La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Vademecum sulle pensioni Dalla riforma Amato a quella Berlusconi A cura dei Cobas –Comitati di base della scuola Sede Nazionale: V.le Manzoni 55, 00185.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Vademecum sulle pensioni Dalla riforma Amato a quella Berlusconi A cura dei Cobas –Comitati di base della scuola Sede Nazionale: V.le Manzoni 55, 00185."— Transcript della presentazione:

1 Vademecum sulle pensioni Dalla riforma Amato a quella Berlusconi A cura dei Cobas –Comitati di base della scuola Sede Nazionale: V.le Manzoni 55, Roma tel.: ; fax:

2 Il primo attacco alla pensione pubblica è portato dal governo Amato (D.L. 30/12/1992 n.503). I punti principali di questa riforma sono: Il primo attacco alla pensione pubblica è portato dal governo Amato (D.L. 30/12/1992 n.503). I punti principali di questa riforma sono:

3 1.Elevazione, estesa a tutti i regimi pensionistici, dell'età per la pensione di vecchiaia da 55 a 60 anni per le donne e da 60 a 65 per gli uomini

4 2. Rideterminazione del periodo di riferimento per l'individuazione della retribuzione pensionabile. Nel pubblico impiego, per calcolare la retribuzione pensionabile, si faceva riferimento all'ultima retribuzione. Oggi il calcolo lo si fa considerando la retribuzione media degli ultimi 10 anni lavorativi

5 3. Perequazione automatica delle pensioni con adeguamenti alla variazione dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo e non più alla dinamica salariale. Possibile corresponsione di ulteriori aumenti in relazione all'andamento dell'economia e, tenuto conto degli obiettivi di aggancio della spesa pensionistica, all'andamento del PIL

6 Nel '94 il Governo Berlusconi tenta di realizzare una riforma radicale, ma prima di Natale è costretto alle dimissioni. E il successivo Governo Dini, con l'accordo dei sindacati concertativi, ad attuare la "controriforma" del sistema previdenziale (legge 335/95).

7 LA LEGGE DINI Le principali novità: 1. I sistemi di calcolo 2. Nascita dei fondi pensione

8 SISTEMA DI CALCOLO RETRIBUTIVO È il sistema di calcolo legato alle retribuzioni degli ultimi anni di attività lavorativa (10 anni per i lavoratori dipendenti). E ancora valido per coloro che al 31 dicembre 1995 avevano almeno 18 anni di contribuzione.

9 IL SISTEMA CONTRIBUTIVO Si applica ai lavoratori privi di anzianità contributiva al 1° gennaio Tale sistema di calcolo si basa su tutti i contributi versati durante lintera vita assicurativa rivalutati in base allandamento del prodotto interno lordo (PIL).

10 IL SISTEMA MISTO Si applica ai lavoratori con meno di 18 anni di contributi al 31 dicembre In questo caso la pensione viene calcolata in parte secondo il sistema retributivo(per lanzianità maturata fino al 31 dicembre 1995), in parte con il sistema contributivo (per lanzianità maturata dal 1° gennaio 1996). Se, però, si possiede unanzianità contributiva pari o superiore a 15 anni, di cui almeno 5 successivi al 1995, è possibile utilizzare lopzione per avere la pensione calcolata esclusivamente con il sistema contributivo.

11 La "controriforma Dini" apre la strada alla privatizzazione della previdenza favorendo la nascita della pensione integrativa privata per la quale la legge detta orientamenti generali. Nascono, infatti, i primi fondi pensione chiusi: Cometa (per i metalmeccanici) e Fonchim (per i chimici). Del tutto inapplicati sono altri punti della legge 335/95, soprattutto l'effettiva distinzione nei conti Inps tra interventi di previdenza ed assistenza e l'individuazione dei "lavori usuranti"

