La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Agricoltura Sostenibile Anna Fregola – Istituto Tecnico Agrario Vittorio Emanuele II - Catanzaro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Agricoltura Sostenibile Anna Fregola – Istituto Tecnico Agrario Vittorio Emanuele II - Catanzaro."— Transcript della presentazione:

1 Agricoltura Sostenibile Anna Fregola – Istituto Tecnico Agrario Vittorio Emanuele II - Catanzaro

2

3 L'AGROECOSISTEMA è un ambiente creato dallUOMO, in cui l ecosistema naturale è stato modificato, per mezzo di per mezzo di interventi agronomici sul terreno, sul clima e sui fattori biologici, con lo scopo di realizzare l'attività agricola. realizzare l'attività agricola.

4 ANALOGIE TRA ECOSISTEMA ED AGROECOSISTEMA lENERGIA SOLARE è in parte trasformata in biomassa dalle piante, in parte trasferita al suolo attraverso i residui; la SOSTANZA ORGANICA presente nei residui, attraverso processi di umificazione, è resa disponibile per le nuove colture.

5 DIFFERENZE TRA ECOSISTEMA ED AGROECOSISTEMA Semplificazione della diversità ambientale Semplificazione della diversità ambientale Apporto di energia esterna Apporto di energia esterna Asportazione della biomassa Asportazione della biomassa Immissione di sostanze inquinanti Immissione di sostanze inquinanti

6 MASSIMA RIDUZIONE BIODIVERSITA MASSIMA SEMPLIFICAZIONE STRUTTURALE Alta possibilità infestazioni di Fitofagi-fitopatogeni Erbe infestanti Utilizzazione non adeguata risorse naturali Scarsa autonomia Poca stabilità Grande impiego mezzi tecnici determinaSi ha Per difenderePer reintegrare Per mantenerlo nel tempo implica AGROECOSISTEMI INDUSTRIALIZZATI

7 CONSEGUENZE L'equilibrio ecologico dellagroecosistema è molto fragile ! Manca la capacità di autoregolazione: nel ciclo degli elementi nutritivi, nel ciclo degli elementi nutritivi, nella conservazione della fertilità del suolo, nella conservazione della fertilità del suolo, nella regolazione degli agenti dannosi. nella regolazione degli agenti dannosi.

8 CONSEGUENZE Il funzionamento dellagroecosistema dipende dall'intervento antropico e richiede e richiede grandi fabbisogni di energia esterna

9 AUMENTO BIODIVERSITA COMPLESSITA STRUTTURALE >più equilibrio

10 SISTEMI AGRICOLI SOSTENIBILI Un sistema agricolo sostenibile deve basarsi sui seguenti principi:

11 SISTEMI AGRICOLI SOSTENIBILI Rapporti tra esseri viventi e Rapporti tra esseri viventi e tra questi e l'ambiente: tra questi e l'ambiente: l'agricoltura deve influire su queste interazioni in misura limitata ai reali bisogni, e comunque, privilegiando i mezzi naturali di intervento.

12 SISTEMI AGRICOLI SOSTENIBILI Molteplicità, equilibrio, stabilità: Molteplicità, equilibrio, stabilità: la sopravvivenza di specie vegetali ed animali diversificate all'interno di un agroecosistema è sintomo di maggiore equilibrio e è sintomo di maggiore equilibrio e di maggiore stabilità.

13 SISTEMI AGRICOLI SOSTENIBILI Ciclo delle sostanze, risparmio di materie prime: Ciclo delle sostanze, risparmio di materie prime: il rispetto del ciclo delle sostanze, la valorizzazione di residui e concimi aziendali per il ripristino della fertilità del suolo determinano un risparmio energetico e delle riserve di materie prime. Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior…

14 SISTEMI AGRICOLI SOSTENIBILI Simbiosi e allelopatie: Simbiosi e allelopatie: alcune interazioni tra organismi viventi possono essere efficacemente sfruttate nella gestione di un agroecosistema

15 Secondo l'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) LAGRICOLTURA SOSTENIBILE deve garantire produzione di reddito per l'agricoltore produzione di reddito per l'agricoltore condizioni di qualità e di sicurezza per l'agricoltore e per il consumatore condizioni di qualità e di sicurezza per l'agricoltore e per il consumatore durata indefinita delle risorse ambientali e delle produttività del suolo durata indefinita delle risorse ambientali e delle produttività del suolo

16 SOSTENIBILITA E CONOMICA E CONOMICA E TICA E TICA E COLOGICA E COLOGICA le tre E che devono garantire SOSTENIBILITA ALLO SVILUPPO ! SOSTENIBILITA ALLO SVILUPPO !

17 Lagricoltura sostenibile si preoccupa della salute del suolo, della salute del prodotto della salute del consumatore. della salute del consumatore.

