La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Memoria non dichiarativa (implicita) Memoria semantica Episodi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Memoria non dichiarativa (implicita) Memoria semantica Episodi."— Transcript della presentazione:

1 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Memoria non dichiarativa (implicita) Memoria semantica Episodi pubblici Episodi autobiografici MLT (visiva e verbale) Memoria dichiarativa (esplicita) Memoria episodica Memoria prospettica Innesco (priming) procedurale uditivavisiva MBT Memoria iconica ecoica

2 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Obiettivi della lezione di oggi 1.Analisi componenti MLT 2.Quanto sono accurati i nostri ricordi?

3 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 La distinzione tra memoria visiva e memoria uditiva si applica anche alla memoria a lungo termine. La memoria a lungo termine spiega i fenomeni di ricordo permanente (o comunque duraturo) Memoria a lungo termine visiva Studi sul riconoscimento visivo mostrano livelli di riconoscimento molto alti (fino al 98%) anche parecchio tempo dopo la presentazione degli stimoli (esp. Shepard) Parte del riconoscimento di una scena è frutto di processi di ricostruzione e riorganizzazione (E. Loftus) Il 16% dei partecipanti ricordava di aver stretto la mano a Bugs Bunny! Braun, K. A., Ellis, R., & Loftus, E. F. (2002). Make my memory: How advertising can change our memories of the past. Psychology and Marketing, 19, 1-23.

4 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7

5 7 7 Memoria a lungo termine uditivo-verbale Riguarda la dimensione semantica del linguaggio (MLT verbale) ma anche caratteristiche sensoriali come voci e toni Il riconoscimento arriva a livelli molto alti (95% per le voci e 90% per i suoni)

6 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Memoria semantica Episodi pubblici Episodi autobiografici MLT (visiva e verbale) Memoria episodica Memoria prospettica Innesco (priming) procedurale uditivavisiva MBT Memoria iconica ecoica Memoria non dichiarativa (implicita) Memoria dichiarativa (esplicita)

7 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Memoria dichiarativa e memoria non-dichiarativa Distinzione tra sapere cosa e sapere come (G. Ryle) La memoria dichiarativa (sapere cosa) si riferisce alla conoscenza esplicita di fatti, come la definizione di una parola o le circostanze in cui abbiamo conosciuto una persona E un tipo di conoscenza direttamente accessibile alla coscienza La memoria non-dichiarativa si riferisce soprattutto alla componente procedurale (sapere come), cioè alle informazioni di cui facciamo uso nellattuare un compito E un tipo di conoscenza non consapevole

8 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Strutture coinvolte in memoria dichiarativa (nuclei diencefalici + parte mesiale lobo temporale)

9 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Strutture coinvolte in memoria procedurale (gangli della base + strutture cerebellari)

10 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 La distinzione tra memoria procedurale e dichiarativa è confermata da dati su pazienti neurologici Vi sono lesioni cerebrali che danneggiano selettivamente la memoria dichiarativa: i pazienti non sono in grado di apprendere nuove conoscenze ma sono in grado di apprendere nuove procedure (Jimmy G., il marinaio perduto di Oliver Sacks)

11 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Memoria non dichiarativa (implicita) Memoria semantica Episodi pubblici Episodi autobiografici MLT (visiva e verbale) Memoria dichiarativa (esplicita) Memoria episodica Memoria prospettica procedurale uditivavisiva MBT Memoria iconica ecoica Innesco (priming)

12 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 La memoria non-dichiarativa non riguarda solo le abilità motorie (es. fenomeno del priming) Questa conoscenza implicita, non consapevole, può essere testata mediante test impliciti Nei test impliciti la memoria è uno strumento per lo svolgimento di un compito che non è connesso con il recupero cosciente dellinformazione

13 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Test espliciti e test impliciti cavallo STUDIO: cerca parole che contengano la lettera t (no menzione della fase test) TEST: la parola sullo schermo è una parola o una non-parola? carallo casatempo lucevento trappolacane diecifragola lampadatrucco cibotenda fangocavolo cullaaereo tettocavallo cipollatrottola casatempo lucevento trappolacane diecifragola lampadatrucco cibotenda fangocavolo cullaaereo tettocavallo cipollatrottola

14 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Risultati fase test (riconoscimento implicito): analisi ristretta alle sole risposte parola in fase studionuove Tempo di risposta (ms) Stimoli parole Effetto priming

15 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Memoria non dichiarativa (implicita) Memoria semantica Episodi pubblici Episodi autobiografici MLT (visiva e verbale) Memoria dichiarativa (esplicita) Memoria episodica Memoria prospettica Innesco (priming) procedurale uditivavisiva MBT Memoria iconica ecoica

