La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

M. Sc. Cristiano Cellini Justus-Liebig-University of Giessen.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "M. Sc. Cristiano Cellini Justus-Liebig-University of Giessen."— Transcript della presentazione:

1 M. Sc. Cristiano Cellini Justus-Liebig-University of Giessen

2 Percorso Accademico Nato nel Cuore Verde dItalia Laurea Triennale in Psicologia Generale e Sperimentale. Laurea Specialistica in Psicologia Sperimentale Firenze (Italia) Assisi (Italia) Tesi di Laurea Specialistica in Psicofisica Leiden (Netherlands) Dottorato in Neuroscienze Giessen (Germania)

3 Di cosa mi occupo PERCEZIONE

4 Percezione la funzione psicologica che, grazie agli organi di senso, ci permette di ricevere ed interpretare le informazioni provenienti dal mondo esterno Psicofisica: La psicofisica è una branca della psicologia che studia le relazioni che esistono tra stimoli fisici definiti e misurabili (luminosi, tattili, acustici, ecc.) e la risposta, intesa come intensità percepita legata agli stimoli stessi.

5 Gli organi di senso sono strutture presenti nei corpi degli essere viventi che permettono essenzialmente di interagire con il mondo circostante Essi sono composti da strutture più o meno complesssse specializzate nella ricezione di stimoli provenienti dallesterno e/o dallinterno. Trasformano questi in impulsi nervosi e li trasmettono al sistema nervoso centrale Organo di senso>impulso nervoso>sistema nervoso centrale Organi di senso e recettori

6 Ci sono diversi tipi di stimoli, che vengo raggruppati secondo la seguente classificazione -Olfatto e gusto Chemocettori: ricevono stimoli chimici come, ad esempio, il gusto e lolfatto. Olfatto/naso Gusto/lingua - Udito e tatto Meccanocettori ricevono stimoli come pressione, tocco e dolore. Il tatto e ludito fanno parte di questa classe. Udito/torecchio Tatto/pelle

7 Organi di senso e recettori -Vista Fotorecettori: captano lenergia luminosa, come ad esempio ka vista. vista/occhio

8 Integrazione Cosa significa?!!? Combinare due o piú cose in modo che diventino piú efficienti Mischiarsi ed unirsi a societá o a gruppi di persone, spesso accomodando il modo di vivere, ambiente e costumi Combinare (una cosa) con un altra per formare un insieme.

9 Integrazione sensoriale Integrazione sensoriale è la capacità di raccogliere e selezionare informazioni dal mondo circostante attraverso gli organi sensoriali e di correlare le varie informazioni in modo la persona può reagire (rispondere) in un adattivo adeguato.

10 Interessi di ricerca Allinterno della stessa modalità sensoriale Tra diverse modalità sensoriali: Integrazione visuo- tattile Come il cervello integra le informazioni e reagisci agli stimoili esterni Indirizzare lo sguardo verso lo stimolo più saliente tra gli altri oggetti nel campo visivo Integrazione del movimento(FLE) Dito fermo Dito in movimento RealePercepito T1T2

11 Movimenti oculari e registrazione Saccadi: movimento oculare del tipo più frequente. Consiste in rapidi movimenti degli occhi eseguiti per portare la zona di interesse a coincidere con la fovea. Vengono eseguite in media 3- 4 saccadi al secondo. In media, durante la veglia, vengono quindi eseguite circa in un giorno. Sono un movimento di tipo coniugato. Registratore di movimenti oculari (Eye tracking): é un processo di misurazione sia del punto nel quale é diretto lo sguardo sia del movimento degli occhi relativo alla testa. Ci sono vari metodi per misurare I movimenti oculari. Il piú usato é quello di usare immagini visive dalle quali si estrae la posizione degli occhi.

12 Movimento saccadico verso stimoli luminosi e colorati Se viene presentato un secondo stimolo vicino ad un altro, lamplitudine saccadica è diretta verso il centro di gravità dei due stimoli. Questo effetto è chiamato Effetto Globale Considerando che il colore e la luminosità sono processati da differenti vie neurali, come potrebbe essere influenzate le saccadi se viene presentato uno stimolo luminoso e uno colorato? Cellini C., Scuetz C. A., Gegenfurtner R. K. (2010)

13 Compito : quando lo stimolo appare, fai una saccade verso il punto piú saliente Metodi Movimento saccadico verso stimoli luminosi e colorati

14 Luminositá Vs Luminositá Colore Vs Colore Luminositá Vs Colore 90° Distribuzione delle saccadi Fit. Statistico sulla somma di 3 Gaussiane Fit. Fit. Statistico su 1 gaussiana

15 30° Luminositá Vs Luminositá Luminositá Vs Colore Colore Vs Colore

16 Latenza saccadica Saccadi mediate tra due stimoli Saccadi con preferenza per lo stimolo

17 Conclusioni I nostri risultati dimostrano che il sistema visivo reagisce allo stesso modo agli stimoli con le stesse caratteristiche (stessa luminositá o stesso colore) e agli stimoli con diverse caratteristiche (uno luminoso e uno colorato) Non ci sono differenze neanche tra colori diversi Movimento saccadico verso stimoli luminosi e colorati

