La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Rifiuti prodotti in Provincia di Lecco Dati Arpa (ANNO 2011) 157.823,02 Ton. COMUNI DELLA PROVINCIA N°90 Numero di Famiglie 142.808 Abitanti provincia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Rifiuti prodotti in Provincia di Lecco Dati Arpa (ANNO 2011) 157.823,02 Ton. COMUNI DELLA PROVINCIA N°90 Numero di Famiglie 142.808 Abitanti provincia."— Transcript della presentazione:

1 Rifiuti prodotti in Provincia di Lecco Dati Arpa (ANNO 2011) ,02 Ton. COMUNI DELLA PROVINCIA N°90 Numero di Famiglie Abitanti provincia di Lecco Produzione rifiuti urbani procapite Kg. 462

2 Tipologia rifiuti: Indifferenziati Ton Pro capite indifferenziatikg. 185 Media Raccolte differenziata Lecco 59,97 % Comuni con maggior R.D. Lierna76,70 % Dorio76,70 % Pescate75,60 %

3 Comuni con minor R.D. Morterone15,90% Introzzo25,20% Varenna30,70% Vestreno31,40% Tremenico31,90%

4 I Comuni e le Aziende che Gestiscono la Raccolta Totale frammentazione ; La Provincia non ha mai fatto politiche di omogeneizzazione del servizio e del gestore; Assenza di Gestore Pubblico dAmbito

5 Consorzi dei Comuni e costi della raccolta I COSTI DEL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE TOTALMENTE FRAMMENTATI DA MORTERONE A MOGGIO OLTRE AI 300 ABITANTE. A VERDERIO INFERIORE E PAGNONA SONO INFERIORI AI 60 ABITANTE

6 Costi dei comuni sino a abitanti o Prezzo medio = 119,79 Costi dei comuni con abitanti compresi fra e o Prezzo medio = 86,35 Costi dei comuni oltre i abitanti o Prezzo medio = 101,05 o LECCO = /ab. 132,70

7 i consorzi di smaltimento in Brianza Gestione degli smaltimenti SILEA Spa Valmadrera LC

8 Le attività dichiarate di Silea si articolano nei seguenti campi: Organizzazione dei servizi di raccolta differenziata dei rifiuti urbani; Attività di termovalorizzazione di rifiuti urbani e speciali con recupero energetico; Attività di selezione della frazione secca riciclabile; Attività di trattamento e trasformazione della frazione organica e degli scarti vegetali in compost; Sensibilizzazione ambientale nelle scuole dellInfanzia, primarie e secondarie del territorio; Campagne di comunicazione e di informazione rivolte ai Comuni soci e ai cittadini.

9 Tariffe SILEA Silea Applica una tariffa omnicomprensiva che include tutte le frazioni da lei gestite ad un costo medio di /tonn. 78 Con agevolazione per i comuni che per situazione logistica e di trasporto sono difficilmente raggiungibili Nellambito della raccolta e trasporto non ha effettuato sino ad ora gestione integrata con costi certi perché la gestione è sempre stata in mano ai singoli comuni

10 Inceneritori in Lombardia e rifiuti bruciati 2012 Impianto (tonnellate) Aprica – Bergamo Accam – Busto Arsizio (VA) ACSM – Como Silla 2 – Milano Aprica – Brescia Lomellina Energia - Parona (PV) BEA – Desio (MB) Core – Sesto S. G. (MI) Ecodeco – Corteolona (PV) Prima – Trezzo S/A (MI) REA – Dalmine (BG) AEM – Cremona SILEA – Valmadrera (LC) RIFIUTI INCENERITI anno 2012 – TOTALE

11 oltre il 38% dei materiali bruciati negli inceneritori lombardi infatti non sono rifiuti urbani residuanti da raccolte differenziata, ma 'altri' materiali, in parte derivanti da pretrattamenti dei rifiuti stessi avvenuti anche in altre regioni,in parte attinti dal mercato libero, perfino sovranazionale, entro cui si muovono gli scarti generati dai processi industriali (dati Legambiente) Facendo due conti: Il 38 % di è pari a tonnellate di rifiuto non urbano e di varia provenienza che viene incenerito nella regione. Tonnellate sono equivalenti a 15,27 volte il totale del rifiuto indifferenziato prodotto nella provincia di Lecco Lequivalente della produzione di rifiuto di abitanti con una r.d. del 60 % circa.