16 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Memoria episodica e memoria semantica Nella MLT si può distinguere tra la memoria episodica e la memoria semantica Memoria episodica Si riferisce a specifici eventi ed esperienze di vita Contiene informazioni spazio-temporali che specificano dove e quando si è verificato levento E organizzata cronologicamente

17 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Memoria semantica Si riferisce a conoscenze astratte e generali Trascende le condizioni temporali e spaziali in cui la traccia si è formata E organizzata in modo tassonomico e associativo Riflessione: memoria episodica e memoria semantica: sistemi diversi? Tulving (1985, 1987): memoria episodica come sottoinsieme della memoria semantica

18 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Memoria non dichiarativa (implicita) Memoria semantica Episodi pubblici Episodi autobiografici MLT (visiva e verbale) Memoria dichiarativa (esplicita) Memoria episodica Memoria prospettica Innesco (priming) procedurale uditivavisiva MBT Memoria iconica ecoica

19 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Memoria retrospettiva e memoria prospettica Possiamo recuperare dalla memoria fatti o episodi del passato (memoria retrospettiva) E ben poca cosa una memoria che guarda solo allindietro (L. Carroll) Infatti siamo in grado di ricordare piani, intenzioni e azioni che svolgeremo in futuro (memoria prospettica) Nel processo che porta al ricordo di unintenzione si possono distinguere almeno diverse fasi Formazione e codifica di unintenzione e dellazione associata

20 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Intervallo di ritenzione intervallo tra la codifica dellintenzione e linizio dellintervallo di potenziale prestazione Intervallo di prestazione Periodo di tempo in cui lintenzione deve essere recuperata Inizio ed esecuzione dellazione Valutazione del risultato (compliance o no-compliance)

21 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Memoria non dichiarativa (implicita) Memoria semantica Episodi pubblici MLT (visiva e verbale) Memoria dichiarativa (esplicita) Memoria episodica Memoria prospettica Innesco (priming) procedurale uditivavisiva MBT Memoria iconica ecoica Episodi autobiografici

22 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 La memoria autobiografica La memoria autobiografica è riferita al ricordo di informazioni legate al sé. Il sistema dei ricordi autobiografici comprende tre livelli organizzati gerarchicamente estesi periodi della vita eventi generali (giorni o settimane) eventi specifici (ore)

23 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 I ricordi autobiografici hanno carattere ricostruttivo In molti casi la rievocazione di un evento comporta lintegrazione di dettagli estratti da episodi simili (memoria riepisodica)

24 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Siete in grado di ricordare il modo in cui avete appreso la notizia dellattentato alle Torri Gemelle? E…lomicidio di Novi Ligure? (FORSE SI FORSE NO) Flashbulb memory (ricordi simili a istantanee fotografiche)

25 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Schacter Alla ricerca della memoria Era un giorno di scuola come gli altri e sedevo al mio solito posto in prima media. Allimprovviso il preside entrò in calsse e tirò da parte il nostro insegnante. Era venuto a portarci una terribile notizia: avevano sparato al presidente Kennedy. Non ricordo molto di quanto successe prima o dopo quellannuncio, ma limmagine del momento in cui ho appreso la notizia mi è rimasta impressa per oltre trentanni.

26 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Brown & Kulik (1977): morte di John Kennedy; 10 eventi drammatici. Molti eventi erano accompagnati da un ricordo molto vivo; tanto più importante era laccaduto tanto maggiore era la probabilità di un ricordo vivido

27 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Il fenomeno di ricordi molto vivi a proposito di eventi importanti è estremamente interessante, ma una rievocazione nitida non implica necessariamente che sia altrettanto accurata. Non è fondamentale che si sia corretti nel ricordare dove eravamo quando abbiamo appreso la notizia dellattentato alle torri gemelle! Tuttavia cè una situazione nella quale laccuratezza del ricordo può essere di cruciale importanza, e precisamente nel caso della testimonianza oculare in unaula di tribunale. Alcuni dati sperimentali dimostrano che la memoria non è infallibile (in particolare gli studi di Elisabeth Loftus).

