La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SARS DIREZIONE SANITARIA DIREZIONE SANITARIA Materiale didattico a cura del dott. Pietro Ragni Assessorato alla Sanità Servizio Sanità Pubblica aggiornato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SARS DIREZIONE SANITARIA DIREZIONE SANITARIA Materiale didattico a cura del dott. Pietro Ragni Assessorato alla Sanità Servizio Sanità Pubblica aggiornato."— Transcript della presentazione:

1 SARS DIREZIONE SANITARIA DIREZIONE SANITARIA Materiale didattico a cura del dott. Pietro Ragni Assessorato alla Sanità Servizio Sanità Pubblica aggiornato al 29 maggio 2003

2

3 11 Febbraio 03 Annuncio di epidemia di polmonite atipica nel Guangdong, Cina, con 305 casi e 5 morti (Nov02–Feb03) 5 Marzo Epidemia di SARS ad Hanoi 12 Marzo Epidemia di SARS a Hong Kong 14 Marzo Epidemia di SARS a Singapore 15 Marzo SARS fuori Asia (Canada, Germania) CRONOLOGIA DELLA SARS

4 Organizzazione Mondiale della Sanità Nessun oggetto, prodotto o animale in arrivo dalle aree affette da SARS rappresenta un rischio per la salute pubblica 11 aprile 2003

5 SARS: la causa

6 Gruppo Antigenico Virus OspiteRespiratorio Enterico Altri I HCoV-229Euomo X I HCoV-229Euomo X TGEVmaiale X PRCoVmaiale X PRCoVmaiale X FIPVgatto X X X FIPVgatto X X X FECoVgatto X FECoVgatto X CCoVcane X CCoVcane X II HCoV-OC43uomo X ?? II HCoV-OC43uomo X ?? MHVtopo X X X MHVtopo X X X RCoVratto X X RCoVratto X X HEVmaiale X X HEVmaiale X X BCoVbestiame X X BCoVbestiame X X III IBVpollo X X III IBVpollo X X TCoVtacchino X Coronavirus conosciuti fino al febbraio 2003, Ospiti e Malattie

7 … e il nuovo Coronavirus

8

9

10 SARS: epidemiologia

11 1. Ciò che è successo in assenza di conoscenze e di adozione di misure preventive (ovvero: le grandi epidemie)

12 Hong Kong: LHotel Metropole ABCDEFGHIJKLMABCDEFGHIJKLM Onset of symptomsStayed at Hotel M FebruaryMarch

13 ABCDEFGHIJKLMABCDEFGHIJKLM Onset of symptomsStayed at Hotel M FebruaryMarch Hong Kong: LHotel Metropole

14 ABCDEFGHIJKLMABCDEFGHIJKLM Onset of symptomsStayed at Hotel M FebruaryMarch Hong Kong: LHotel Metropole

15 Hotel M Hong Kong Guangdong Province, Cina A A H,J A Hong Kong SAR 95 HCW >100 close contacts U.S.A. 1 HCW I, L,M K Irlanda 0 HCW K Singapore 34 HCW 37 close contacts C,D,E B B Vietnam 37 HCW 21 close contacts F,G Canada 18 HCW F,G 11 close contacts Diffusione dallHotel Metropole Aggiornato al 28 marzo 2003

16 Probable cases of severe acute respiratory syndrome, by reported source of infection* Singapore, February 25 - April 30, 2003 * Case 1 = 1; Case 2 = 6; Case 3 = 35; Case 4 = 130; and Case 5 = 127. Excludes 28 cases with either no or poorly defined direct contacts or who were cases translocated to Singapore with no further secondary transmission. MMWR 2003;52:405

17

18

19 Zone Affette al 27 maggio Zone Affette al 27 maggio Viene definita "Zona Affetta" una regione di primo livello amministrativo in cui il Paese ha segnalato trasmissione locale di SARS negli ultimi 20 giorni. Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità

20

21 Elenco Zone Affette Elenco Zone Affette Collegamento ipertestuale al sito WHO

22 SARS: epidemiologia 2. Ciò che succede dove si applicano misure preventive e di controllo (ovvero: i casi sporadici e le microepidemie)

