La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il processo di unificazione italiana Il Risorgimento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il processo di unificazione italiana Il Risorgimento."— Transcript della presentazione:

1 Il processo di unificazione italiana Il Risorgimento

2 Il termine si riferisce al periodo storico in cui si realizza lunità dello Stato nazionale e rappresenta quindi un momento di risveglio del popolo italiano. Il Risorgimento italiano si delinea a partire dal Congresso di Vienna, quando si diffonde lidea di patria (popolazioni accomunate da storia, tradizioni, cultura comuni)

3 Risorgimento/2 Il regno dItalia viene proclamato il 17 marzo 1861 Lunità territoriale però non è ancora completata: mancano Lazio e area veneta, annessi successivamente 1866: annessione del Veneto 1870: annessione del Lazio 1918: annessione Trentino e Friuli

4 Risorgimento: periodizzazione Il dibattito sulla durata del periodo detto Risorgimento e sulle sue caratteristiche è ancora aperto. Noi possiamo riassumere tre punti di vista: 1. Chi considera il periodo dalla Restaurazione (1815) alla proclamazione del Regno dItalia (1861). 2. Chi preferisce riferirsi agli eventi che hanno portato allannessione di Roma. Si considera allora Risorgimento il periodo che arriva al 1870 (presa di Roma). 3. Chi lo fa terminare alla fine della I Guerra Mondiale con la conquista delle terre irredente (Trento e Trieste con le rispettive regioni)

5 Divisione politica e arretratezza economica libro da pag.294 Nei primi decenni dellOttocento alcuni esponenti della borghesia italiana si convincono che tra il ritardo economico e la situazione politica vi sia un collegamento. La divisione in piccoli Stati, la presenza di regni privi di libertà, la dipendenza di parti del territorio dallAustria sono visti come ostacoli allo sviluppo delleconomia.

6 Il Risorgimento: le idee Gli insuccessi dei moti del 21 e del 31 indussero a tentare nuove strade

7 Ceti sociali e orientamenti politici

8 I liberali moderati Gioberti - Il Primato morale e civile degli Italiani. Proponeva una federazione di stati guidata dal papa. Teoria del Neoguelfismo Balbo - Le speranze d Italia. Lavversario era lAustria, ma bisognava convincerla a lasciare pacificamente il Lombardo Veneto per porlo sotto la guida sabauda

9 I democratici Cattaneo - Rifiuta lidea della centralità di casa Savoia. Propone un federalismo repubblicano (es. USA) Sia Cattaneo che Balbo e Gioberti proponevano però uno stato federale

10 I differenti federalismi GiobertiBalboCattaneo

11 Mazzini Mazzini - Propone una repubblica democratica che nasce da una rivolu - zione nazionale. Dio e popolo. La Giovine Italia. Fallimenti dei moti. I fratelli Bandiera (1844)

12 I moti mazziniani 1833 Genova. Mazzini viene condannato a morte 1834 Savoia. Condannato anche Garibaldi 1843 Romagna 1844 Calabria. Fratelli Bandiera fucilati

13 Il 48 in Italia Linizio della lotta

14 1848: anno di rivoluzioni Moti sociali: Francia (II repubblica) Moti costituzionali: Impero asburgico (16 marzo insurrezione di Vienna) Moti indipendentistici: Germania, Italia

15 Cosa favorì il 48 in Italia Elezione di Pio IX che si dimostrò un papa liberale Libertà di stampa anche in Piemonte, Toscana e Stato Pontificio Statuti, in partic.Statuto Albertino Statuti, in partic.Statuto Albertino Le rivoluzioni di Parigi e Vienna

16 Lo Statuto Albertino (primi articoli) Art La Religione Cattolica, Apostolica e Romana è la sola Religione dello Stato. Gli altri culti ora esistenti sono tollerati conformemente alle leggi. Art Lo Stato è retto da un Governo Monarchico Rappresentativo. Il Trono è ereditario secondo la legge salica. Art Il potere legislativo sarà collettivamente esercitato dal Re e da due Camere: il Senato, e quella dei Deputati. Art La persona del Re è sacra ed inviolabile. Art Al Re solo appartiene il potere esecutivo. Egli è il Capo Supremo dello Stato: comanda tutte le forze di terra e di mare; dichiara la guerra: fa i trattati di pace, d'alleanza, di commercio ed altri, dandone notizia alle Camere tosto che l'interesse e la sicurezza dello Stato il permettano, ed unendovi le comunicazioni opportune. I trattati che importassero un onere alle finanze, o variazione di territorio dello Stato, non avranno effetto se non dopo ottenuto l'assenso delle Camere. Art Il Re nomina tutte le cariche dello Stato; e fa i decreti e regolamenti necessarii per l'esecuzione delle leggi, senza sospenderne l'osservanza, o dispensarne. Art Il Re solo sanziona le leggi e le promulga. Art Il Re può far grazia e commutare le pene.

