La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il punto sullepidemia HIV Epidemiologia e Prevenzione Dipartimento di Prevenzione Dr. Massimo Agostini Fossombrone 23 novenbre 2006 Fatti non foste a viver.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il punto sullepidemia HIV Epidemiologia e Prevenzione Dipartimento di Prevenzione Dr. Massimo Agostini Fossombrone 23 novenbre 2006 Fatti non foste a viver."— Transcript della presentazione:

1 Il punto sullepidemia HIV Epidemiologia e Prevenzione Dipartimento di Prevenzione Dr. Massimo Agostini Fossombrone 23 novenbre 2006 Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza. (Dante, Inferno XXVI )

2 Stima persone viventi con HIV, nuove infezioni e decessi nel 2004 (dati OMS) Persone viventi con HIV Totale Adulti Donne < 15 aa 39,4 milioni 37,2 milioni 17,6 milioni 2.2 milioni Nuove infezioni Totale Adulti < 15 aa 4,9 milioni 4,3 milioni Morti per AIDSTotale Adulti < 15 aa 3,1 milioni 2,6 milioni Fossombrone 23 novenbre 2006 Dr. Massimo Agostini

3 Stima persone viventi con HIV alla fine del 2004 (dati OMS) Fossombrone 23 novenbre 2006 Dr. Massimo Agostini

4 Casi di AIDS in Italia per semestre di diagnosi, corretti per ritardo di notifica e tasso annuale di incidenza al 31 Dicembre Dal 1982 notificati casi di cui 77% maschi, 741 (1,4%) pediatrici Fossombrone 23 novenbre 2006 Dr. Massimo Agostini

5 Tassi di incidenza AIDS 2004 (x abitanti) per regione (dati ISS) Fossombrone 23 novenbre 2006 Dr. Massimo Agostini

6 HIV positivi assistiti In AIDS Nuovi casi/anno Pesaro-Urbino Stime relative alla Regione Marche 2004(dati Regione Marche) persone Assistite Stime relative alla Regione Marche 2004 – 2005 (dati Regione Marche) persone Assistite Fossombrone 23 novenbre 2006 Dr. Massimo Agostini

7 Regione Marche dati ufficiosi (Servizio Salute) Casi AIDS per zone territoriali al 30/10/06 Zona territoriale di residenza casi cumulati al 2005 Casi del 2006 Casi Cumulati al 30/10/06 Pesaro Urbino 320 Fano63265 Senigallia Jesi Ancona Fabriano 808 Civitanova M Macerata Camerino Fermo S.Benedetto del Tr. 780 Ascoli P Fuori Regione Totali residenti marche Fossombrone 23 novenbre 2006 Dr. Massimo Agostini

8 Regione Marche dati ufficiosi (Servizio Salute) AIDS per zone territoriali al 30/10/06 Tassi x ab Fossombrone 23 novenbre 2006 Dr. Massimo Agostini

9 Regione Marche - Casi AIDS cumulati per categoria di esposizione CategorieANNI AL30/10/2006% Omo - Bissex ,08 Tossicodipendenti ,41 Rapporti eteroseesuali ,23 Rischio non definito ,91 Altro ,38 Fossombrone 23 novenbre 2006 Dr. Massimo Agostini

10

11 Progressivo > casi in età superiore 35 anni È aumentata letà media alla diagnosi ES 69.1% oggi la categoria più colpita> casi a trasmissione ES (dal 18,1% (ISS del 94/95 al 40,3% nel 2004 – dati Regione Marche ufficiosi al 31/10/06= 69.1% ) oggi la categoria più colpita TD< casi da TD (dal 61,6% al 32,5% nel 2004 – dati ufficiosi al 31/10/06:15.4 ) Caratteristiche epidemiologiche Fossombrone 23 novenbre 2006 Dr. Massimo Agostini

12 Distribuzione dei casi per categoria di esposizione e anno di diagnosi (dati ISS) Fossombrone 23 novenbre 2006 Dr. Massimo Agostini

13 Casi pediatrici Regioni più colpite Lombardia, Lazio, Emilia Romagna Dal 1997 notevolissima riduzione nuovi casi, nel 2004 solo 3 casi (57 nel 94) Modalità di esposizione principale quella verticale dalla madre Dal 1994/95 nessun caso in emofilico Fossombrone 23 novenbre 2006 Dr. Massimo Agostini

14 Altri aspetti epidemiologici significativi In aumento il numero di pazienti in cui la scoperta della sieropositività è vicina alla diagnosi di AIDS Più probabile ritardo diagnosi negli infettati per via ES (64%) che TD (13%) Stesso trend per ricorso alla terapia prima della diagnosi di AIDS 23% contro > 50% Fossombrone 23 novenbre 2006 Dr. Massimo Agostini

15 Prevenzione

16 Obiettivi di prevenzione Evitare il contagio della malattia Ridurre o eliminare i fattori di rischio e promuovere ladozione di norme preventive universali Rendere maggiormente consapevoli i soggetti che hanno avuto un comportamento a rischio, invitandoli ad eseguire il test HIV Far conoscere i rischi dellinfezione, le attuali possibilità di cura ed i vantaggi di una diagnosi precoce e dellavvio anticipato delle cure stesse Sviluppare atteggiamenti positivi verso coloro che sono stati contagiati e affermare il diritto alla riservatezza e alla piena partecipazione alla vita produttiva, sociale e culturale dei malati di AIDS Fossombrone 23 novenbre 2006 Dr. Massimo Agostini


Scaricare ppt "Il punto sullepidemia HIV Epidemiologia e Prevenzione Dipartimento di Prevenzione Dr. Massimo Agostini Fossombrone 23 novenbre 2006 Fatti non foste a viver."

Presentazioni simili


Annunci Google