La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Stefania De Marco II SANU 11/05/2010

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Stefania De Marco II SANU 11/05/2010"— Transcript della presentazione:

1 Stefania De Marco II SANU 11/05/2010
METODOLOGIE DIDATTICHE E COMUNICATIVE PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA SCIENTIFICA Stefania De Marco II SANU 11/05/2010

2 Musica e cibo

3 MUSICA ITALIANA

4 ANNI ‘60

5 1964 Viva La Pappa Col Pomodoro, Rita Pavone (album: Il Gian Burrasca)
Viva la pa-pa-pappa Col po-po-po-po-po-po-pomodoro Ah viva la pa-pa-pappa Che è un capo-po-po-po-polavoro Viva la pa-pappa pa-ppa Col po-po-pomodor La storia del passato Ormai ce l´ha insegnato Che un popolo affamato Fa la rivoluzion Ragion per cui affamati Abbiamo combatutto Perciò "buon appetito" Facciamo colazion Viva la pa-pa-pappa Col po-po-po-po-po-po-pomodoro Ah viva la pa-pa-pappa Che è un capo-po-po-po-polavoro Viva la pa-pappa pa-ppa Col po-po-pomodor La pancia che borbotta È causa del complottto È causa della lotta: "abbasso il Direttor!" La zuppa ormai l´è cotta E noi cantiamo tutti Vogliamo detto fatto La pappa al pomodor! Viva la pa-pa-pappa Col po-po-po-po-po-po-pomodoro Ah viva la pa-pa-pappa Che è un capo-po-po-po-polavoro Viva la pa-pappa pa-ppa Col po-po-pomodor Viva la pa-pappa pa-ppa Col po-po-pomodor!

6 Pappa al pomodoro La pappa al pomodoro è un primo piatto "povero" della cucina toscana. L'origine contadina di questo gustosissimo primo piatto è testimoniata dai suoi ingredienti: pane casalingo toscano (non salato) raffermo, pomodori, spicchi d'aglio. basilico, brodo, olio di oliva extravergine toscano, sale e pepe. Citazioni È simpatico ricordare che la pappa col pomodoro fu conosciuta fuori dalla Toscana per la prima volta per il fatto di essere al centro di una delle più celebri pagine de "Il giornalino di Gian Burrasca" dello scrittore fiorentino Vamba. Inoltre negli anni '60 del XX secolo, in occasione della trasposizione televisiva di questo libro, la pappa col pomodoro fu cantata in una celebre canzonetta di Rita Pavone ("Viva la pappa col pomodoro") facente parte della colonna sonora dello sceneggiato e musicata da Nino Rota. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

7 1968 "UN PO' DI VINO" ADRIANO CELENTANO  Anche Celentano si è cimentato con storie di vino, con la sua ironia sorniona e burlesca. La filastrocca a rime alternate dipinge comunque un esilarante quadretto di provincia dove donne e vino si fondono in perfetta simbiosi, e là dove mancano le prime, il secondo accorre a porre rimedio e dare conforto! “Potremo andare questa sera” disse un giorno il Viganò, “in quella casa di Voghera dove ballano il fox-trot. Io porto ventimila donne”, il Ragioniere disse “No!” “E allora porto la Francesca” e tutti dissero di sì! Ma io portai un po’ di vino, io che di donne non ne ho! E venne un altro col berretto che nessuno ha visto mai, disse “Porto una friulana che ho incontrato nelle Hawaii.” A questo punto lo Spaccone che era stato zitto un po’ disse “Allora scommettiamo che vi porto la Bardot!” In quella casa di Voghera dove ballano il fox-trot nessuno venne quella sera, forse si dimenticò! La luna disse “E’ il primo aprile, che cosa fai seduto lì? Tu vivi sempre di illusioni, il primo aprile è questo qui!” Ma io, insieme col mio vino, io sognai l’amore che non ho!

