La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

NARRAZIONI OLIMPICHE EMOZIONE, COMUNICAZIONE, IMMAGINE E IDENTITÀ TRA STAMPA E TELEVISIONE TORINO, 23 SETTEMBRE 2009 Summer School La qualità della televisione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "NARRAZIONI OLIMPICHE EMOZIONE, COMUNICAZIONE, IMMAGINE E IDENTITÀ TRA STAMPA E TELEVISIONE TORINO, 23 SETTEMBRE 2009 Summer School La qualità della televisione."— Transcript della presentazione:

1 NARRAZIONI OLIMPICHE EMOZIONE, COMUNICAZIONE, IMMAGINE E IDENTITÀ TRA STAMPA E TELEVISIONE TORINO, 23 SETTEMBRE 2009 Summer School La qualità della televisione – CIRCe Federica Turco – Università di Torino

2 Obiettivi della ricerca Dopo aver considerato le Cerimonie Olimpiche, anche attraverso un confronto con le proposte passate di altri Paesi, la ricerca si è sviluppata in unulteriore direzione: date le premesse precedenti (il fenomeno olimpico come evento mediale, lopportunità per la città ospite di svolgere un lavoro di city marketing, la presenza di una realtà media-constructed), quali contenuti ha complessivamente veicolato la televisione nel corso delledizione italiana dei Giochi di Torino 2006? Come possiamo valutare la qualità dei programmi televisivi sulle olimpiadi andati in onda in Italia e allestero nel febbraio del 2006? Lobiettivo di questa seconda parte danalisi è dunque quello di analizzare le trasmissioni televisive che hanno raccontato la città di Torino nelle settimane cruciali dei Giochi. 23 settembre 2009|federica turco & sara olivero

3 Premessa 1: Tipologie di fruizione I grandi eventi come le Olimpiadi sono innanzi tutto fenomeni di piazza: mobilitano fisicamente grandi numeri di persone. La fruizione di tali eventi comporta atteggiamenti e aspettative differenti che dipendono sia dalla predisposizione del pubblico, sia dal tipo di evento 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero

4 Competizioni invitano gli spettatori a non essere dei semplici osservatori, ma a sostenere una delle due parti in gara. Allo spettatore non viene chiesto un semplice tifo, ma laffermazione della propria approvazione. Il pubblico diventa giudice dellevento Conquiste allaudience viene chiesto innanzitutto di assistere ad unimpresa improbabile, di dare un giusto riconoscimento agli eroi che partecipano a tale circostanza. Il pubblico diventa testimone e sanzionatore di un momento significativo dal punto di vista simbolico. Incoronazioni invitano i telespettatori a partecipare come cittadini a grandi imprese di uomini e donne, a riti di passaggio di personaggi noti. Il pubblico deve assistere e condividere emozioni ed interesse. (DAYAN D. e KATZ E., 1993, Le grandi cerimonie dei media, la storia in diretta) 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero

5 Gli spettatori sono emotivamente coinvolti nel patriottico sostegno della propria squadra (in questo caso il proprio paese), ma essi diventano anche testimoni dellaffermazione della filosofia del Movimento Olimpico, giudici delleffettiva regolarità con cui i momenti protocollari previsti dalla Carta Olimpica si stanno svolgendo. In qualità di destinanti e destinatari del programma narrativo degli atleti, gli sanzionano la loro incoronazione, la loro eroicizzazione e, quindi, il loro cambiamento di status. 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero

6 Premessa 2 :Unestetica della non-presenza La televisione ha il potere di trasformare gli avvenimenti olimpici da un punto di vista retorico e semantico, perché può utilizzare le proprie capacità tecniche e il proprio potenziale umano (per esempio la voce di un commentatore) per ri-esporre i fatti. le televisioni hanno la possibilità di incorniciare levento, punteggiandolo e rendendolo differente a seconda del pubblico cui devono proporlo: pubblici diversi possono avere letture diverse dello stesso avvenimento La televisione ha il pregio di distribuire uniformemente laccesso 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero

7 Assistere personalmente ad una gara olimpica significa posizionarsi in un qualche luogo preciso dello stadio, o del sito olimpico in cui essa si svolge, e osservare da un unico punto di vista (il proprio) ciò che sta avvenendo. Il posto di osservazione e la sua distanza dal centro dellevento dice qualcosa (a se stessi e agli altri) anche sulla propria posizione sociale. Chi, invece, assiste allo stesso appuntamento da casa attraverso il televisore, gode di una prospettiva del tutto differente, innanzi tutto perché non esistono più luoghi di osservazione privilegiati e poi perché il punto di vista non è uno solo ma molteplice: ci sono tante visuali di osservazione quante sono le telecamere posizionate sul luogo dove si svolge levento. Il testo televisivo, dunque, assume una forma particolare. Esso è additivo, più che sottrattivo. Ecco perché parliamo di estetica della non presenza. 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero

8 I MESSAGGI Nel cuore dellEuropa. Torino è una città che si colloca nel cuore dellEuropa. È al centro di due assi, che si intersecano proprio nel nord-ovest dellItalia. Torino, città in profonda trasformazione. Torino sta affrontando una grande trasformazione urbanistica che rispecchia il mutamento economico e culturale in atto. Città dellinnovazione e della sperimentazione. Linnovazione è una cifra significativa dellidentità di Torino. Linnovazione nel campo industriale e del design. Linnovazione nel campo tecnologico e della ricerca (radio, cinema, telefonia, aerospazio, informatica). Linnovazione nel campo artistico (larte contemporanea italiana è torinese). 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero Lanalisi Punto di partenza: Il Piano Strategico

9 Città darte e di cultura. Torino è stata una capitale e, in quanto tale, ha accumulato negli anni i segni artistici, architettonici e urbanistici del suo passato e della sua tradizione: le residenze reali, gli edifici barocchi, le piazze, le collezioni darte e i musei. Una cultura che ha saputo anche rinnovarsi e proiettarsi verso il futuro: attraverso larte contemporanea, lapertura di nuovi spazi espositivi ad essa dedicati, linnovativo Museo Nazionale del Cinema, lorganizzazione strutture ricettive. Torino, città delle Olimpiadi Invernali. Di grandi mostre, rassegne e festival. 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero

10 Città del saper vivere. Gli spazi pubblici (le piazze, il fiume, i parchi). Il verde. Lenogastronomia. I locali (le pasticcerie,i caffè, i nuovi luoghi dincontro). Torino si sta rapidamente evolvendo in città dalla visibilità internazionale. Le Olimpiadi Invernali Torino 2006 hanno un ruolo centrale, di forte impulso, in questa fase di profonda trasformazione. Gli interventi per i Giochi Olimpici Invernali rappresentano anche un programma di riqualificazione urbana e contribuiscono a costruire il futuro della città. I SOGGETTI COINVOLTI Servizio Centrale Comunicazione, Promozione della Città, Grandi eventi e Olimpiadi – Città di Torino Coordinamento marketing, immagine, comunicazione, ambiente e territorio – TOROC Torino Internazionale 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero

11 OMERO Lindagine presentata nel 2006 rivela che per un italiano su tre Torino rimane ancora fondamentalmente associata al nome FIAT; a un certo distacco si collocano la Mole Antonelliana (26,1%), la Juventus (9%), il Parco del Valentino (6,9%), il Museo Egizio (4,9%), seguono la Sindone e il Po (entrambi con il 4,4%) e infine il cioccolato (3,8%). Lexis Lindagine, presentata nel marzo del 2006 e condotta tra il 2004 e il 2005, è il risultato di unosservazione avente come obiettivo la definizione della percezione di Torino e dei torinesi prima e in concomitanza dellevento olimpico. Le immagini e gli stereotipi frenanti della città di Torino individuati attraverso questo studio sono : inverno, freddezza, chiusura, grigiore, nebbia, vecchie industrie (Torino come old company town), campagna dimenticata, carattere riservato e poco dinamico, tendenza alla conservazione. Mailander Le indagini condotte prima delluscita delle guide turistiche su Torino nel gennaio del 2006, ci parlano di criticità (Torino è: marginale, costosa, grigia, la città di Agnelli, scarsamente attrattiva per i giovani, barocca, povera di eventi) e punti di forza (Museo del Cinema, Liberty, tecnologia e avanguardia aerospaziale, enogastronomia, Castello di Rivoli). 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero Lanalisi Limmagine di Torino nelle ricerche precedenti