12 La legge Maroni – Berlusconi (legge n°243 del 2004)

13 LA PENSIONE RETRIBUTIVA O MISTA Metodo Retributivo Metodo Misto Tutti i dipendenti con almeno 18 anni di contribuzione al 31/12/1995 Chi, al 31/12/1995, aveva una contribuzione inferiore ai 18 anni La pensione retributiva o mista si articola in: Pensione di vecchiaiaPensione di anzianità Pensione dinabilità Pensione dinvalidità Pensione ai superstiti

14 Pensione di Vecchiaia Età + Contributi* Solo Contributi* Donne Uomini Bastano 15 anni di contributi per quei lavoratori che al 31 dicembre 1992: - avevano già tale anzianità - avevano già compiuto l'età pensionabile prevista all'epoca (55 anni per le donne e 60 per gli uomini) - erano stati autorizzati ai versamenti volontari * Le condizioni possono essere raggiunte entro il 31 dicembre dellanno in cui si va in pensione. Per raggiungere i 20 o i 40 anni, i quattro mesi da settembre a dicembre sono considerati utili, per cui al personale, obbligato a cessare dal 1° settembre, bastano, al 31 agosto, 19 anni, 7 mesi, 16 giorni oppure 39 anni, 7 mesi e 16 giorni di anzianità contributiva.

15 Lunica finestra di uscita prevista per il personale scolastico è 1° settembre, inizio dellanno scolastico. Le donne che maturano i 60 anni e vogliono rimanere in servizio non devono presentare alcuna istanza in quanto letà di collocamento a riposo dufficio è anche per loro di 65 anni. I lavoratori che compiono i 65 anni entro il 31 Agosto possono inoltrare domanda di mantenimento in servizio (fino a 67 anni), in caso contrario saranno dimessi dufficio. Lanzianità contributiva è comprensiva di ruolo, preruolo, riscatti, ricongiunzioni, militare, etc… I mesi da settembre a dicembre (utili per raggiungere lanzianità retributiva) non valgono ai fini dell'ammontare della pensione Chi matura il diritto alla vecchiaia entro il 31/12/2007 e non lo esercita può richiedere allInpdap il relativo certificato e andare successivamente in pensione con le attuali regole di requisiti e calcolo.

16 LE PENSIONI DI ANZIANITA Come erano … … e come saranno

17 Come erano (Dini): Anno Età e contribuzione Contribuzione e qualsiasi età e

18 Come saranno (Maroni-Berlusconi) Anno Età e contribuzione Contribuzione e qualsiasi età e e dal e Le donne avranno la possibilità di andare in pensione, anche dopo il 2008, con i requisiti previsti dalla normativa attualmente in vigore ( ), ma la pensione sarà interamente calcolata con il sistema contributivo (ciò comporterà una riduzione sulla pensione del 25/30%)

19 Pensione dinvalidità La domanda può essere presentata in qualsiasi momento e la cessazione dal servizio avviene a conclusione delliter della pratica di riconoscimento (cioè, non è obbligatoria la decorrenza dal 1 settembre). Si matura con 15 anni di contributi a prescindere dalletà anagrafica, previa visita medico-collegiale presso la Commissione provinciale di verifica, che accerta se esiste linabilità permanente alla funzione esercitata dal dipendente. Non è quindi necessario accertare una situazione di invalidità assoluta; pertanto è riconosciuta, ad esempio, allinsegnante con gravi problemi alle corde vocali, non è riconoscibile per lo stesso motivo al personale ATA. Per importi mensili molto bassi è prevista, in rapporto al reddito complessivo, leventuale integrazione al trattamento minimo Inps di circa 412.

20 Pensione dinabilità E di competenza della commissione provinciale di verifica che deve accertare se esiste uninvalidità permanente ad ogni attività lavorativa, nel qual caso è riconosciuta una pensione rapportata allanzianità che il dipendente avrebbe maturato lavorando fino al compimento dei 65 anni, ovviamente col limite di 40 anni con cui si matura laliquota massima dell80%. Il riferimento ai 65 anni è valido sia per gli uomini che per le donne. Il requisito indispensabile al momento della cessazione è di 5 anni di servizio, di cui almeno 3 nell'ultimo quinquennio (a prescindere dalletà).

