La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Normeinrete & Co Kobaek Strand September 22 2004 Caterina Lupo

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Normeinrete & Co Kobaek Strand September 22 2004 Caterina Lupo"— Transcript della presentazione:

1 1 Normeinrete & Co Kobaek Strand September Caterina Lupo

2 2 Background Standards for legislation Running and new projects Conclusions Index

3 3 background Running projects, what we said in Malcolin

4 4 NormeinRete MinistriesRegions European Union Authorities Courts Present scenario Official Journal Publisher Publishers Cassation Regional Laws Laws Circolars Norms Opinions Decrees EU Provisions Judgments

5 5 Cooperative layer central registries names registry NIR-nodes directory norms catalogue DTD repositor y administration i domain norms NIR-node administration j domain norms NIR-node NIR gateway NIR gateway Access layer Cooperative architecture

6 6 Italian standards for legislative digital documents Uniform Resource Name (URN) definition (based on IETF) to: –identify each document regardless of its physical address (URL) –allow automatic hyperlink through a resolution system (as DNS) Document Type Definition (DTD) for Italian legislative and regulatory acts (based on W3C) to represent documents structure, semantics and metadata Defined within working groups (with contributions from Parliament, Ministries, Research institutes and CNIPA) Issued by CNIPA (IT Centre for Public Administration) as technical norms

7 7 Normeinrete standard: Uniform Resource Name (URN) urn:nir:stato:testo.unico;appalti.pubblici: ;358 urn:nir:regione.umbria;giunta:delibera: ;14:allegato.a;confini.parco urn:nir:stato:decreto.legislativo;appalti.pubblici: ;358 AuthorityTypeTermsAnnexNID Rules to build legislative unambiguous documents identifiers –properties: location independent, persistent and explicative

8 8 Hypertext creation mechanism 1. L'attività dei certificatori stabiliti in Italia o in un altro Stato membro dell'Unione europea è libera e non necessita di autorizzazione preventiva, ai sensi dell'articolo 3 del decreto legislativo 23 gennaio 2002, n. 10. Detti certificatori o, se persone giuridiche, i loro legali rappresentanti ed i soggetti preposti all'amministrazione, devono inoltre possedere i requisiti di onorabilità richiesti ai soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo presso le banche di cui all'articolo 26 del testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, approvato con decreto legislativo 1° settembre 1993, n urn:nir:stato:decreto.legislativo: ;10urn:nir:stato:decreto.legislativo: ; L'attività dei certificatori stabiliti in Italia o in un altro Stato membro dell'Unione europea è libera e non necessita di autorizzazione preventiva, ai sensi dell'articolo 3 del decreto legislativo 23 gennaio 2002, n. 10. Detti certificatori o, se persone giuridiche, i loro legali rappresentanti ed i soggetti preposti all'amministrazione, devono inoltre possedere i requisiti di onorabilità richiesti ai soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo presso le banche di cui all'articolo 26 del testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, approvato con decreto legislativo 1° settembre 1993, n Resolution module (Element of the cooperative infrastructure)

9 9 DTD Elements Structural elements –heading, preamble, sections, articles, paragraphs… Special elements –references to other laws, formatted text-embedded relevant entities Metadata –subject-matter classification, publication data, preparatory iter Semantic elements – obligation, prohibition, penalties, exceptions, modifications...

10 10 Publication 16 gennaio 2003 Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione Art. 3. Soppressione dell'Agenzia per il servizio civile. Modifica all'articolo 10 della legge n. 230 del I commi 7, 8 e 9 dell'articolo 10 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, sono abrogati. 2. L'articolo 10, comma 3, della legge 8 luglio 1998, n. 230, è sostituito dal seguente: « 3. La Consulta nazionale per il servizio civile è composta da dei volontari, delle regioni e delle amministrazioni pubbliche coinvolte….. » Applying different styles, the same file can be used in different environments Print Style WEB Style

