISERVATO

37 37 LUfficio, in esito allesame dellistanza, può: -Accogliere integralmente il reclamo annullando latto impugnato -Accogliere parzialmente il reclamo annullando in parte latto impugnato -Formulare una proposta di pagamento dellintero importo del tributo con riduzione delle sanzioni al 40% -Mediare la controversia rideterminando la pretesa -Respingere listanza di reclamo e confermare la fondatezza dellatto impugnato

38 38 INAMMISSIBILITÀ Motivi di inammissibilità 1.presentazione dellistanza di mediazione oltre il termine di decadenza 2.carenza di elementi che consentano di riferire listanza al ricorrente (mancanza della sottoscrizione, carenza di legittimazione del difensore) 3.carenza di elementi che consentano di ricostruire il contenuto minimo indispensabile dellistanza (mancanza o insufficienza assoluta dei motivi o delloggetto) Si tratta di motivi che tendenzialmente coincidono con quelli di inammissibilità del ricorso RISERVATO

39 39 … segue INAMMISSIBILITÀ Trattandosi di una procedura amministrativa, eventuali motivi di inammissibilità dellistanza rilevanti in sede processuale non precludono la mediazione, fatta eccezione sostanzialmente per la tardiva presentazione della stessa istanza RISERVATO

40 40 IMPROPONIBILITÀ DELLISTANZA Istanza di mediazione proposta al di fuori dei casi espressamente previsti dalla legge Ad es. controversie di valore superiore a euro, di valore indeterminabile, che riguardano lattività dellagente della riscossione o atti in cui non è legittimata passivamente lAgenzia delle Entrate, atti notificati prima del 1° aprile 2012 o che riguardano rifiuti taciti di rimborso con riferimento ai quali alla data del 1° aprile 2012 siano già decorsi 90 giorni dalla presentazione della domanda di rimborso, controversie concernenti il recupero di aiuti di Stato, le sanzioni accessorie (art. 21, D.lgs. n. 472/1997), le istanze di ipoteca e sequestro conservativo (art. 22, D.lgs. n. 472/1997), il diniego della chiusura delle liti fiscali minori pendenti (art. 39, comma 12, Dl n. 98/2011, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 111/2011) In tali ipotesi il termine di 30 gg. per la costituzione in giudizio del ricorrente decorre dalla data di notificazione dellimpugnazione RISERVATO

41 41 MEDIAZIONE AL SOLO FINE DI RIDURRE LE SANZIONI In assenza di spazio per la mediazione che comporti la diminuzione della pretesa proposta di pagamento dellintera imposta, usufruendo della riduzione delle sanzioni al 40% (circ. n. 9/E del 2012, punto 6.2). Si tratta di una facoltà e non di un obbligo per lUfficio (circ. n. 33/E del 2012, punto 3.1). La riduzione delle sanzioni, in particolare, non è possibile nei casi in cui il beneficio sia più elevato di quanto consentito per effetto dellacquiescenza in una fase amministrativa antecedente a quella della mediazione (circ. n. 9/E, punto 6.2; circ. n. 33/E, punto 2); Non è possibile applicare una riduzione diversa rispetto a quella del 40% (circ. n. 33/E, punto 3.2) RISERVATO

42 42 COMUNICAZIONE/NOTIFICAZIONE DEGLI ESITI DEL PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE Gli atti emessi in esito al procedimento amministrativo di mediazione possono essere portati a conoscenza del contribuente nella forma della notificazione prevista per gli atti tributari dallart. 60 DPR 600/73 utilizzando la posta elettronica certificata (PEC) Per esigenza di speditezza e celerità, il provvedimento di accoglimento o il diniego dellistanza potrà essere portato a conoscenza del contribuente anche avvalendosi dei recapiti di posta elettronica ordinaria o fax indicati dallistante RISERVATO

43 43 Accordo di mediazione RISERVATO

44 44 CONTRADDITTORIO: ASPETTI PROCEDIMENTALI LUfficio legale invita il contribuente al contraddittorio quando valuta possibile la mediazione con rideterminazione della pretesa. Non sono richieste forme particolari per linvito, che può essere comunicato anche tramite posta elettronica ordinaria. Al contraddittorio può partecipare il difensore munito di procura quando il contribuente non intenda parteciparvi personalmente RISERVATO

45 45 … segue CONTRADDITTORIO: ASPETTI PROCEDIMENTALI Lesito del contraddittorio va riportato in apposito verbale Il verbale di contraddittorio deve essere sottoscritto, da un lato, dal contribuente o dal difensore munito di procura e, dallaltro, dal funzionario o dirigente incaricato del contraddittorio RISERVATO

46 46 … segue CONTRADDITTORIO: ASPETTI PROCEDIMENTALI Nelle ipotesi di infruttuoso tentativo di accertamento con adesione, lUfficio legale valuta: la possibilità di raggiungere un accordo di contenuto eventualmente anche analogo alla proposta di accertamento con adesione la sussistenza di elementi non noti, sopravvenuti o comunque non presi in considerazione in sede di adesione (desunti da: documenti vari, prassi, giurisprudenza, motivi del ricorso) RISERVATO