17 Senato: carica vitalizia di nomina regia Camera dei Deputati: carica elettiva a suffragio censitario ristretto.

18 Le tappe del 48 in Italia

19

20 La I guerra di Indipendenza 1/2 Il 23 marzo Carlo Alberto dichiara guerra allAustria Sconfitte austriache a Goito e poi a Curtatone e Montanara (studenti toscani) Carlo Alberto si annette il Lombardo Veneto e gli alleati lo abbandonano (primo Pio IX per motivazioni religiose) Sconfitta piemontese di Custoza

21

22 1849: iniziativa democratica Fallimento moderato e iniziativa democratica Rivolta democratica a Roma e in Toscana e proclamazione della repubblica

23 La I guerra di Indipendenza 2/2 Dopo un anno di armistizio (a. di Salasco, firmato a Vigevano) la guerra riprende sotto la spinta democratica Sconfitta definitiva di Novara il 24 marzo 49 Nuovo re Vittorio Emanuele II che mantiene lo Statuto Albertino, ma tutti i territori occupati tornano allAustria Repubbliche represse (Garibaldi in aiuto della R. romana, i Francesi – Luigi Bonaparte - in aiuto del Papa)

24 Bilanci della guerra Tutte le conquiste territoriali vennero annullate La repressione austriaca fu molto dura (soprattutto a Roma e a Venezia) Le divisioni in Italia apparvero chiare Ma fu anche la prima volta che un monarca si impegnava contro lAustria Si capì che era necessario laiuto di altre potenze straniere

25 Il pensiero di Cavour libro da pag.327 Solo il Piemonte poteva realizzare lindipendenza perché non era sottomesso allAustria E solo il Piemonte poteva essere un baluardo ai moti democratici Ma da solo non ce lavrebbe fatta Necessità di alleanze internazionali

26 La Guerra di Crimea Scoppiata fra Turchia e Russia nel 54 vide la partecipazione anche di Francia e Inghilterra (controllo economico dellarea mediterranea) Anche il Piemonte inviò un contingente di bersaglieri, Questo servì a Cavour per presentare alle potenze europee la questione dellIndipendenza dellItalia Napoleone III

27

28 La diplomazia cavouriana 1/2 Cavour iniziò da subito a trattare con Napoleone III (1851 colpo di stato in Francia che da repubblica diventa impero - II Impero) Ma un attentato del repubblicano Felice Orsini a Napoleone III stava facendo fallire le trattative

29 La diplomazia cavouriana 2/2 Orsini venne condannato a morte Cavour riuscì a girare a suo vantaggio la situazione Disse che questo attentato dimostrava come lItalia fosse a rischio di rivolte democratiche e solo un intervento francese accanto al Piemonte avrebbe scongiurato il pericolo

30 Trattati di Plombières Si giunse a questo accordo segreto nel 1858: 1. La Francia avrebbe aiutato il Piemonte se fosse stato attaccato dallAustria 2. In cambio la Francia avrebbe avuto Nizza e Savoia 3. LItalia, una volta indipendente, sarebbe stata divisa in 4 parti per non renderla troppo forte

31 LItalia di Plombiéres

32 La II guerra di Indipendenza Il problema era convincere lAustria ad attaccare il Piemonte Troppo semplice per Cavour che ordinò delle esercitazioni militari proprio sul confine del Ticino Il 23 aprile del 1859 lAustria, innervosita, inviò un ultimatum al Piemonte che rispose sdegnato Una settimana dopo lAustria invadeva il Piemonte e la Francia entrava in guerra

33 Le battaglie Prima vittoria piemontese a Magenta Altra vittoria a Solferino E infine lultima battaglia a San Martino

34 Battaglia di Magenta

35 San Martino e Solferino

36 La nascita della Croce rossa La battaglia di Solferino e San Martino del 24 giugno 1859 rappresentò uno dei più cruenti eventi bellici di tutto l'Ottocento (arrivando addirittura a superare la battaglia di Waterloo). Ad osservare la battaglia e i suoi esiti vi era, tra gli altri, un filantropo svizzero, Henry Dunant.

37 Da Castiglione delle Stiviere, dove oggi sorge un Museo internazionale della Croce rossa, Dunant osserva colpito il grande numero di morti e feriti provocati dalla battaglia che sta infuriando a pochi chilometri. Insieme a don Lorenzo Barzizza organizza allora un ospedale da campo che potesse offrire ricovero e prime cure ai feriti. Quest'ospedale aveva però una particolarità: vi potevano accedere feriti provenienti da ambo gli schieramenti, a prescindere dalla nazionalità. Qualche anno dopo, nel 1862, Dunant pubblica Un souvenir de Solferino. L'impressione determinata dalla cruda cronaca degli avvenimenti rappresenta il punto d'avvio di una concatenazione di eventi il cui esito finale sarebbe stato rappresentato dalla nascita della Croce rossa internazionale.