11 11 Supporting consolidation Legge 16 gennaio 2003 n. 3 ……………………………………………………… L'articolo 10, comma 3, della legge 8 luglio 1998, n. 230, è sostituito dal seguente: « 3. La Consulta nazionale per il servizio civile è composta da non più di quindici membri, nominati con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri o del Ministro da lui delegato, scelti in maggioranza tra rappresentanti degli enti e delle organizzazioni, pubblici e privati, che impiegano obiettori di coscienza e volontari del servizio civile nazionale ovvero dei loro organismi rappresentativi, nonchè tra rappresentanti degli obiettori di coscienza e dei volontari, delle regioni e delle amministrazioni pubbliche coinvolte » urn : nir : stato : legge : ;230 Legge 8 luglio 1998, n. 230 …………………………… Art La Consulta e' formata da un rappresentante del Dipartimento della protezione civile, da un rappresentante del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, da quattro rappresentanti degli enti convenzionati operanti a livello nazionale, da due delegati di organismi rappresentativi di enti convenzionati distribuiti su base territoriale nazionale, da quattro delegati di organismi rappresentativi di obiettori operanti su base territoriale nazionale, nonche' da due rappresentanti scelti nelle Amministrazioni dello Stato coinvolte. 3. La Consulta nazionale per il servizio civile è composta da non più di quindici membri, nominati con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri o del Ministro da lui delegato, scelti in maggioranza tra rappresentanti degli enti e delle organizzazioni, pubblici e privati, che impiegano obiettori di coscienza e volontari del servizio civile nazionale ovvero dei loro organismi rappresentativi, nonchè tra rappresentanti degli obiettori di coscienza e dei volontari, delle regioni e delle amministrazioni pubbliche coinvolte.

12 12 Editing tools Specialized features for: Drafting Rules Numbering Mark up Consolidation ………. Soon available as opensource

13 13 Court of Cassation Completeness (since 1900) Legacy system Difficult to use Accessible on charge new system CNIPA Standards compliance Free access to basic records –added value info still charged

14 14 IT for legislation: new program What we are about to do

15 15 Running projects: overall view NormeinRete Court of Cassation ex 107 M 4 12,5 4 Own project NormeinRete for Regions new systemlegacy system 1970

16 16 The ex art. 107 program Set up by art. 107 law 388/2000 (financial act 2001) Objectives: –Allow free access to legislation in force through the internet –Support for mark-up, classification, consolidation and codification –Legislative workflow automation

17 17 Roles and responsibilities Strategic addressing : Secretaries-general of Senate, Chamber and Prime Minister office CNIPA standards workflow norms classification coordinate project activities Court of Cassation data quality improvement, extended mark up, since 1861 Generation of in force norms

18 18 Network Editor Digital Signature Automating workflow Drafting Offices Prime Minister Chamber President of Republic Senate Ministry of justice Network Editor Digital Signature Network Editor Digital Signature Network Editor Digital Signature

19 19 Standards Starting point: NormeinRete standards Modify the standards to fit the project requirements –support drafting activities –manage amendments –manage law life-cycle from the very first stage to the official journal publication –documents preservation Extension of NormeinRete working group Support –software certification (with respect to the standards) –documentation and training

20 20 Classification: test and evaluation Working group Tests done in conjunction with a research centre (to be chosen) Comparing software products –commercial tools (customisation) –research projects Data set provided by Italian Parliament and Cassation Court

21 21 CNIPA projects Project starting date: 1/10/2004 Milestones: Founds allocated: 2.6 million Workflow prototype testing: March 2005 Project start: October 2004 Workflow system deployment: January 2006 Norms classification system: June 2006

22 22 NormeinRete (or new institutional portal) CassationMinistriesRegions Legislative OfficesMinister of Justice Principal state lgislation European Union public records for the reuse Prime Minister Chamber President of Republic Senate Authorities Courts Circolars and decrees Regional laws EU provisions Opinions and judgments publishers Future scenario OJ

23 23 Conclusion Decentralization –legislation: multiple sources at different levels –distributed technologies Standardization is a key-factor –interoperability, automation –need for extension (refining time management, metadata) Legislative workflow automation Automatic support to classification Need to explore –support to normative reorder


Scaricare ppt "1 Normeinrete & Co Kobaek Strand September 22 2004 Caterina Lupo"

Presentazioni simili


Annunci Google