28 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Lo psicologo danese Still Larsen conduceva uno studio sui propri ricordi quando venne a sapere dellassassinio di Palmer e inserì subito nel suo computer un resoconto dettagliato di come aveva appreso la notizia. Quando a distanza di mesi, nel quadro dello studio in corso, rispose alle domande del computer lo psicologo ricordò a ragione di aver sentito la notizia alla radio mentre faceva colazione. Notò anche che i contorni vividi del suo ricordo contrastavano con la scialba rievocazione di come aveva appreso notizie meno importanti, in genere destinate a svanire nellarco di un mese. Il suo flash, però, non era del tutto accurato. Larsen ricordava chiaramente che sua moglie era con lui quando apprese la notizia, ma quando confrontò questidea con il resoconto scritto, scoprì che era da solo! […..] Lo psicologo disse che vedeva ancora la scena di lui e sua moglie che apprendevano la notizia insieme. Schacter Alla ricerca della memoria

29 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Misinformation effect (effetto dellinformazione sbagliata) Soggetti che hanno assistito ad un evento ed hanno poi ricevuto dettagli erronei o falsi sviluppano ricordi distorti. In un esperimento i partecipanti hanno assistito ad un incidente automobilistico simulato, avvenuto ad un incrocio con un segnale di stop; ad alcuni dei partecipanti venne poi detto che era il segnale di dare la precedenza; in seguito questi dichiararono di essere certi di aver assistito ad un incidente avvenuto ad un incrocio nel quale si doveva dare precedenza; al contrario, il resto del gruppo aveva un ricordo molto più esatto di quanto visto.

30 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Una memoria così imperfetta non riguarda solo volti o oggetti visti di sfuggita ma anche oggetti o avvenimenti osservati frequentemente!!!!!

31 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Una memoria così imperfetta non riguarda solo volti o oggetti visti di sfuggita ma anche oggetti o avvenimenti osservati frequentemente!!!!!

32 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Una memoria così imperfetta non riguarda solo volti o oggetti visti di sfuggita ma anche oggetti o avvenimenti osservati frequentemente!!!!!

33 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Una memoria così imperfetta non riguarda solo volti o oggetti visti di sfuggita ma anche oggetti o avvenimenti osservati frequentemente!!!!!

34 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Una memoria così imperfetta non riguarda solo volti o oggetti visti di sfuggita ma anche oggetti o avvenimenti osservati frequentemente!!!!!

35 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Una memoria così imperfetta non riguarda solo volti o oggetti visti di sfuggita ma anche oggetti o avvenimenti osservati frequentemente!!!!!

36 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Una memoria così imperfetta non riguarda solo volti o oggetti visti di sfuggita ma anche oggetti o avvenimenti osservati frequentemente!!!!! Nickerson & Adams, 1979; Rubin & Kontis, 1983

37 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Riassumendo… Abbiamo scoperto di essere inaffidabili come testimoni e troppo creativi nel ricordare il nostro passato. Abbiamo scoperto che ricordi imperfetti si riferiscono anche a oggetti visti frequentemente. Possiamo almeno fidarci della nostra memoria quando dobbiamo ricordare semplici parole?

38 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Paradigma DRM (Deese-Roediger-McDermott) Adesso facciamo un piccolo esperimento in aula. Fase 1: Adesso leggerò alcune liste di parole. Il vostro compito è quello di prestare attenzione alle parole cercando di memorizzarle. Fase 2: Al termine della lettura di ciascuna lista di parole dovrete scrivere le parole che ricordate, cercando di essere il più accurati possibile. Per ogni lista di parole avrete 2 minuti di tempo.

39 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Paradigma DRM (Deese-Roediger-McDermott) Fase 3: Adesso vi presenterò unultima lista di parole. Per ognuna dovrete indicare se è una parola vecchia o nuova. Inoltre, per ognuna, fornite un giudizio del tipo Ricordo/Conosco Lista per il riconoscimento: Mela, porta, paura, veneziana, marito, ghiaccio, aria, finestra, cibo, stoffa, acqua, freddo, ditale, nuvole, tavola, burro, brina, tenda, ragazzo, liscio, filo, intelaiatura, gelato, ago, appuntito, casa, punta, scuro, bambola, caldo.

40 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Paradigma DRM (Deese-Roediger-McDermott) Fase 3: Adesso vi presenterò unultima lista di parole. Per ognuna dovrete indicare se è una parola vecchia o nuova. Inoltre, per ognuna, fornite un giudizio del tipo Ricordo/Conosco Lista per il riconoscimento: Mela, porta, paura, veneziana, marito, ghiaccio, aria, finestra, cibo, stoffa, acqua, freddo, ditale, nuvole, tavola, burro, brina, tenda, ragazzo, liscio, filo, intelaiatura, gelato, ago, appuntito, casa, punta, scuro, bambola, caldo.