23 Al

24 LA CLINICA

25 Periodo di incubazione In media: 2-7 giorni In media: 2-7 giorni Massimo: 10 giorni Massimo: 10 giorni

26 Inizio con febbre >38°C, spesso più alta, a volte con brividi, tremori, cefalea, malessere generale, dolori muscolari. Inizio con febbre >38°C, spesso più alta, a volte con brividi, tremori, cefalea, malessere generale, dolori muscolari. A volte, sintomi respiratori di media gravità. A volte, sintomi respiratori di media gravità. 10% dei casi: diarrea 10% dei casi: diarrea Inizio con febbre >38°C, spesso più alta, a volte con brividi, tremori, cefalea, malessere generale, dolori muscolari. Inizio con febbre >38°C, spesso più alta, a volte con brividi, tremori, cefalea, malessere generale, dolori muscolari. A volte, sintomi respiratori di media gravità. A volte, sintomi respiratori di media gravità. 10% dei casi: diarrea 10% dei casi: diarrea Fase iniziale I sintomi Fase di compromissione delle basse vie respiratorie Dopo 3-7 giorni, compromissione polmonare: tosse secca, non produttiva o difficoltà respiratoria accompagnata o meno da ipossiemia. Dopo 3-7 giorni, compromissione polmonare: tosse secca, non produttiva o difficoltà respiratoria accompagnata o meno da ipossiemia. Nel 10%-20% dei casi, richiesta lintubazione e la ventilazione meccanica. Nel 10%-20% dei casi, richiesta lintubazione e la ventilazione meccanica. Dopo 3-7 giorni, compromissione polmonare: tosse secca, non produttiva o difficoltà respiratoria accompagnata o meno da ipossiemia. Dopo 3-7 giorni, compromissione polmonare: tosse secca, non produttiva o difficoltà respiratoria accompagnata o meno da ipossiemia. Nel 10%-20% dei casi, richiesta lintubazione e la ventilazione meccanica. Nel 10%-20% dei casi, richiesta lintubazione e la ventilazione meccanica.

27 Sintomi riferiti dai pazienti con SARS Sintomi P ercentuale di presenza presenza Febbre 100 Tosse Dispnea Tremori/Rigor73-90 Mialgie20-83 Cefalea20-70 Diarrea Unpublished data, CDC. 2. Poutanen SM, et al. NEJM 3/31/ Tsang KW, et al. NEJM. 3/31/03 4. Peiris JSM, et al. Lancet 4/8/03 5. Lee N. et al NEJM 4/7/03

28 Reperti radiografici nella SARS u Infiltrati presenti allRx torace in oltre l80% dei casi u Infiltrati –inizialmente focali nel 50-75% –interstiziali –la maggior parte dei casi arrivano a coinvolgere più lobi, con compromissione bilaterale

29

30 La radiografia del torace può essere normale durante la fase iniziale e anche durante tutta la malattia. Tuttavia, in una buona parte dei casi, la fase respiratoria è caratterizzata da infiltrati precoci, che evolvono verso infiltrati interstiziali diffusi. La radiografia del torace può essere normale durante la fase iniziale e anche durante tutta la malattia. Tuttavia, in una buona parte dei casi, la fase respiratoria è caratterizzata da infiltrati precoci, che evolvono verso infiltrati interstiziali diffusi. Nella fase precoce di malattia vi è spesso linfocitopenia. Nella fase precoce di malattia vi è spesso linfocitopenia. Nella fase di picco, circa metà dei pazienti presenta leucopenia e trombocitopenia. (50,000 – 150,000 / μl). Nella fase di picco, circa metà dei pazienti presenta leucopenia e trombocitopenia. (50,000 – 150,000 / μl). Allinizio della fase respiratoria, possono innalzarsi CPK e transaminasi epatiche (2-6 volte la norma). Allinizio della fase respiratoria, possono innalzarsi CPK e transaminasi epatiche (2-6 volte la norma).

