La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il carcinoma epatocellulare (HCC). Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa 2003 - 04 2 Epatocarcinoma: epidemiologia, inquadramento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il carcinoma epatocellulare (HCC). Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa 2003 - 04 2 Epatocarcinoma: epidemiologia, inquadramento."— Transcript della presentazione:

1 Il carcinoma epatocellulare (HCC)

2 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Epatocarcinoma: epidemiologia, inquadramento clinico e scelte terapeutiche Quanto è frequente lHCC ? Quanto è frequente lHCC ? Quali sono i pazienti a rischio ? Quali sono i pazienti a rischio ? Qual è lincidenza dellHCC ? Qual è lincidenza dellHCC ? Come si conduce lo screening nei Come si conduce lo screening nei pazienti a rischio ? pazienti a rischio ? Come si fa la diagnosi ? Come si fa la diagnosi ? Come si cura ? Come si cura ? Come si sceglie la cura ? Come si sceglie la cura ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ?

3 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Mortalità per Cirrosi e Tumore primitivo del fegato (n) in Italia Dati ISTAT

4 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Frequenza dellHCC (%) tra tutti i pazienti deceduti per malattie croniche del fegato in Italia Dati ISTAT

5 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Trend della mortalità per Epatocarcinoma in Italia, per sesso. Dati ISTAT

6 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Epatocarcinoma: epidemiologia, inquadramento clinico e scelte terapeutiche Quanto è frequente lHCC ? Quanto è frequente lHCC ? Quali sono i pazienti a rischio ? Quali sono i pazienti a rischio ? Qual è lincidenza dellHCC ? Qual è lincidenza dellHCC ? Come si conduce lo screening nei Come si conduce lo screening nei pazienti a rischio ? pazienti a rischio ? Come si fa la diagnosi ? Come si fa la diagnosi ? Come si cura ? Come si cura ? Come si sceglie la cura ? Come si sceglie la cura ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ?

7 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Prevalenza della cirrosi in pazienti con HCC Bréchot et al J Hepatol 29: , 1998

8 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Sesso ed età media dei pazienti con HCC: casistica personale ( 322 pz ) I pazienti con HCC sono più frequentemente di sesso maschile. Letà media alla diagnosi è significativamente più elevata nelle femmine. p =

9 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Rischio Relativo (RR) di HCC in pazienti con infezioni croniche da HBV ed HCV: meta-analisi di studi epidemiologici HBs Ag positivi RR (95 % CI) HCV Ab positivi RR (95 % CI) HBs Ag + HCV Ab RR (95 % CI) 20.4 (18.0 – (20.0 – (79.7 – 242) Donato F et al Int J Cancer 75: , 1998

10 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Epatocarcinoma: epidemiologia, inquadramento clinico e scelte terapeutiche Quanto è frequente lHCC ? Quanto è frequente lHCC ? Quali sono i pazienti a rischio ? Quali sono i pazienti a rischio ? Qual è lincidenza dellHCC ? Qual è lincidenza dellHCC ? Come si conduce lo screening nei Come si conduce lo screening nei pazienti a rischio ? pazienti a rischio ? Come si fa la diagnosi ? Come si fa la diagnosi ? Come si cura ? Come si cura ? Come si sceglie la cura ? Come si sceglie la cura ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ?

11 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Incidenza annuale dellHCC in pazienti con Cirrosi Epatica Oka M et al Hepatology 12: 680 – 687, 1990 Cottone M et al J Hepatol 21: 1029 – 1034, 1994 Colombo M et al NEJM 325: 675 – 680, 1991 numero di pazienti Incidenza di HCC 6.5 % 4.4 % 3.2 %

12 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa MaschioEtà > 50 aa AFP > 20 ng N di pazienti N di casi di HCC Incidenza annuale di HCC (%) HCC RR (95 % CI) (2.3 – 23.9) (1.6 – 16.7) (1.2 – 10.9) (0.7 – 12) Un fattore predittivo (0.4 – 13.2) Nessun fattore predittivo Totale Studio prospettico sulla incidenza dellHCC in pazienti con cirrosi compensata: 12 anni di follow up. Da: Colombo et al in Prevenzione e terapia delle malattie epatiche. Roma, Gennaio 2001

13 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Epatocarcinoma: epidemiologia, inquadramento clinico e scelte terapeutiche Quanto è frequente lHCC ? Quanto è frequente lHCC ? Quali sono i pazienti a rischio ? Quali sono i pazienti a rischio ? Qual è lincidenza dellHCC ? Qual è lincidenza dellHCC ? Come si conduce lo screening nei Come si conduce lo screening nei pazienti a rischio ? pazienti a rischio ? Come si fa la diagnosi ? Come si fa la diagnosi ? Come si cura ? Come si cura ? Come si sceglie la cura ? Come si sceglie la cura ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ?

