La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Diapositiva n°1 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 Produzione locale e RINTRACCIABILITA Unagricoltura MULTIFUNZIONALE verso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Diapositiva n°1 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 Produzione locale e RINTRACCIABILITA Unagricoltura MULTIFUNZIONALE verso."— Transcript della presentazione:

1 Diapositiva n°1 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 Produzione locale e RINTRACCIABILITA Unagricoltura MULTIFUNZIONALE verso

2 Diapositiva n°2 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 Gli obiettivi della vecchia PAC (art. 39 del Trattato di Roma) Sostegno dei redditi Sostegno dei redditi della popolazione agricola; (dimensione sociale) intensiva Aumento della produzione e della produttività, in coerenza ad una concezione intensiva di ammodernamento delle aziende. Sicurezza Sicurezza negli approvvigionamenti. Stabilità dei prezzi Stabilità dei prezzi di mercato. CONTESTOSTORICO

3 Diapositiva n°3 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 I nuovi obiettivi della PAC (Agenda 2000) tramonto degli obiettivi tradizionali Esplicito riconoscimento del tramonto degli obiettivi tradizionali della PAC multifunzionalità dellagricoltura La nuova parola dordine è la valorizzazione della multifunzionalità dellagricoltura: Aumento della competitività, a difesa delle quote di mercato mondiale dellagricoltura europea; Sostegno alloccupazione ed al reddito, nel quadro di strategie di sviluppo rurale; Dimensione agroambientale; Produzione di beni pubblici; Qualità e sicurezza del consumatore.

4 Diapositiva n°4 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 Concetto di QUALITÀ e SICUREZZA qualitàtrasparenza condizione necessaria L imposizione di requisiti di qualità e trasparenza ai prodotti alimentari tali da conciliare gli interessi dei produttori e dei consumatori, è la condizione necessaria per realizzare il più generale obiettivo di una crescita economica sostenuta. trasparenza rintracciabilità La qualità richiede requisiti di trasparenza che possono essere affermati utilizzando lo strumento della rintracciabilità. organolettica come tipicitàsalubrità sicurezza igienico sanitaria soddisfazione delle esigenze espresse e implicite del consumatore La qualità aggrega in sé diversi concetti Q. organolettica, Q. come tipicità, Q. industriale e commerciale, Q. come salubrità e Q. come sicurezza igienico sanitaria) ma può essere specificata attraverso la soddisfazione delle esigenze espresse e implicite del consumatore, il quale richiede innanzitutto garanzie di sicurezza alimentare provate e qualità riconoscibile dei prodotti.

5 Diapositiva n°5 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 RINTRACCIABILITÀ due modelli strategici distinti complementari Si stanno perciò affermando due modelli strategici distinti e complementari di qualità: sicurezza alimentare il primo inerente la sicurezza alimentare che è prerequisito che ogni alimento deve avere; differenziazione dei prodotti il secondo che afferma invece la differenziazione dei prodotti e delle produzioni e quindi la loro valorizzazione. rintracciabilità La rintracciabilità in entrambi i casi, è lo strumento che consente di dimostrare i requisiti richiesti e diventa di importanza strategica per tutti gli operatori del settore, ma diventa determinante soprattutto nel processo di rigenerazione dellagricoltura.

6 Diapositiva n°6 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 Definizione di RINTRACCIABILITÀ REG. CE La possibilità di seguire il percorso compiuto da un alimento, da un mangime, da un animale destinato alla produzione alimentare o da un ingrediente attraverso tutte le fasi della produzione e della distribuzione NORMA UNI - Capacità di ricostruire la storia e di seguire lutilizzo di un prodotto mediante identificazioni documentate (relativamente ai flussi materiali e agli operatori di filiera)

7 Diapositiva n°7 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 LA RINTRACCIABILITÀ SECONDO LUE E obbligatorio garantire alle autorità la possibilita di individuare almeno i fornitori in tutte le fasi dalla produzione fino al consumatore finale il quale deve essere agevolato nelle rintracciabilita attraverso adeguate etichette o altre modalità di identificazione LA RINTRACCIABILITÀ SECONDO LUNI E la CAPACITA di ricostruire la STORIA mediante IDENTIFICAZIONI DOCUMENTATE relative ad ATTIVITA E FLUSSI ( FILIERA) con rilevanza CRITICA per il PRODOTTO

8 Diapositiva n°8 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 IL CONSUMATORE FINALE E LA RINTRACCIABILITÀ Secondo lUE : etichettati Secondo lUE : gli alimenti devono essere adeguatamente etichettati o identificati per agevolarne la rintracciabilita Secondo lUNI :normazione volontaria Secondo lUNI : si raccomanda lintroduzione della normazione volontaria contenente le informazioni ai consumatori finali che sono rimesse in gran parte alle iniziative dei produttori e/o distributori