18 Non esiste un unico modo di fare agricoltura sostenibile valido in tutto il mondo. valido in tutto il mondo.

19 Compito dell'agricoltore evoluto e sensibile è quello di adattare, con l'esperienza e con l'assistenza dei servizi tecnici, i risultati della ricerca e della sperimentazione alla propria realtà aziendale.

20 UomoGestioneAgronomica AGROECOSISTEMA BiocenosiSuoloClimaMezziTecnici Erbeinfestanti Patogeni Fitofagi cultivar Organismiutili

21 Modelli di Agricoltura Sostenibile Agricoltura Biologica Agricoltura Biologica Produzioni Integrate

22 AGRICOLTURA BIOLOGICA Principi e Motivi ispiratori Ambiente Etica Salute Gestione Agronomica

23 AMBIENTE: agire per la salvaguardia dell'ambiente e il rispetto degli equilibri naturali; agire per la salvaguardia dell'ambiente e il rispetto degli equilibri naturali; ridurre il carico inquinante apportato dalle sostanze chimiche normalmente utilizzate nell'agricoltura convenzionale ridurre il carico inquinante apportato dalle sostanze chimiche normalmente utilizzate nell'agricoltura convenzionale

24 SALUTE: salvaguardare la salute degli operatori agricoli (rischio di intossicazioni croniche ed acute, allergie, altre patologie); salvaguardare la salute degli operatori agricoli (rischio di intossicazioni croniche ed acute, allergie, altre patologie); ridurre o eliminare i residui di sostanze chimiche tossiche negli alimenti; ridurre o eliminare i residui di sostanze chimiche tossiche negli alimenti; migliorare le caratteristiche nutrizionali ed organolettiche dei prodotti coltivati (minor contenuto di nitrati, maggior contenuto di vitamine, maggior contenuto di sostanza secca) migliorare le caratteristiche nutrizionali ed organolettiche dei prodotti coltivati (minor contenuto di nitrati, maggior contenuto di vitamine, maggior contenuto di sostanza secca)

25 ETICA: allevare gli animali in maniera il più possibile conforme alle esigenze biologiche ed etologiche delle singole specie; allevare gli animali in maniera il più possibile conforme alle esigenze biologiche ed etologiche delle singole specie; valorizzare il benessere psicofisico dell'uomo attraverso l'utilizzo di alimenti coltivati in modo "naturale. valorizzare il benessere psicofisico dell'uomo attraverso l'utilizzo di alimenti coltivati in modo "naturale.

26 GESTIONE AGRONOMICA: migliorare la fertilità del terreno migliorare la fertilità del terreno attraverso l'utilizzo di fertilizzanti ed ammendanti organici; attraverso l'utilizzo di fertilizzanti ed ammendanti organici; produrre in qualità e non in quantità per affrontare i problemi di eccedenze della comunità europea; produrre in qualità e non in quantità per affrontare i problemi di eccedenze della comunità europea; rivalutare le possibilità produttive di piccole aziende ed aziende marginali in stato di crisi nel mercato del convenzionale. rivalutare le possibilità produttive di piccole aziende ed aziende marginali in stato di crisi nel mercato del convenzionale.

27 OBIETTIVI PRODUZIONE DI ALIMENTI SANI E DI ELEVATA QUALITA PRODUZIONE DI ALIMENTI SANI E DI ELEVATA QUALITA SALVAGURDIA DELLAMBIENTE, DELLA NATURA, E DEL PAESAGGIO AGRARIO SALVAGURDIA DELLAMBIENTE, DELLA NATURA, E DEL PAESAGGIO AGRARIO MANTENIMENTO E AUMENTO DELLA FERTILITA DUREVOLE DEI TERRENI MANTENIMENTO E AUMENTO DELLA FERTILITA DUREVOLE DEI TERRENI RISPARMIO DI ENERGIA RISPARMIO DI ENERGIA MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI REDDITO E DI VITA DEGLI AGRICOLTORI MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI REDDITO E DI VITA DEGLI AGRICOLTORI

28 Agricoltura Biologica metodo di produzione agricola, disciplinato dal regolamento CEE n.2092/91 e successive modificazioni, valido in tutta la Comunità Europea e attuato in ogni paese membro attraverso leggi nazionali. Le norme comunitarie sulla produzione biologica prevedono che :

29 La fertilità e l'attività biologica del suolo debbano essere conservate ed aumentate con: la reintroduzione di una adeguata rotazione pluriennale la reintroduzione di una adeguata rotazione pluriennale la coltivazione di leguminose e di altre colture da sovescio la coltivazione di leguminose e di altre colture da sovescio l'incorporazione nel terreno di materiale organico aziendale (residui colturali, letame, compost); l'incorporazione nel terreno di materiale organico aziendale (residui colturali, letame, compost);