14 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Alfa 1 fetoproteina (AFP) Ultrasonografia (US) Epatocarcinoma: Test di screening

15 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Alfa 1 fetoproteina (AFP) Alfa 1 fetoproteina (AFP) I valori normali di AFP nelladulto oscillano tra 1 e 15 ng/dl I valori normali di AFP nelladulto oscillano tra 1 e 15 ng/dl In corso di gravidanza lAFP aumenta fin oltre 500 ng/dl dopo la 28 a settimana In corso di gravidanza lAFP aumenta fin oltre 500 ng/dl dopo la 28 a settimana Valori elevati si possono osservare nei teratomi delle gonadi e nei tumori dei testicoli Valori elevati si possono osservare nei teratomi delle gonadi e nei tumori dei testicoli Valori compresi tra 20 e 200 ng/dl si possono osservare in corso di epatopatia Valori compresi tra 20 e 200 ng/dl si possono osservare in corso di epatopatia NellHCC, valori > di 400 ng/dl sono presenti solo nel 12,1 % dei casi. NellHCC, valori > di 400 ng/dl sono presenti solo nel 12,1 % dei casi. Epatocarcinoma: Test di screening

16 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Aspetto Aspetto nodulare nodulare diffuso diffuso Numerosità Numerosità unico unico multiplo multiplo Ecogenicità Ecogenicità nodulo ipoecogeno nodulo ipoecogeno nodulo iperecogeno nodulo iperecogeno nodulo misto nodulo misto Epatocarcinoma: Ultrasonografia (US) Limiti Limiti netti, con o senza alone ipoecogeno netti, con o senza alone ipoecogeno Indefiniti Indefiniti Dimensioni Dimensioni Localizzazione Localizzazione Trombosi vasale Trombosi vasale Presente Presente Assente Assente

17 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Criteri relativi al numero ed alle dimensioni del/i tumori utilizzati per la selezione del trattamento Nodulo unico di diametro inferiore a 5 cm Nodulo unico di diametro inferiore a 5 cm Noduli multipli in numero massimo di 3, ciascuno di diametro massimo di 3 cm Noduli multipli in numero massimo di 3, ciascuno di diametro massimo di 3 cm

18 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Studio N cirrotici Intervallo di screening NHCCHCCIncidenzaAnnuale Diametro dei noduli < 5 cm AFP (> 400 ng/ml) Sato % 88 % 41 % Cottone ,4 % 83 % 60 % Colombo ,5 % 41 % 35 % Studi prospettici sulla identificazione dellHCC mediante US in pazienti con cirrosi compensata

19 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Epatocarcinoma: epidemiologia, inquadramento clinico e scelte terapeutiche Quanto è frequente lHCC ? Quanto è frequente lHCC ? Quali sono i pazienti a rischio ? Quali sono i pazienti a rischio ? Qual è lincidenza dellHCC ? Qual è lincidenza dellHCC ? Come si conduce lo screening nei Come si conduce lo screening nei pazienti a rischio ? pazienti a rischio ? Come si fa la diagnosi ? Come si fa la diagnosi ? Come si cura ? Come si cura ? Come si sceglie la cura ? Come si sceglie la cura ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ?

20 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Biochimica Biochimica alfa1fetoproteina alfa1fetoproteina Strumentale Strumentale ecografia ecografia AngioTC Spirale AngioTC Spirale Risonanza Magnetica Risonanza Magnetica Arteriografia Arteriografia Istologica Istologica Prelievo eco o TAC guidato Prelievo eco o TAC guidato Carcinoma Epatocellulare: Diagnosi Fegato

21 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Pazienti cirrotici (US + A1FP ogni 6 mesi) Nodulo epatico > 1 cm < 1 cm < 2 cm > 2 cm Agobiopsia Epatocarcinoma A1FP > 400 ng/ml o CT/RMN/Angiografia US / 3 Mesi Sorveglianza US + A1FP /6 mesi Assenza di noduli A1FP aumentata (>20 ng/dl) TC spirale A1FP Normale Assenza di HCC Bruix J et al Journal of Hepatology 2001; 35:

22 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Confronto tra tecniche di immagine nella diagnosi di noduli di HCC in 43 fegati espiantatiUS TC Spirale RMNSensibilità Specificità Diametro medio delle lesioni identificate: 20.1 mm Diametro medio delle lesioni non identificate: 10.3 mm Rode A et al J Computer Assisted Tomography 25: , 2001

23 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa DIAGNOSI ISTOLOGICA: NODULI ISTOLOGICAMENTE NEGATIVI Fallimento diagnostico della biopsia epatica Fallimento diagnostico della biopsia epatica Materiale prelevato insufficiente per una adeguata valutazione Materiale prelevato insufficiente per una adeguata valutazione Mancato prelievo allinterno del nodulo Mancato prelievo allinterno del nodulo Quadro istologico non differenziabile dal tessuto cirrotico circostante Quadro istologico non differenziabile dal tessuto cirrotico circostante Foci di epatocarcinoma allinterno di un macronodulo Foci di epatocarcinoma allinterno di un macronodulo In caso di negatività della biopsia iniziale è fortemente raccomandata la ripetizione di una nuova biopsia, possibilmente doppia sul nodulo ed accompagnata da una biopsia sul parenchima circostante, soprattutto se la diagnosi iniziale è stata di fibrosteatosi o cirrosi In caso di negatività della biopsia iniziale è fortemente raccomandata la ripetizione di una nuova biopsia, possibilmente doppia sul nodulo ed accompagnata da una biopsia sul parenchima circostante, soprattutto se la diagnosi iniziale è stata di fibrosteatosi o cirrosi

24 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Epatocarcinoma: epidemiologia, inquadramento clinico e scelte terapeutiche Quanto è frequente lHCC ? Quanto è frequente lHCC ? Quali sono i pazienti a rischio ? Quali sono i pazienti a rischio ? Qual è lincidenza dellHCC ? Qual è lincidenza dellHCC ? Come si conduce lo screening nei Come si conduce lo screening nei pazienti a rischio ? pazienti a rischio ? Come si fa la diagnosi ? Come si fa la diagnosi ? Come si cura ? Come si cura ? Come si sceglie la cura ? Come si sceglie la cura ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ?

25 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Terapia dellHCC Terapie locoregionali Percutanee ecoguidate Intra-arteriose Chirurgia Resettiva Trapianto

26 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Prima opzione per pazienti di età inferiore a 65 anni con un nodulo di max 5 cm o tre noduli di massimo 3 cm ciascuno Prima opzione per pazienti di età inferiore a 65 anni con un nodulo di max 5 cm o tre noduli di massimo 3 cm ciascuno Vantaggi: Vantaggi: Sostituendo tutto il fegato si elimina la malattia che è il principale fattore di rischio della recidiva Sostituendo tutto il fegato si elimina la malattia che è il principale fattore di rischio della recidiva Svantaggi: Svantaggi: Scarsità ed imprevedibilità della disponibilità degli organi Scarsità ed imprevedibilità della disponibilità degli organi Non è esclusa la recidiva di malattia sullorgano trapiantato Non è esclusa la recidiva di malattia sullorgano trapiantato Trapianto di fegato per HCC

27 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Resezione chirurgica dellHCC Prima opzione per pazienti di età superiore a 65 anni, C-P A o B, con un nodulo di max 5 cm o più noduli ma in due segmenti adiacenti Prima opzione per pazienti di età superiore a 65 anni, C-P A o B, con un nodulo di max 5 cm o più noduli ma in due segmenti adiacenti Vantaggi: Vantaggi: La rimozione della neoplasia è in genere totale La rimozione della neoplasia è in genere totale Svantaggi: Svantaggi: Lintervento spesso scompensa la cirrosi Lintervento spesso scompensa la cirrosi La localizzazione in alcuni segmenti (I ed VIII) e la coesistenza di altre patologie rende impossibile la resezione La localizzazione in alcuni segmenti (I ed VIII) e la coesistenza di altre patologie rende impossibile la resezione La recidiva di neoplasia sul fegato comunque cirrotico è molto elevata e lintervento nella maggior parte dei casi non è ripetibile La recidiva di neoplasia sul fegato comunque cirrotico è molto elevata e lintervento nella maggior parte dei casi non è ripetibile