31 La maggior parte delle persone colpite è costituita da soggetti di età compresa fra i 25 e i 70 anni. La maggior parte delle persone colpite è costituita da soggetti di età compresa fra i 25 e i 70 anni. Pochissimi sono i casi al di sotto dei 15 anni di età. Pochissimi sono i casi al di sotto dei 15 anni di età.

32 Letalità della SARS u oltre il 50% nei soggetti over 65 u 15% tra 45 e 64 anni u 6% tra 25 e 44 anni u 1% nei soggetti di età inferiore a 24 anni Per fasce di età, viene infatti così stimata dallOrganizzazione Mondiale della Sanità:

33 Al momento, non si conoscono farmaci attivi specificamente contro il coronavirus che causa la SARS Al momento, non si conoscono farmaci attivi specificamente contro il coronavirus che causa la SARS Sono invece stati fatti importanti progressi sulla terapia sintomatica Sono invece stati fatti importanti progressi sulla terapia sintomatica La terapia

34 DEFINIZIONI DI CASO

35 Caso sospetto (definizione aggiornata al ) febbre alta > 38° C, e febbre alta > 38° C, e tosse o difficoltà respiratorie tosse o difficoltà respiratorie E una o più delle seguenti condizioni di esposizione nei 10 giorni precedenti linizio dei sintomi: E una o più delle seguenti condizioni di esposizione nei 10 giorni precedenti linizio dei sintomi: contatto ravvicinato,* con un caso sospetto o probabile di SARS; contatto ravvicinato,* con un caso sospetto o probabile di SARS; storia di viaggio in unarea con recente trasmissione locale di SARS (vedere larchivio e lelenco delle aree allindirizzo storia di viaggio in unarea con recente trasmissione locale di SARS (vedere larchivio e lelenco delle aree allindirizzo e allindirizzo residenza in unarea con recente trasmissione locale di SARS residenza in unarea con recente trasmissione locale di SARS 1. Una persona, che dopo il 1 o novembre 2002 *, presenti una storia di:

36 Caso sospetto (definizione aggiornata al )Oppure: 2. una persona con una malattia respiratoria acuta non spiegata, con conseguente decesso, dopo il 1° novembre 2002 e in cui non sia stata eseguita autopsia E una o più delle seguenti condizioni di esposizione nei 10 giorni precedenti linizio dei sintomi: contatto ravvicinato,* con un caso sospetto o probabile di SARS storia di viaggio in unarea con recente trasmissione locale di SARS (vedere larchivio e lelenco delle aree allindirizzo e allindirizzo

37 NOTA Per contatto ravvicinato si intende: coabitazione, assistenza o contatto diretto con persone malate e con secrezioni respiratorie e fluidi corporei di queste. Per contatto ravvicinato si intende: coabitazione, assistenza o contatto diretto con persone malate e con secrezioni respiratorie e fluidi corporei di queste.

38 Caso probabile (definizione aggiornata al ) 1. un caso sospetto con dimostrazione radiologica di infiltrati compatibili con polmonite o sindrome da distress respiratorio (RDS). 2. un caso sospetto con riscontro positivo per Coronavirus associato a SARS con uno o più test di laboratorio. 3. un caso sospetto con riscontro autoptico compatibile con sindrome da distress respiratorio, senza altre cause identificabili.

39 CRITERI DI ESCLUSIONE Un caso dovrebbe essere escluso se una diagnosi alternativa può spiegare pienamente la malattia

40

41 Il virus è stabile nelle feci e nelle urine a temperatura ambiente per almeno 1-2 giorni Il virus è stabile nelle feci e nelle urine a temperatura ambiente per almeno 1-2 giorni Il virus è più stabile (fino a 4 giorni) nelle feci di pazienti con diarrea (che sono meno acide di quelle normali) Il virus è più stabile (fino a 4 giorni) nelle feci di pazienti con diarrea (che sono meno acide di quelle normali) Sopravvivenza del virus nelle feci e nelle urine