18 Cosa ci chiediamo? Introducttion Possiamo inferire la morbidezza degli oggetti solo con la vista? Se sí, sará l´informazione visiva ottimalmente integrata con l´informazione tattile? Visuo-Haptic integration in the estimation of softness Cellini C., Kaim L., Drewing K. (2011) Integrazione visuo-tattile nella stima della morbidezza

19 Dispositivo Ghost Phantom II: Registrazione movimenti della mano e delle braccia Registrazione forza Simulatore di realta 3D tattile virtuale Stimoli tattili: mix di olio e silicone per rendere la gomma piú o meno morbida

20 Misurazione della posizione e della forza del dito a diretto contatto con la superficie di gomma Apparato Integrazione visuo-tattile nella stima della morbidezza

21 % softer Comparison Metodo degli stimoli costanti 50% PSE Molte ripetizioni Molti confronti Fit statistico con una gaussiana Determinare PSE e JND ( Metodo e stimoli Qual é il piú morbido fra i due?

22 Visual-Haptic Visual Haptic JND PSE JND PSE Risultati Inferenza visiva valida per la morbidezza di stimoli morbidi

23 Affidabilitá del giudizio* Results -5 rep. per Compl. X Modality -Modality conditions blocked (order balanced by Latin Sq.) -Specimen randomized -~1.5 hours *Affidabilitá = 1/ Weber fraction²* Const H VH V * * n.s. * * * HardSoft * * VH predicted from optimal integration Presenza di discriminazione visiva per la morbidezza I giudizi per gli stimoli duri sono peggiori quando si usa il tatto e la vista in confronto del tatto solamente Il giudizio Bisensoriale é subottimale

24 ObservedObserved Observed Optimal Observed Weights Optimal Weights Risultati

25 Conclusioni Schema di pesi fissi per integrare il percepito con informazioni inferite Pesi appiccicosi Sia l´indiretta informazione visiva che la diretta informazione tattile contribuiscono al giudizio Visuo- tattile (~35% vista) I pesi visuo-tattili stimati non sono ottimali ma compromessi dalla vista affidabilitá visuo-tattile subottimale Integrazione visuo-tattile nella stima della morbidezza

26 The Buzz Lag Effect Léffetto del ritardo del flash (Flas Lag Effect FLE) é un illusione visiva dove un flash e un oggetto in movimento che compagliono nello stesso posto sono percepiti disallineati l´un l´altro (MacKay, 1958; Nijhawan, 1994). Cellini C., Drewing K., Scocchia L. (2011) L´effetto del ritardo del Flash

27

28 Estrapolazione del movimento il sitema visivo é predittivo (preveggente),tenendo in considerazione il ritardo neurale estrapolando la traiettoria di un oggetto in movimento nello spazio Sono state formulate molte spiegazioni per questa illusione Differenza di latenze il sistema visivo processa gli oggetti in movimento piú velocemente dei flash Integrazione del movimento la consapevolezza visiva é postdittiva, cosí che il percetto attribuito al momento del flash é in funzione degli eventi che avvengono circa 80ms dopo il flash L´effetto del ritardo del Flash

29 Ci sono molti lavori in letteratura che investigano questa illusione a livello visivo, ma nessuno fin ora ha investigato se questo effetto si verifica anche a livello tattile É possibile osservare questa illusione anche nella modalitá sensoriale tattile? L´effetto del ritardo del Flash Tattile

30 Apparato e stimoli Un dito fermo posizionato al centro dello spazio di lavoro del phantom (posizione 0)e un dito che si muove connesso al braccio del phantom Impulso in 7 differenti posizioni: 12, 8, 4, 0 cm(alla sinistra e alla destra del dito fermo) 2AFC compito: Dove si trovava il tuo dito in movimento al momento dell´impulso rispetto al dito fermo, a destra o a sinistra? Due diverse velcitá di movimento (1Hz & 2Hz) essendo l´illusione visiva influenzata dalla velocitá del movimento Cosa ci aspettiamo? Dito fermo Dito in movimento T1T2 Posizione Reale impulso ma Posizione percepita L´effetto del ritardo del Flash Tattile

31 Risultati Da sinistra: P= Da destra: P= Test statistico ** * Posizione del dito in movimento quando i soggetti percepivano i due diti allineati -Slow- L´effetto del ritardo del Flash Tattile

32 Risultati Da sinistra: P= Da destra: P= ** -Fast- L´effetto del ritardo del Flash Tattile * Posizione del dito in movimento quando i soggetti percepivano i due diti allineati

33 Conclusioni Questo effetto aumenta con l´aumentare della velocitá del movimento. Fenomeno che si osserva anche nell´effetto del ritardo visivo I nostri risultati suggeriscono la presenza di un effetto del ritardo del flah tattile L´effetto del ritardo del Flash Tattile

34 Grazie mille per la vostra attenzione!


Scaricare ppt "M. Sc. Cristiano Cellini Justus-Liebig-University of Giessen."

Presentazioni simili


Annunci Google