8 ALCUNE VALENZE DEL CIBO NELLA MUSICA: Vino … per dimenticar!
Da Gaber a Vasco Rossi, dagli anni ‘60 agli anni ‘80…il vino è l’unico complice per poter “dimenticar vecchi tristi amor” e giornate di nostalgia, o “stratracannare e stramaledire le donne, il tempo ed il governo”…

9 1969 "BARBERA E CHAMPAGNE" GIORGIO GABER Giorgio Gaber scrisse questa canzone, divertente ma allo stesso tempo profonda (com’era sua prerogativa anche nelle canzoni cosiddette “leggere”) nel 1969 per l’album omonimo Triste col suo bicchiere di Barbera senza l’amore al tavolo di un bar, il suo vicino è in abito da sera, triste col suo bicchiere di Champagne. Sono passate già quasi tre ore “Venga, che uniamo i tavoli, signor, voglio cantare e dimenticare coi nostri vini il nostro triste amor!” Barbera e Champagne stasera beviam, per colpa del mio amor, parappapà per colpa del tuo amor, parappapà. Ai nostri dolor insieme brindiam, col tuo bicchiere di Barbera col mio bicchiere di Champagne! Com’eran tristi e soli quella sera senza le donne a un tavolo di un bar. Longo, Fanfani, Moro e giù Barbera! Gianni Rivera, Mao e giù Champagne! “Guardi, stia attento, lei mi sta offendendo! “Huelà, come ti scaldi, ma va là! Vieni balliamo insieme questo tango, balliamo insieme per dimenticar!” Colpa di quel barista che è un cretino c’hanno cacciato fuori anche dal bar! “Guarda, non lo sapevo, è già mattino, si è fatto tardi ormai, bisogna andar.” “Giusto, però vorrei vederla ancora, io sono direttore all’Onestà,” “Molto piacere, vede, io per ora… sono disoccupato ma chissà...”

10 1970 Il pescatore Fabrizio De Andrè
All'ombra dell'ultimo sole s'era assopito un pescatore e aveva un solco lungo il viso come una specie di sorriso. Venne alla spiaggia un assassino due occhi grandi da bambino due occhi enormi di paura eran gli specchi di un'avventura. E chiese al vecchio dammi il pane ho poco tempo e troppa fame e chiese al vecchio dammi il vino ho sete e sono un assassino. Gli occhi dischiuse il vecchio al giorno non si guardò neppure intorno ma versò il vino e spezzò il pane per chi diceva ho sete e ho fame. E fu il calore di un momento poi via di nuovo verso il vento davanti agli occhi ancora il sole dietro alle spalle un pescatore. Dietro alle spalle un pescatore e la memoria è già dolore è già il rimpianto di un aprile giocato all'ombra di un cortile. Vennero in sella due gendarmi vennero in sella con le armi chiesero al vecchio se lì vicino fosse passato un assassino. Ma all'ombra dell'ultimo sole s'era assopito il pescatore e aveva un solco lungo il viso come una specie di sorriso e aveva un solco lungo il viso come una specie di sorriso.

11 ANNI ‘80

12 1982 La città vecchia Fabrizio De André
Nei quartieri dove il sole del buon Dio non dà i suoi raggi ha già troppi impegni per scaldar la gente d'altri paraggi, una bimba canta la canzone antica della donnaccia quello che ancor non sai tu lo imparerai solo qui tra le mie braccia. E se alla sua età le difetterà la competenza presto affinerà le capacità con l'esperienza dove sono andati i tempi di una volta per Giunone quando ci voleva per fare il mestiere anche un po' di vocazione. Una gamba qua, una gamba là, gonfi di vino quattro pensionati mezzo avvelenati al tavolino li troverai là, col tempo che fa, estate e inverno a stratracannare a stramaledire le donne, il tempo ed il governo. Loro cercan là, la felicità dentro a un bicchiere per dimenticare d'esser stati presi per il sedere ci sarà allegria anche in agonia col vino forte porteran sul viso l'ombra di un sorriso tra le braccia della morte. Vecchio professore cosa vai cercando in quel portone forse quella che sola ti può dare una lezione quella che di giorno chiami con disprezzo pubblica moglie. Quella che di notte stabilisce il prezzo alle tue voglie. Tu la cercherai, tu la invocherai più di una notte ti alzerai disfatto rimandando tutto al ventisette quando incasserai dilapiderai mezza pensione diecimila lire per sentirti dire "micio bello e bamboccione". Se ti inoltrerai lungo le calate dei vecchi moli In quell'aria spessa carica di sale, gonfia di odori lì ci troverai i ladri gli assassini e il tipo strano quello che ha venduto per tremila lire sua madre a un nano. Se tu penserai, se giudicherai da buon borghese li condannerai a cinquemila anni più le spese ma se capirai, se li cercherai fino in fondo se non sono gigli son pur sempre figli vittime di questo mondo.