42 Il virus perde rapidamente infettività dopo lesposizione ai disinfettanti di uso comune Disinfettanti

43 SARS Modalità di trasmissione e misure di prevenzione SARS

44 Il virus viene eliminato dalla persona ammalata con le goccioline di saliva, soprattutto tramite…

45 … la tosse

46 … o gli starnuti

47 Modalità di contagio Come arrivano le goccioline di saliva alla bocca, al naso o agli occhi?

48 TRAMITE LARIA (?) Dopo essere rimaste sospese nellaria Dopo essere rimaste sospese nellaria DIRETTAMENTE dalla bocca dellammalato TRAMITE LE MANI: (della persona sana) mani non lavate o non disinfettate che hanno toccato superfici contaminate dallammalato, o sono state contaminate direttamente dalle secrezioni dellammalato TRAMITE ALTRE VIE (?) Altre vie attualmente non note Altre vie attualmente non note Trasmissione tramite goccioline (droplet) Trasmissione per contatto Trasmissione aerea Trasmissione indiretta Toccando la pelle della persona ammalata, o oggetti contaminati con goccioline di saliva infette, e portando subito dopo le mani non lavate agli occhi, al naso o alla bocca PER CONTATTO STRETTO E DIRETTO CON LA PERSONA AMMALATA

49 Trasmissione aerea Goccioline (droplet) Per contatto Trasmissione indiretta Maschera FFP3Maschera FFP3 Locali a pressione negativaLocali a pressione negativa Distanza fisicaDistanza fisica Mascherina chirurgicaMascherina chirurgica Altre misure di barriera (visiera, guanti, …)Altre misure di barriera (visiera, guanti, …) GuantiGuanti Lavaggio delle maniLavaggio delle mani Disinfezione superficiDisinfezione superfici Altre misure Via di trasmissione Precauzioni principali

50 Aspetti generali sulla trasmissione delle malattie infettive e sul controllo del contagio

51

52 TRASMISSIONE PER CONTATTO Si tratta di una delle modalità di trasmissione più importanti e frequenti a) CONTATTO DIRETTO contatto diretto da superficie corporea a superficie corporea b) CONTATTO INDIRETTO contatto tramite oggetti inanimati, come strumenti, aghi, indumenti, mani contaminate non lavate, guanti non cambiati, ecc.

53 Le precauzioni da contatto si applicano per pazienti con sospetto o diagnosi di malattie trasmesse con facilità per contatto diretto o per contatto con oggetti contaminati dal paziente.

54

55 Alcuni microrganismi emessi con le secrezioni respiratorie TRASMISSIONE DA DROPLET: N. menigitidis, M. pneumoniae, Virus influenzali, B. pertussis, Adenovirus,... TRASMISSIONE AEREA: Virus del morbillo, Virus della varicella-zoster, M. tuberculosis

56 TRASMISSIONE TRAMITE GOCCIOLINE (DROPLETS) Le goccioline sono eliminate durante la tosse, gli starnuti, parlando e durante particolari procedure come aspirazione e broncoscopia. Vengono espulse a breve distanza nellaria e possono depositarsi sulla congiuntiva, sulle mucose nasali o nella bocca. Le goccioline non rimangono sospese nellaria.

57 u La trasmissione tramite goccioline non deve quindi essere confusa con la trasmissione per via aerea u Le precauzioni per la trasmissione tramite goccioline si applicano per pazienti con sospetto o diagnosi di malattie trasmesse da goccioline di grandi dimensioni

58 TRASMISSIONE PER VIA AEREA Si verifica: u per disseminazione di nuclei di goccioline evaporate contenenti microrganismi, che rimangono sospese nellaria per un lungo periodo u per disseminazione di particelle di polveri contenenti lagente infettivo In questo modo è possibile il contagio per persone molto lontane dal paziente infetto. Si richiedono quindi speciali trattamenti e ventilazione dellaria. Si richiedono quindi speciali trattamenti e ventilazione dellaria.


Scaricare ppt "SARS DIREZIONE SANITARIA DIREZIONE SANITARIA Materiale didattico a cura del dott. Pietro Ragni Assessorato alla Sanità Servizio Sanità Pubblica aggiornato."

Presentazioni simili


Annunci Google