La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Romanticismo Il senso dellInfinito ed il paesaggio contemplato Caspar David Friedrich Scuola Secondaria di I Grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Romanticismo Il senso dellInfinito ed il paesaggio contemplato Caspar David Friedrich Scuola Secondaria di I Grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e."— Transcript della presentazione:

1 Il Romanticismo Il senso dellInfinito ed il paesaggio contemplato Caspar David Friedrich Scuola Secondaria di I Grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine – Prof. Fortunato Rao

2 Scuola Secondaria di I Grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine - Prof. Fortunato Rao In molti quadri del pittore tedesco Caspar David Friedrich i pochi personaggi voltano le spalle allosservatore e guardano dallinterno del quadro quello stesso paesaggio che noi stiamo, insieme a loro, osservando. È come se quelle figure poste di spalle ci prestassero i loro occhi per permetterci di cogliere e di scoprire quellinfinito spazio fuori del tempo che è limmota natura. Il paesaggio dipinto dagli artisti romantici non si vede infatti con gli occhi, ma attraverso gli occhi. Il pittore non deve soltanto dipingere ciò che vede davanti a sé ma anche ciò che vede in sé. Se però in sé non vede nulla tralasci pure di dipingere ciò che vede davanti a sé V. Sgarbi Il sogno della pittura, BUR, Milano 1990

3 Scuola Secondaria di I Grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine - Prof. Fortunato Rao Riesengebirge (1835) Sempre caro mi fu quest'ermo colle, e questa siepe, che da tanta parte dell'ultimo orizzonte il guardo esclude. Ma sedendo e mirando, interminati spazi di là da quella, e sovrumani silenzi, e profondissima quïete io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura. E come il vento odo stormir tra queste piante, io quello infinito silenzio a questa voce vo comparando: e mi sovvien l'eterno, e le morte stagioni, e la presente e viva, e il suon di lei. Così tra questa immensità s'annega il pensier mio: e il naufragar m'è dolce in questo mare. (Giacomo Leopardi)

4 Scuola Secondaria di I Grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine - Prof. Fortunato Rao Mattino sul Riesenbirge (1810) Contro uno sfondo di montagne e nuvole, giunti ormai quasi in cielo, vediamo una coppia, uomo e donna, che raggiunge e si stringe al crocefisso sul monte

5 Scuola Secondaria di I Grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine - Prof. Fortunato Rao Monaco sulla spiaggia( ) Un altissimo cielo che occupa otto decimi della tela, una fascia bassa di mare ed una di terra. Schiacciato al limite delle due zone inferiori sta il monaco, con le spalle volte a noi, rivolto allorizzonte. La lunga linea che delimita il mare sembra schiacciarlo sulla terra mentre landamento degradante, verso i due lati, della costa corrisponde ad una continuazione dello spazio, dellinfinito, di cui quanto vediamo è soltanto un ritaglio. Luomo è indispensabile a comunicarcene linadeguatezza ed a non farci perdere le reali proporzioni.

6 Scuola Secondaria di I Grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine - Prof. Fortunato Rao Campagna al mattino (1822) E Tu certo comprendi / il perché delle cose, e vedi il frutto / del mattin, della sera, / del tacito, infinito andar del tempo. / Tu sai, tu certo, a qual suo dolce amore / rida la primavera, / a chi giovi l'ardore, e che procacci / il verno co' suoi ghiacci. / Mille cose sai tu, mille discopri, / che son celate al semplice pastore. / Spesso quand'io ti miro / star così muta in sul deserto piano, / che, in suo giro lontano, al ciel confina; / ovver con la mia greggia / seguirmi viaggiando a mano a mano; / e quando miro in cielo arder le stelle; / dico fra me pensando: / a che tante facelle? / Che fa l'aria infinita, e quel profondo / infinito seren? che vuol dir questa / solitudine immensa? / ed io che sono? (Giacomo Leopardi) Luomo è infinitamente piccolo in un vastissimo spazio, il pastore con il suo gregge sta al centro di un coro di cieli, montagne, acque e sconfinate campagne, partecipando di questa immersione come un privilegio solitario ed incomunicabile, dal quale è esclusa la città che si intravede allorizzonte, alla destra dellalbero in primo piano.

7 Scuola Secondaria di I Grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine - Prof. Fortunato Rao Le bianche scogliere di Rugen (1818) Il 1818 è lanno del matrimonio di Caspar David Friedrich con Carolina Bommer e del loro viaggio di nozze a Rugen; le tre persone raffigurate nel quadro sono dunque la giovane moglie del pittore (il cui abito rosso allude alla Carità), al centro Friedrich, a carponi, sporgendosi sulla scogliera ed a destra il fratello Christian, con lo sguardo verso linfinito, la Speranza.