13 1993 STUPENDO Vasco Rossi, album: Gli spari sopra
È nei ritagli ormai del tempo che penso a quando tu eri qui era difficile ricordo bene ma era fantastico provarci insieme. Ed ora che non mi consolo guardando una fotografia mi rendo conto che il tempo vola e che la vita poi è una sola... E mi ricordo chi voleva al potere la fantasia... erano giorni di grandi sogni sai erano vere anche le utopie Ma non ricordo se chi c'era aveva queste queste facce qui non mi dire che è proprio così non mi dire che son quelli lì! E ora che del mio domani non ho più la nostalgia ci vuole sempre qualche cosa da bere ci vuole sempre vicino un bicchiere! Ed ora che oramai non tremo nemmeno per amore...sì!... ci vuole quello che io non ho ci vuole "pelo" sullo stomaco! Però ricordo chi voleva un mondo meglio di così! sì proprio tu che ti fai delle storie...(ma dai)... cosa vuoi TU più di così E cosa conta "chi perdeva" le regole sono così è la vita! ed è ora che CRESCI! devi prenderla così SI!!!! STUPENDO! MI VIENE IL VOMITO! è più forte di me NON lo so se sto qui o se ritorno se ritorno se ritorno tra poco, tra poco....tra poco Però ricordo chi voleva un mondo meglio di così! ancora tu che ci fai delle storie...(ma dai)... cosa vuoi TU più di così E cosa conta "chi perdeva" le regole sono così è la vita ed è ora che CRESCI! devi viverla così

14 ANNI ‘90

15 1990 Don Raffaè Fabrizio De Andrè, Le nuvole
Io mi chiamo Pasquale Cafiero e son brigadiere del carcere oinè io mi chiamo Cafiero Pasquale sto a Poggio Reale dal ’53 […] ma alla fine m’assetto papale mi sbottono e mi leggo ‘o giornale mi consiglio con don Raffae’ mi spiega che penso e bevimm’ò cafè A che bell’ò cafè pure in carcere ‘o sanno fa co’ à ricetta ch’à Ciccirinella compagno di cella ci ha dato mammà Prima pagina venti notizie ventuno ingiustizie e lo Stato che fa si costerna, s’indigna, s’impegna poi getta la spugna con gran dignità mi scervello e mi asciugo la fronte per fortuna c’è chi mi risponde a quell’uomo sceltissimo immenso io chiedo consenso a don Raffaè ….io già tengo le scarpe e ‘o gillè gradite ‘o Campari o volite ‘o cafè […] A che bell’ò cafè pure in carcere ‘o sanno fa co’ à ricetta ch’à Ciccirinella compagno di cella ci ha dato mammà Qui non c’è più decoro le carceri d’oro ma chi l’ha mi viste chissà chiste so’ fatiscienti pe’ chisto i fetienti se tengono l’immunità don Raffaè voi politicamente io ve lo giuro sarebbe ‘no santo ma ‘ca dinto voi state a pagà e fora chiss’atre se stanno a spassà A proposito tengo ‘no frate che da quindici anni sta disoccupato chill’ha fatto quaranta concorsi novanta domande e duecento ricorsi voi che date conforto e lavoro Eminenza vi bacio v’imploro chillo duorme co’ mamma e co’ me che crema d’Arabia ch’è chisto cafè

16 1990 Banane e lampone Gianni Morandi
L'orologio batte l'una tu sei fuori chissà dove giro nudo per la casa dimmi tu se questa è vita tu che esci con le amiche, dici io che resto qui a pensare, ore se poi è vero per davvero, o ti vedi con qualcuno! Guardo un pò televisione c'è del pollo dentro al frigo mangio e provo a immaginare le tue mosse le parole è che sono un pò geloso, scemo ma ti amo per davvero, davvero si va be' l'autonomia ma ricorda che sei mia. Banane, lampone, chi c'era con te Chi c'era stasera! Io sono il tuo amore, sei solo per me! Apro un libro d'avventure è una nuova distrazione poi vorrei telefonare mi vorrei un pò sfogare è che sono assai nervoso, nervoso son le due tu sei lontana, lontana quasi quasi, cado in piedi vado a casa di...Maria. Ho sentito l'ascensore gira chiave nel portone faccio finta di dormire e tu invece vuoi parlare sono stata a chiacchierare, ore ogni tanto sai ci vuole, ci vuole hanno tutte dei problemi per fortuna io ho te...amore!!!