30 … le colture alternate facilitano il lavoro, e non ci si vergogni di arricchire e non ci si vergogni di arricchire con grasso letame il suolo sterile, con grasso letame il suolo sterile, né di gettare cenere sporca né di gettare cenere sporca sopra i campi esauriti. sopra i campi esauriti. Anche in tal modo riposano i campi, Anche in tal modo riposano i campi, mutando i prodotti … mutando i prodotti … Virgilio (Georgiche)

31 La lotta contro i parassiti e le piante infestanti, deve essere invece imperniata su: scelta di specie e varietà adeguate scelta di specie e varietà adeguate un programma di rotazione appropriato un programma di rotazione appropriato diserbo meccanico e il pirodiserbo diserbo meccanico e il pirodiserbo uso, potenziamento e protezione dei nemici naturali dei parassiti grazie a provvedimenti ad essi favorevoli (es. cura o impianto di siepi). uso, potenziamento e protezione dei nemici naturali dei parassiti grazie a provvedimenti ad essi favorevoli (es. cura o impianto di siepi).

32 L'uso di prodotti chimici di sintesi: concimi, insetticidi, insetticidi, fungicidi, fungicidi, diserbanti diserbanti non è consentito !!! E' permesso l'impiego di prodotti chimici di origine naturale. LetamePiretro,zolfo

33 Il Regolamento CEE n. 2092/91 ha introdotto norme dettagliate per la produzione, la trasformazione e l etichettatura dei prodotti vegetali biologici. Ha stabilito, a garanzia dei consumatori, un regime di controllo a cui si devono obbligatoriamente assoggettare tutti gli operatori della filiera (produttori,trasformatori, rivenditori)

34 LETICHETTATURA DEL PRODOTTO BIOLOGICO Diciture e informazioni obbligatorie: agricoltura biologica - Regime di controllo CE e/o il marchio. agricoltura biologica - Regime di controllo CE e/o il marchio. Nome dellorganismo di controllo autorizzato ed estremi dellautorizzazione ministeriale. Nome dellorganismo di controllo autorizzato ed estremi dellautorizzazione ministeriale. Codice dellorganismo di controllo autorizzato e codice dellazienda controllata. Codice dellorganismo di controllo autorizzato e codice dellazienda controllata.

35 AGRICOLTURA INTEGRATA Regolamento CEE 2078 del 1992 Attraverso un sistema di incentivi finanziari, il Consiglio Europeo si è impegnato a: limitare le forme di inquinamento limitare le forme di inquinamento agricolo dell'ambiente ridurre le produzioni eccedentarie ridurre le produzioni eccedentarie valorizzare i contributi che l'attività agricola può dare alla salvaguardia delle risorse naturali nelle aree rurali, in particolare nelle zone a rischio ambientale. valorizzare i contributi che l'attività agricola può dare alla salvaguardia delle risorse naturali nelle aree rurali, in particolare nelle zone a rischio ambientale.

36 Disciplinari di Produzione Integrata Sono strumenti tecnici utili alla diffusione delle tecniche agricole a basso impatto

37 Disciplinari di Produzione Integrata Contengono norme vincolanti e consigli tecnici relativi a: Vocazionalità Vocazionalità Successioni colturali Successioni colturali Gestione del terreno Gestione del terreno Semina Semina Fertilizzazione Fertilizzazione Diserbo Diserbo Difesa Difesa Raccolta Raccolta

38 Mezzi biologici Mezzi agronomoci Mezzi chimici Mezzi fisici Selezione varietà resistenti DIFESA INTEGRATA

39 il sistema che utilizza nel modo più compatibile possibile tutte le tecniche ed i mezzi appropriati per mantenere la popolazione dei parassiti ad un livello inferiore a quello che causa danni o perdite economicamente insostenibili (FAO) DIFESA INTEGRATA

40 Uso di tecniche colturali: potatura, concimazioni, irrigazioni, capaci di creare condizioni sfavorevoli allo sviluppo dei parassiti DIFESA INTEGRATA

41 Introduzione di insetti utili che mantengano sotto controllo quelli dannosi; DIFESA INTEGRATA

42 Controllo periodico di frutti,rametti e foglie attaccati dagli organismi dannosi per individuare il momento migliore per intervenire DIFESA INTEGRATA

43 Impiego di insetticidi, acaricidi e fungicidi selettivi e con ridotti tempi di sicurezza DIFESA INTEGRATA Soglia di intervento

44 DIFESA INTEGRATA DIFESA INTEGRATA E consentito luso di prodotti chimici di sintesi, ma riducendone gli apporti!!! Prodotto giusto al momento giusto Lottaguidata

45


Scaricare ppt "Agricoltura Sostenibile Anna Fregola – Istituto Tecnico Agrario Vittorio Emanuele II - Catanzaro."

Presentazioni simili


Annunci Google