28 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Terapia locale dellepatocarcinoma Prima opzione per pazienti non operabili o bridge verso il trapianto. Prima opzione per pazienti non operabili o bridge verso il trapianto. Vantaggi: Vantaggi: Rischi di morbidità e mortalità molto bassi Rischi di morbidità e mortalità molto bassi La rimozione della neoplasia è in genere totale La rimozione della neoplasia è in genere totale Può essere ripetuta più volte sulla stessa lesione o su lesioni nuove Può essere ripetuta più volte sulla stessa lesione o su lesioni nuove Svantaggi: Svantaggi: Spesso necessita di reinterventi sulla stessa lesione per la eradicazione totale del tessuto neoplastico Spesso necessita di reinterventi sulla stessa lesione per la eradicazione totale del tessuto neoplastico Le tecniche di valutazione della efficacia del trattamento spesso non risolvono i dubbi sulla persistenza di tessuto vitale Le tecniche di valutazione della efficacia del trattamento spesso non risolvono i dubbi sulla persistenza di tessuto vitale La localizzazione in alcuni segmenti (I ed VIII) rende impossibile il raggiungimento della lesione La localizzazione in alcuni segmenti (I ed VIII) rende impossibile il raggiungimento della lesione La recidiva di neoplasia sul fegato comunque cirrotico è molto elevata La recidiva di neoplasia sul fegato comunque cirrotico è molto elevata

29 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Ablazione a radiofrequenza Temperatura + superficie di esposizione dellago + tempo di esposizione = estensione della lesione termica Agitazione ionica Campo elettromagnetico ad elevata intensità Generatore a RF 480 – 500 kHz – 200 W Effetto termico resistivo

30 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa – 10 uncini in nickel-titanio Ago espandibile (1.9 mm) Ablazione a radiofrequenza

31 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Ablazione a radiofrequenza

32 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa

33 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Chemioembolizzazione (TACE) TACE = Transcatheter Hepatic Artery ChemoEmbolization TACE = Transcatheter Hepatic Artery ChemoEmbolization Razionale: Razionale: Le neoplasie ricevono la maggior parte dellapporto ematico per via arteriosa Le neoplasie ricevono la maggior parte dellapporto ematico per via arteriosa Iniezione di olio iodato (Lipiodol) commisto con: mitomicina, doxirubicina o epirubicina Iniezione di olio iodato (Lipiodol) commisto con: mitomicina, doxirubicina o epirubicina Chiusura della arteria afferente con gelfoam Chiusura della arteria afferente con gelfoam

34 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Arteriografia in soggetto con HCC multifocale

35 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Chemioterapia sistemica Chemioterapia sistemica Abbandonata Abbandonata Tamoxifene Tamoxifene Dati discordanti ma attualmente non si ritiene che vi sia indicazione a questo trattamento Dati discordanti ma attualmente non si ritiene che vi sia indicazione a questo trattamento Castells A et al Gastroenterology 1995; 109: 917 – 922 Castells A et al Gastroenterology 1995; 109: 917 – 922 CLIP Group Lancet 1998; 352: CLIP Group Lancet 1998; 352: Anti-androgeni sono inefficaci Anti-androgeni sono inefficaci Grimaldi C et al J Clin Oncol 1998; 16: 411 – 417 Grimaldi C et al J Clin Oncol 1998; 16: 411 – 417 Manesis EK et al Hepatology 1995; 21: Manesis EK et al Hepatology 1995; 21: Interferone Interferone Dati discordanti tra casistiche orientali ed Europee Dati discordanti tra casistiche orientali ed Europee Lai CL et al Hepatology 1993; 17: 389 – 394 Lai CL et al Hepatology 1993; 17: 389 – 394 Llovet JM et al Hepatology 2000; 31: 1 – 5 Llovet JM et al Hepatology 2000; 31: 1 – 5 Octreotide Octreotide Dati discordanti Dati discordanti Kouroumalis E et al Gut 1998; 42: 442 – 447. Kouroumalis E et al Gut 1998; 42: 442 – 447. Yuen MF et al Hepatology 2002; 36: 687 – 691 Yuen MF et al Hepatology 2002; 36: 687 – 691 Terapia farmacologica

36 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa HCC: Scintigrafia con Octreotide marcata (Octreoscan) Octreoscan positivo in 15 pazienti su 17 Diversa espressività dei recettori

37 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Epatocarcinoma: epidemiologia, inquadramento clinico e scelte terapeutiche Quanto è frequente lHCC ? Quanto è frequente lHCC ? Quali sono i pazienti a rischio ? Quali sono i pazienti a rischio ? Qual è lincidenza dellHCC ? Qual è lincidenza dellHCC ? Come si conduce lo screening nei Come si conduce lo screening nei pazienti a rischio ? pazienti a rischio ? Come si fa la diagnosi ? Come si fa la diagnosi ? Come si cura ? Come si cura ? Come si sceglie la cura ? Come si sceglie la cura ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ?

