La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La rappresentatività del sindacato confederale in Italia e in Europa Agostino Megale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La rappresentatività del sindacato confederale in Italia e in Europa Agostino Megale."— Transcript della presentazione:

1 La rappresentatività del sindacato confederale in Italia e in Europa Agostino Megale

2 attori (i produttori anziché i cittadini) materie economiche sociali (condizioni di lavoro: salari, orari, sucurezza, odl, diritti sindacali) le procedure: importanza degli strumenti di democrazia diretta e quasi diretta (MANDATO IMPERATIVO, REVOCA- ASSEMBLEARISMO-REFERENDUM) Peculiarità dellesercizio della rappresentanza collettiva degli interessi LE DIFFERENZE DA QUELLA POLITICA : SINDACATO LA DIFFERENZA TRA SINDACATO CONFEDERALE E CORPORATIVO IL PRIMO SINTESI TRA INTERESSI PARTICOLARI E GENERALI IL SECONDO SOLO INTERESSI PARTICOLARI IL SOLO SOGGETTO CHE PUO RAPPRESENTARE DAL LAVORO DIPENDENTE AL CO.CO.CO. E IL SOGGETTO CONFEDERALE mediazione nello spazio e nel tempo (V.Trentin)

3 Quando un sindacato è rappresentativo? Se nellesercizio della rappresentanza conferita attiva percorsi decisionali ricchi di partecipazione Rafforzando il vincolo di fiducia e consenso con la base sociale di iscritti Consegue risultati materiali e simbolici, negoziali e politici

4 incentivi alla membership sono quelli identitari e ideologici (bisogno di sentirsi meno deboli nel gruppo e di lottare per un futuro migliore) lalto tasso di sindacalizzazione in Italia Dilemmi organizzativi e strategici di ogni sindacato RAPPORTO FRA logica associazione (interessi e istanze dei soli iscritti ) logica di classe (tutti i lavoratori) RAPPORTO FRA dimensione orizzontale (appartenenza al territorio) dimensione verticale (categoria)

5 DATI ILO DI DUE DECENNI PERDITA ISCRITTI DEL SINDACATO IN: GERMANIA: 33,8% GRAN BRETAGNA: 27,7% FRANCIA: 37% PORTOGALLO: 50% USA: 21% GIAPPONE: 16% Tasso medio-alto per lItalia (36-37%) i sindacati confederali aumentano gli iscritti in cifra assoluta (pensionati inclusi) ECCEZIONE: SISTEMA GHENT (BELGIO-PAESI SCANDINAVI DOVE ESISTE LA GESTIONE SINDACALE DELLASSICURAZIONE CONTRO LA DISOCCUPAZIONE) Ma sul terreno dei lavoratori attivi perdono il 28% (34% per la CGIL) nel periodo

6 Dinamica di sindacalizzazione in Europa (% lavoratori attivi)

7 Tassi di sindacalizzazione, 2000 (% lavoratori attivi)

8 Comportamento del tesseramento negli ultimi 20 anni

9 Dinamica iscritti CGIL per categoria

10 Le fusioni sindacali Modello prevalente riguarda i processi di fusione tra sindacati affiliati (mergers) Approcci di tipo organizzativo Esempi:GERMANIA IG METALL HA ASSORBITO I TESSILI LEGNO E PELLI SETTORE NON MANIFATTURIERO: VER.D.I. 8 FEDERAZIONI DI CATEGORIE PER LA DGB

11 Le fusioni sindacali Esempi:AUSTRIA RIDUZIONE A TRE RAMI ARTICOLAZIONE SETTORIALE Esempi:SCANDINAVIA PROBLEMA DELLA SEPARAZIONE ANACRONISTICA COLLETTI BLU E COLLETTI BIANCHI

12 Le fusioni sindacali Esempi: MONDO ANGLOSASSONE TANTISSIMI SINDACATI SINDACATO DI MESTIERE =ALTO GRADO DIVISIONE 364 SIGLE PER GLI USA 350 AUSTRALIA 260 NUOVA ZELANDA GRAN BRETAGNA RIDUZIONE A 70 ( LA MAGGIORANZA NON RAGGIUNGE ISCRITTI) CON LA FUSIONE CHE HA COSTITUITO UNISON LAREA SERVIZI PUBBLICI E PRIVATI E AL PRIMO POSTO PER ISCRITTI

13 Le fusioni sindacali PAESI MEDITERRANEI: PROBLEMA DIVISIONE STORICA TRA CONFEDERAZIONI DI DIVERSA ISPIRAZIONE POLITICA BELGIO E OLANDA: PESO COMPONENTE RELIGIOSA

14 Le fusioni sindacali TENDENZA A LIVELLO CONFEDERALE RIDUZIONE NUMERO SETTORI MODELLO ITALIANO VARIANTE ORIGINALE RISPETTO AI TEDESCHI E ANGLOSSASSONI POTENTI FEDERAZIONI DI CATEGORIA BASATO SUL MESTIERIE E SULLE AZIENDE PENSIONATI FUORI DALLE CATEGORIE

15 In Italia 36 FEDERAZIONI ANNI FEDERAZIONI ANNI FEDERAZIONI oggi Cisl: riduzione federazioni di settore: obiettivo riduzione a 5 Cgil: esperienze mergers Flai, Fp, Sl, Filcea, Fnle

16 Perché andare verso le fusioni? Cause sono riconducibili a quattro ordini di fattori: 1) esterni (riflettono mutamento ambiente produttivo 2) interni (equilibrio dei costi nelle relative categorie e/o ricostruzione di logiche di filiera e sinergiche) 3) politici (in relazione ad evoluzione delle relazioni industriali e dei modelli contrattuali orientati verso logiche di accorpamento delle categorie nazionali in rapporto agli accorpamenti contrattuali - contratto industria ecc. 4) si producono risparmi da destinare a forti investimenti in uomini e mezzi nel decentramento territoriale al fine di raggiungere organizzativamente anche il lavoro, flessibile e precario, frammentato e sommerso privatizzazioni


Scaricare ppt "La rappresentatività del sindacato confederale in Italia e in Europa Agostino Megale."

Presentazioni simili


Annunci Google