9 Diapositiva n°9 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 LE INDAGINI SUL CONSUMATORE provenienza nazionale 9 italiani su 10 ulteriore picco dopo i recenti allarmi sanitari La provenienza nazionale degli alimenti gioca un ruolo importante nella percezione di sicurezza alimentare con quasi 9 italiani su 10 che si fidano di più se ciò che arriva sulle loro tavole è stato prodotto entro i confini nazionali con un atteggiamento in aumento nel corso degli ultimi 3 anni che però raggiunge un ulteriore picco dopo i recenti allarmi sanitari. È quanto emerge dall' Indagine 2007 COLDIRETTI-SWG Le opinioni di italiani e europei sull'alimentazione presentata al Forum di Cernobbio organizzato dalla Coldiretti e Studio Ambrosetti. Europa 2 consumatori su 3 in Europa, peraltro, la provenienza nazionale, pur essendo importante per 2 consumatori su 3, non rappresenta una determinante d'acquisto altrettanto forte.

10 Diapositiva n°10 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 CONSUMATORE – attenzione al Made in Italy sull'etichettatura d'origine Questo atteggiamento rappresenta un punto fermo nei comportamenti d'acquisto degli italiani, che sull'etichettatura d'origine sono diventati sempre più consapevoli, rigorosi ed esigenti. Grazie alla mobilitazione della Coldiretti più della metà dei soldi spesi dai consumatori italiani per l'acquisto degli alimenti sono ora destinati a prodotti per i quali è possibile conoscere la provenienza Molto resta da fare salumiformaggicarne di maiale agnelloconserve vegetalisucchi di frutta latte a lunga conservazione Molto resta da fare per togliere dall'anonimato tutti gli alimenti, dai salumi ai formaggi, dalla carne di maiale a quella di agnello, dalle conserve vegetali ai succhi di frutta, ma anche per il latte a lunga conservazione

11 Diapositiva n°11 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 CONSUMATORE – attenzione al Made in Italy progetto di rigenerazione funzione di avanguardia obbligocarne bovina, uova, miele, ortofrutta fresca e in Italia per l'extravergine, latte fresco, carne di pollo e passata di pomodoro origine Il progetto di rigenerazione di Coldiretti candida lItalia a svolgere una funzione di avanguardia in Europa nelle politiche rivolte alla sicurezza alimentare e ad accelerare con coerenza il percorso già intrapreso a livello comunitario con l'estensione a tutti i prodotti alimentari dell'obbligo (già in vigore nella UE per carne bovina, uova, miele, ortofrutta fresca e in Italia per l'extravergine, latte fresco, carne di pollo e passata di pomodoro) di indicare nelle etichette l'origine della componente agricola impiegata.

12 Diapositiva n°12 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 COSA CAMBIA NEL RAPPORTO IMPRESA/CONSUMATORE PRODUZIONE AGRICOLA CONSUMATORE 3% 25%72% GDO >media/piccola COMMERCIO INDUSTRIA ORIGINEOBBLIGATORIAORIGINEOBBLIGATORIA ETICHETTATURAETICHETTATURA I N F O R M A Z I O N I

13 Diapositiva n°13 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 LA RINTRACCIABILITA proposta da COLDIRETTI valorizzazione dei prodotti TERRITORIOallORIGINE DELLA MATERIA PRIMA AGRICOLA Strumento per la valorizzazione dei prodotti e delle produzioni legate al TERRITORIO di provenienza e quindi allORIGINE DELLA MATERIA PRIMA AGRICOLA ORIGINE RINTRACCIATAEVIDENZIATA soddisfare le SPECIFICHE RICHIESTE del consumatore.LORIGINE della materia prima agricola risulta essere quella caratteristica DIFFERENZIALE ed ESCLUSIVA, che se RINTRACCIATA ed EVIDENZIATA consentirà di recuperare quel VALORE che attualmente è distribuito a valle dellimpresa agricola e permetterà di soddisfare le SPECIFICHE RICHIESTE del consumatore.