41 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Paradigma DRM (Deese-Roediger-McDermott) Fase 3: Adesso vi presenterò unultima lista di parole. Per ognuna dovrete indicare se è una parola vecchia o nuova. Inoltre, per ognuna, fornite un giudizio del tipo Ricordo/Conosco Lista per il riconoscimento: Mela, porta, paura, veneziana, marito, ghiaccio, aria, finestra, cibo, stoffa, acqua, freddo, ditale, nuvole, tavola, burro, brina, tenda, ragazzo, liscio, filo, intelaiatura, gelato, ago, appuntito, casa, punta, scuro, bambola, caldo.

42 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Paradigma DRM (Deese-Roediger-McDermott) Fase 3: Adesso vi presenterò unultima lista di parole. Per ognuna dovrete indicare se è una parola vecchia o nuova. Inoltre, per ognuna, fornite un giudizio del tipo Ricordo/Conosco Lista per il riconoscimento: Mela, porta, paura, veneziana, marito, ghiaccio, aria, finestra, cibo, stoffa, acqua, freddo, ditale, nuvole, tavola, burro, brina, tenda, ragazzo, liscio, filo, intelaiatura, gelato, ago, appuntito, casa, punta, scuro, bambola, caldo.

43 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Rievocazione libera: 55% di falsi richiami delle parole critiche Riconoscimento: 81% di falsi riconoscimenti 72% di giudizi Ricordo. spillo taccochiccoago filo lanarasoioagospina rosabirraago

44 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Riassumendo… Abbiamo scoperto di essere inaffidabili come testimoni e troppo creativi nel ricordare il nostro passato. Abbiamo scoperto che ricordi imperfetti si riferiscono anche a oggetti usati frequentemente. Possiamo almeno fidarci della nostra memoria quando dobbiamo ricordare semplici parole? NO

45 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 La firma cerebrale delle memorie vere Consapevolmente non siamo in grado di discriminare una memoria vera da una falsa. Alcuni studi hanno trovato che i ricordi veri erano caratterizzati da un maggior numero di dettagli visivi e spaziali, rispetto ai ricordi falsi frutto di unattività mentale (es. Mather et al., 1997). Il nostro cervello porta traccia di questa differenza?

46 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Studio PET La PET rileva le variazioni nel metabolismo o flusso sanguigno cerebrale che si verificano quando stiamo svolgendo un compito cognitivo, permettendo così di identificare le regioni del cervello che si attivano maggiormente durante il compito. Schacter et al. (1996) Fase 1: 24 liste di 20 parole ciascuna presentata per via uditiva Fase 2: Compito di memoria di riconoscimento (PET)

47 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Pattern di attivazione Riconoscimenti corretti (parole vecchie riconosciute correttamente come vecchie) Falsi riconoscimenti (parole nuove riconosciute come vecchie) Corrette identificazioni delle parole nuove Condizione di controllo (visione passiva di una X posta sullo schermo)

48 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Risultati Sia i riconoscimenti corretti che quelli falsi erano associati a un aumento del flusso sanguigno cerebrale nelle strutture che presiedono alla formazione e al recupero delle memorie episodiche (ovvero, regioni prefrontali e lobo temporale mediale) Solo i riconoscimenti corretti erano associati allattivazione della regione temporo-parietale sinistra, area implicata nellelaborazione uditiva! Processo di riattivazione sensoriale (Nyberg et al., 2000). Firma cerebrale sensoriale delle memorie vere.

49 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Qualche suggerimento per un approfondimento: Pagina web di E. Loftus: Loftus, E. F., & Pickrell, J. E. (1995). The formulation of false memories. Psychiatric Annals, 25, 720–725. Braun, K. A., Ellis, R., & Loftus, E. F. (2002). Make my memory: How advertising can change our memories of the past. Psychology and Marketing, 19, Nyberg, L., Habib, R., McIntosh, A. R., & Tulving, E. (2000). Reactivation of encoding-related brain activity during memory retrieval. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America 97, Okado, Y., & Stark, C. E. L. (2003). Neural processing associated with true and false memory retrieval. Cognitive, Affective, & Behavioral Neuroscience, 3, 323–334. Altri riferimenti bibliografici inclusi nelle precedenti diapositive

50 Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Comunicazione Esercitazioni: ogni gruppo è invitato a segnalarmi largomento/articolo scelto per la discussione in aula al momento delliscrizione


Scaricare ppt "Zorzi-Girotto, Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, 2004 Sistemi di memoria 7 7 Memoria non dichiarativa (implicita) Memoria semantica Episodi."

Presentazioni simili


Annunci Google