La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alfredo LA ROCCA jr. nasce a Roma, l8 Aprile del 1968. Viene alla luce nel Policlinico Agostino Gemelli, della Università Cattolica, dove anche il papa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alfredo LA ROCCA jr. nasce a Roma, l8 Aprile del 1968. Viene alla luce nel Policlinico Agostino Gemelli, della Università Cattolica, dove anche il papa."— Transcript della presentazione:

1 Alfredo LA ROCCA jr. nasce a Roma, l8 Aprile del Viene alla luce nel Policlinico Agostino Gemelli, della Università Cattolica, dove anche il papa Giovanni Paolo II è stato curato e ricoverato varie volte. (per un disegno strano del destino, Alfredo nasce e muore nello stesso ospedale!). Sito web:

2 Il padre Giovanni (siciliano) è un valido avvocato, uomo daffari. È proprietario e dirige a Roma, insieme con il figlio Dario (prima anche con Alfredo), un gruppo di Centri che si occupano della terapia e rieducazione del linguaggio e della parola, soprattutto per bambini. La mamma Gina Maria Fioravanti (veneta) psicologa e psicoterapeuta, insegna al liceo Filosofia e Storia ed è incaricata allinsegnamento della Psicologia presso lUniversità Tor Vergata di Roma. Il fratello Dario nasce a Roma il 19 Ottobre E laureato in Ingegneria Gestionale e ha conseguito vari master di specializzazione.

3 Primo figlio amato e desiderato dai genitori e primo nipote, orgoglio dei nonni. Gli viene dato il nome del nonno paterno, come da buona tradizione siciliana. Alfredo viene battezzato nella Basilica di San Pietro a Roma, e i suoi padrini sono gli stessi nonni paterni.

4 Da piccolo è un bambino vivace, intelligente, sempre attivo, sempre curioso di scoprire cose nuove. Dimostra precocemente di amare lattività sportiva. A tre anni già sapeva andare in bicicletta senza le rotelle di supporto.

5 Quando aveva cinque anni circa, nasce il fratellino Dario. Alfredo ne è felice. È orgoglioso di lui. Giocano sempre insieme, anche se, a volte il fratello più grande è prepotente e il piccolo subisce qualche angheria! Ciononostante i due fratelli crescono uniti e solidali tra loro e si vogliono molto bene.

6 In qualità di fratello maggiore assume il ruolo di protettore del più piccolo. Chi farà del male a Dario, dovrà vedersela con me. Guai a chi lo tocca! Diceva sempre mostrando i pugni. Dario ha sempre gioito di questo atteggiamento del fratello. Si è spesso confrontato con lui per decisioni importanti. Da adulti si consigliavano a vicenda, ma più frequentemente era Alfredo ad essere il grande sostegno di Dario, la sua guida.

7 Era amico di tutti, e tutti gli volevano bene … La maestra diceva di lui che era un bimbo generoso. Se un amichetto gli chiedeva il dolce che stava mangiando lui, glielo cedeva volentieri. A volte litigava con un suo compagno per contendersi lo stesso gioco, alla fine, però gli diceva: Va bene, và, puoi giocarci tu. Io giocherò dopo!.

8 A cinque anni è già in piscina per imparare a nuotare. Questa attività sarà da lui seguita con passione arrivando a conseguire tutti i brevetti di nuoto, compreso il brevetto di Gioca a tennis, a pallone, frequenta una palestra di ju-do.

9 Alfredo è molto religioso. Ama andare a Messa, dai suoi padri, e ci tiene moltissimo essere accompagnato dai genitori. Quando veniva richiesta unelemosina in chiesa o qualche contributo per i poveri lui mi diceva sempre: Mamma, si tratta di bambini meno fortunati, devi essere generosa!. A sei anni inizia la scuola elementare al San Leone Magno a Roma – dai Padri Marianisti. Frequenta le elementari e le medie con discreto profitto.

10 Per strada non vi era mendicante a cui lui non donasse qualcosa. Se non aveva soldini gli regalava quello che aveva, anche il suo lecca lecca!

11 A otto anni entra a far parte dei della scuola San Leone Magno. Dal grado di Lupetto in poi fa carriera e finisce per diventare uno dei piccoli capi scout.

12 A dieci anni già andava da solo, per il mare con il vento tra i capelli.

13 Contemporaneamente imparava ad andare sul Wind-surf e, spavaldamente, si avventurava al largo con la sua tavola, perché amava molto il sole e laria aperta!