14 Diapositiva n°14 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 ORIGINE DELLA MATERIA PRIMA AGRICOLA E RIGENERAZIONE l Origine della materia prima agricola Evidenziare l Origine della materia prima agricola significa dare concretezza a una parte del progetto della RIGENERAZIONE di Coldiretti. RIGENERARE RIGENERARE significa mettere in grado le imprese di rispondere a tre condizioni essenziali e necessarie alla loro esistenza: - ESSERE COMPETITIVE - CONOSCERE LA DOMANDA - CONTRIBUIRE ALLO SVILUPPO DUREVOLE

15 Diapositiva n°15 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 LA TUTELA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ regole comunila tutela e la valorizzazione Regolamenti (CEE) 2081/92 e 2082/92 stabiliscono le regole comuni per la tutela e la valorizzazione DOP.. delle Denominazioni dOrigine: DOP.. IGP delle Indicazioni Geografiche: IGP ed attestazioni di specificità dei prodotti agricoli e alimentari. Uno dei punti di forza del sistema produttivo italiano. Grande potenziale di crescita e di sviluppo dellagricoltura italiana.

16 Diapositiva n°16 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 LA TUTELA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ regole comunila tutela e la valorizzazione Regolamenti (CEE) 2081/92 e 2082/92 stabiliscono le regole comuni per la tutela e la valorizzazione DOP delle Denominazioni dOrigine: DOP IGP delle Indicazioni Geografiche: IGP ed attestazioni di specificità dei prodotti agricoli e alimentari. Uno dei punti di forza del sistema produttivo italiano. Grande potenziale di crescita e di sviluppo dellagricoltura italiana. …Si pensi che secondo i dati del VIII Rapporto Nomisma le produzioni tipiche: raggiungono una PLV superiore ai 3 miliardi di Euro,raggiungono una PLV superiore ai 3 miliardi di Euro, rappresentano il 7% della PLV totale dellagricoltura nazionalerappresentano il 7% della PLV totale dellagricoltura nazionale occupano addettioccupano addetti

17 Diapositiva n°17 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 I PRIMATI DEL MADE IN ITALY A TAVOLA 163 Prodotti a denominazione o indicazione di origine protetta riconosciuti dall'Ue (Dop/Igp)163 Prodotti a denominazione o indicazione di origine protetta riconosciuti dall'Ue (Dop/Igp) (53 prodotti ortofrutticoli, 38 oli extravergini d'oliva, 33 formaggi, 28 prodotti a base di carne, 3 prodotti da panetteria, 3 spezie o essenze, 2 aceti, 2 prodotti di carne e frattaglie fresche e 1 miele) Prodotti tradizionali censiti dalle Regioni4.372 Prodotti tradizionali censiti dalle Regioni (1.301 paste fresche e prodotti panetteria, biscotteria, pasticceria, confetteria, prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati, 730 carni, frattaglie fresche e loro preparazione, 454 formaggi, 147 bevande analcoliche, distillati e liquori, 149 prodotti di origine animale come miele, lattiero-caseari escluso il burro, 139 preparazioni di pesci, crostacei e tecniche particolari di allevamento, 142 piatti composti o prodotti della gastronomia, 47 grassi come burro, margarina e oli, 33 condimenti).

18 Diapositiva n°18 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 I PRIMATI DEL MADE IN ITALY A TAVOLA 481 Vini a denominazione di origine controllata (Doc), controllata e garantita (Docg) e a indicazione geografica tipica (327 vini Doc, 34 Docg e 120 Igt pari ad oltre il 60% della produzione vinicola nazionale). ( (Fonte: Elaborazioni Coldiretti su dati MIPAAF)

19 Diapositiva n°19 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 LA TUTELA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ tipicità E noto inoltre come il concetto di tipicità sia ampiamente diffuso tra i consumatori Ma attenzione spesso ad esso non equivale UNA UNIVOCA CHIAVE INTERPRETATIVA La confusione deriva dal fatto che al concetto di tipicità vengono associati significati differenti: Origine geografica delimitata. Origine geografica delimitata. Specifica qualità organolettica. Specifica qualità organolettica. Produzione e/o trasformazione tradizionale o artigianali. Produzione e/o trasformazione tradizionale o artigianali. Storia e cultura locale. Storia e cultura locale.

20 Diapositiva n°20 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 LA TUTELA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ Addirittura in alcuni casi il consumatore percepisce come tipici prodotti di natura industriale senza alcun legame e/o vincoli con il territorio A chi va il merito? marketing Alla politica del marketing in grado di trasmettere valori ed aspetti riconducibili alla tradizione e alla qualita dei prodotti. polenta istantanea Valsugana non contiene mais Valsuganotto mais ogm Mon 810, non ammesso nel nostro paese In alcuni casi si rasenta la pubblicità ingannevole (es. polenta istantanea Valsugana prodotta e distribuita dalla Bonomelli che non contiene mais Valsuganotto ma addirittura una percentuale di mais ogm Mon 810, non ammesso nel nostro paese (fonte Camera di Commercio di Torino, per conto della Federconsumatori Piemonte).