8 Scuola Secondaria di I Grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine - Prof. Fortunato Rao Moonrise over the sea (1822) «Pare a me, o Socrate, e forse anche a te, che la verità sicura in queste cose nella vita presente non si possa raggiungere in alcun modo, o per lo meno con grandissime difficoltà. Però io penso che sia una viltà il non studiare sotto ogni rispetto le cose che sono state dette in proposito, e lo smettere le ricerche prima di avere esaminato ogni mezzo. Perché in queste cose, una delle due: o venire a capo di conoscere come stanno; o se a questo non si riesce, appigliarsi al migliore e al più sicuro tra gli argomenti umani e con questo, come sopra una barca, tentare la traversata del pelago. A meno che non si possa con maggiore agio e minore pericolo fare il passaggio con qualche più solido trasporto, con l'aiuto cioè della rivelata parola del dio». (Fedone di Platone)

9 Scuola Secondaria di I Grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine - Prof. Fortunato Rao Sunset (1830) Scoprire il mistero, entrare nel mistero che sottende l'apparenza, sottende ciò che noi vediamo e tocchiamo è il motivo della ragione, la sua forza motrice. Così è il rapporto con quell'al di là che rende possibile anche l'avventura dell'al di qua, altrimenti la noia, origine della presunzione evasiva, illusiva o della disperazione eliminatrice, domina. È solo il rapporto con l'al di là che rende realizzabile l'avventura della vita. La forza umana nell'afferrare le cose dell'al di qua è data dalla volontà di penetrazione nell'al di là. (Luigi Giussani)

10 Scuola Secondaria di I Grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine - Prof. Fortunato Rao Mondaufgang am Mee (1821) Ma al di là di questo «mare nostrum» che possiamo possedere, governare e misurare che cosa c'è? L'oceano del significato. Ed è nel superamento di queste colonne d'Ercole che uno comincia a sentirsi uomo: quando supera questo limite estremo posto dalla falsa saggezza, da quella sicurezza oppressiva, e si inoltra nell'enigma del significato. La realtà nell'impatto con il cuore umano suscita la dinamica che le colonne d'Ercole hanno suscitato nel cuore di Ulisse e dei suoi compagni, i volti tesi nel desiderio di altro. Per quelle facce ansiose e quei cuori pieni di struggimento le colonne d'Ercole non erano un confine, ma un invito, un segno, qualcosa che richiama oltre sé. Non perché andarono oltre, sbagliarono Ulisse e i nocchieri odisseici. (Luigi Giussani)

11 Scuola Secondaria di I Grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine - Prof. Fortunato Rao Mare di ghiaccio ( ) Perciò una volta scoperto questo [cioè che la risposta è al di là di sé], lo struggimento, per così dire, della ragione, è quello di poter conoscere quell incognita. La vita della ragione è data dalla volontà di penetrare l ignoto (l Ulisse dantesco), di passare oltre le colonne d Ercole, simbolo del limite, continuamente, strutturalmente [ontologicamente] posto dalla esistenza a questo desiderio [ ontologicamente, per la natura stessa della ragione, per la natura stessa delle cose, per la natura stessa del loro significato che si chiama Dio]. Anzi, è proprio la tensione ad entrare in questo ignoto che definisce l energia della ragione. (Luigi Giussani) Nel mare di ghiaccio luomo non compare più e tutto lo spazio è occupato dal blocco di ghiaccio. Il fondo è realizzato con nitidissima trasparenza di contorni. Il quadro allude ad un naufragio realmente accaduto pochi anni prima, che diviene la parabola della sete di conoscenza e di avventura, destinati a confrontarsi con leternità di Dio.

12 Scuola Secondaria di I Grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine - Prof. Fortunato Rao Viandante sul mare di nebbia (1818) Il Trio op. 100 di Schubert ci propone idealmente il cammino di un uomo (quasi il percorso di ciascun uomo) che appare sulla scena del mondo, baldanzoso giovane pieno di impeto positivo: fin dall'inizio la musica presenta quest'uomo pieno di energia e di voglia di intrapresa, ma è come se lo scorrere del tempo e delle circostanze cominciasse ben presto a fare emergere problemi, incertezze, dolori. (...) Così, il punto di arrivo di questa storia ideale è commovente: nel brano finale, infatti, è come se il desiderio di compimento e la debolezza umana si scontrassero continuamente, fino all'esaurimento delle energie. (...) Ma nelle ultime battute avviene un fatto straordinario... : quel fatto misterioso rende eternamente possibile il cammino umano verso il suo compimento". (Luigi Giussani)


Scaricare ppt "Il Romanticismo Il senso dellInfinito ed il paesaggio contemplato Caspar David Friedrich Scuola Secondaria di I Grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e."

Presentazioni simili


Annunci Google