La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi di Catania I VIRUS INFLUENZALI Guido Scalia Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Catania LINFLUENZA AVIARIA Catania,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi di Catania I VIRUS INFLUENZALI Guido Scalia Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Catania LINFLUENZA AVIARIA Catania,"— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi di Catania I VIRUS INFLUENZALI Guido Scalia Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Catania LINFLUENZA AVIARIA Catania, 21 dicembre 2005

2 La comunicazione LA REPUBBLICA Influenza aviaria, altri due morti due ragazze stroncate in Indonesia E l 'Oms lancia l'allarme: probabili nuovi casi in Cina

3 La comunicazione LA REPUBBLICA Influenza aviaria, la Ue annuncia "Un vaccino efficace per l'uomo" L'antidoto è attivo contro il ceppo H7N1 che causò la moria di polli nel 1999 "Lo studio utile per ricavare il vaccino contro il più temibile H5"

4 La comunicazione LA REPUBBLICALA REPUBBLICA Trovate morte venticinque oche in riva a un lago di Neuwied Nel trapanese le carcasse dei volatili, forse morti per cibo trattato Aviaria, caso sospetto in Germania In Sicilia trovati 90 piccioni morti Trovate morte venticinque oche in riva a un lago di Neuwied Nel trapanese le carcasse dei volatili, forse morti per cibo trattato Aviaria, caso sospetto in Germania In Sicilia trovati 90 piccioni morti

5 La comunicazione LA REPUBBLICALA REPUBBLICA Ue, virus polli è una minaccia mondiale Tamiflu, Roche aumenta la produzioneUe, virus polli è una minaccia mondiale Tamiflu, Roche aumenta la produzionevirus Tamifluvirus Tamiflu Influenza polli come la 'spagnola' Stesso virus, rischi di pandemiaInfluenza polli come la 'spagnola' Stesso virus, rischi di pandemiavirus

6 La comunicazione LA REPUBBLICALA REPUBBLICA Influenza polli, allarme a Giakarta: "Ormai siamo in piena epidemia" Influenza polli, allarme a Giakarta: "Ormai siamo in piena epidemia" Influenza polli, allarme a Giakarta: "Ormai siamo in piena epidemia" Virus polli, allarme anche per l'Italia "In caso di pandemia 150 mila morti" Virus polli, allarme anche per l'Italia "In caso di pandemia 150 mila morti"Virus polli, allarme anche per l'Italia "In caso di pandemia 150 mila morti"Virus polli, allarme anche per l'Italia "In caso di pandemia 150 mila morti"

7 La comunicazione LA REPUBBLICALA REPUBBLICA Influenza dei polli in Thailandia "Probabile" caso da uomo a uomo Se queste modalità di contaminazione venissero confermate sarebbe il primo caso ufficiale di trasmissione umana

8 La comunicazione Virus polli, allarme anche per l'Italia "In caso di pandemia 150 mila morti" Storace rassicura: "Siamo primi per numero di vaccini acquistati" Pronto anche un opuscolo informativo dei medici di famigliaVirus polli, allarme anche per l'Italia "In caso di pandemia 150 mila morti" Storace rassicura: "Siamo primi per numero di vaccini acquistati" Pronto anche un opuscolo informativo dei medici di famigliaVirus

9 Rassicurare senza Informare equivale ad allarmare !!!

10 Pandemie 1918 – 1919: influenza Spagnola (A/H1N1) ( milioni di morti stimati). Va rilevato che molti soggetti morirono per complicanze batteriche, in mancanza di somministrazione di presidi chemioterapici : influenza Asiatica (A/H2N2) 1967 – 1968: influenza Hong Kong (A/H3N2) (totale Asiatica e Hong Kong : 4,5 milioni di morti)

11 ORTHOMYXOVIRIDAE GENERE: INFLUENZAVIRUS A INFLUENZAVIRUS A INFLUENZAVIRUS B INFLUENZAVIRUS B INFLUENZAVIRUS C INFLUENZAVIRUS C TOGOTHOVIRUS TOGOTHOVIRUS instabile instabile stabile

12 I VIRUS SONO PARASSITI ENDOCELLULARI OBBLIGATIOBIOPARASSITIOBBLIGATI

13 Non presentano organizzazione di tipo cellulare Il virus, quindi, non "cerca" nutrimento all'interno delle cellule, ma ne sfrutta i sistemi di TRASCRIZIONEETRADUZIONE

14 La parte fondamentale del virus è l'acido nucleico.

15 ACIDO NUCLEICO RNA monocatenario (-) segmentato:RNA monocatenario (-) segmentato: –8 cromosomi (virus A e B) –7 cromosomi (virus C) Virus A e B: HA da cromosoma 4Virus A e B: HA da cromosoma 4 NA da cromosoma 6 NA da cromosoma 6 Virus C: no NA; presente HEF (HA multifunzionale anche con funzione neuraminidasica)Virus C: no NA; presente HEF (HA multifunzionale anche con funzione neuraminidasica)

16 Il capside virale ha essenzialmente due funzioni: PROTEZIONEe "ANTIRECETTORIALITA' "

17 Nei virus muniti di pericapside gli "antirecettori" si trovano solo su di esso. Il pericapside rende i virus più labili in ambiente "esterno".