14 A dieci anni fa la Prima Comunione. Si prepara in ritiro per gli Esercizi Spirituali nel suo Istituto. Intanto, io penso, come da tradizione, ad organizzare una bella festa con molti invitati.

15 Ma lui mi dice: È la mia festa spirituale. È un evento della mia intimità religiosa. Voglio viverla solo con voi e basta!.

16 Ho capito che aveva ragione. Lho abbracciato commossa, perché ho dovuto riconoscere che, questa volta, lui aveva saputo essere un insegnante per me.

17 Durante il periodo dei boy scout, si dedicava, con grande slancio a opere di solidarietà. Aiutava a confezionare e spedire pacchi, in occasione di varie catastrofi avvenute in Italia (terremoti, frane, alluvioni).

18 Una volta costruì un veliero in legno e lo portò ai capi scout. Fu talmente apprezzato e ammirato che, con un atto di solidarietà e daccordo con lui, il gruppo scout decise di metterlo allasta.

19 A volte anche troppo spericolato! Amava anche la montagna. Era un ottimo sciatore.

20 Ha vinto diverse gare di discesa con gli sci e varie altre attività sportive.

21 Purtroppo, le lunghe marce fatte durante le gite con gli scout lo fanno affaticare. Non era normale per lui così attivo e dinamico! Infatti, una domenica, mentre montava una teda con i suoi compagni, sviene. Le visite mediche, e il responso cardiologico riscontrano una diagnosi di Pervietà interatriale congenita con blocco di branca destra incompleto. Più semplicemente ad Alfredo si mescolava il sangue venoso ed arterioso per una apertura al cuore che non doveva esserci. Si doveva provvedere immediatamente a rischio della vita. Quindi, a tredici anni, subì una operazione al cuore molto delicata.

22

23 Anzi, a sedici anni andò a Città del Mare (PA), un villaggio turistico, a fare

24 Alle superiori, però, la sua esuberanza non è gradita troppo da alcuni insegnanti severi e tradizionalisti e, di conseguenza, viene spesso richiamato per le sue battutine ironiche e a volte fuori posto.

25 È il periodo adolescenziale. Alfredo lo vive intensamente in tutte le sfumature e contraddizioni di quella età critica.

26 Non è più brillante come prima. Il profitto scolastico scade e comincia a collezionare insuccessi in alcune materie. È distratto, critica tutto e tutti, entra in conflitto con i genitori…

27 Tuttavia, anche lui, giudiziosamente, si rende conto che non può continuare in quel modo. Accetta, quindi, la proposta del padre di collegio, andare a studiare in collegio, per essere il meno possibile distratto dagli amici e dai divertimenti.

28 A sedici anni parte per la Svizzera ove continuerà a studiare, al Liceo Scientifico Vilfredo Pareto di Losanna.

29 Comunque, terminerà lultimo anno di studi a Roma, La lontananza da casa è troppo pesante per lui. A ventiquattro anni si laurea in Giurisprudenza presso la Università di Camerino. Conseguirà, poi, vari titoli di specializzazione.

30 Inizia una stretta collaborazione di lavoro con il padre che è proprietario dei vari Centri tra cui il Centro Maicomedical a Roma. Il padre è un manager di esperienza. Ha una forte personalità e non accetta cambiamenti di gestione aziendale. Il figlio, invece, con le sue specializzazioni vorrebbe rinnovare lassetto delle Società. Vorrebbe apportare cambiamenti sostanziali e soprattutto democratici.

31 Purtroppo, non riescono a comprendersi! Il padre è risoluto e non ammette intromissioni. Alfredo, invece, mi spiegava: Ma è nellinteresse di quei poveri bambini svantaggiati. Che importa se noi guadagnamo di meno!.

32 A ventisette anni conosce Rosamaria, una brava e intelligente ragazza. Entrambi sono caratteri forti e volitivi. I due si innamorano. In questi ultimi dieci anni, si sostengono e si aiutano reciprocamente nelle varie vicende trascorse. A volte litigavano, ma poi ritornava il sereno. Rosamaria dice del marito: Si litigava per un puntiglio, per una sciocchezza… tuttavia, sulle questioni importanti, eravamo sempre profondamente uniti. Alfredo è sempre stato la mia guida e il mio sostegno!.

33 A trentaquattro anni frequenta un Master al policlinico dellUniversità Cattolica Agostino Gemelli. Dopo averlo concluso positivamente, inizia una collaborazione con lospedale.

34 A trentaquattro anni festeggia in letizia e solennità, con la partecipazione di tutti i parenti venuti anche dalla Sicilia, i cento anni di nonna Jolanda (nonna materna). Levento è allietato dalla Benedizione Apostolica del Santo Padre. Quello è stato lultimo evento sereno che abbiamo vissuto insieme!!!