38 Fine della guerra Questultima battaglia fu molto sanguinosa e in Francia cominciarono a sorgere proteste Senza avvisare il Piemonte, Napoleone III firmò un armistizio con lAustria (Villafranca – 11 luglio 1859) La Lombardia passava al Piemonte (tramite la Francia), ma il Veneto rimaneva allAustria Vittorio Emanuele accettò a malincuore, Cavour invece si dimise

39 Le trattative con la Francia Alla F. non andarono Nizza e Savoia, ma Vittorio Emanuele accettò il passaggio, in cambio delle annessioni al Piemonte della Toscana e dellEmilia Vennero fati dei plebisciti (+ del 90% di sì) LItalia stava nascendo: il 12 marzo del 1860 il primo nucleo era formato da Piemonte, Liguria, Sardegna, Valle dAosta, Toscana, Emilia e Romagna

40 LItalia nel marzo 1860 Nellaprile del 1860 si riunì il nuovo parlamento allargato alle nuove regioni Emerse forte la volontà di continuare lopera di unificazione Mancava ancora tutto il centro - Sud dItalia Ma ora cera bisogno di un intervento democratico…

41 Limpresa dei 1000 Vecchia idea di Garibaldi: annettere il sud partendo dalla Sicilia Lorganizzazione della spedizione fu in parte in Sicilia (Crispi) e in parte in Piemonte (aiuti non ufficiali del re) Partenza da Genova il 5 maggio 1860

42 Chi erano i 1089? Tutti volontari, in prevalenza borghesi, per la metà circa lombardi, una sola donna 150 avvocati, 100 medici, 60 proprietari terrieri, poi docenti, artigiani, commercianti, pochi operai, nessun contadino Per metà circa erano professionisti o intellettuali con esperienze belliche con Garibaldi Quasi tutti erano di sinistra, repubblicani democratici Cera qualche ufficiale inglese e ungherese

43 La partenza da Quarto

44 Le imprese militari

45 La spedizione in Sicilia

46 La conquista del centro Italia Mentre Garibaldi conquistava il Sud, Cavour organizzava la spedizione in centro Italia, rassicurando gli alleati stranieri che limpresa serviva per evitare risoluzioni democratiche Sconfitte le truppe del papa a Castelfidardo, Marche e Umbria vennero annesse e, dopo Teano, anche il Sud

47 Proclamazione del regno dItalia Il nuovo parlamento si riunì la prima volta il 17 marzo 1861 e proclamò la nascita del Regno dItalia con capitale Torino Vittorio Emanuele II fu re dItalia 3 mesi dopo moriva Cavour

48 Ecco lItalia nel 1861 quando viene proclamato il Regno Mancano Roma e il Triveneto Si parlerà infatti da questo momento diQuestione romana e di Questione veneta I confini del Regno

49 I problemi dellItalia Unita Il nuovo stato era centralizzato (no federalismo) e piemontizzato Dovette affrontare problemi: Amministrativi (norme, prefetti, province…) Economici (debito pubblico, tasse,…) Sociali (Questione meridionale, brigantaggio…) Territoriali (Questione romana e veneta)

50 La questione veneta libro pag.423 Nel 1866 scoppia una guerra tra la Prussia di Bismarck (interessata allegemonia sugli stati tedeschi nellorbita austriaca) e lAustria. LItalia si allea con i prussiani (III guerra di indipendenza) e nonostante le clamorose sconfitte nelle battaglie di Custoza e di Lissa (al largo della Dalmazia) ottiene il Veneto.

51 La questione romana libro pag.425 Tentativi garibaldini falliti negli anni 60; la Francia protegge lo Stato pontificio 1864:Italia Francia firmano la Convenzione di Settembre – Firenze nuova capitale, mentre i Francesi lasceranno Roma

52 La questione romana/2 Nel 1870 la politica espansionista di Bismarck si scontra con la Francia di Napoleone III. La guerra franco-prussiana, che si conclude con una schiacciante vittoria dei tedeschi, ha come conseguenza il richiamo in patria delle truppe francesi schierate a difesa di Roma.

53 Il 20 settembre 1870 un reparto di fanteria e uno di bersaglieri piemontesi aprono una breccia nelle mura della città presso Porta Pia. Roma è conquistata. Il plebiscito che segue nel Lazio e nella città ha un esito schiacciante a favore dellannessione al Regno. Il 23 novembre Roma è nominata capitale e dal luglio 1871 il Governo e il Parlamento spostano effettivamente la loro sede nella nuova capitale.

54 La legge delle guarentigie Per regolare i rapporti tra Stato e Chiesa Al papa il possesso dei palazzi Vaticano, Laterano e Castel Gandolfo più una rendita annua Deciso rifiuto di Pio IX che si ritiene prigioniero in Vaticano e scomunica i Savoia

55 Il Non Expedit 1874: Non Expedit Documento papale che vieta ai cattolici di prendere parte alle elezioni politiche Il papa non vuole riconoscere lesistenza dello Stato Italiano Soluzione ufficiale del problema dei rapporti fra Stato e Chiesa solo nel 1929 con i Patti Lateranensi

56 Fine argomento


Scaricare ppt "Il processo di unificazione italiana Il Risorgimento."

Presentazioni simili


Annunci Google