47 47 CONCLUSIONE DELLACCORDO La sottoscrizione dellaccordo di mediazione può essere effettuata dalle parti contestualmente in momenti diversi La conclusione dellaccordo può anche avvenire tramite accettazione della proposta di mediazione del contribuente. Dalla data di conclusione dellaccordo, decorrono i termini per effettuare il pagamento e quindi perfezionare la mediazione RISERVATO

48 48 SOTTOSCRIZIONE Laccordo di mediazione è sottoscritto: per lAgenzia dellentrate: dal Direttore provinciale/regionale o preferibilmente, considerata lesiguità di valore degli atti, da un suo delegato (Capo Ufficio legale o Funzionario addetto a tale struttura) per il contribuente: dal medesimo o da un suo delegato ovvero dallassistente tecnico (se previsto nella procura alle liti o procura speciale) RISERVATO

49 49 Conclusione e perfezionamento della mediazione RISERVATO

50 50 PERFEZIONAMENTO DELLA MEDIAZIONE ATTO IMPOSITIVO Versamento dellimporto dovuto o della 1^ rata nei 20 gg. successivi alla conclusione (sottoscrizione) della mediazione ISTANZA DI RIMBORSO Conclusione dellaccordo RISERVATO

51 51 EFFETTI DEL PERFEZIONAMENTO La pretesa tributaria viene rideterminata nella misura fissata dallaccordo di mediazione Il rapporto giuridico si intende definito e non ulteriormente contestabile laccordo di mediazione non è impugnabile Viene meno linteresse ad agire in giudizio (motivo di inammissibilità del ricorso) RISERVATO

52 52 IN CASO DI MANCATO PERFEZIONAMENTO Latto impositivo originario continua a produrre effetti Il contribuente può costituirsi in giudizio o rinunciare a proseguire il contenzioso latto impositivo originario diventa definitivo RISERVATO

53 53 VERSAMENTO 1.Atto impositivo In ununica soluzione o in forma rateale (8 rate trimestrali) Mediante F24 per la totalità degli atti, con possibilità di compensazione RISERVATO

54 54 … segue VERSAMENTO 2. Istanza di rimborso Nellaccordo di mediazione deve essere inserito un termine per la materiale erogazione del rimborso in considerazione: delle procedure in uso delleffettiva disponibilità delle somme da rimborsare RISERVATO

55 55 EFFETTI IN CASO DI MANCATO PAGAMENTO DI ALTRE RATE In caso di mancato pagamento di una rata diversa dalla prima entro il termine di pagamento della rata successiva decadenza dal beneficio della rateazione iscrizione a ruolo dellimporto residuo e sanzione pari al 60% delle somme ancora dovute a titolo di tributo Errore o lieve ritardo o minime irregolarità il pagamento può essere considerato valido (cfr. circolare del 24 ottobre 2011, n. 48/E, punto 14) RISERVATO

56 56 Sospensione RISERVATO

57 57 SOSPENSIONE Su richiesta del contribuente che ha presentato listanza, lUfficio può disporre la sospensione dellesecuzione dellatto sia per i ruoli sia per gli atti di accertamento (allesito del procedimento di mediazione il carico verrà affidato allAgente della riscossione) RISERVATO

58 58 Fase processuale RISERVATO

59 59 COSTITUZIONE IN GIUDIZIO DEL CONTRIBUENTE Il contribuente deve costituirsi in giudizio nel termine di 30 gg.: dalla data di notificazione del provvedimento di diniego qualora lUfficio abbia notificato tale diniego prima del decorso dei suddetti 90 giorni Dalla data di notificazione del provvedimento di accoglimento parziale nel caso in cui lufficio prima del decorso dei suddetti 90 giorni abbia accolto parzialmente listanza dalla data di scadenza dei 90 giorni dal ricevimento dellistanza nel caso in cui non sia stato notificato alcun provvedimento di accoglimento della medesima ovvero se le parti non hanno concluso alcun accordo di mediazione Si applica la sospensione feriale dei termini processuali Il ricorso depositato deve essere conforme a quello consegnato/spedito con listanza La costituzione in giudizio rileva ai fini del versamento del contributo unificato RISERVATO

60 60 CONDANNA AGGRAVATA AL PAGAMENTO DELLE SPESE Il Giudice: condanna la parte soccombente a rimborsare, in aggiunta alle spese del giudizio, le spese del procedimento di mediazione, normativamente quantificate in ragione del 50% delle spese di giudizio può compensare le spese di lite solo se ricorrono giusti motivi che hanno indotto la parte soccombente a non accogliere la proposta di mediazione RISERVATO

61 61 RIFERIMENTI NORMATIVI E DI PRASSI Decreto legislativo 31 dicembre 1992, n. 546, art. 17-bis Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, art. 39, comma 11 Circolare n. 9/E del 19/03/2012 dellAgenzia delle Entrate Circolare n. 33/E del 3/08/2012 dellAgenzia delle Entrate Risoluzione n. 37/E del 19/04/2012 dellAgenzia delle Entrate


Scaricare ppt "1 AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE PROVINCIALE DI ASCOLI PICENO RECLAMO e MEDIAZIONE TRIBUTARIA Ufficio legale – Ascoli Piceno 29 novembre 2012 RISERVATO."

Presentazioni simili


Annunci Google