35 Nel 2003 nasce una piccola preoccupazione. Mi dice che vuole sposarsi e intende farlo in fretta: Rosamaria aspetta un bambino! E una benedizione, mamma mi dice Io amo i bambini e a mio figlio voglio dare la vita. Sarà la mia consolazione!. Viene fatto tutto in fretta. Non cè neanche il tempo di assaporare la notizia.

36 Lanno dopo, marzo 2004, Alfredo accusa forti dolori al nervo sciatico. Si ipotizza unernia del disco. Viene sottoposto ad una TAC, prima e ad una Risonanza Magnetica poi… I dolori si fanno acuti e viene convinto dai colleghi di lavoro a ricoverarsi al policlinico Gemelli dove nel frattempo lavorava. Dalliniziale reparto di Ortopedia, viene trasferito al Reparto di Oncologia Medica.

37 Gli viene diagnosticato un liposarcoma aderente al tratto sacrale della colonna con coinvolgimento del nervo sciatico. Inizialmente si parla di tumore benigno … Tutti noi famigliari restiamo attoniti ad una notizia così sconfortante. Inizia un calvario terribile, con dolori e sofferenze atroci che si sono protratti fino alla fine!

38 Viene sottoposto a cicli sistematici di Radioterapia e Chemioterapia con tutte le conseguenze nefaste: debolezza, nausea, vomito, fragilità capillare, giramenti di testa, sangue dal naso, perdita a chiazze di capelli… Intanto i dolori si fanno comunque, sempre più forti. Subisce trattamenti antidolorifici per calmare i dolori fino ad arrivare … alla morfina!

39 Gli effetti secondari dei farmaci sono altrettanto insopportabili: insonnia, tremori, allucinazioni, crisi di pianto e depressive. Il primario del reparto lascia intravedere la possibilità di un intervento chirurgico, ma non intende assumersi la responsabilità dellevento. Aveva aggiunto inoltre che, seppure fosse rimasto in vita, sarebbe stato mutilato per sempre.

40 Potrebbe rischiare di morire sotto i ferri. Ma nella migliore delle ipotesi si dovrebbe tagliare la gamba. È possibile, inoltre che le funzioni dellultimo tratto dellintestino vengano compromesse irrimediabilmente. Aggiunse il medico, aumentando così la mia disperazione, semmai fosse stato possibile!

41 Abbiamo consultato i migliori specialisti chirurghi oncologi di tutta Italia. Nessuno di noi famigliari si voleva arrendere. Tutti dicevano che la malattia era grave. Che si doveva fare presto … e che le probabilità di sopravvivenza, anche mutilato, erano alquanto labili.

42 Non ci volevamo arrendere. Un chirurgo oncologo, al Polo oncologico del Regina Elena di Roma accettò di operarlo. Vi erano molte incognite e la malattia era grave. Noi sapevamo che si trattava di un tentativo disperato, ma era pur sempre un tentativo.

43 Io gli feci osservare: Alfredo, confida in Dio. Tu hai dato la vita a tua figlia, e lei ti sta dando il coraggio di andare avanti. Lui non era sicuro di volersi operare, dati gli angoscianti interrogativi che gli avevano prospettato. Il giorno prima delloperazione mi disse: Ho deciso di operarmi perché devo vivere per mia figlia. Lei ha bisogno di suo padre. Io intendevo la vita terrena. Probabilmente il Signore voleva dargli la Pace e la Vita Eterna. Forse, Egli aveva altri progetti per lui… Chissà, forse in … Rwanda… Tua figlia darà la vita a te!.

44 A gennaio del 2004, Alfredo subisce lintervento. Quattro primari, ciascuno nella rispettiva specializzazione, erano al tavolo operatorio. La convalescenza è lunga e penosa. Alfredo è scioccato. Gli erano stati asportati, oltre al nervo sciatico, altre innervazioni. Una grossa porzione di bacino era stata recisa. Alfredo non riusciva a stare seduto. Inoltre, le funzioni fisiologiche erano compromesse. Diciotto ore di operazione!!! Non solo soffre ancora di lancinanti dolori, ma non riesce più a muovere la gamba destra, che, tuttavia, non era stata amputata.

45 Per avere un conforto e ritrovare il coraggio di andare avanti, un giorno mi recai da S.E. Monsignor Salvatore Boccaccio, Vescovo di Frosinone. Lui mi disse: Mia cara Gina, noi non possiamo sapere perché capitano certe cose. Ma sappi che tuo figlio è sicuramente prescelto, per un disegno del Signore. Lui è benedetto da Dio per la sua sofferenza! Piansi tanto, ma non capii che cosa volesse dire.