12 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero TRASMISSIONERETE TVDATA E ORAARGOMENTI TRATTATINOTE DOMENICA INRAI 1 12/02/2006 h Candidatura di Torino come città Olimpica; Cerimonia dApertura Intervista a E. Christillin; immagini dalla Cerimonia e da Seul GEO & GEORAI 3 20/01/2006 h Torino Ambiente Immagini: Mole, p.zza San Carlo, Teatro Carignano, Palazzo Reale, Porte Palatine, il Po, impianti olimpici, Arco Olimpico, Villaggio Olimpico. Slogan: La prima capitale dItalia; La più grande città che abbia ospitato i Giochi Olimpici Invernali; Olimpiadi più verdi mai realizzate. Intervista allarch. Camerana. GEO & GEORAI 3 03/02/2006 h Infrastrutture e ambiente Siti Olimpici; intervista a P. Gros; trampolino di Pragelato ITALIA CHE VAIRAI 1 04/02/2006 h Infrastrutture Villaggio Olimpico; interviste allarch. Camerana e alling. Piovano; dare il colore ad una città che non laveva Lanalisi Trasmissioni analizzate: Italia

13 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero PAESERETE TVARGOMENTI TRATTATIICONE e STEREOTIPI IRLANDARTEArchitettura e arte Storia della Città Enogastronomia FIAT, Juventus, Savoia, Museo Nazionale del Cinema, Caffè storici e ristoranti, Al bicerin, Stratta, Tre Galline, Fritto Misto e Agnolotti, cioccolato, Mercato di Porta Palazzo GERMANIAARD - SWRArchitettura e arte Olimpiadi Enogastronomia Città e infrastrutture Sicurezza e misure anti-terrorismo Alpi, siti olimpici, FIAT, Passion lives here, Galleria Subalpina, Baratti & Milano, Stratta, MetroTorino, piazza Vittorio GERMANIAARD - WDROlimpiadi Architettura e arte Medals Plaza, Palavela, Atrium, Mercato di Porta Palazzo, cioccolato, Caffè storici, Mole e Museo del Cinema, Luci dArtista GERMANIADW EUROMAXOlimpiadi Enogastronomia Alpi, Palavela, fiaccola, lAperitivo torinese, Museo del Cinema GERMANIADW KULTURArchitettura e arte Olimpiadi Porta Palazzo e Palafuksas, Piazza S. Carlo, il Barocco, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, il Castello di Rivoli, il Teatro Regio GRAN BRETAGNA BBCArchitettura e arte Olimpiadi Enogastronomia Duomo, Palazzo Reale, Porta Palazzo, Lingotto, Piazza Castello, Medals Plaza, Tartufo Lanalisi Trasmissioni analizzate: Europa

14 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero RUBRICHEARGOMENTI TRATTATI TODAYS CUCINABagna Cauda, Bönet, Panna Cotta lantipasto piemontese, il bumbardin cannoli e altre specialità siciliane Italian cheese pecorino, parmigiano, robiola, ecc.. la fiorentina, la polenta, il prosciutto crudo carbonara e pesto gnocchi e risotto il tartufo TODAYS ITALYla Sicilia Venice TODAYS TORINOTorino as secret underground city (Pietro Micca) The World Record City [First film capital, first capital of Italy] Mole Antonelliana Via Roma: chocolate festival; Stratta; Peyrano; la storia del cioccolato Caffè Torino Il mercato di Porta Palazzo e la pasta fresca Museo Egizio: storia e collezione TODAYS OLIMPICSCerimonia di Apertura la Sfilata degli Atleti Medals Plaza: i Duran Duran in concerto Alpi e siti olimpici TODAYS INTERVIEWInterviste ad atleti prevalentemente americani, ma non solo I PERSONAGGILa politica italiana: Berlusconi FIAT family drama and scandals I SIMBOLIIl Codice da Vinci il film, Michelangelo, i suoi dipinti La Ferrari La lavorazione del vetro soffiato PHRASES OF THE DAYBuona notte Ciao Come stai? Lanalisi Trasmissioni analizzate: USA

15 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero Lanalisi Schema narrativo