17 1991 Lambrusco E Popcorn, Ligabue album: Lambrusco, Coltelli, Rose E Pop-corn
Vieni qua che ti faccio vedere dov'è il nostro pezzo di mondo. Portati dietro un sorriso e un sospiro: li userai. Vieni qua che potrai galleggiare a due dita soltanto dal fondo ma, se ti mancherà l'aria, ti affitto l'America. Lambrusco & pop corn non è così facile perchè prima e dopo il sogno c'è la vita da vivere, vivere. Lambrusco & pop corn e via sopravvivere andata e ritorno classe tre ma almeno è possibile Vieni qua: c'è un bicchiere di vigna e un vassoio di mais già scoppiato. Ballaci su questa terra: faremo un pò piovere. Vieni qua che c'è questo drive in che ha per schermo un gran cielo gonfiato. Macchina o no c'è un bel pezzo d'asfalto da correre. Lambrusco & pop corn non è così facile perchè prima e dopo il sogno c'è la vita da vivere, vivere. Lambrusco & pop corn e via sopravvivere andata e ritorno classe tre ma almeno è possibile -sibile che posto ce n'è, posto ce n'è, dico posto ce n'è, posto ce n'è, posto ce n'è, posto ce n'è tanto torni qua.[…]

18 1996 “La terra dei cachi” Elio e le storie tese, album: supersanremo1996
Parcheggi abusivi, applausi abusivi, villette abusive, abusi sessuali abusivi; tanta voglia di ricominciare abusiva. Viva il crogiuolo di pinze. Viva il crogiuolo di panze. Quanti problemi irrisolti ma un cuore grande cosi'. Italia si' Italia no Italia gnamme, se famo du spaghi. Italia sob Italia prot, la terra dei cachi. Una pizza in compagnia, una pizza da solo; un totale di due pizze e l'Italia e' questa qua. Appalti truccati, trapianti truccati, motorini truccati che scippano donne truccate; il visagista delle dive e' truccatissimo. Papaveri e papi, la donna cannolo, una lacrima sul visto: Italia si' Italia no Italia bum, la strage impunita. Puoi dir di si' puoi dir di no, ma questa e' la vita. Prepariamoci un caffe' , non rechiamoci al caffe' : c'e' un commando che ci aspetta per assassinarci un po'. Commando si' commando no, commando omicida. Commando pam commando papapapapam, ma se c'e' la partita il commando non ci sta e allo stadio se ne va, sventolando il bandierone non piu' sangue scorrera' ; infetto si' ? Infetto no? Quintali di plasma. Primario si' primario dai , primario fantasma , io fantasma non saro' e al tuo plasma dico no. Se dimentichi le pinze fischiettando ti diro' "fi fi fi fi fi fi fi fi ti devo una pinza, fi fi fi fi fi fi fi fi, ce l ' ho nella panza". Fufafifi' fufafifi' Italia evviva. Italia perfetta, perepepe' nanananai. Una pizza in compagnia, una pizza da solo: in totale molto pizzo, ma l ' Italia non ci sta. Italia si' Italia no, Italia si' ue' , Italia no ,ue' ue' ue' ue' ue'. Perche' la terra dei cachi e' la terra dei cachi. No.