21 Diapositiva n°21 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 OGM: COLDIRETTI/SWG, BOCCIATI DALLE TAVOLE IN ITALIA E ALL'ESTERO siano meno salutari preoccupazione diffusa per la salute. Tra i consumatori italiani prevale un atteggiamento di ostilità per i prodotti alimentari contenenti Organismi geneticamente Modificati (OGM): un'ampia maggioranza ritiene che siano meno salutari rispetto ai prodotti tradizionali (57%), diffida della loro artificialità (61 %) e ravvisa una preoccupazione diffusa per la salute. riduzione dell'incertezza sull'argomento Le opinioni di italiani e europei sull'alimentazione presentata al Forum di Cernobbio organizzato dalla Coldiretti e Studio Ambrosetti dalla quale si evidenzia peraltro che il dato più interessante è la riduzione dell'incertezza sull'argomento da parte degli intervistati anche per effetto della mobilitazione, che trova il suo culmine nella consultazione popolare avviata su questo tema e fortemente sostenuta da Coldiretti.

22 Diapositiva n°22 Volano, Giovedì 08 novembre 2007

23 Diapositiva n°23 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 OGM free: DIFENDERSI DALLOMOLAGAZIONE e DELOCALIZZAZIONE crescente opposizione al biotech nel piatto scelta economica consumare alimenti di qualità, con un forte legame territoriale La crescente opposizione al biotech nel piatto dimostra che la nostra iniziativa di mobilitazione non è il frutto di una scelta ideologica ma economica a tutela dell'impresa per una agricoltura che guarda al mercato e risponde alle domande dei cittadini, che chiedono di consumare alimenti di qualità, con un forte legame territoriale made in Italydifenderle dalla omologazione e dalla delocalizzazione territoriale Il vero obiettivo deve essere quindi quello di valorizzare le produzioni made in Italy e di difenderle dalla omologazione e dalla delocalizzazione territoriale e per questo occorre continuare l'impegno contro i tentativi di inquinamento da biotech.

24 Diapositiva n°24 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 OGM : posizione Coldiretti continuare un percorso Per quanto riguarda Coldiretti si tratta di continuare un percorso che oggi, evidentemente, si rafforza. precauzione NO Sono ormai diversi anni che Coldiretti, ha scelto la strada della precauzione e, fino a prova contraria (scentificatamente accreditata), ha espresso un deciso NO agli OGM. importanti segni negativiEuropeo Nazionale Ci sono però importanti segni negativi, a livello Europeo ma anche a livello Nazionale che bisogna saper leggere e rispetto ai quali dovremmo individuare una strategia condivisa.

25 Diapositiva n°25 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 OGM : posizione Coldiretti economia Cè sicuramente una parte del mondo delleconomia che non vede di buon occhio questa iniziativa, e non si tratta di quei sistemi multinazionali che sugli OGM fanno business diretto, ma di tutti quei sistemi che indirettamente preferiscono unagricoltura omologata; cartolina nel vasetto che gli permette di utilizzare la cartolina dei nostri territori e produzioni di qualità da mettere sulletichetta, ed il prodotto di questa agricoltura omologata nel vasetto garantendosi così maggiori profitti. ricerca Cè poi il mondo della ricerca chiaramente diviso, anchesso spesso ambiguo e quasi sempre finanziato dalle stesse industrie biotecnologiche che producono OGM.

26 Diapositiva n°26 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 Coalizione ItaliaEuropa liberi da OGM : quale futuro? comunità europea unistituzione dei cittadini Il futuro di questa grande Coalizione Nazionale, secondo Coldiretti, dovrà prevedere un allargamento del campo dazione ai livelli europei assicurandosi che la comunità europea diventi unistituzione dei cittadini. lUE decidesse di continuare Se però la battaglia dellallargamento alla comunità europea si dimostrasse lunga e difficile e lUE decidesse di continuare sulla strada intrapresa, OGM una questione economica NOI IN ITALIA NON LI VOGLIAMO siccome Coldiretti ha fatto degli OGM una questione economica, e non sono ideologica, sarà Coldiretti assieme a tanti uomini e donne di buona volontà che dirà, in modo inequivocabile :……………… NOI IN ITALIA NON LI VOGLIAMO

27 Diapositiva n°27 Volano, Giovedì 08 novembre 2007

28 Diapositiva n°28 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 Grazie dellattenzione


Scaricare ppt "Diapositiva n°1 Volano, Giovedì 08 novembre 2007 Produzione locale e RINTRACCIABILITA Unagricoltura MULTIFUNZIONALE verso."

Presentazioni simili


Annunci Google