12 Facendo due conti: togliendo dalle tonnellate incenerite le tonnellate che arrivano da fuori regione o che non sono rifiuto urbano il fabbisogno di incenerimento è di tonnellate che è pari al rifiuto incenerito di 4 inceneritori: Silla 2 – Milano ton ,00 Aprica – Brescia ton ,00 AEM – Cremona ton ,00 Prima – Trezzo S/A (MI) ton ,00

13 Facendo due conti : Domattina si potrebbero spegnere in Lombardia Nove inceneritori ! Con 3 punti di r.d. in più gli inceneritori da spegnere diventano 10 Legambiente evidenzia che la chiusura di soli 4 inceneritori - scegliendo tra gli impianti con prestazioni più mediocri, a Busto Arsizio, Desio, Parona e Cremona - permetterebbe di abbattere le emissioni atmosferiche prodotte dal parco inceneritori lombardi del 49% per quanto riguarda le polveri e del 34% per gli ossidi di azoto. Per quanto riguarda la diossina, si arriverebbe al 51%.

14 COSA FARE SIA SUL PIANO ISTITUZIONALE SIA SUL PIANO DELLA GESTIONE TERRITORIALE DEL CICLO DEI RIFIUTI NELLA PROVINCIA DI LECCO? Convocazione della Conferenza dei Sindaci per costruire una ipotesi di gestore unitario interamente Pubblico in ottemperanza allesito referendario di giugno 2011 e la successiva sentenza della Corte Costituzionale n°199 del 20 luglio Superamento della frammentazione gestionale ora in essere – Trasparenza amministrativa - introduzione del controllo analogo- Partecipazione attiva dei Cittadini. Riconversione del forno inceneritore di Valmadrera e dotazione di inpiantistica per attuare la strategia Rifiuti Zero.

15 I punti salienti della Sentenza n°199 del 20 luglio 2012 Corte Costituzionale IL PRINCIPIO DEL RISPETTO DELLA VOLONTA POPOLARE COME EMERGE DALLA SENTENZA N. 199/2012 DELLA CORTE COSTITUZIONALE La volontà espressa dal popolo attraverso il referendum deve essere rispettata e il legislatore non può reintrodurre una norma abrogata dal referendum. Questo è il significato che più chiaramente emerge dalla lettura della Sentenza della Corte Costituzionale n. 199/2012del20 luglio che ha dichiarato lillegittimità costituzionale dellintera disciplina dei servizi pubblici locali introdotta dopo il referendum del 13 giugno Ripercorriamo brevemente i fatti. Il referendum del 13 giugno 2011 ha sancito labrogazione dellart. 23-bis del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, che dettava una normativa generale di settore, inerente i servizi pubblici locali, volta a restringere, rispetto al livello minimo stabilito dalle regole concorrenziali comunitarie, le gestione in house dei servizi pubblici locali di rilevanza economica, consentite solo in casi eccezionali e al ricorrere di specifiche condizioni. Leffetto abrogativo si è realizzato con decorrenza dal 21 luglio 2011, a seguito della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del D.P.R. n. 113/2011. A distanza di meno di un mese dalla pubblicazione del decreto dichiarativo dellavvenuta abrogazione dellart. 23-bis, il Governo in carica, con lart. 4 del D.L. n. 138/2011, interveniva sulla materia dei servizi pubblici locali, con una norma che, secondo la Corte, non solo era contraddistinta dalla medesima ratio di quella abrogata, in quanto operava una drastica riduzione delle ipotesi di affidamenti in house, al di là di quanto prescritto dalla normativa comunitaria, ma era anche letteralmente riproduttiva, in buona parte, di svariate disposizioni dellabrogato art. 23-bis e di molte disposizioni del regolamento attuativo del medesimo art. 23-bis, contenuto nel D.P.R. n. 168/2010. Rileva la Corte che, nonostante il servizio idrico integrato fosse escluso dallambito di applicazione dellart. 4, la disciplina e la ratio ispiratrice coincideva con quella dellabrogato art. 23-bis del d.l. n. 112 del In sostanza cosa era avvenuto: con unoperazione da furbetti di paese, il Governo Berlusconi, giocando sul fatto che gran parte dellattenzione era stata riservata allacqua pubblica, aveva reintrodotto lart. 23-bis per gli altri servizi pubblici. La Corte Costituzionale ha smascherato questa operazione di basso profilo: la volontà popolare aveva sancito labrogazione dellart. 23-bis e tale volontà popolare, indirizzata verso il favore del pubblico nella gestione dei servizi locali, è da intendersi diretta a tutti i servizi pubblici, non solo per lidrico! Al di la delle questioni prettamente tecniche, ogni buon politico dovrebbe porsi questa domanda: il popolo referendario si è recato ai seggi solo per abrogare lart. 23-bis, oppure per far valere il principio secondo il quale i servizi pubblici devono rimanere totalmente pubblici e gli interessi privati non hanno diritto di accesso nella loro gestione?