19 1997 “AL VEGLIONE” VINICIO CAPOSSELA
Da Ciccillo ristorante dieci portate nel prezzo di una alla sera del trentuno grande festa del veglione stelle filanti nel salone tavolo solo su ordinazione orchestra, pezzi a richiesta repertorio della festa vammi a prendere al tabbacchino due nazionali esportazione se vuoi andare fai attenzione alle raccomandazioni azzuppa azzuppa zuccherino appozzati di vino Pachino ti presento a mio cugino appena tornato da Canadà tiene una macchina truccata parcheggiata fuori in strada più tardi ne piazzale mi farà provare un giro a me […] questa è la volta che posso restare tutta la notte alzato a guardare come fosse capodanno il veglione che passione e come si muove muove e come si balla balla, ogni passo manda un bacio già le piacio, già le piacio si chiama Angela sta a Torino piace pure a mio cugino occhi neri di bambina com'è carina, come cammina tra le dita sue affilate vedo già le mie nottate quand'è che sarò più grande cosa le combinerò E quanto è bello e quant'è bè stare qui vicino a te come fosse per sempre festa ti voglio bene stiamo insieme fino al veglione della pensione […] che bella serata ch'è stata che bella serata passata attenzione battaglione l'ultimo ballo del mattone allacciatevi nel lento cade un festone sul pavimento guidate con prudenza guidate con prudenza guidate con prudenza e buonanotte.

20 MUSICA STRANIERA

21 1968 "BLOOD RED WINE" ROLLING STONES
Mmm...dear, I love you dearly, but don't forget trouble I, used to find, and it was, in your mind...yeah I got red blood, and I got blood red wine Which I bring you, when the snow is heavy on the ground If you say where go I'll just, wrap my cloak around You say that every man you ever had Has been obsessed with you and I, wanna prove an exception To the role, that you lay down Babe, please don't make me cry, 'cause there's a little pain inside..iide Yes my darling now you can't expect me always to hide I got red blood, and I got, blood red wine Which I bring you when the snow lies heavy on the ground If you say we'll go Why-ow... let me, let me, wrap my coat around Yeah, that's right You see that every time well the lines must rhyme And every verse, be in the same old time Does it all, have to rhyme? But there go, and that's a place that you will never... You said to remind of the girl I used to know, and used to love, yeah I got red blood, and I got blood red wine Which I bring you, when the snow lies heavy on the ground If, you get cold I, oh wrap my, coat, coat around My, my, my, my don't you stay, on that, that snowy ground..

22 1967 “Wild Honey" The Beach Boys Album: Wild Honey
Sweet sweet wild honey bee Eat up eat up eat up honey Mama I'm tellin' you as sure as I'm standing here She's my girl and that's the way I'm keeping it now mama dear No good will it do you to stand there and frown at me The girl's got my heart and my love's coming down on me My love's coming down since I got a taste of wild honey You know she's got the sweetness of a honey bee Wild honey She got it on and stung me good yes sirree With all the other stud bees buzzing all around her hive She singled me out single handed took me alive Well can you can you gonna take my life eating up her wild honey Oh mama she's sweeter Gettin' sweeter Sweeter sweeter Sweet Wild honey Let me tell you how she really got to my soul It ain't funny The way she make wanna sing a little rock 'n' roll There's nothing quite nice as a kiss of wild honey I break my back workin' just to save me some money So I can spend my life with her Sock it to me wild honey Wild honey she's mine Wild honey she's mine

23 1950"Milkcow Blues“ Elvis Presley
Well, I woke up this morning, And I looked out the door. I can tell that old milk cow By the way she lowed. Hold it fellows, that don't move me. Let's get real, real gone for a change. Well, I woke up this morning And I looked out the door I can tell that that old milk cow I can tell the way she lowed. Well, if you've seen my milk cow, Please ride her on home. I ain't had no milk or butter Since that cow's been gone. Well, I tried to treat you right, Day by day. Get out your little prayer book Get down on your knees and pray. For you're gonna need, You're gonna need your loving daddy's help someday. Well, then you're gonna be sorry For treating me this way. Well, believe me, don't that sun look good going down? Well, believe me, don't that sun look good going down? Well, don't that old moon look lonesome When your baby's not around. Well, I tried everything to get along with you. I'm gonna tell you what I'm going do. I'm gonna quit my crying, I'm gonna leave you alone. If you don't believe I'm leaving, you can count the days I'm gone. I'm gonna leave. You're gonna need your loving daddy's help someday. Well, you're gonna be sorry You treated me this way.

