La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ministero degli Affari Esteri DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO UFFICIO VII Settore Informazione - Educazione allo Sviluppo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ministero degli Affari Esteri DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO UFFICIO VII Settore Informazione - Educazione allo Sviluppo."— Transcript della presentazione:

1 Ministero degli Affari Esteri DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO UFFICIO VII Settore Informazione - Educazione allo Sviluppo

2 Informazione Educazione allo Sviluppo Fasi delliniziativa/progetto (che ha la durata di 12 mesi) A cura di Daniela Tommasi con la collaborazione di Pina Stigliano (stagista)

3 Realizzazione da parte della ONG Ufficio VII-DGCS è disponibile alla consulenza

4 Documento di progetto presentato allUfficio VII Verifica ammissibilità in base alla normativa vigente e alle Linee Guida (annuali)

5 Legislazione vigente: 1)Legge n° 49/87: Nuova disciplina della Cooperazione dellItalia con i PVS; 2)D.P.R n° 177/88: Regolamento di esecuzione; 3)Delibera n° 119/87: Priorità geografiche per la cooperazione bilaterale e multilaterale; 4)Delibera n° 65 del 25/02/88; 5)Delibera n° 199 del 08/07/88; 6)Delibera n° 19 del 27/02/97; 7)D.M. 337/04: Regolamento di semplificazione delle procedure amministrative relative alle Organizzazioni Non Governative (in vigore dall 11 marzo 2005)

6 Ammissibilità e valutazione 1)Obiettivo-attività-produzione materiale- target… in relazione alle Linee Guida; 2)Rispetto delle percentuali di contributo a dono richiesto: 2a- singola ONG-fino al 50% costo totale iniziativa, ma non superiore ai ,53 ; 2b- Associazione Temporanea di Scopo-fino al 70% del costo totale ma non superiore ai ,45 ; 3) Rispetto percentuali distribuite tra il dono del MAE, lapporto dellONG e altri.

7 Formule necessarie per la correttezza della domanda Allegati A, B, C, D delibera 19/97 1)Domanda di conformità e di contributo per il progetto 2)Informazioni sullorganismo promotore delliniziativa 3)Scheda riassuntiva 4)Piano Finanziario

8 Descrizione delle attività - Chi - Con quali partners - Per raggiungere quale obiettivo - Facendo che cosa - Con quali strumenti-iniziative - Con quale durata - Con quali modalità: indicatori qualitativi e quantitativi/steps di monitoraggio e verifica

9 Voci di spesa Descrizione esaustiva delle Voci di Spesa relative alle attività previste e dettaglio delle Sotto-Voci di Spesa con costi singoli- unitari, sub-totali e totali. (Non possono essere accettati costi singoli e totali forfettari)

10 Piano Finanziario Si presenta come il quadro sinottico delle Voci di Spesa, coerentemente con i costi parziali e totali previsti, così come le percentuali attribuite al MAE, ONG e Altri.

11 Parere Unità Tecnica Centrale UTC esamina il documento di progetto, esprime valutazione tecnico-economica che trasmette allUfficio VII. Può chiedere integrazioni alliniziativa

12 Approvazione del Documento di Progetto - Ufficio VII riceve la valutazione dellUTC - Verifica corrispondenza col documento di progetto - Predisposizione documentazione per linvio al Comitato Direzionale

13 Documentazione per il Comitato Direzionale 1)Ammissibilità delliniziativa a firma Capo Ufficio VII 2)Proposta di contributo (dati essenziali) 3)Valutazione tecnica UTC 4)Bozza di delibera 5)Scheda di finanziamento 6)Scheda per il Gabinetto

14 Valutazione suppletiva prima dellapprovazione da parte del Comitato Direzionale Il Nucleo di Valutazione può chiedere allUff. VII chiarimenti/integrazioni sul documento di progetto inviato al Comitato Direzionale. LUfficio VII predispone leventuale risposta (coinvolgendo lONG e/o UTC)

15 Approvazione iniziativa INFO-EAS da parte del Comitato Direzionale Ufficio VII comunica alle ONG/Ass. ONG lavvenuta approvazione. Le ONG inviano i documenti necessari allUfficio VII. Uff. VII predispone ed invia allU.C.B. i decreti dimpegno e di liquidazione. LU.C.B. ricevuta la documentazione, contestualmente allimpegno di spesa ed erogazione della I^ rata, può fare Osservazioni alle quali lUff. VII risponde in collaborazione con le ONG o lUTC

16 Il progetto si realizza LONG: a)comunica allUfficio VII la data di inizio dellattività prevista b)può chiedere proroga non onerosa (max 6 mesi) c)può apportare varianti non onerose alla modalità di realizzazione. Se la variante supera il 10% della Voce di Spesa, lONG deve chiedere autorizzazione allUff. VII che può avvalersi del parere UTC

17 Rendicontazioni LONG deve presentare il Rendiconto Finanziario entro 90 gg dalla conclusione delliniziativa che deve contenere: - la relazione descrittiva delle attività svolte in cui si deve specificare il raggiungimento degli obiettivi previsti, secondo normativa vigente anche con dichiarazione, del Legale Rappresentante su apposito formulario. - la relazione di un revisore contabile sullattendibilità del rendiconto finanziario. In allegato il materiale prodotto

18 Erogazione contributo a dono LUfficio VII verifica e valuta la documentazione del rendiconto, con apposito atto a firma del Responsabile dellUfficio, predispone il decreto di liquidazione che viene inviato allU.C.B. In mancanza di Osservazioni, viene predisposto lOrdine di Pagamento


Scaricare ppt "Ministero degli Affari Esteri DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO UFFICIO VII Settore Informazione - Educazione allo Sviluppo."

Presentazioni simili


Annunci Google