38 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Criteri per la selezione del trattamento Tumore Tumore Nodulo unico di diametro inferiore a 5 cm Nodulo unico di diametro inferiore a 5 cm Noduli multipli in numero massimo di 3, ciascuno di diametro massimo di 3 cm Noduli multipli in numero massimo di 3, ciascuno di diametro massimo di 3 cm Cirrosi Child- Pugh Trombosi portale Varici esofagee Paziente Età Coesistenza di altra patologia

39 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Child Pugh A: punti Spettanza di vita: anni Mortalità per chirurgia addominale: 10 % Child Pugh B: punti Valutare per trapianto epatico Mortalità per chirurgia addominale: 30 % Child Pugh C: punti Spettanza di vita: da 1 a 3 anni Mortalità per chirurgia addominale: 82 % Stadiazione della cirrosi: Child – Pugh Significato

40 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Stadiazione della malattia Stadiazione delle condizioni generali Stadiazione delle condizioni generali Performance status Performance status Stadiazione della cirrosi Stadiazione della cirrosi Child - Pugh Child - Pugh Stadiazione della ipertensione portale e valutazione del rischio di sanguinamento Stadiazione della ipertensione portale e valutazione del rischio di sanguinamento NIEC NIEC Stadiazione della neoplasia Stadiazione della neoplasia Locale Locale Sistemica Sistemica Okuda Okuda CLIP CLIP BCLC BCLC TNM TNM

41 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Metastasi da HCC Prevalenza delle metastasi: 12.9 % Localizzazione delle metastasi: Ossa48,4 % Polmone19.4 % Linfonodi addominali 6.4 % Surrene 6.4 % Cranio 3.2 % Altre sedi16.2 % Dati Personali

42 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Pregressi trattamenti con IFN10.7 % Pregressi trattamenti con IFN10.7 % Diagnosi di HCC Diagnosi di HCC Istologica55.7 % Istologica55.7 % Clinica – Strumentale 44.3 % Clinica – Strumentale 44.3 % Child-Pugh alla diagnosi: Child-Pugh alla diagnosi: A63.8 % A63.8 % B31.6 % B31.6 % C 4.6 % C 4.6 % Pazienti con valori di Pazienti con valori di alfa1fetoproteina > 400 ng/dl12.1 % alfa1fetoproteina > 400 ng/dl12.1 % Popolazione di 322 pazienti con HCC osservata presso la Divisione di Gastroenterologia – Policlinico Umberto I, Roma

43 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Lesioni Uniche71.5 % Lesioni Uniche71.5 % Diametro medio delle lesioni uniche Diametro medio delle lesioni uniche cm (range 0.6 – 17 cm) cm (range 0.6 – 17 cm) Diametro medio delle lesione più grande in caso di lesioni multiple Diametro medio delle lesione più grande in caso di lesioni multiple cm (range 2 – 11 cm) cm (range 2 – 11 cm) Stadio di Okuda alla diagnosi di HCC Stadio di Okuda alla diagnosi di HCC I 52.3 % I 52.3 % II 43.5 % II 43.5 % III 4.2 % III 4.2 % Popolazione di 322 pazienti con HCC osservata presso la Divisione di Gastroenterologia – Policlinico Umberto I, Roma

44 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Trattamenti applicati in 322 pazienti con HCC osservati presso la II Cattedra di Gastroenterologia – Policlinico Umberto I - Roma

45 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Valutazione della risposta La Tc spirale trifasica ad almeno 30 giorni dal termine del trattamento è lesame di scelta La Tc spirale trifasica ad almeno 30 giorni dal termine del trattamento è lesame di scelta La presenza di Lipiodol può diminuire lefficacia diagnostica della TC. In tal caso è indicata la esecuzione di una RMN. La presenza di Lipiodol può diminuire lefficacia diagnostica della TC. In tal caso è indicata la esecuzione di una RMN. LUS con luso Color doppler con o senza mdc non è affidabile. Altre tecniche ecografiche di contrasto sono ancora in valutazione. LUS con luso Color doppler con o senza mdc non è affidabile. Altre tecniche ecografiche di contrasto sono ancora in valutazione. (AFP: ruolo di valido complemento solo nei casi di aumento prima del trattamento) (AFP: ruolo di valido complemento solo nei casi di aumento prima del trattamento)