46 Seguirono mesi di riabilitazione durante lestate del Tutti speravamo di essere usciti da quel tunnel terrificante, da quellesperienza di morte che si chiama tumore. Ma non era così. Ci illudevamo di poter avere ancora per tanti anni con noi il nostro Alfredo, anche mutilato, anche su di una sedia a rotelle. Però vivo!

47 A settembre 2005, con la fede nel cuore e la speranza che le cose potessero gradatamente migliorate, Alfredo si sottopone ad un ulteriore controllo. Lombra della morte era già su di lui. Il referto radiologico denuncia metastasi sparse su tutta la colonna vertebrale. Il primario mi annuncia sbrigativamente e freddamente che mio figlio aveva pochi mesi di vita! A Dicembre 2005, viene ricoverato al Gemelli perché le terapie radio-chemio lo devastano e subisce una emorragia interna. Gli impartiscono le ultime cure. Poi annunciano che in quel reparto non possono fare più nulla e, dopo Natale, Alfredo viene dimesso. Trascorre gli ultimi giorni accudito con amore da tutti i suoi cari!

48 La figliolina Rachele era sempre accanto al papà. Sapeva che il padre non stava bene, ma viveva il fatto serenamente. Gli diceva: Papà stai tranquillo. Qui ci sono io a farti compagnia. Ti farò un massaggio piccolo, piccolo e vedrai che guarirai. Le metastasi continuavano a proliferare fuori e dentro il corpo. Era tutto deformato. Non vedeva più perché il male premeva contro il globo oculare tanto che sembrava che potesse schizzargli locchio di fuori, era pieno di masse tumorali, e non poteva nemmeno girarsi nel letto, non riusciva più ad articolare la parola, era quasi soffocato.

49 Lultima sera della sua vita terrena eravamo intorno a lui a consolare le sue pene. La sua premurosa moglie, il suo padre eccezionale, il suo infaticabile fratello ed io, sua madre. Abbiamo tenuto le sue mani fra le nostre. Rachele, vedendoci, ha detto: Anchio voglio abbracciare il mio papà Io lho presa in braccio e lho avvicinata a lui. Lei ha aggiunto: Ecco, ora ti accarezzo anchio. Vedrai, adesso ti sentirai meglio!. Suo padre gli ha sussurrato: Figlio mio, tu ora sei in un tunnel, LUCE. ma in fondo cè la LUCE. Vai. Coraggio. Non avere paura! Lui ha sorriso, gli ha stretto la mano e si è addormentato per sempre … Era il 28 Gennaio 2006.

50

51 E se noi lo meriteremo, tanto quanto lo ha meritato Alfredo, un giorno, saremo ancora insieme,

52 Lui è nella mia mente, nel mio cuore, con la mia anima. Il mio desiderio ora è di alleviare il dolore e la solitudine degli oppressi. Questo mi aiuta a pensare che Alfredo può vivere ancora. Perché rivivrà nelle loro menti e nutrirà di bontà i loro cuori.

53 Solo ora posso capire le parole del Vescovo, la ragione... Forse questo era il misterioso disegno del Signore!

54 Cari fratelli, bisognosi della solidarietà umana, non disperate mai. Non prendete decisioni affrettate. Abbiate fiducia nella Provvidenza! Voi non capirete subito. Ma quando tutto sarà compiuto, forse comprenderete, il Grane Disegno Divino. La sofferenza è una maestra che difficilmente spreca le sue lezioni ! Non potete sapere cosa ci sarà dietro langolo.

55 Soprattutto, la sofferenza fa comprendere meglio il dolore altrui. Ecco cosa cè dietro langolo, per noi, uniti dalla sofferenza: Alfredo, e noi tutti, potremmo essere quel raggio di speranza in un mondo migliore e più sereno. Pace e bene agli uomini di buona volontà. Questa è la strada da percorrere. Contribuiremo alla vita e alla salvezza di tanti

56 Versamento: Banca di Roma – Roma Beneficiario: Progetto Alfredo – Banca di Roma Conto corrente: ABI: 3002 ABI: 5005 CIN : R Causale: Bimbi del Rwanda


Scaricare ppt "Alfredo LA ROCCA jr. nasce a Roma, l8 Aprile del 1968. Viene alla luce nel Policlinico Agostino Gemelli, della Università Cattolica, dove anche il papa."

Presentazioni simili


Annunci Google