16 liIL RUOLO DELLENTE PROVINCIA E DELLA CONFERENZA DEI SINDACI Il ruolo delle Amministrazioni Provinciali nellambito della pianificazione della gestione dei rifiuti e stato delineato in Lombardia dalla L.R. 21/93, per essere poi ridefinito dalla LR. 26/03 Disciplina dei servizi locali di interesse economico generale. Norme in materia di gestione dei rifiuti, di energia, di utilizzo del sottosuolo e di risorse idriche (norma modificata dalla L.R.18, 8 agosto 2006: Conferimento di funzioni agli enti locali in materia di servizi locali di interesse economico generale. Modifiche alla Legge Regionale 12 dicembre 2003, n.26 - BURL del 11 agosto 2006 n. 32, 1° suppl. ord.). Inoltre, alla Provincia spetta la competenza, direttamente attribuitale dal D.Lgs.152/06 e smi, art.197, c.1, lett d), - - di individuare le zone idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento dei rifiuti e le zone non idonee alla localizzazione di impianti di recupero e di smaltimento dei rifiuti sulla base delle previsioni del piano territoriale di coordinamento di cui all'articolo 20, comma 2, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, ove gia adottato, e delle previsioni di cui al D.Lgs.152/06 e smi, art.199, c.3, lett. g) ed l), nonche sentiti l'autorita. La Corte Costituzionale ha smascherato i furbetti deI vari governi ora tocca al popolo referendario smascherare i furbetti che difendono gli interessi o fanno parte essi stessi della Casta dei servizi locali. La volontà espressa dal popolo attraverso il referendum deve essere rispettata e i politicanti non possono far finta che il 12 e il 13 giugno non sia accaduto niente.

17 ATTUARE LA STRATEGIA RIFIUTI ZERO NEL TERRITORIO DI LECCO E CONVENIENTE: ECONOMICAMENTE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE- PER I CITTADINI-PER LAMBIENTE. GLI OSTACOLI TECNOLOGICI NON ESISTONO OCCORRRE LA VOLONTA POLITICA

18 RICICLARERECUPERARE RIPARARE RISPARMIARE E LA NUOVA FRONTIERA DELLA NOSTRA MISSIONE

19 VVALUTAZIONI FINALI: I DATI RIPORTATI SONO UFFICIALI MA SONO COMUNQUE PARZIALI POICHE SONO CARENTI DI DATI DETTAGLIATI E MANCANTI DEL NUMERO DI LAVORATORI ADDETTI AL SERVIZIO IGIENE AMBIENTALE. CERTI DI AVER FATTO COSA GRADITA RIMANIAMO FIDUCIOSI CHE TALI DATI VENGANO UTILIZZATI CORRETTAMENTE IN TUTTI GLI AMBITI ISTITUZIONALI E SOCIALI AL FINE DI TRASMETTERE I DOVUTI E NECESSARI SAPERI A TUTTI E REALIZZARE LA STRATEGIA RIFIUTI ZERO.


Scaricare ppt "Rifiuti prodotti in Provincia di Lecco Dati Arpa (ANNO 2011) 157.823,02 Ton. COMUNI DELLA PROVINCIA N°90 Numero di Famiglie 142.808 Abitanti provincia."

Presentazioni simili


Annunci Google