18 STRUTTURA Virione sferico, polimorfo, nmVirione sferico, polimorfo, nm Pericapside munito di:Pericapside munito di: Emoagglutinina (HA)Emoagglutinina (HA) Neuraminidasi (NA)Neuraminidasi (NA) Proteina M 2 (canale ioni)Proteina M 2 (canale ioni)

19 Gli antigeni più importanti ai fini dell'immunità sono, di norma, i più esterni.

20 NEURAMINIDASI Enzima Enzima Impedisce la neutralizzazione Impedisce la neutralizzazione del virus da parte dellacido del virus da parte dellacido sialico presente nel muco delle sialico presente nel muco delle mucose respiratorie. mucose respiratorie. Consente larrivo del virus a contatto con le cellule bersaglio. Nella fase di fuoriuscita, idrolizza residui di acido sialico e favorisce linfezione

21 EMOAGGLUTININA E lantirecettore che E lantirecettore che consente ladsorbimento consente ladsorbimento del virus mediante aggancio ai residui di acido sialico degli recettori cellulari del virus mediante aggancio ai residui di acido sialico degli recettori cellulari (glicoproteine e glicolipidi di membrana)

22 REPLICAZIONE INFLUENZAA

23 La proteina M2 forma il canale ionico che contribuisce allabbassamento del pH nellendosoma, essenziale per la fusione del pericapside. M2 è il bersaglio di farmaci antiinfluenzali amantidina e rimantidina

24 REPLICAZIONE INFLUENZAA

25 Gli antigeni più interni (NP ed M) sono estremamente stabili e presenti in tutti i generi. Differenze sostanziali solo per NA ed HA

26 GLI INFLUENZAVIRUS B E C NON INFETTANO ALTRE SPECIE ANIMALI

27 DERIVA E VARIAZIONE ANTIGENICA Deviazione antigenica HA o NA Deriva antigenica DriftShift

28 Le mutazioni si hanno grazie alla struttura cromosomica dellRNA che consente un più facile riassortimento

29 Più virus influenzali con piccole o medie mutazioni, infettando la stessa cellula, possono riassortire il cromosoma mutato e quando avviene per HA o NA o entrambi, si può incorrere in pandemie

30 SHIFT ANTIGENICO

31 Mutamenti genetici dei virus A Antigenic Drift Graduale, evoluzione, pressione immunologica selettiva presente nella popolazione, epidemie annuali Antigenic Shift Drastico, pandemie decennali conseguenza della comparsa di nuovi sottotipi di HA e NA sulla superficie virale riassortimento, trasmissione alluomo di virus influenzali circolanti in animali domestici e selvatici

32 H1 H2 H3 H4 H5 H6 H7 H8 H9 H10 H11 H12 H13 H14 H15 N1 N2 N3 N4 N5 N6 N7 N8 N9 Sottotipi antigenici di HA e NA delle varianti di virus influenzali A

33 H1N1 H2N2 H3N2 H1N1 H5N1H9N2H5N1 H7N7 Feb HK March NL 2004 H5N1 LINFLUENZA UMANA NEGLI ULTIMI 100 ANNI R. G. Webster*et al., Science 2003; 302

34 EPIDEMIE INFLUENZALI NEL MONDO DAL 1918 AD OGGI Periodo Anno Nome (sottotipo virale) Età colpite Numero decessi ? Influenza Spagnola (H1N1) Influenza Asiatica (H2N2) Influenza Hong Kong (H3N2) Influenza aviaria (H5N1) ? Tutte le età >65 aa aa. - <5 aa. Tutte le età ? 20 – 40 milioni 4,5 milioni 6/18 ? WHO 2003

35 Nomenclatura dei virus influenzali TYPE TOWN NUMBER YEAR MAJOR TYPE of influenza where first isolated of isolates of isolation of HA and NA A/Singapore/6/86/(H1N1) A/Hong Kong/1/68 (H3N2) B/Beijing/184/93B/Harbin/07/94C/Paris/1/67

36 L'infezione virale a 2 livelli: ORGANISMOeCELLULA

37 Parametri fondamentali dell'infezione virale SPETTRO D'OSPITE TROPISMOSUSCETTIBILITAPERMISSIVITA'

38 Si intende la capacità che un virus ha di infettare specificamente un determinato organismo

39 TROPISMO La specificità di un virus nei confronti di un determinato organo o apparato

40 SUSCETTIBILITA' Capacità di una cellula di far penetrare il virus al proprio interno

41 PERMISSIVITA' Capacità della cellula a far esprimere l'acido nucleico virale in tutte le sue potenzialità consentendo la completa replicazione del virus stesso

42 Cumulative Number of Confirmed Human Cases of Avian Influenza A/(H5N1) Reported to WHO 13 February 2006 Country Total casesdeathscasesdeathscasesdeathscasesdeathscasesdeaths Cambodia China Indonesia Iraq Thailand Turkey Viet Nam Total

43

44 Maria Raffaela Guido Ilenia Domenica Policlinico di Catania: il ….. core della Virologia


Scaricare ppt "Università degli Studi di Catania I VIRUS INFLUENZALI Guido Scalia Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Catania LINFLUENZA AVIARIA Catania,"

Presentazioni simili


Annunci Google