21 Pensione ai superstiti Spetta al coniuge e/o figli minori del dipendente già in pensione (pensione di reversibilità) o morto in servizio con almeno 15 anni di anzianità complessiva oppure 5 anni di contribuzione di cui 3 nellultimo quinquennio (pensione indiretta). Limporto della pensione, in mancanza di figli minori o studenti entro i 26 anni, può essere ridotto in rapporto al reddito del nucleo familiare. Come nel caso di pensione di vecchiaia e invalidità, per importi mensili molto bassi è prevista, sempre in base al reddito complessivo, leventuale integrazione al trattamento minimo Inps.

22 Pensione e part-time Il dipendente che matura i requisiti per la pensione di anzianità può chiedere la pensione e il mantenimento in servizio a part-time. Le dimissioni devono essere presentate entro gli stessi termini previsti per i pensionamenti di anzianità, specificando che si intende usufruire del part-time. Il part-time deve avere la durata di almeno 2 anni e la prestazione di servizio deve essere almeno del 50% dellorario di lavoro. Durante il part-time il dipendente percepisce la retribuzione del personale attivo nella misura percentuale dellorario di lavoro e la pensione assegnata nella misura della restante percentuale. La determinazione della pensione garantisce lacquisizione della stessa in base alla normativa vigente, non più soggetta ad eventuale sopraggiungere di normativa più restrittiva. La buonuscita non viene corrisposta fino a quando si resta in servizio, anche se a part-time. Al termine la pensione viene riliquidata sulla base della nuova anzianità maturata col lavoro a part-time.

23 SISTEMA DI CALCOLO CONTRIBUTIVO PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA SISTEMA DI CALCOLO CONTRIBUTIVO PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA ETA: ETA: variabile da 57 a 65 anni, sia per gli uomini che per le donne. variabile da 57 a 65 anni, sia per gli uomini che per le donne. Prima dei 65 anni la pensione si ottiene a condizione che risulti superiore del 20% all'importo dell'assegno sociale. CONTRIBUTI: Sono richiesti almeno 5 anni di contribuzione legati ad una effettiva attività lavorativa

24 SISTEMA DI CALCOLO RETRIBUTIVO PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA

25 ETA' Si va in pensione a: 65 anni per gli uomini 60 per le donne. Gli invalidi all80% e i lavoratori non vedenti possono andare in pensione di vecchiaia a 60 anni se uomini e a 55 se donne. ETA' Si va in pensione a: 65 anni per gli uomini 60 per le donne. Gli invalidi all80% e i lavoratori non vedenti possono andare in pensione di vecchiaia a 60 anni se uomini e a 55 se donne.

26 CONTRIBUTI Sono richiesti almeno 20 anni di contribuzione comunque accreditata (da attività lavorativa, da riscatto, figurativa ecc.). Bastano 15 anni di contributi per quei lavoratori che al 31 dicembre 1992: - avevano già tale anzianità - avevano già compiuto l'età pensionabile prevista all'epoca (55 anni per le donne e 60 per gli uomini) - erano stati autorizzati ai versamenti volontari

27 La controriforma pensionistica Maroni- Berlusconi indebolisce il sistema pensionistico pubblico, il suo carattere universale e solidale che era già stato pesantemente picconato dalla legge Dini del Si andrà in pensione più vecchi e con una pensione più povera. Per i giovani e i neoassunti sarà una vera catastrofe : usufruiranno di un miserevole assegno pensionistico (il 40% circa dello stipendio) e per i precari a vita la pensione può diventare un vero miraggio.


Scaricare ppt "Vademecum sulle pensioni Dalla riforma Amato a quella Berlusconi A cura dei Cobas –Comitati di base della scuola Sede Nazionale: V.le Manzoni 55, 00185."

Presentazioni simili


Annunci Google