24 1969"Country Pie“ Bob Dylan, album:Nashville Skyline
Just like old Saxophone Joe When he’s got the hogshead up on his toe Oh me, oh my Love that country pie Listen to the fiddler play When he’s playin’ ’til the break of day Oh me, oh my Love that country pie Raspberry, strawberry, lemon and lime What do I care? Blueberry, apple, cherry, pumpkin and plum Call me for dinner, honey, I’ll be there Saddle me up my big white goose Tie me on ’er and turn her loose Oh me, oh my Love that country pie I don’t need much and that ain’t no lie Ain’t runnin’ any race Give to me my country pie I won’t throw it up in anybody’s face Shake me up that old peach tree Little Jack Horner’s got nothin’ on me Oh me, oh my Love that country pie ww.angolotesti.it

25 Un passo indietro… 1780 "VIVA IL VINO SPUMEGGIANTE" WOLFGANG AMADEUS MOZART (canone a 4 voci)  
I voce: Viva il vino spumeggiante nel bicchiere scintillante evviva il vin barolo chianti o grignolin evviva il vino generoso! II voce: Asciutto amabile pastoso cantiam bevendo viva, viva il vin. III voce: Bislaccate l'acqua, sciacqua l'intestin bell'ammirar sì in un laghetto alpin cantiam, godiam cantiamo viva IV voce: Il vin fa l'uomo affabile se pur, talor, instabile viva, viva, viva evviva il vin!

26 MUSICA POPOLARE

27 Lombardia L'Uva Fogarina
Diri rindindin Diri rindindin Diri rindindin, din, din, din, din Diri rindindin Diri rindindin Diri rindindin, din, din, din, din. E com'è bella l'uva fogarina e come è bella saperla vendemmiar a far l'amor con la mia ibella a far l'amore in mezzo al prà. Filar lan vel filar cusir non lo sa far il sol de la campagna il sol de la campagna Filar lan vel filar cusir non lo sa far il sol de la campagna la dis chel ghe fa mal? Teresina imbriaguna poca voia ed lavurar la se tota una vestaglia la ghà ancora de pagar. E com'è bella l'uva fogarina e come è bella saperla vendemmiar a far l'amor con la mia ibella a far l'amore in mezzo al prà. Cfr:

28 PUGLIA, Fruttu nou E' rrivatu lu fruttu nou, ed è lu cummarazzu, beddhra mia tamme te brazzu quannu mammata nu nc'è. Rit. Quannu mammata nun c'è lassa tuttu e chiama me ca te jutu llu caricare, allu scaricare quannu nc'è - E' rrivatu lu fruttu nou, ed è lu pummitoru, beddhra mia tamme te ndoru quannu mammata nu nc'è. - E' rrivatu lu fruttu nou, ed è lu pipirussu, beddhra mia tamme te lluzzu quannu mammata nu nc'è. - E' rrivatu lu fruttu nou, e gete la cirasa, beddhra mia ulia te vasa quannu mammata nu nc'è Cfr:

29 MIERU MIERU MIERU LA’ LA’
Mieru mieru mieru la là Senza lu mieru, senza lu mieru. Mieru mieru mieru la là Senza lu mieru no pozzu campà. Lu mejiu dottore è lu cantinieri Me llea de capu tutti i pinzieri Mieru pe' tie me vinnu la camisa, no' mme ne curu ca vau nudu a casa. Se la fatica se chiama cucuzza, Mamma ce puzza, mamma che puzza. Se la fatica se chiama cicora, picca me ‘ndora, picca me ‘ndora. Sai ce m'ha dittu na vecchia masciara, lu focu de la paja picca dura. Cu menzu quinto me sentu già mbrillu, cu menzu litru su nu cardillu. Se quanno moriu ieu vau ‘n Paradisu, Se non c’è mieru bonu non ci trasu. Quanti bicchieri de mieru me biu Tanti pinzieri de capu me lleu.

30 SITOGRAFIA http://www.vinilazio.org ( 11-05-2010)
( ) ( ) ( ) TUTTE LE IMMAGINI SONO STATE PRESE DA: TUTTI I TESTI SONO STATI TRATTI DA:


Scaricare ppt "Stefania De Marco II SANU 11/05/2010"

Presentazioni simili


Annunci Google