16 ITALIA [trasmissioni RAI] Infrastrutture, cerimonie olimpiche, ambiente, organizzazione, sicurezza e politiche internazionali EUROPA [trasmissioni RTE – Irlanda; ARD – SWR, ARD – WDR, DW EUROMAX e DW KULTUR – Germania; BBC – UK; VIVA – Polonia; NZZ e RTSI - Svizzera] Architettura e arte, storia della città, enogastronomia, città e infrastrutture, sicurezza e misure anti-terrorismo, moda e design, immigrazione e multiculturalismo, programma culturale USA [NBC – Today show in Piazza Castello dal 14/02/2006 al 26/02/2006] Cucina; descrizione di altre città italiane; storia, costumi, abitudini e luoghi di interesse torinesi, simboli, porsonaggi; ecc 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero Lanalisi Risultati: Italia ed estero a confronto

17 TUTTE LE TRASMISSIONI STRANIERE HANNO CERCATO DI ENTRARE NEL DETTAGLIO DELLA CULTURA TORINESE E ITALIANA RACCONTANDO, SÌ, DELLE OLIMPIADI, DELLE INFRASTRUTTURE E DEI RISULTATI DELLE GARE, MA ANCHE CONCENTRANDOSI SUL PAESE CHE HA OSPITATO I GIOCHI. AL CONTRARIO LE TELEVISIONI ITALIANE HANNO COMPLETAMENTE ESCLUSO DAI PROPRI PALINSESTI TRASMISSIONI SU TORINO E SUL PIEMONTE DA UN PUNTO DI VISTA PIÙ CULTURALE E HANNO FOCALIZZATO LA LORO ATTENZIONE, OLTRE CHE SULLE GARE E SUGLI ATLETI, SULLE INFRASTRUTTURE OLIMPICHE, SULLASPETTO ORGANIZZATIVO DEI GIOCHI E SULLE QUESTIONI ECONOMICHE RELATIVE AL COMITATO ORGANIZZATORE. 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero Riassumendo

18 federica turco & sara olivero | narrazioni olimpiche La RAI ha colto loccasione olimpica? La RAI non ha raccontato le storie di una città, ma solo quelle delle persone. I giornalisti impiegati dalla televisione pubblica italiana a seguire e riportare gli eventi, anche culturali, erano prevalentemente commentatori sportivi. La RAI ha capito la portata globale dellevento? La trasmissione televisiva delle Olimpiadi deve prevedere la rappresentazione/narrazione del locale, come strumento attraverso cui è possibile vedere il globale. Importazione ed esportazione della cultura.

19 Qualche conclusione sulla qualità qualità come fede al patto tra destinante e destinatario la RAI ha sostanzialmente disatteso tale patto non raccontando agli spettatori italiani (diversamente da quanto avvenuto allestero) quanto strategicamente stabilito prima (Piano Strategico di Comunicazione) qualità come misura della soddisfazione dello spettatore (valutazione della fase di consumo) la RAI ha prodotto trasmissioni complessivamente di qualità, perché ha colto la necessità primaria del pubblico televisivo dei grandi eventi, e cioè il bisogno di essere testimoni di storie esemplari (è il coinvolgimento passionale derivante dal potere della narrazione a guidare lattenzione del pubblico) 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero

20 qualità come veicolo di costruzione dell estetica della non presenza il giudizio sulle trasmissioni è complessivamente positivo dal punto di vista dellevento sportivo (chi non era fisicamente a Torino nel febbraio del 2006 ha fruito dellevento sportivo meglio di chi invece era presente) il giudizio diventa però negativo se consideriamo il senso del luogo e gli obiettivi di localizzazione/globalizzazione insiti nella costruzione valoriale dellevento (solo chi cera ha potuto ricevere questo tipo di informazioni sul cambiamento in atto per la città di Torino) 23 settembre 2009| federica turco & sara olivero

21


Scaricare ppt "NARRAZIONI OLIMPICHE EMOZIONE, COMUNICAZIONE, IMMAGINE E IDENTITÀ TRA STAMPA E TELEVISIONE TORINO, 23 SETTEMBRE 2009 Summer School La qualità della televisione."

Presentazioni simili


Annunci Google