46 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Epatocarcinoma: epidemiologia, inquadramento clinico e scelte terapeutiche Quanto è frequente lHCC ? Quanto è frequente lHCC ? Quali sono i pazienti a rischio ? Quali sono i pazienti a rischio ? Qual è lincidenza dellHCC ? Qual è lincidenza dellHCC ? Come si conduce lo screening nei Come si conduce lo screening nei pazienti a rischio ? pazienti a rischio ? Come si fa la diagnosi ? Come si fa la diagnosi ? Come si cura ? Come si cura ? Come si sceglie la cura ? Come si sceglie la cura ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ?

47 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Recidiva La recidiva di neoplasia è molto elevata: La recidiva di neoplasia è molto elevata: Circa il 70 % a 3 anni Circa il 70 % a 3 anni Tra 80 e 100 a 5 anni Tra 80 e 100 a 5 anni La prevenzione secondaria: La prevenzione secondaria: Retinoidi: Acido poliprenoico Retinoidi: Acido poliprenoico Interferone Interferone

48 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Alfa 1 fetoproteina (AFP) Ogni 3 mesi Ultrasonografia (US) Ogni 3 mesi AngioTC spirale total-body Ogni 12 mesi o su indicazione clinica Scintigrafia ossea Total body Ogni 12 mesi Epatocarcinoma: follow up post-trattamento

49 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Epatocarcinoma: epidemiologia, inquadramento clinico e scelte terapeutiche Quanto è frequente lHCC ? Quanto è frequente lHCC ? Quali sono i pazienti a rischio ? Quali sono i pazienti a rischio ? Qual è lincidenza dellHCC ? Qual è lincidenza dellHCC ? Come si conduce lo screening nei Come si conduce lo screening nei pazienti a rischio ? pazienti a rischio ? Come si fa la diagnosi ? Come si fa la diagnosi ? Come si cura ? Come si cura ? Come si sceglie la cura ? Come si sceglie la cura ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ?

50 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Epatocarcinoma: Key points - 1 Quanto è frequente lepatocarcinoma ? Quali sono i pazienti a rischio ? Qual è lincidenza dellHCC ? Circa decessi allanno in Italia dovuti allHCC Pazienti di età maggiore di 50 anni, affetti da cirrosi epatica o da epatite cronica HCV e/o HBV correlata, con valori di Alfa1FP al disopra di 20 ng/dl, soprattutto se maschi e con genotipo 1b dellHCV e che possano essere sottoposti a trattamento in caso di diagnosi di HCC. Lincidenza dellHCC nei pazienti cirrotici varia tra il 3 ed il 7 % allanno

51 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Epatocarcinoma: Key points - 2 Come si conduce lo screening nei pazienti a rischio ? Come si conduce lo screening nei pazienti a rischio ? Come si fa la diagnosi ? Come si fa la diagnosi ? Come si cura ? Come si cura ? Mediante la ripetizione semestrale di una ecografia epatica ed il dosaggio della alfa1fetoproteina Utilizzando in maniera appropriata le tecniche di immagine ed il valore della alfa1fetoproteina che è ritenuto diagnostico per valori maggiori di 400 ng/dl Con il trapianto epatico, con la resezione chirurgica, con le cosiddette tecniche locoregionali, con la terapia medica

52 Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa Epatocarcinoma: Key points - 3 Come si sceglie la cura ? Come si sceglie la cura ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ? Come si controllano i pazienti che hanno avuto un HCC ? Utilizzando criteri relativi: Al tumore Al tumore Alla cirrosi Alla cirrosi Al paziente Al paziente Mediante la ripetizione: Mediante la ripetizione: trimestrale trimestrale di una ecografia epatica e del dosaggio della alfa1fetoproteina Annuale di una AngioTc spirale e di una scintigrafia ossea


Scaricare ppt "Il carcinoma epatocellulare (HCC). Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia - aa 2003 - 04 2 Epatocarcinoma: epidemiologia, inquadramento."

Presentazioni simili


Annunci Google